Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Finale Emilia, la denuncia: “Pratica ferma in Comune, non arrivano i soldi e noi rischiamo il fallimento”

FINALE EMILIA – Quello del 2012 è stato definito il “primo terremoto economico” del paese: perché oltre alle abitazioni civili e alle vittime, ha colpito centinaia di imprese in una delle aree più fiorenti e produttive dello Stivale.

Ma la ricostruzione post-sisma si sta rivelando un terreno altrettanto impervio.

Le tempistiche per il completamento della ricostruzione erano state stimate in circa due/tre anni con investimenti che superavano i 6 miliardi di euro. Peccato che a quasi nove anni dal sisma un primo bilancio vede dei buchi neri in cui sprofondano e falliscono le aziende edili.

Una situazione a rischio è ad esempio quella di un’azienda che a otto mesi dalla fine dei lavori ancora aspetta di essere pagata per i lavori svolti in piano centro a Finale Emilia, su un palazzo storico di via Trento e Trieste, a due passi dal Castello. Una partita da due milioni e mezzo di euro. Il problema? Non una mancanza di fondi, quelli ci sono, sono quelli regionali, sono stati da tempo approvati e aspettano a Bologna, ma di burocrazia, una pratica ferma in Comune ormai da settimane e settimane.

Il caso della ditta Sicea srl di Padova sembra essere una rumorosa evidenza di quello che non funziona. Nell’impossibilità dell’azienda di percepire il dovuto, c’è un po’ di tutto: carenza di personale nelle pubbliche amministrazioni, lungaggini burocratiche e incomunicabilità tra Enti.

Resta il fatto che la situazione illustrata dall’ingegnere Andrea Gottardo e dal geometra Mauro Greggio, direttore tecnico dell’azienda, è un ginepraio di problemi.

L’antefatto è il seguente: la Sicea subentra, a gennaio 2018, a una ditta bolognese nella ricostruzione di un immobile in pieno centro a Finale Emilia, composto da nove appartamenti, un negozio e un deposito. Una decina, in totale, i proprietari.

I lavori si concludono nei tempi previsti,  i locali vengono riconsegnati ai proprietari e nell’ottobre 2020, Sicea invia la fattura e tutta la documentazione, per tramite del tecnico referente della procedura,  al Comune di Finale per essere liquidata, ricevendo nel frattempo una parte dell’importo totale per un’erogazione straordinaria legata al COVID-19 . Inizia da questo momento il calvario della ditta padovana che, a causa del turn-over (e delle ferie) dei tecnici -che di fatto non riescono a mettersi d’accordo sulla conformità della pratica- e nonostante mail e telefonate, non riesce a trovare un canale di comunicazione con gli uffici tecnici finalesi e a ricevere la somma che ancora gli spetta: 750mila euro Iva compresa.

La logica vorrebbe che ci fosse continuità nelle verifiche– spiega l’ingegnere Gottardo- ma l’interpretazione diventa personale e contraddittoria”.

Da quanto emerge, il Comune continua a controllare la documentazione e a cambiare idea sulle verifiche di volta in volta provocando lungaggini burocratiche titaniche. “Hanno messo in discussione importi liquidati all’azienda bolognese che erano stati approvati dai tecnici e detraggono a noi il corrispettivo”- racconta giustamente imbestialito Mauro Greggio.

In questi casi l’iter burocratico per il pagamento delle opere di ricostruzione dovrebbe essere lineare e predefinito: al Comune spetta solo la verifica di conformità della pratica per poi girare la valutazione alla Regione che si occupa della liquidazione. “Il Comune deve solo verificare che la pratica sia conforme– spiega Greggio- se volesse potrebbe metterci al massimo tre giorni”.

Un iter complessivo che solitamente richiede tra i due e i tre mesi ma che nel caso della Sicea sta superando gli otto.

Scrivo ogni lunedì mattina alla dirigente, al sindaco, al vicesindaco– racconta Greggio- da oggi comincerò a scrivere tutti i giorni, ma abbiamo bisogno di ogni azione possibile per risolvere questa situazione”.

Ormai è una lotta contro il tempo. Perché o la situazione si sblocca e alla ditta arriveranno i soldi che gli spettano, o dovranno portare i libri in Tribunale. L’alternativa? Rivalersi sugli ignari e incolpevoli proprietari degli appartamenti, che hanno l’unica colpa di aver subito la tragedia del terremoto e di aver seguito le indicazioni per la ricostruzione.

Ecco la risposta del sindaco di Finale Sandro Palazzi:

La pratica in questione è seguita come tutte le altre del cratere, pratiche concluse all’80% di quelle presentate pari a circa 850 relative alla ricostruzione. Gli uffici tecnici MUDE sono composti da persone competenti e precise e, poiché si tratta di liquidare soldi pubblici e spesso di grande rilevanza economica, si ritiene giusto quindi che le procedure siano seguite con precisione e particolare attenzione per non incorrere in pagamenti non dovuti a tutela di tutti. La ditta in questione ha presentato documentazione incompleta, che è stata causa dei ritardi e comunque il Comune non è responsabile degli impegni presi privatamente da parte delle imprese costruttrici con le banche e quindi si devono assumere i cosiddetti rischi di impresa. Siamo sempre stati disponibili comunque a un costruttivo confronto”.

 

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]