Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
26 Luglio 2021- Aggiornato alle 20:56

Finale Emilia, la denuncia: “Pratica ferma in Comune, non arrivano i soldi e noi rischiamo il fallimento”

FINALE EMILIA – Quello del 2012 è stato definito il “primo terremoto economico” del paese: perché oltre alle abitazioni civili e alle vittime, ha colpito centinaia di imprese in una delle aree più fiorenti e produttive dello Stivale.

Ma la ricostruzione post-sisma si sta rivelando un terreno altrettanto impervio.

Le tempistiche per il completamento della ricostruzione erano state stimate in circa due/tre anni con investimenti che superavano i 6 miliardi di euro. Peccato che a quasi nove anni dal sisma un primo bilancio vede dei buchi neri in cui sprofondano e falliscono le aziende edili.

Una situazione a rischio è ad esempio quella di un’azienda che a otto mesi dalla fine dei lavori ancora aspetta di essere pagata per i lavori svolti in piano centro a Finale Emilia, su un palazzo storico di via Trento e Trieste, a due passi dal Castello. Una partita da due milioni e mezzo di euro. Il problema? Non una mancanza di fondi, quelli ci sono, sono quelli regionali, sono stati da tempo approvati e aspettano a Bologna, ma di burocrazia, una pratica ferma in Comune ormai da settimane e settimane.

Il caso della ditta Sicea srl di Padova sembra essere una rumorosa evidenza di quello che non funziona. Nell’impossibilità dell’azienda di percepire il dovuto, c’è un po’ di tutto: carenza di personale nelle pubbliche amministrazioni, lungaggini burocratiche e incomunicabilità tra Enti.

Resta il fatto che la situazione illustrata dall’ingegnere Andrea Gottardo e dal geometra Mauro Greggio, direttore tecnico dell’azienda, è un ginepraio di problemi.

L’antefatto è il seguente: la Sicea subentra, a gennaio 2018, a una ditta bolognese nella ricostruzione di un immobile in pieno centro a Finale Emilia, composto da nove appartamenti, un negozio e un deposito. Una decina, in totale, i proprietari.

I lavori si concludono nei tempi previsti,  i locali vengono riconsegnati ai proprietari e nell’ottobre 2020, Sicea invia la fattura e tutta la documentazione, per tramite del tecnico referente della procedura,  al Comune di Finale per essere liquidata, ricevendo nel frattempo una parte dell’importo totale per un’erogazione straordinaria legata al COVID-19 . Inizia da questo momento il calvario della ditta padovana che, a causa del turn-over (e delle ferie) dei tecnici -che di fatto non riescono a mettersi d’accordo sulla conformità della pratica- e nonostante mail e telefonate, non riesce a trovare un canale di comunicazione con gli uffici tecnici finalesi e a ricevere la somma che ancora gli spetta: 750mila euro Iva compresa.

La logica vorrebbe che ci fosse continuità nelle verifiche– spiega l’ingegnere Gottardo- ma l’interpretazione diventa personale e contraddittoria”.

Da quanto emerge, il Comune continua a controllare la documentazione e a cambiare idea sulle verifiche di volta in volta provocando lungaggini burocratiche titaniche. “Hanno messo in discussione importi liquidati all’azienda bolognese che erano stati approvati dai tecnici e detraggono a noi il corrispettivo”- racconta giustamente imbestialito Mauro Greggio.

In questi casi l’iter burocratico per il pagamento delle opere di ricostruzione dovrebbe essere lineare e predefinito: al Comune spetta solo la verifica di conformità della pratica per poi girare la valutazione alla Regione che si occupa della liquidazione. “Il Comune deve solo verificare che la pratica sia conforme– spiega Greggio- se volesse potrebbe metterci al massimo tre giorni”.

Un iter complessivo che solitamente richiede tra i due e i tre mesi ma che nel caso della Sicea sta superando gli otto.

Scrivo ogni lunedì mattina alla dirigente, al sindaco, al vicesindaco– racconta Greggio- da oggi comincerò a scrivere tutti i giorni, ma abbiamo bisogno di ogni azione possibile per risolvere questa situazione”.

Ormai è una lotta contro il tempo. Perché o la situazione si sblocca e alla ditta arriveranno i soldi che gli spettano, o dovranno portare i libri in Tribunale. L’alternativa? Rivalersi sugli ignari e incolpevoli proprietari degli appartamenti, che hanno l’unica colpa di aver subito la tragedia del terremoto e di aver seguito le indicazioni per la ricostruzione.

