Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
30 Novembre 2022

La onlus Nastro Viola finanzia progetto Unimore/Policlinico sui tumori al pancreas

Un finanziamento della Associazione onlus Nastro Viola per la ricerca/cura sui tumori al pancreas accelera il “Progetto Stop” dei ricercatori/trici UniMoRe dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, che stanno sviluppando un approccio alternativo verso il trattamento del tumore al pancreas, la cui sperimentazione, ricevuta l’approvazione AIFA, potrebbe partire nella seconda metà del 2021. E giovedì 19 novembre torna l’iniziativa internazionale “Facciamo luce sul tumore al pancreas”

L’associazione nazionale per la ricerca/cura sui tumori del pancreas “Nastro Viola” ha deciso di devolvere una donazione del valore di 54.000,00 euro in favore del gruppo di ricerca, coordinato dal Prof. Massimo Dominici, Direttore della Struttura Complessa di Oncologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, e dalla ricercatrice universitaria UniMoRe, Dott.ssa Giulia Grisendi, a sostegno delle loro ricerche su questa patologia.

Nastro Viola, costituitasi nel 2015, per iniziativa di cinque persone che avevano perso un famigliare a pochi mesi dalla diagnosi a causa di un tumore al pancreas, si propone da alcuni anni di raccogliere fondi per la ricerca, creando borse di studio aventi come fine il combattere questo tumore infausto e devastante. E’ la prima volta che Nastro Viola finanzia un progetto di ricerca dell’Università di Modena e Reggio Emilia, finalizzato a combinare chemio e terapia genica, denominato “Progetto Stop”.

La decisione arriva a ridosso della Giornata mondiale per la lotta contro il tumore pancreatico, fisata per il 19 Novembre.

Il tumore del pancreas è una malattia molto aggressiva. In Italia ogni anno ci sono circa 14.000 pazienti che si ammalano di tumore del pancreas, ovvero circa il 4% delle diagnosi di nuovi tumori in Italia. Ad oggi i trattamenti farmacologici convenzionali non hanno purtroppo migliorato il quadro clinico di questi pazienti che è ancora caratterizzato da una aspettativa di vita inferiore ai 12 mesi ed una sopravvivenza del solo 8%.

La mancanza di una risposta terapeutica – spiega il Prof. Massimo Dominici di UniMoRe – è dovuta anche alle caratteristiche cliniche di questo tumore, tra cui una sintomatologia subdola nelle prime fasi dell’insorgenza, che comporta una diagnosi tardiva. Oltre a questo, il tumore del pancreas ha un tessuto malato ricco di elementi fibrotici che, creando una sorta di scudo, rende difficile la diffusione dei farmaci”.

Per questo motivo la ricerca oncologica si è concentrata in questi anni sulla identificazione di nuovi bersagli molecolari capaci di colpire non solo le cellule tumorali ma anche il tessuto fibroso circostante che sostiene e protegge il tumore. In questa ottica si sviluppa l’attività del gruppo di ricerca, coordinato dal Prof. Massimo Dominici e dalla Dr.ssa Giulia Grisendi, che con i loro team stanno sviluppando da oltre 10 anni un approccio di terapia genica verso il trattamento del tumore del pancreas. Proprio sulla base di questi incoraggianti risultati pre-clinici i gruppi di lavoro di Dominici e Grisendi stanno da un lato studiando le modalità per eliminare sia le cellule tumorali che il tessuto fibroso che le circonda, dall’altro attivando una sperimentazione sul primo gruppo di pazienti che – se consentita da AIFA – potrebbe partire già nella seconda metà del prossimo anno per pazienti con malattia localmente avanzata non operabile immediatamente, grazie alla ex-start up di UniMoRe “Rigenerand”.

