Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
07 Dicembre 2021

Giornata mondiale del Diabete: il 14 novembre terza dose contro il Covid per i pazienti Tipo 1

Un eccesso di zucchero (glucosio) nel sangue, che l’organismo non è in grado di riportare alla normalità e che può causare una serie di complicazioni anche molto gravi. È il diabete, nota malattia metabolica, di cui domenica 14 novembre si celebra la Giornata mondiale: in Emilia-Romagna interessa il 7% della popolazione, che significa circa 264.000 cittadini affetti da diabete mellito, di cui 900 bambini.

Per tutti viene attivato tramite il Servizio sanitario regionale un modello di assistenza a gestione integrata, in grado cioè di coinvolgere diverse figure professionali, sia dell’ospedale che del territorio, del sanitario e del sociale, le associazioni dei pazienti e il volontariato. Un modello in cui il paziente è un vero e proprio partner dell’équipe professionale.

Questa scelta, fatta dalla Regione, ha portato negli anni buoni risultati. Lo dimostrano i dati delle principali complicazioni associate alla patologia diabetica, oggi significativamente ridotte: mortalità (-2,5% rispetto al 2010), coma diabetico (-41,1%), cardiopatia ischemica (-23,7%), infarto (-13,3%), ictus (-21,9%), vasculopatie periferiche (-7,1%), amputazioni (-19,2%), complicanze oculari (-38,2%).

“All’interno del nostro Servizio sanitario regionale c’è sempre stata una particolare attenzione alla prevenzione e alla presa in carico delle persone diabetiche, in un’ottica di assistenza integrata– sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-. Abbiamo fatto scelte organizzative sulla base dei bisogni dei cittadini, diversificandoli per età e per tipologia di diabete. Il modello sta funzionando bene; l’obiettivo non è solo proseguire, ma migliorare ulteriormente i percorsi per i pazienti e le rispettive famiglie. Lavoriamo- aggiunge l’assessore- sempre più per una cultura organizzativa improntata alla condivisione e alla sinergia, orientata alla prossimità, alla domiciliarità”.

“Siamo inoltre particolarmente contenti- conclude Donini- perché, anche grazie al lavoro svolto insieme alla Federazione Diabete Emilia-Romagna, è stato rapidamente reso disponibile in regione il glucagone in polvere da somministrare per via nasale, farmaco recentemente posto a carico del Servizio sanitario nazionale, che può facilitare l’assistenza in emergenza soprattutto dei bambini e degli adolescenti”.

E proprio per tenere alta l’attenzione, e la prevenzione, su questa malattia, sono numerose le iniziative (consultabili nei rispettivi siti internet) che le Aziende sanitarie e Ospedaliere dell’Emilia-Romagna, anche in collaborazione con le associazioni dei pazienti, organizzano sul territorio in occasione della Giornata mondiale: dagli incontri con i professionisti a punti informativi, da convegni all’effettuazione di test di prevenzione.  Una Giornata che si celebra ogni anno il 14 novembre, nel giorno della nascita del fisiologo canadese Frederick Grant Banting: insieme a Charles Herbert Best scoprì l’insulina cento anni fa, nel 1921. Un traguardo fondamentale, che ha permesso di passare da una malattia mortale a una malattia controllabile.

L’assistenza ai diabetici in Emilia-Romagna

Dal Piacenza a Rimini, su tutto il territorio ci sono strutture dedicate per i pazienti con diabete, diversificate per età e tipologia (diabete mellito di tipo 1, che si manifesta già in età pediatrica, e di tipo 2, che insorge dopo i 35/40 anni).

Per i più piccoli, ci sono 11 Centri provinciali all’interno delle Pediatrie ospedaliere; per gli adulti, i Centri di riferimento sono 23 (hub), con più di 60 ambulatori decentrati sui territori per garantire la capillarità e la prossimità.

Per la maggior parte, gli ambulatori si trovano all’interno delle Case della Salute, punti di riferimento certi per i cittadini emiliano-romagnoli: qui ricevono risposta alla maggior parte dei propri bisogni, attraverso la garanzia dell’accesso e della presa in carico integrata e condivisa secondo il paradigma della medicina d’iniziativa. Questo significa che il medico di medicina generale si occupa di promozione della salute e si prende cura in maniera attiva dei pazienti, invitandoli a sottoporsi ai controlli e offrendo loro un insieme di interventi personalizzati. Interventi che, iniziando prima dell’insorgere della malattia, o prima che essa si manifesti o si aggravi, possano curarla nel corso degli anni e rallentarne l’evoluzione.

Nelle Case operano comunità di professionisti (medici di medicina generale, infermieri, specialisti, assistente sociale), secondo uno stile di lavoro orientato a programmi e percorsi integrati, tra servizi sanitari (territorio-ospedale), e tra servizi sanitari e sociali.  All’interno delle strutture sono presenti la medicina convenzionata, i dipartimenti territoriali e i dipartimenti ospedalieri (per esempio specialistica, riabilitazione), i servizi sociali, e la comunità nelle sue diverse forme singole e associate: paziente / caregiver / associazioni di pazienti, associazioni di volontariato.