Ecco la risposta del sindaco di Finale Sandro Palazzi:

La pratica in questione è seguita come tutte le altre del cratere, pratiche concluse all’80% di quelle presentate pari a circa 850 relative alla ricostruzione. Gli uffici tecnici MUDE sono composti da persone competenti e precise e, poiché si tratta di liquidare soldi pubblici e spesso di grande rilevanza economica, si ritiene giusto quindi che le procedure siano seguite con precisione e particolare attenzione per non incorrere in pagamenti non dovuti a tutela di tutti. La ditta in questione ha presentato documentazione incompleta, che è stata causa dei ritardi e comunque il Comune non è responsabile degli impegni presi privatamente da parte delle imprese costruttrici con le banche e quindi si devono assumere i cosiddetti rischi di impresa. Siamo sempre stati disponibili comunque a un costruttivo confronto”.

 

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Come ottenere il green pass in poche mosse. Ora si può scaricare dal Fascicolo Sanitario Elettronico.
    Il Green pass è un documento digitale e stampabile, che contiene un codice a barre bidimensionale (QR Code) e un sigillo elettronico qualificato.[...]
    L'agricoltura rialza la testa e chiude il 2020 con l'occupazione che cresce del 13%
    Modena è sul podio, dopo Parma e prima di Ravenna per vocazione all’export agroalimentare [...]
    Bomporto sempre più connessa, il wi fi gratuito si allarga
    Installati undici nuovi access point: si amplia la rete pubblica[...]

    Curiosità

    Finale Emilia, romantico siparietto social di Saletti con le figlie di Bonaccini
    Finale Emilia, romantico siparietto social di Saletti con le figlie di Bonaccini
    Il presidente del Consiglio Comunale del paese leghista ha postato un commento sulla bacheca del governatore dell'Emilia-Romagna[...]
    A Bastiglia inaugurato l'orto contro il bullismo
    A Bastiglia inaugurato l'orto contro il bullismo
    Un vero progetto di socialità e di coesione sociale che si pone come obiettivo quello di fare comunità.[...]
    In bici per tutta la regione per condividere il basket inclusivo: Alessandro Colombi è partito da Concordia
    In bici per tutta la regione per condividere il basket inclusivo: Alessandro Colombi è partito da Concordia
    Percorrerà oltre 1.200 km e affronterà 18.000 metri di dislivello. Le tappe saranno l’occasione per condividere il progetto con i sindaci e le realtà inclusive dei territori attraversati.[...]
    Vini, frutta, miele e formaggi: li offrono gli agricoltori sulle spiagge romagnole e dei lidi ferraresi
    Vini, frutta, miele e formaggi: li offrono gli agricoltori sulle spiagge romagnole e dei lidi ferraresi
    Iniziativa della Cia Agricoltori italiani d’intesa con il Sindacato balneari, che prevede l’arrivo dal mare delle eccellenze agroalimentari trasportate da un moscone – pattìno. [...]
    Mirandola, geologo lascia il lavoro per stare coi figli a tempo pieno: "Rompo i pregiudizi, ma che fatica!"
    Mirandola, geologo lascia il lavoro per stare coi figli a tempo pieno: "Rompo i pregiudizi, ma che fatica!"
    Andrea Pivetti, 42 anni: "Prima ero abituato a gratificazioni, risultati, all’approvazione della gente, ad uno stipendio… mentre mi sono subito reso conto che manca una cultura che sponsorizzi e gratifichi questo ruolo"[...]
    Medolla, rifiuti alla "Chico Mendes": la proposta sui social di una medollese
    Medolla, rifiuti alla "Chico Mendes": la proposta sui social di una medollese
    Multe collettive per punire l'inciviltà a devolvere il ricavato per premiare i cittadini che propongono idee e soluzioni: questo il suggerimento di una cittadina di Medolla[...]
    Da Finale Emilia la storia di  sport e solidarietà di Arduino Cavallini
    Da Finale Emilia la storia di sport e solidarietà di Arduino Cavallini
    A Scortichino, il 4 settembre, Cavallini ha ideato il primo Memorial giovanile intitolato a Paolo Rossi[...]
    I bagnini sono due labrador: salvano e portano a riva una quindicenne
    I bagnini sono due labrador: salvano e portano a riva una quindicenne
    La ragazza si era tuffata in acqua intorno alle 17 in compagnia di alcune amiche quando è stata trascinata al largo dalle forti correnti.[...]
    Cartoline in omaggio nei bar e ristoranti per "Saluti da Carpi"
    Cartoline in omaggio nei bar e ristoranti per "Saluti da Carpi"
    Un'niziativa del Comune in collaborazione con le associazioni[...]