Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Covid, nell’ultima settimana in provincia di Modena significativo aumento dei ricoverati

Continua l’appuntamento consueto con il bollettino settimanale contenente le principali attività organizzative e sanitarie dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in riferimento alla gestione dell’emergenza COVID-19.

Situazione ricoveri

A seguito del significativo aumento di nuovi positivi in provincia si è registrato un aumento significativo di pazienti ricoverati, che nella mattina del 19 marzo erano 352Di questi, 273 sono in degenza ordinaria, di cui 174 al Policlinico e 99 all’Ospedale Civile di Baggiovara. I ricoveri tra Terapia Intensiva e Semi Intensiva sono invece 79, di cui 45 al Policlinico e 34 all’Ospedale Civile. Per rispondere alle esigenze di ricovero di pazienti internistici COVID e No COVID sono stati riconvertiti 150 posti letto chirurgici in area medicaSono stati aggiunti 41 posti letto nuovi dell’area medica e 66 posti letto di area intensiva. I posti letto in carico all’area medica sono quindi passati dai 290 circa attivi prima dell’emergenza agli attuali 480. Per quanto attiene alla Terapia intensiva, si è passati dai 36 posti attivi sui due stabilimenti pre-COVID ai 102 che sono in questo momento funzionanti.

Solo nell’ultima settimana sono stati ricoverati 212 pazienti positivi, con una media di 30 ingressi giornalieri sui due ospedali (1 paziente ogni 50 minuti sulle 24 ore). Si rende quindi necessario prolungare la sospensione dei ricoveri programmati in area internistica e chirurgica, garantendo la gestione delle emergenze-urgenze. Utile in questa fase anche il ruolo delle strutture private accreditate, che stanno supportando su parte dell’attività non differibile.

Varianti circolanti sul territorio provinciale (dato aggiornato al 17.03.2021)

In base alle indicazioni regionali sullo screening con test REAL TIME PCR per la ricerca di varianti su pazienti positivi a SARS-CoV-2 ricoverati in terapia intensiva, sono stati valutati 62 tamponi positivi tra i pazienti ricoverati nelle terapie intensive del Policlinico, Baggiovara e Ospedale di CarpiTra questi, 49 tamponi hanno presentato mutazioni del virus compatibili con variante inglese, 9 compatibili con variante brasiliana, 1 con variante nigeriana e 3 senza mutazioni ascrivibili alle suddette varianti.

Il programma di monitoraggio a livello regionale sulla diffusione varianti che per il mese di febbraio ha fornito i risultati di sequenziamento genomico di 41 campioni (24 corrispondenti a variante inglese, 5 a variante brasiliana, 1 a variante nigeriana e 11 senza mutazioni caratteristiche di queste varianti) prosegue anche per il mese di marzo, infatti sono già stati inviati al laboratorio di riferimento regionale (IZSLER di Parma)  16 tamponi per i quali siamo ancora in attesa dei risultati. Il programma per marzo prevede un invio settimanale di campioni.

Stiamo partecipando ad un nuovo studio di prevalenza nazionale sulle varianti promosso dall’ISS che vede impegnati tutti i laboratori regionali. Come per gli studi precedenti saranno selezionati tamponi scelti random a livello provinciale in numero proporzionale agli abitanti delle varie province (per Modena 28 tamponi). Questi campioni saranno processati all’inizio a livello locale per la determinazione delle mutazioni caratteristiche delle varianti note: UK, brasiliana/sudafricana, nigeriana e poi gli stessi campioni saranno sottoposti a sequenziamento del genoma massivo per la conferma ed eventuale identificazione di altre mutazioni.

Queste le parole del dottor Giovanni Pinelli, direttore della Medicina Interna d’Urgenza (MIDU) dell’Ospedale Civile:

“Rispetto alla prima ondata, siamo riusciti a costruire percorsi con i Medici di Medicina Generale e con le USCA, le unità di continuità assistenziale dell’Azienda USL, che consente al sistema di seguire i pazienti a domicilio. Oggi, a fronte di circa 600 pazienti ricoverati negli ospedali della Provincia, abbiamo 1500 pazienti sintomatici seguiti a domicilio dalle USCA. Proprio su questi pazienti, le USCA, grazie anche alla possibilità di tele-consulto con lo specialista ospedaliero, valutano le azioni terapeutiche più appropriate; questo meccanismo ci ha consentito, rispetto alla prima ondata, di ricoverare i pazienti al momento più opportuno. Rispetto ai ricoveri in AOU di Modena (Policlinico e Ospedale Civile) la media giornaliera di queste settimane è circa 25-30, ma abbiamo visto picchi di 35-40. Per gestire questa mole di ricoveri, l’Azienda ha dovuto effettuare una serie di riconversioni a geometri variabile, che ci hanno consentito sino ad ora di reggere l’urto. Esiste, però, un limite a queste riconversioni, perché i nostri ospedali gestiscono anche altre patologie tempo dipendenti e non differibili, che non possono essere interrotte. L’età media del paziente positivo è scesa ormai a 44 anni, quella dei pazienti ricoverati a 65 anni; vediamo, però, anche 40-50enni con quadri clinici complessi, in casi rari anche senza fattori di rischio pregressi. Se il quadro clinico dei pazienti in terapia intensiva è sovrapponibile a quello delle precedenti fasi pandemiche, è la gravità media di chi viene ricoverato che è più elevata. Questo comporta la necessità di trasformare più letti internistici in letti a carattere semi-intensivo, dove è possibile effettuare ventilazione non-invasiva. Nel complesso, possiamo dire che abbiamo più armi contro questa malattia, sappiamo come trattarla ma essa non ci dà tregua. Il tema delle varianti è ancora tutto da studiare, la loro maggiore contagiosità però sembra innegabile e sta contribuendo in modo significativo all’aumento dei contagi. Rispetto al lockdown totale di marzo aprile 2020, le chiusure sono parziali. Al momento non abbiamo visto un calo significativo dei contagi, vedremo probabilmente i primi risultati a fine mese. Colgo l’occasione per un grande ringraziamento agli operatori che lavorano nei nostri ospedali: la tenuta sia caratteriale, sia fisica, sia emotiva non è semplice né scontata in una situazione così complessa e prolungata. Sono stupito positivamente di come il sistema tenga, nonostante i momenti di scoramento e stanchezza, che impatta anche sulla vita famigliare. Ci auguriamo di cominciare a respirare presto, per poter dare una risposta ottimale anche ai pazienti non-COVID19″.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]