Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Mirandola respinge la raccolta firme contro il 5g

Mirandola respinge la raccolta firme contro il 5g. Il consiglio comunale si è espresso sulle perplessità espresse da oltre 500 cittadini, che chiedevano di bloccare ogni sperimentazione della nuova tecnologica per telefonia mobile sul territorio comunale.

I cittadini che hanno sottoscritto la petizione si dicono “preoccupati per l’avvento di una tecnologia, il 5G, che prevederà l’installazione sul territorio di svariati nuovi ripetitori e di numerosissime nuove “small cells” che andranno a sommarsi alle migliaia di antenne per la telefonia mobile già esistenti e che comporterà un aumento significativo dell’esposizione della cittadinanza mirandolese all’inquinamento elettromagnetico”

In Consiglio comunale tutti i gruppi hanno votato contro la petizione, solo il consigliere di Fratelli d’Italia  Marian Lugli si è astenuto perché, spiega, “al momento non ci sono dati che ci permettono si escludere o confermare che questa nuova tecnologia abbia effetti dannosi, non vi sono pareri univoci e studi che ci diano una unica risposta, noi rimaniamo in attesa di tecnici ed esperti più ferrati”.

La replica degli organizzatori della raccolta firme (leggi qui)

LA NOTA DEL COMUNE DI MIRANDOLA

“La presentazione della petizione relativa al 5G in Consiglio comunale, come da tutti riconosciuto, è stata un’utile occasione di approfondimento di una tematica complessa e delicata. Ma pure importante per lo sviluppo tecnologico, come per le sue applicazioni. Ascoltare le richieste dei cittadini, che esercitano il proprio senso civico con la nobile finalità del bene comune, oltre ad essere un dovere delle istituzioni, può rappresentare lo spunto per un confronto istruttivo e costruttivo, come in questo caso. L’intero consiglio ha seguito con interesse le valutazioni portate, riconoscendo nell’approccio tecnico-scientifico degli Enti competenti in materia, il punto di partenza più proficuo per guardare al progresso. Il voto favorevole, pressoché unanime, della delibera ne è una dimostrazione.” È questo il commento di Letizia Budri, assessora all’Edilizia e Urbanistica e vice sindaca del Comune di Mirandola, dopo che in occasione dell’ultimo Consiglio comunale dell’anno, l’attenzione è stata portata sulla tecnologia 5G e il suo impatto sul territorio comunale.

 

Tra i primi punti all’OdG ad essere trattati, nel Consiglio comunale di lunedì 28 dicembre, la petizione popolare, presentata il 31 ottobre scorso dal comitato Mo No 5G. Sul tavolo, la richiesta al Comune di vietare la sperimentazione della tecnologia 5G a Mirandola, di dotare il Comune di un cosiddetto “Piano delle antenne” e di promuovere attività informative e di sensibilizzazione verso la cittadinanza.  Al deposito della petizione popolare, è seguita, secondo l’iter previsto dagli Istituti di partecipazione, un’istruttoria a cura del Settore Territorio e Sviluppo Economico che, acquisiti i pareri tecnici di Arpae e Ausl, ha prodotto una relazione in riscontro ai punti promossi dalla petizione, su cui è stato chiamato ad esprimersi il Consiglio comunale.

 

Effettuata la necessaria premessa, che attribuisce le rispettive competenze a Stato, Regioni ed Enti Locali e ricordato come l’ordinamento italiano consideri le infrastrutture di comunicazione mobile tra le “opere di pubblica utilità”, al primo punto della relazione si è precisato come il Comune di Mirandola non rientri tra quelli inseriti dal Ministero dello Sviluppo economico nel programma di sperimentazione precommerciale del 5G e di come la legge di conversione del DL Semplificazioni del settembre scorso abbia modificato il Codice delle comunicazioni, impedendo agli stessi Comuni di imporre divieti generalizzati di installazione e/o sperimentazione attraverso ordinanze contingibili e urgenti o atti regolamentari.

 

Circa la richiesta di dotare il Comune di un piano delle antenne si è ricordato come sia già in vigore dal 2013 un regolamento per la localizzazione, l’installazione e il monitoraggio degli impianti di telefonia mobile, che prevede misure ulteriormente cautelative rispetto alla normativa vigente. Regolamento, al tempo condiviso con gestori e comitati, che sino ad ora ha consentito una gestione razionale che non ha prestato il fianco a ricorsi. Uno strumento certamente aggiornabile e migliorabile, che però si pone quale utile punto di partenza per normare i minisiti necessari alle frequenze più alte dei 24-28 GHz.

 

Rispetto al terzo e ultimo punto, nella relazione è stata data piena disponibilità alla promozione di campagne informative e di approfondimento verso la cittadinanza e alla partecipazione del comune a eventuali tavoli tecnici e/o incontri istituzionali di concertazione territoriale dedicati alla tecnologia 5G.

 

Alla seduta consiliare – su invito dell’Amministrazione – hanno preso parte anche il Sig. Andrea Traversi, primo firmatario della petizione che, va ricordato, in totale ha visto la sottoscrizione di 482 cittadini, e il Dirigente Medico del Dipartimento di Sanitá Pubblica – Servizio di Igiene Pubblica dell’Ausl di Modena, Dott. Stefano Galavotti (la Dott.ssa Giovanna Ribini, Responsabile dell’Unità Specialistica Aria/CEM di ARPAE, firmataria del parere reso dall’Agenzia, per impegni pregressi non ha potuto prendere parte al consiglio), oltre ai funzionari tecnici del servizio comunale interessato.

