Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Difesa del suolo, il cambiamento climatico mostra il conto

128 milioni investiti dal 2014 per mettere in sicurezza Secchia, Panaro e Naviglio e per il solo nodo idraulico di Modena nel 2020 12 cantieri per 60 milioni di euro

Il cambiamento climatico sta mostrando sempre più il conto, come dimostrano anche gli ultimi episodi avvenuti nel modenese, dove il Panaro è esondato dopo una piena storica (11,20 metri, mai vista in 50 anni) e il Secchia è stato investito da una piena anch’essa eccezionale.

Due episodi che si sono affrontati evitando il peggio grazie all’enorme lavoro sul reticolo idrogeologico dell’Emilia-Romagna che solo nel 2020, anno del Covid, ha attivato circa 1.300 cantieri per 226 milioni di euro e, nello specifico per quanto riguarda il territorio modenese, grazie alla realizzazione delle Casse di espansione che hanno permesso di convogliare in prima battuta la mole maggiore di acqua nelle zone disabitate, come nelle previsioni di progetto.

“Ora l’obiettivo prioritario è la gestione dell’emergenza e il ritorno alla normalità, poi verrà il momento per analizzare in dettaglio le ragioni dell’accaduto nel modenese- spiega l’assessore regionale all’Ambiente e alla Protezione civile, Irene Priolo-. Ma è indubbio che quello cui ci troviamo di fronte è un problema legato in gran parte agli effetti innescati dal cambiamento climatico: ad ogni nuova emergenza, infatti, viene battuto il record precedente di piogge e precipitazioni. Eventi che si fanno sempre più intensi e che hanno bisogno di risposte straordinarie”.

A partire dal piano predisposto per il Recovery Fund nel quale, l’Emilia-Romagna, ha candidato interventi di sicurezza territoriale per 869 milioni di euro, di cui 115 milioni proprio per mettere in sicurezza il nodo idraulico di Modena e 86 milioni per il Reno. A questi si affiancano le risorse statali e ordinarie del bilancio, compresi gli investimenti per la manutenzione, che la Regione vorrebbe portare da 50 a 100 milioni entro fine mandato.

Secchia, Panaro e Naviglio sono un unico nodo idraulico, spiega l’assessore, e la Regione ha sempre utilizzato un approccio complessivo nel valutare la strategia di messa in sicurezza. Un approccio esteso anche agli affluenti pedecollinari di questi corsi d’acqua, perché i problemi che si verificano a monte hanno ripercussioni anche a valle.

Secondo Priolo, le opere già portate a termine hanno dato un contributo molto importante anche in occasione dell’emergenza di questi giorni: cito ad esempio le Casse del Secchia, che hanno invasato al massimo delle loro potenzialità”.

“E’ ormai chiaro che in tutta Italia ci troviamo sempre più spesso di fronte a problemi di fragilità e tenuta dei territori- chiude Irene Priolo– dovuti a eventi meteo sempre più esplosivi per portata e numero. L’impegno della Regione è quello di continuare con la messa in sicurezza dei nodi idraulici attraverso l’utilizzo fino all’ultimo centesimo di tutti i fondi disponibili per rendere più forte e resistente il territorio”.

Gli interventi nel modenese

Sono quasi 170 i milioni di euro destinati, dal 2014, a investimenti realizzati o programmati tra Secchia, Panaro e Naviglio.

Per il nodo idraulico di Modena, solo nel 2020, sono stati appaltati e si stanno svolgendo lavori in 12 cantieri per oltre 60 milioni, e sono 9 gli interventi programmati per 25 milioni e mezzo. Inoltre, lo scorso settembre la Regione ha stanziato altri 40 milioni aggiuntivi derivati da economie per la sicurezza del territorio.

Sul Panaro si sono investiti in tutto 32 milioni di cui 20 per il rialzo delle arginature e 12 per il loro ringrosso. Ed è in corso il primo lotto di interventi da 8,8 milioni che si concluderà in primavera, nei comuni di Modena, Bomporto, Nonantola, Ravarino e Crevalcore, mentre è in progettazione il secondo lotto per realizzare un nuovo argine tra il Ponte di Sant’Ambrogio, a Modena, e la confluenza nel Tiepido.

A settembre è stata poi finanziata la realizzazione di nuovi argini a Fossalta di Modena, fondamentali per proteggere la città estense, a valle della cassa d’espansione per 5 milioni di euro. L’opera fa parte del nuovo pacchetto di interventi, per un totale di 40 milioni, che prevede altre opere di assoluta rilevanza sul Panaro, a partire dai 19 milioni che serviranno ad Aipo per completare l’area di laminazione ai Prati di San Clemente, consolidando così il nodo idraulico del Canale Naviglio e del Panaro e mettendo più possibile al riparo da eventi alluvionali i territori a nord di Modena (Bastiglia, Bomporto). E ancora: 2 milioni 500mila euro sono stati assegnati per migliorare le difese esistenti in alcuni tratti a rischio da monte dell’abitato di Marano fino al ponte della strada provinciale n. 16 a Spilamberto e si sono programmate opere di messa in sicurezza del Tiepido e dei suoi affluenti per 13 milioni e mezzo, per mitigare gli effetti di rigurgito del fiume Panaro quando è in piena.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]