Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
08 Dicembre 2022

Mirandola respinge la raccolta firme contro il 5g

Mirandola respinge la raccolta firme contro il 5g. Il consiglio comunale si è espresso sulle perplessità espresse da oltre 500 cittadini, che chiedevano di bloccare ogni sperimentazione della nuova tecnologica per telefonia mobile sul territorio comunale.

I cittadini che hanno sottoscritto la petizione si dicono “preoccupati per l’avvento di una tecnologia, il 5G, che prevederà l’installazione sul territorio di svariati nuovi ripetitori e di numerosissime nuove “small cells” che andranno a sommarsi alle migliaia di antenne per la telefonia mobile già esistenti e che comporterà un aumento significativo dell’esposizione della cittadinanza mirandolese all’inquinamento elettromagnetico”

In Consiglio comunale tutti i gruppi hanno votato contro la petizione, solo il consigliere di Fratelli d’Italia  Marian Lugli si è astenuto perché, spiega, “al momento non ci sono dati che ci permettono si escludere o confermare che questa nuova tecnologia abbia effetti dannosi, non vi sono pareri univoci e studi che ci diano una unica risposta, noi rimaniamo in attesa di tecnici ed esperti più ferrati”.

La replica degli organizzatori della raccolta firme (leggi qui)

LA NOTA DEL COMUNE DI MIRANDOLA

“La presentazione della petizione relativa al 5G in Consiglio comunale, come da tutti riconosciuto, è stata un’utile occasione di approfondimento di una tematica complessa e delicata. Ma pure importante per lo sviluppo tecnologico, come per le sue applicazioni. Ascoltare le richieste dei cittadini, che esercitano il proprio senso civico con la nobile finalità del bene comune, oltre ad essere un dovere delle istituzioni, può rappresentare lo spunto per un confronto istruttivo e costruttivo, come in questo caso. L’intero consiglio ha seguito con interesse le valutazioni portate, riconoscendo nell’approccio tecnico-scientifico degli Enti competenti in materia, il punto di partenza più proficuo per guardare al progresso. Il voto favorevole, pressoché unanime, della delibera ne è una dimostrazione.” È questo il commento di Letizia Budri, assessora all’Edilizia e Urbanistica e vice sindaca del Comune di Mirandola, dopo che in occasione dell’ultimo Consiglio comunale dell’anno, l’attenzione è stata portata sulla tecnologia 5G e il suo impatto sul territorio comunale.

 

Tra i primi punti all’OdG ad essere trattati, nel Consiglio comunale di lunedì 28 dicembre, la petizione popolare, presentata il 31 ottobre scorso dal comitato Mo No 5G. Sul tavolo, la richiesta al Comune di vietare la sperimentazione della tecnologia 5G a Mirandola, di dotare il Comune di un cosiddetto “Piano delle antenne” e di promuovere attività informative e di sensibilizzazione verso la cittadinanza.  Al deposito della petizione popolare, è seguita, secondo l’iter previsto dagli Istituti di partecipazione, un’istruttoria a cura del Settore Territorio e Sviluppo Economico che, acquisiti i pareri tecnici di Arpae e Ausl, ha prodotto una relazione in riscontro ai punti promossi dalla petizione, su cui è stato chiamato ad esprimersi il Consiglio comunale.

 

Effettuata la necessaria premessa, che attribuisce le rispettive competenze a Stato, Regioni ed Enti Locali e ricordato come l’ordinamento italiano consideri le infrastrutture di comunicazione mobile tra le “opere di pubblica utilità”, al primo punto della relazione si è precisato come il Comune di Mirandola non rientri tra quelli inseriti dal Ministero dello Sviluppo economico nel programma di sperimentazione precommerciale del 5G e di come la legge di conversione del DL Semplificazioni del settembre scorso abbia modificato il Codice delle comunicazioni, impedendo agli stessi Comuni di imporre divieti generalizzati di installazione e/o sperimentazione attraverso ordinanze contingibili e urgenti o atti regolamentari.

 

Circa la richiesta di dotare il Comune di un piano delle antenne si è ricordato come sia già in vigore dal 2013 un regolamento per la localizzazione, l’installazione e il monitoraggio degli impianti di telefonia mobile, che prevede misure ulteriormente cautelative rispetto alla normativa vigente. Regolamento, al tempo condiviso con gestori e comitati, che sino ad ora ha consentito una gestione razionale che non ha prestato il fianco a ricorsi. Uno strumento certamente aggiornabile e migliorabile, che però si pone quale utile punto di partenza per normare i minisiti necessari alle frequenze più alte dei 24-28 GHz.

