Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
23 Settembre 2021

Open Day di sabato e domenica confermati: si darà il vaccino Moderna agli under 60

“Vogliamo vaccinare tutti, e in sicurezza: le notizie di questi giorni hanno influito sull’atteggiamento dei cittadini di fronte all’idea degli Open Day e dobbiamo tenerne conto”, dichiara Silvana Borsari, direttrice sanitaria dell’Azienda USL di Modena e responsabile della campagna vaccinale anti-covid.

In linea con le indicazioni regionali, si sceglie la via della prudenza in attesa di indicazioni definitive degli organi competenti: sabato e domenica l’Ausl non somministrerà Johnson&Johnson alle persone con meno di 60 anni ma garantirà comunque il vaccino a tutti coloro che si sono prenotati, impegnandosi poi a definire nuove modalità per il futuro, per venire incontro ai cittadini desiderosi di vaccinarsi. L’invito dunque, ai 1750 che si sono prenotati per le giornate di sabato 12 giugno a Carpi e domenica 13 giugno a Vignola è a non cercare di annullare la propria prenotazione, ma anzi a presentarsi, poiché agli “under60” sarà somministrato il vaccino Moderna.

 

“Gli open day infatti – osserva Borsari – sono un’opportunità interessante per velocizzare la vaccinazione soprattutto delle giovani generazioni e di quelle persone appartenenti ai target già calendarizzati che però non si sono ancora prenotati. Fino ad ora sono stati somministrati vaccini J&J, approvati da Aifa per la popolazione over 18 anche se consigliati per un uso preferenziale per la popolazione over 60.

Alla luce delle nuove indicazioni Aifa destineremo agli open day di questo fine settimana vaccini Moderna e contemporaneamente procederemo nella vaccinazione di tutta la popolazione che si sta prenotando in questi giorni per fasce di età, nel più rigoroso rispetto delle indicazioni Aifa come abbiamo sempre fatto. I vaccini Astrazeneca e J&J potrannno essere impiegati dall’Ausl, dai Medici di famiglia per quella parte di popolazione over 60 che ancora non si è ancora vaccinata.

È un momento della campagna vaccinale in cui abbiamo vaccino per tutti, non sarà dunque sottratta a nessuno la dose – conclude – in quanto entro i primi giorni della prossima settimana tutte le fasce di età potranno prenotarsi. Grazie a medici di medicina generale e aziende, inoltre, possiamo aumentare le somministrazioni giornaliere”.

 

Al momento sono sospesi gli Open Day calendarizzati per le successive settimane e l’indicazione per i cittadini è di continuare a prenotare secondo i canali previsti per le diverse fasce di età (tutte le informazioni alle pagine dedicate del sito Ausl http://www.ausl.mo.it/vaccino-covid ).

 

40-49 anni: spostamento degli appuntamenti

A fronte delle difficoltà di spostamento delle seconde dosi, in particolare per coloro che, rientrando nella fascia 40-49 anni che si è autocandidata sul portale regionale, hanno ricevuto l’appuntamento dall’Ausl, la direttrice sanitaria rassicura: “in questi primissimi giorni ci siamo concentrati sugli spostamenti di prime dosi per venire incontro nell’immediato ai cittadini e anche per evitare che gli appuntamenti presso i punti vaccinali andassero, per così dire, ‘sprecati’. Ora definiremo con attenzione le modalità per chi dovrà spostare, per necessità, la seconda dose. Questa, se pure già fissata nella sua data a 35 giorni dalla prima, viene creata sui calendari vaccinali solo alcuni giorni dopo ed è per questo motivo che il cittadino inizialmente non riesce a vederla sul proprio Fascicolo sanitario, ma la dose per lui esiste assolutamente. Chiediamo solo di avere un po’ di pazienza perché questi spostamenti hanno un impatto sull’intera organizzazione dei calendari vaccinali, e dunque di aiutarci, facendo questa richiesta solo se strettamente necessario”.

La percentuale di persone tra i 40 e 49 anni che hanno spostato il primo appuntamento fornito dall’Ausl è intorno al 10-12% su oltre 37mila persone autocandidate tramite portale regionale. Un dato considerato fisiologico, in linea con quanto accade, ad esempio, nei programmi annuali di screening.

COSA DICE LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

In Emilia-Romagna gli Open Day già programmati, con tanto di prenotazione on line vengono confermati, perché il principio guida deve essere quello di non mandare indietro nessuno e soprattutto di velocizzare la vaccinazione che nei giorni scorsi ha visto una notevole accelerazione, ma per prudenza con l’esclusivo utilizzo di dosi Pfizer e Moderna.

La decisione della Regione – comunicata già ieri dalla direzione generale dell’assessorato alle Politiche per la salute a tutte le Aziende sanitarie e ospedaliere del territorio – è stata assunta in via prudenziale, in attesa delle nuove indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico, che si chiede siano chiare e definitive, sull’impiego dei vaccini a vettore virale – quindi AstraZeneca e Johnson & Johnson – per i cittadini di età inferiore ai 60 anni.

AstraZeneca e Johnson & Johnson continueranno pertanto ad essere impiegati dalle Aziende sanitarie, dai medici di medicina generale e prossimamente anche dai farmacisti esclusivamente per individuare e immunizzare quell’esigua parte di popolazione over 60 che, per varie ragioni, non si è ancora vaccinata pur potendolo fare. La Regione chiede alle Autorità competenti un immediato, chiaro e definitivo pronunciamento sulle seconde dosi di AstraZeneca per chi ha già ricevuto la prima, a prescindere dall’età.

“In attesa delle nuove indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini– abbiamo deciso di muoverci seguendo la linea della massima prudenza, senza tuttavia rallentare il ritmo della campagna vaccinale in corso. Confermiamo dunque solo gli Open day già organizzati per i quali abbiamo già le prenotazioni perché il principio che vogliamo seguire è innanzitutto quello di non mandare indietro nessuno e inoltre rappresentano un’opportunità per velocizzare la vaccinazione in corso. Li svolgeremo con la somministrazione esclusiva di dosi Pfizer e Moderna. Fino ad ora, peraltro- aggiunge Donini- nei nostri Open day sono stati utilizzati prevalentemente vaccini J&J, approvati da Aifa per gli over 18 anche se preferibilmente indicati per le persone con più di 60 anni. Se ora si cambia decisione da parte delle Autorità competenti ci adegueremo come sempre, sperando che si dica una parola definitiva. Quindi- chiude Donini- mentre procediamo a pieno ritmo con la vaccinazione di tutta la popolazione che si sta prenotando in questi giorni per fasce d’età, confermiamo solo gli appuntamenti già calendarizzati per intercettare quante più persone possibili. E, come sempre abbiamo fatto, andremo avanti nel più rigoroso rispetto delle indicazioni nazionali”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Centro anziani, riprende l'attività in presenza a Camposanto
    Commenta la sindaca: "Sappiamo tutti quanto questi eventi siano utili per aggregare, a miglioramento della vita ed a smantellamento della solitudine, amplificata anche dalla pandemia"[...]
    Bomporto, la biblioteca Tolkien "si rifà il look"
    Nuove proposte artistiche e iniziative culturali, scelte attraverso una procedura a evidenza pubblica, da Enti del Terzo Settore, cooperative e ditte specializzate.[...]

    Curiosità

    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    35mila gli studenti in tutto il modenese, 70 le nuove aule a disposizione.[...]