Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
21 Settembre 2021

Alluvione a Nonantola, di Bona: “Non bastano gli aiuti, servono i risarcimenti”

NONANTOLA – Nota di Alessandro di Bona e del Gruppo Consigliare Nonantola Progetto 2030:

L’alluvione di Nonantola dello scorso 6 dicembre non è stata una disgrazia causata dalle piogge  eccessive. Quel giorno infatti, l’idrometro di Navicello non ha mai raggiunto la quota di allarme  rosso. L’argine del Valentino ha ceduto prima, improvvisamente, quando c’erano ancora diversi  metri di franco rispetto alla quota arginale. Esattamente quanto è successo il 19 gennaio 2014 a  Matteo sul Secchia, causando l’alluvione di Bomporto e Bastiglia. Esattamente quanto è  successo sul Panaro quel pomeriggio dello stesso giorno di sei anni fa, qualche centinaio di metri  più a monte della falla di oggi, in quel caso, per fortuna, senza gravi conseguenze per Nonantola.  Argini fragili dunque, che cedono improvvisamente ben prima di essere sormontati dalle acque.  Come un ponte che crolla senza preavviso, come un palazzo che di punto in bianco collassa.

Le cause della falla di S. Matteo sul Secchia sono state individuate da uno studio commissionato  nel 2014 dalla Regione Emilia-Romagna: “si ritiene che la presenza di un articolato sistema di tane  (di istrice, tasso e volpe, n.d.r.) sia stata determinante ai fini del collasso arginale”, conclude lo  studio. Non sappiamo se il cedimento di oggi abbia le stesse cause, attendiamo i risultati di una  nuova commissione di indagine, ma di certo le analogie sono molte. 

Lo scorso 14 dicembre, in risposta a un’interrogazione presentata in Consiglio Provinciale dal  gruppo Civici e Progressisti per Modena, AIPO, l’agenzia interregionale che ha in carico la gestione  degli argini e dei fiumi del bacino idrografico del Po, ha ammesso che: 1) dal 2014 in poi non sono  stati eseguiti lavori di adeguamento strutturale dell’argine sul tratto oggetto della rotta attuale; 2)  l’attività di prevenzione dei danni causati da mammiferi con abitudini fossorie (istrice e tasso, n.d.r.) “appare utopistica per diverse ragioni” perché: a) le specie istrice e tasso sono protette e  non cacciabili; b) le tane si riformano poche ore dopo la chiusura; c) azioni di protezione delle  arginature (per esempio reti anti-intrusione o ingrossatura delle sagome arginali) sono “ardue” “costosissime” e “al momento non sostenibili”. In altre parole AIPO, pur consapevole del problema  della fragilità arginale e delle sue conseguenze (certamente l’alluvione del 2014 è una di queste,  molto probabilmente anche l’alluvione del 2020), alza le mani di fronte a un problema legislativo e  a un problema di risorse.  

Noi cittadini di Nonantola siamo sconcertati di fronte al “candore” di tali ammissioni. Nonostante  fosse noto sia il problema della fragilità che la sua causa, in sei anni nulla è stato fatto a motivo di  carenze legislative o di insufficienza di risorse per la manutenzione. Risorse che adesso saranno  spese, in misura certamente maggiore, per gestire l’emergenza (si stima che l’alluvione di Bastiglia  e Bomporto causò oltre 500 milioni di danni e Nonantola non sarà da meno). E alla luce di tali  ammissioni si può ancora parlare di disgrazia? O sarebbe meglio parlare di mancati interventi? 

Perché questo è un punto fondamentale: lo Stato in caso di disgrazia, cioè di un evento  imprevedibile, è tenuto a dare sostegno ai cittadini colpiti in termini di aiuti, di parziali ristori, di 

offrire una mano per ripartire, come è successo per il terremoto del 2012, per la tromba d’aria nel  2014 o per la grandinata nel 2019. Ma se fosse accertata la mancata manutenzione o i mancati  interventi con prevedibili conseguenze catastrofiche come il cedimento dell’argine, sarebbe ancora legittimo parlare di aiuti?  

Noi di Nonantola Progetto 2030 crediamo di no. Crediamo che invece si debba parlare di  risarcimento dei danni da parte di chi aveva il compito di tenere in efficienza e sicurezza una  infrastruttura strategica come una diga (di fatto i nostri argini sono dighe: quando il vecchio ponte  di Navicello viene chiuso a causa di una piena è perché il livello idrometrico del Panaro si trova  all’altezza del terzo piano della Torre dei Modenesi). E un risarcimento danni deve essere al 100%,  sia per quanto riguarda i danni all’edilizia, sia per quanto riguarda i danni ai beni mobili, agli  elettrodomestici, ai macchinari, alle automobili, alle attività produttive e commerciali. Ben venga  quindi la dichiarazione di stato d’emergenza nazionale riconosciuta dal Governo, ma altrettanto  devono essere individuate le responsabilità e, quindi, garantiti i diritti di tutti i cittadini  danneggiati. Non vogliamo aiuti, ma risarcimenti al 100%. 

È quanto chiede lo stesso Comitato Cittadini Alluvionati di Nonantola che molto opportunamente si è costituito subito dopo l’evento catastrofico non per competere, ma per rivendicare dal basso  l’azione risarcitoria nei confronti delle istituzioni coinvolte.  

Infine, insieme ad altre forze politiche rappresentate in Consiglio Comunale, abbiamo chiesto la  convocazione di un Consiglio Comunale straordinario sulle cause dell’alluvione e sui risarcimenti,  alla presenza di AIPO, Regione Emilia-Romagna e Protezione Civile. Sarà anche l’occasione per  discutere dell’anticipo sui risarcimenti, della quantificazione dei danni al patrimonio pubblico, del  funzionamento del sistema di allerta, del deflusso delle acque sul nostro territorio e della struttura  tecnica comunale che si troverà a gestire la grandissima mole delle richieste di risarcimento. 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Centro anziani, riprende l'attività in presenza a Camposanto
    Commenta la sindaca: "Sappiamo tutti quanto questi eventi siano utili per aggregare, a miglioramento della vita ed a smantellamento della solitudine, amplificata anche dalla pandemia"[...]
    Bomporto, la biblioteca Tolkien "si rifà il look"
    Nuove proposte artistiche e iniziative culturali, scelte attraverso una procedura a evidenza pubblica, da Enti del Terzo Settore, cooperative e ditte specializzate.[...]

    Curiosità

    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    35mila gli studenti in tutto il modenese, 70 le nuove aule a disposizione.[...]