 

Rispetto al terzo e ultimo punto, nella relazione è stata data piena disponibilità alla promozione di campagne informative e di approfondimento verso la cittadinanza e alla partecipazione del comune a eventuali tavoli tecnici e/o incontri istituzionali di concertazione territoriale dedicati alla tecnologia 5G.

 

Alla seduta consiliare – su invito dell’Amministrazione – hanno preso parte anche il Sig. Andrea Traversi, primo firmatario della petizione che, va ricordato, in totale ha visto la sottoscrizione di 482 cittadini, e il Dirigente Medico del Dipartimento di Sanitá Pubblica – Servizio di Igiene Pubblica dell’Ausl di Modena, Dott. Stefano Galavotti (la Dott.ssa Giovanna Ribini, Responsabile dell’Unità Specialistica Aria/CEM di ARPAE, firmataria del parere reso dall’Agenzia, per impegni pregressi non ha potuto prendere parte al consiglio), oltre ai funzionari tecnici del servizio comunale interessato.

 

Il Sig. Traversi in una prima fase ha presentato il contenuto della petizione e dopo le relazioni dei tecnici ha avuto modo di richiedere chiarimenti e informazioni ulteriori, ad esempio sul tema dei monitoraggi per cui l’Assessore Budri ha colto l’occasione per comunicare che circa il 2020 i siti oggetto di monitoraggio – come deliberato dalla giunta a fine novembre – saranno due, avendo accolto la richiesta di un privato, la cui abitazione risulta ubicata in prossimità di un’antenna.

 

A detta di tutti i consiglieri, poi chiamati ad esprimersi sul contenuto della relazione prodotta, molto utile e interessante il contributo del Dott. Galavotti, che ha fatto una veloce panoramica sull’evoluzione tecnologia dell’impiego delle radiofrequenze, per poi concentrarsi sul 5G e gli apparati che saranno installati in ambito pubblico o comunque soggetti ad autorizzazione comunale.  Nonostante la materia sia tecnicamente articolata e complessa, il dirigente ha più volte ribadito come il principio di precauzione a livello sanitario, in Italia, sia da anni interpretato in forma molto più cautelativa che nel resto dell’Europa e del mondo. Il nostro Paese, infatti, ammette range di frequenze (dai 3 MHz ai 300 GHz) e  i limiti di esposizione (20Volt/m con valore di attenzione fissato a 6Volt/m) molto più bassi.

 

È stato anche osservato come il 5G, che concettualmente risulta essere un’estensione dell’attuale sistema 4G, di fatto sfrutti 3 bande di frequenza, due delle quali, 700MHz e 3GHz, già in uso oggi, la prima ad esempio dalla Tv digitale. La vera novità è in effetti rappresentata dalla frequenza dei 24-28 GHz che, essendo caratterizzate da onde molto corte, necessiteranno di un sistema diffuso di apparecchi di ripetizione (small Cells) che però, a loro volta, determineranno potenze di emissioni molto più basse di quelle attuali, con riduzione dei picchi. Si tratta di frequenze che saranno sfruttare per la “comunicazione tra dispositivi” o Internet delle cose (IOT) e che interesseranno prioritariamente le aree dedicate ai siti produttivi e le vie di comunicazione. Ed è proprio sull’installazione dei così detti mini siti, che dovrà concentrarsi l’attività regolamentatoria del comune in futuro, ad integrazione degli strumenti attualmente vigenti.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Il lascito di libri del collezionista Giovanni Selmi ora disponibile al pubblico
    Si dà così risalto anche al patrimonio artistico, alla storia e alle tradizioni locali dei paesi della provincia modenese a volte trascurati. [...]
    Giornata della disabilità, i ragazze e le ragazze di Anffas Mirandola si raccontano in un video
    La ricerca del benessere, la voglia di stare insieme, la socializzazione e l'inclusione sono sempre i principi ispiratori di qualsiasi esperienza ed attività proposta da Anffas[...]

    Curiosità

    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    I quattro team selezionati tramite bando sono Farafter, Monster chef, The first hand e Ryoko[...]
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un nuovo studio, guidato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Padova, ha rivelato la natura sorprendente di un fossile proveniente dal Giurassico bellunese[...]
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Il sistema sviluppato all'interno di COWBOT affiancherà gli agricoltori nelle operazioni quotidiane, alleviandone la fatica e migliorando la condizione generale degli animali allevati.[...]
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, in una carriera ormai ventennale ha dato alla luce brani entrati nelle playlist degli italiani come “Le cose che abbiamo in comune“, “Salirò”, “Cohiba” e “Il mio nemico”.[...]
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    • malaguti