Questo progetto si basa su solide collaborazioni scientifiche e cliniche come quella sviluppata con professionisti presenti nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena ed in UniMoRe del gruppo del Prof. Giorgio De Santis, Direttore della Struttura Complessa di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, con il Prof. Fabrizio Di Benedetto, Direttore Struttura Complessa di Chirurgia Oncologica Epato-Bilio-Pancreatica e Chirurgia dei Trapianti di Fegato, con il Dr. Gabriele Luppi ed il Dott. Andrea Spallanzani, della struttura di Oncologia DH, con il Prof. Antonino Maiorana ed il Dr. Luca Reggiani Bonetti, entrambi della Struttura Complessa di Anatomia Patologica e con i radiologi Dr. Cristian Caporali, Dr. Federico Casari e la Prof. Annarita Pecchi, coordinati dal Prof. Pietro Torricelli, Direttore della Struttura Complessa di Radiodiagnostica e del Dipartimento Integrato di Diagnostica per Immagine.

Il tumore del pancreas rappresenta ancora un grosso problema assistenziale per cui ben vengano ricerche volte a migliorare la prognosi di questi pazienti tanto più se coinvolgono tanti professionisti in rete della nostra Azienda” commenta il Dr. Giuseppe Longo, Direttore del Dipartimento Ospedaliero di Oncologia ed Ematologia.

In Italia ci sono circa 14000 casi all’anno di questo tumore con una incidenza in tendenziale incremento – commenta il Dr. Gabriele Luppi – ed a Modena i nuovi casi sono circa 160 ogni anno.  Ogni caso di nuova diagnosi di neoplasia del pancreas richiede un notevole impegno interdisciplinare nella fase di stadiazione e pianificazione terapeutica”.

Questa ricerca se di successo consentirà di incrementare le possibilità di una chirurgia per i pazienti affetti. “Questo si inserisce nelle nostre attività chirurgiche per il trattamento del tumore pancreatico – aggiunge il Prof. Fabrizio Di Benedetto – che risulta operabile solo in un 20% dei casi, pertanto la possibilità di studiare lo stroma del pancreas potrebbe consentirci di incrementare tale frazione con un potenziale beneficio per molti pazienti”.

Siamo grati all’Associazione Nastro Viola per la generosa donazione alle attività di ricerca di UniMoRe all’interno di un progetto che il nostro Dipartimento ha visto nascere e che ci vede in prima linea come chirurgia plastica e ricostruttiva” conclude il Prof. Giorgio De Santis, Direttore Dipartimento Universitario di Scienze Mediche e Chirurgiche, Materno Infantile e dell’Adulto di UniMoRe.

NASTRO VIOLA

L’associazione senza fini di lucro Nastro Viola (http://www.nastroviola.org) è stata costituita nel febbraio 2015 per volontà di cinque persone che hanno perso un famigliare a pochi mesi dalla diagnosi a causa di un tumore al pancreas. Il suo intento è quello fare sensibilizzazione sulla patologia ed informare anche sui sintomi, oltre che dare supporto pazienti e familiari che chiedono info sui centri d’eccellenza, nonché di raccogliere fondi per la ricerca, creando borse di studio aventi come fine il combattere questo tumore infausto e devastante, contribuendo a cambiare le statistiche affinché sempre meno persone debbano andare incontro a ciò che loro hanno vissuto. L’Associazione Nastro Viola ha sede operativa a Travagliato (BS) e sono presenti altre sedi anche in Piemonte, Emilia-Romagna (Corlo di Formigine), Toscana, Lazio.

Dal maggio 2016, l’Associazione Nastro Viola è entrata a far parte di due importanti organizzazioni internazionali: la World Pancreatic Cancer Coalition (http://www.worldpancreaticcancercoalition.org) e la Pancreatic Cancer Europe (http://www.pancreaticcancereurope.eu) e da 5 anni organizza l’iniziativa “ Facciamo luce sul tumore al Pancreas”, una giornata mondiale per sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso la richiesta rivolta alle istituzioni di illuminare monumenti, comuni, etc. di viola per attirare l’attenzione su questa patologia.