 

Il Sig. Traversi in una prima fase ha presentato il contenuto della petizione e dopo le relazioni dei tecnici ha avuto modo di richiedere chiarimenti e informazioni ulteriori, ad esempio sul tema dei monitoraggi per cui l’Assessore Budri ha colto l’occasione per comunicare che circa il 2020 i siti oggetto di monitoraggio – come deliberato dalla giunta a fine novembre – saranno due, avendo accolto la richiesta di un privato, la cui abitazione risulta ubicata in prossimità di un’antenna.

 

A detta di tutti i consiglieri, poi chiamati ad esprimersi sul contenuto della relazione prodotta, molto utile e interessante il contributo del Dott. Galavotti, che ha fatto una veloce panoramica sull’evoluzione tecnologia dell’impiego delle radiofrequenze, per poi concentrarsi sul 5G e gli apparati che saranno installati in ambito pubblico o comunque soggetti ad autorizzazione comunale.  Nonostante la materia sia tecnicamente articolata e complessa, il dirigente ha più volte ribadito come il principio di precauzione a livello sanitario, in Italia, sia da anni interpretato in forma molto più cautelativa che nel resto dell’Europa e del mondo. Il nostro Paese, infatti, ammette range di frequenze (dai 3 MHz ai 300 GHz) e  i limiti di esposizione (20Volt/m con valore di attenzione fissato a 6Volt/m) molto più bassi.

 

È stato anche osservato come il 5G, che concettualmente risulta essere un’estensione dell’attuale sistema 4G, di fatto sfrutti 3 bande di frequenza, due delle quali, 700MHz e 3GHz, già in uso oggi, la prima ad esempio dalla Tv digitale. La vera novità è in effetti rappresentata dalla frequenza dei 24-28 GHz che, essendo caratterizzate da onde molto corte, necessiteranno di un sistema diffuso di apparecchi di ripetizione (small Cells) che però, a loro volta, determineranno potenze di emissioni molto più basse di quelle attuali, con riduzione dei picchi. Si tratta di frequenze che saranno sfruttare per la “comunicazione tra dispositivi” o Internet delle cose (IOT) e che interesseranno prioritariamente le aree dedicate ai siti produttivi e le vie di comunicazione. Ed è proprio sull’installazione dei così detti mini siti, che dovrà concentrarsi l’attività regolamentatoria del comune in futuro, ad integrazione degli strumenti attualmente vigenti.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The provided API key has an IP address restriction. The originating IP address of the call (35.152.53.117) violates this restriction.

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]

    Curiosità

    Finale Emilia, la calciatrice Eleonora Goldoni nel nuovo video di Ermal Meta
    Finale Emilia, la calciatrice Eleonora Goldoni nel nuovo video di Ermal Meta
    Il cantante di origini albanesi ha pubblicato venerdì 7 maggio il video del singolo "Uno"[...]
    Da Medolla alle piste della Nascar: Double V Racing scalda i motori
    Da Medolla alle piste della Nascar: Double V Racing scalda i motori
    Nel weekend 14-16 maggio al debutto della nuova stagione della EuroNascar ci sarà un team fondato nella Bassa dall'imprenditore Francesco Vignali e dal pilota Pierluigi Veronesi[...]
    Giornata Internazionale dell'Ostetrica, i messaggi delle mamme assistite a Mirandola
    Giornata Internazionale dell'Ostetrica, i messaggi delle mamme assistite a Mirandola
    Per festeggiare la Giornata, che si celebra il 5 maggio, le ostetriche di Mirandola hanno lasciato spazio ai messaggi delle mamme che hanno assistito[...]
    Equitazione, la sorbarese Chiara Meschiari vincitrice dei campionati italiani di salto ostacoli
    Equitazione, la sorbarese Chiara Meschiari vincitrice dei campionati italiani di salto ostacoli
    Per la giovane campionessa arrivano, via social, i complimenti del sindaco di Bomporto, Angelo Giovannini[...]
    Napoleone Bonaparte, un ricordo in occasione del bicentenario della morte
    Napoleone Bonaparte, un ricordo in occasione del bicentenario della morte
    Simonetta Calzolari ricorda il generale ed imperatore a 200 anni da quel 5 maggio 1821 in cui perse la vita[...]
    Razzo cinese in caduta libera verso la Terra: dove potrebbe atterrare?
    Razzo cinese in caduta libera verso la Terra: dove potrebbe atterrare?
    Secondo gli esperti, la caduta dei frammenti dello stadio del razzo dovrebbe avvenire in una fascia che comprende l'Italia centrale e meridionale[...]
    Criopinza endoscopica: al Policlinico una nuova strumentazione per Malattie Apparato Respiratorio
    Criopinza endoscopica: al Policlinico una nuova strumentazione per Malattie Apparato Respiratorio
    La nuova workstation per crio-chirurgia è stata acquisita anche grazie alla generosa donazione da parte del Banco BPM[...]
    Mirandola, un sasso colorato per un sorriso: l'idea della scuola materna
    Mirandola, un sasso colorato per un sorriso: l'idea della scuola materna
    La piccola caccia al tesoro ideata dai bambini della sezione Le Giraffe della scuola materna in viale Gramsci[...]
    San Felice, la torre sud della Rocca Estense finalmente libera dai ponteggi
    San Felice, la torre sud della Rocca Estense finalmente libera dai ponteggi
    I lavori di ricostruzione sono finiti ed è possibile finalmente ammirare la bellezza della Torre in tutta la sua interezza[...]
    Scuola media di San Prospero ammessa alla selezione provinciale del premio "Scuola digitale"
    Scuola media di San Prospero ammessa alla selezione provinciale del premio "Scuola digitale"
    Il progetto di teatro digitale, realizzato in occasione della Giornata della Memoria, è stato selezionato tra 16 concorrenti, riportando il miglior punteggio[...]