Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

55 milioni di ore di cassa integrazione autorizzate in provincia di Modena da inizio 2020

Il 22 dicembre sono arrivati i dati sull’utilizzo degli ammortizzatori sociali a Modena e provincia nel periodo gennaio/novembre 2020. Dati che meritano un’attenta e ponderata lettura, soprattutto in funzione dei possibili scenari che ci attenderanno nel 2021.

Le ore autorizzate dall’Inps di Cigo, Cigs, Cigd nel periodo gennaio/novembre sono pari a 55 milioni. A questo numero andrebbero sommate tutte le ore autorizzate attraverso altri ammortizzatori sociali utilizzati dalle aziende che per contratto nazionale o per dimensione non possono accedere alla cassa integrazione (Fis, Tis, Fsba, Cisoa, ecc.). Per capire di quale entità stiamo parlando per la provincia di Modena “i soli” 55 milioni di ore di cassa integrazioni equivalgono a circa 30.000 lavoratori che in modo continuativo non sono rientrati al lavoro in questi 11 mesi per nemmeno 1 giorno. E’ come se nel 2020 fossero spariti 30 mila posti di lavoro in provincia di Modena.

A Modena la crescita del Pil per il 2021 è stimata intorno al 5,7%, ma a fronte di una contrazione del Pil nel 2020 pari a circa l’11%. Lo sbilanciamento è evidente e, siccome la matematica non è un opinione, se lasciamo che sia il mercato ad operare in modo libero per il futuro recupero di quanto perso nel 2020, il risultato netto nell’immediato sarà di migliaia di posti di lavoro persi in quanto la crescita del Pil del 2021 non sarà in grado di recuperare tutti i 55 milioni di ore non lavorate per effetto della crisi nel 2020.

Quindi cosa possiamo e dobbiamo fare per non essere travolti da questa prevedibile ondata che aggraverebbe il dramma sociale ed economico che già stiamo vivendo?
Ci sentiamo di avanzare alcune proposte, o “buone prassi”, per affrontare il 2021 senza lasciare indietro nessuno:

·      impegno di tutte le parti sociali ad operare con azioni concrete, prima che buoni propositi, atte a difendere i livelli occupazionali. Per semplificare, ma senza allontanarci troppo dagli scenari foschi che ci si prospettano dinnanzi, si deve dare continuità in pratica al “blocco” dei licenziamenti utilizzando tutti gli ammortizzatori conservativi a disposizione anche quando il blocco dei licenziamenti giuridico sarà rimosso. Per farlo si dovranno utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per conservare ogni posto di lavoro;

·      una riforma degli ammortizzatori sociali che vada nell’imprescindibile direzione dell’universalità. E’ necessario progettare questi strumenti dando copertura a tutte le lavoratrici ed i lavoratori legando il diritto agli ammortizzatori sociali alle singole persone e non condizionandolo alle caratteristiche dell’azienda in cui operano (dimensione, contratto di lavoro, settore, ecc.). In tal modo riteniamo necessario allargare la platea anche al lavoro autonomo o alle collaborazioni;

·      affrontare il tema, non più rinviabile, della riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario per redistribuire il lavoro nel nostro Paese. Purtroppo in questi anni, troppo spesso, si è affrontato questo tema attraverso la proliferazione di posti di lavoro part-time involontari. Questa dinamica, spesso subita e non ricercata dai dipendenti, non ha fatto altro che generare lavoratrici e lavoratori poveri e deve quindi essere rivista in modo organico e complessivo proprio affrontando il tema della riduzione degli orari a parità di salario;

·      rinnovare i CCNL per riconoscere il giusto salario ai lavoratori, ma anche come strumento per ridefinire le politiche industriali ed organizzative tese a rilanciare la produzione in Italia.

Molte di queste cose le diciamo da anni. Alcune dovevano essere affrontate in modo organico a seguito della crisi del 2007/2008, ma la politica ha scelto altre strade. Ha scelto di procedere all’ulteriore precarizzazione ed il Jobs Act è emblema della cultura che ha attraverso il Paese in questi anni.

Molte delle nostre proposte sono già presenti nella “Carta dei diritti universali del lavoro”, proposta di legge di iniziativa popolare per la quale abbiamo raccolto oltre 1 milione e 200 mila firme. Purtroppo è ferma da quattro anni in Parlamento senza che la discussione sia mai stata avviata. Lo shock che la società e l’economia mondiale sta subendo in questi mesi e che, purtroppo, persisterà anche nei prossimi ci impone di non tergiversare. Dobbiamo assumere l’impegno e la capacità di affrontare la situazione per un bene collettivo e non per arroccarsi, come spesso è accaduto, in particolarismi che tendono ad escludere ed isolare gli ultimi e non ad includere tutti. A tal proposito in Emilia-Romagna le organizzazioni sindacali con le Istituzioni e gli altri soggetti in campo hanno sottoscritto in questi giorni il Patto per il lavoro e per il clima” per contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, per la tutela della salute, per la salvaguardia dell’occupazione e per il contrasto alle diseguaglianze.

I prossimi saranno mesi difficili, ma ne potremo uscire solo se ci sarà un impegno comune che vada nella direzione di superare le insopportabili diseguaglianze che politiche miopi hanno sottovalutato e che ora vengono esplicitate dalla profonda crisi che stiamo vivendo. Il nostro impegno sarà quello di metterci tutta la forza e tutta la volontà perché quanto detto diventi l’obiettivo comune per il rilancio del Paese.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Francesco Totti e Luca Toni, due campioni del mondo a Modena per mangiare le crescentine
    Francesco Totti e Luca Toni, due campioni del mondo a Modena per mangiare le crescentine
    L'incontro è stato documentato dall'attaccante modenese sul proprio profilo Instagram, attraverso una story[...]
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]