FACCIAMO LUCE SUL TUMORE AL PANCREAS

Anche quest’anno a novembre – il mese dedicato alla consapevolezza del tumore al pancreas – torna giovedì 19 la campagna che illumina di viola i simboli dei comuni italiani ma anche le istituzioni private e le abitazioni dei singoli cittadiniPromossa dall’associazione Nastro Viola Onlus con la collaborazione di Oltre la Ricerca ODV, Fondazione Nadia Valsecchi, Associazione My Everest ONLUS e Associazione Massimo Borrelli ONLUS, la campagna Facciamo luce sul tumore al pancreas nel 2019 è arrivata a illuminare di viola oltre 150 simboli delle città italiane come, solo per citarne alcuni, la Lanterna di Genova, la Reggia di Caserta, la Spire della Torre Unicredit di Milano, il Castello Aragonese di Taranto e il Palazzo del Podestà su Piazza Maggiore a Bologna.

L’iniziativa si ispira alla campagna di sensibilizzazione internazionale che nel corso degli anni ha portato la luce viola sulla Cascate del Niagara, sull’Opera House di Sidney, a Trafalgar Square a Londra e la Skyline di Chicago.

Per maggiori informazioni sull’Associazione Nastro Viola OnlusWeb www.nastroviola.org

Fb @associazionenastroviola

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
E adesso un libro, rubrica di libri. Sei titoli che dicono: "Leggimi!"
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della Tenerina
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchBaby gang a Finale Emilia: dopo gli arresti piano di reinserimento per i minori coinvolti
    • WatchIncidente stradale mortale a Finale Emilia, è morta Beatrice Boccasanta
    • WatchA Mirandola una benemerenza per monsignor Cavina

    La buona notizia

    Mangiare bene per fare del bene, ecco il calendario di Avis Modena
    La campagna di comunicazione 2023 è sul concetto di “buono”, accostando la bontà dei donatori a quella delle ricette modenesi in un progetto condiviso con il Consorzio Modena a Tavola.[...]
    Bomporto, anziani a lezione anti truffa dai carabinieri
    Non è buona cosa aprire agli sconosciuti e farli entrare in casa. E’ sempre bene diffidare degli estranei che vengono a trovarvi in orari inusuali[...]
    La miglior mucca del distretto del Parmigiano Reggiano? E' Hortensia, di San Felice
    Nata il 13 giugno 2018 dell’azienda Albe di Michele Bergamini di San Felice sul Panaro, si è aggiudicata anche il titolo di miglior mammella.[...]

    Curiosità

    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    L'auto era stata trasformata nella carrozzeria e negli accessori esterni per renderla del tutto somigliante a una Ferrari F430[...]
    Mondiali, foto con la bocca tappata per i giocatori tedeschi: "Diritti umani non negoziabili"
    Mondiali, foto con la bocca tappata per i giocatori tedeschi: "Diritti umani non negoziabili"
    Protesta dei giocatori della Germania contro la decisione della Fifa di vietare la fascia arcobaleno con la scritta 'One love'[...]
    Colpa degli altri e autopromozione, i risultati della ricerca sugli stili di guida degli automobilisti
    Colpa degli altri e autopromozione, i risultati della ricerca sugli stili di guida degli automobilisti
    Seconda edizione della ricerca sugli stili di guida, commissionata da Anas e condotta da CSA Research - Centro Statistica Aziendale[...]
    Mondiali Qatar 2022, Argentina eletta la Nazionale del cuore degli italiani
    Mondiali Qatar 2022, Argentina eletta la Nazionale del cuore degli italiani
    Superscommesse e Supernews hanno lanciato un sondaggio che ha permesso a migliaia di appassionati di votare per la propria Nazionale del cuore in questo Mondiale 2022.[...]
    Nonantola, l'Osteria di Rubbiara compie 160 anni
    Nonantola, l'Osteria di Rubbiara compie 160 anni
    La famiglia Pedroni dai sei generazioni gestisce lo storico locale nella campagna di Nonantola[...]
    Aemilia 240: concluse le riprese della docufiction sul maxi-processo per infiltrazione della 'ndrangheta
    Aemilia 240: concluse le riprese della docufiction sul maxi-processo per infiltrazione della 'ndrangheta
    La docufiction andrà in onda sulla Rai dopo il lavoro di montaggio e post-produzione.[...]
    • malaguti