Un’indagine effettuata attraverso un questionario anonimo, distribuito nei Centri Diabetologici territoriali e ospedalieri delle Aziende sanitarie della Regione Emilia-Romagna, ha evidenziato una buona soddisfazione dei pazienti in merito alle informazioni e all’educazione terapeutica ricevuta (90,5%) e alla gestione dei presidi ed altre tecnologie (85,3%). L’intenzione è di proseguire con queste modalità di programmazione partecipata, così da renderle sempre più operative nei singoli territori.

A Modena

Il 14 novembre ricorre la Giornata Mondiale del Diabete, nata per sensibilizzare su una patologia che rappresenta una sfida sempre crescente. Come l’Organizzazione mondiale della sanità ha stimato su larga scala, infatti, anche nella nostra Provincia l’incidenza del diabete è quasi triplicata negli ultimi 15 anni, anche grazie ad una maggiore capacità di diagnosi precoce: attualmente interessa circa 50.000 persone in provincia di Modena, tra cui circa 1.400 affette da diabete tipo 1 o giovanile.

Quest’anno gli operatori sanitari dei Team Diabetologici provinciali parteciperanno alla Giornata Mondiale del Diabete svolgendo attività presso le strutture sanitarie erogando la terza dose di vaccino Sars-Cov-2 al fine di proteggere da infezione Covid 19 con decorso grave tutti i pazienti diabetici Tipo1.

La Giornata Mondiale pone ogni anno l’attenzione sull’importanza della prevenzione: infatti l’80% dei casi di diabete di tipo 2 è prevenibile.  Insistere è dunque fondamentale, soprattutto nell’ambito della famiglia, primo presidio di prevenzione e sostegno, dove le persone imparano e ripetono nel tempo abitudini alimentari, stili di vita e comportamenti utili per prevenire le malattie croniche come il diabete. La famiglia è pure insostituibile partner del sistema sanitario nell’accudimento delle persone non autosufficienti.

Nell’ottica della prevenzione, spiega Daniela Piani, nuova responsabile della Diabetologia dell’Azienda USL di Modena, “i migliori consigli che tutti possono seguire per evitare il diabete o le sue complicanze sono semplici: svolgere attività fisica, facendo movimento in modo semplice ma regolare, come ad esempio camminare a passo svelto o andare in bicicletta tutti i giorni per 20 minuti, bere acqua, non eccedere con i cibi-spazzatura. Anche qui al centro il ruolo della famiglia, fondamentale per trasmettere uno stile di vita corretto, per la preparazione di alimenti sani e nutrienti”.

Il programma di cura

Sistema Sanitario offre un programma di diagnosi e cura del paziente diabetico svolto in parte dal medico di medicina generale presso il proprio ambulatorio e in parte dallo specialista diabetologo in relazione alle caratteristiche cliniche del soggetto e al Percorso Assistenziale Individualizzato (PAI). In tutti i servizi di diabetologia dell’Azienda USL di Modena è presente un Team diabetologico composto da Medico Specialista, Infermiere e Dietista, per un accompagnamento completo dei pazienti con diabete. Inoltre sono in atto collaborazioni tra i team diabetologici provinciali e altre strutture sanitarie territoriali al fine di garantire una appropriata assistenza a pazienti ad alto rischio cardio-vascolare, alle pazienti con diabete gestionale, ai giovani pazienti con diabete Tipo1 in transizione dalla assistenza pediatrica a quella adulta. A tal proposito si segnala che a Modena è stato siglato un protocollo di avanguardia, mirato a garantire assistenza dedicata lungo tutto il percorso scolastico per i bimbi con diabete.

“Ciò è stato possibile – chiarisce Piani – grazie alla collaborazione tra AUSL, AOU, Ufficio scolastico e Federazione Diabete Emilia-Romagna, che ha dato vita a un percorso per sostenere le famiglie all’interno dei servizi educativi (quasi 200 i casi in provincia di Modena). Vorrei ringraziare in particolare Anna Vittoria Ciardullo, ultimo Direttore della Struttura Complessa di Medicina Interna ad indirizzo Diabetologico dell’Azienda USL di Modena che con la sua expertise e il suo appassionato coordinamento ha portato a termine questo progetto di cui ora tutti i bambini con diabete possono usufruire. Infine, fondamentale è stato – ed è tuttora – il supporto costante delle Associazioni dei Pazienti con Diabete attive nella Provincia di Modena e che collaborano costantemente con noi”.

Sempre nell’ottica della collaborazione con il territorio, domenica 14 novembre si terrà un evento divulgativo dal titolo “Diabete, accesso alle cure. Se non ora, quando?” organizzato dalle 16.30 presso la Sala Mons. Dallari di Montese, a cura di Comune di Montese, Diabete Italia Onlus e Federazione Diabete Emilia Romagna ODV, con la partecipazione, tra gli altri, della dottoressa Daniela Piani, direttore dell’Unità operativa complessa Medicina Interna a indirizzo diabetologico dell’Azienda USL.

Cos’è il diabete

Il diabete è una malattia metabolica che si manifesta con un elevato livello di zucchero nel sangue; esistono molte forme di diabete, delle quali le più frequenti sono quello causato da un deficit di produzione di insulina da parte del pancreas (diabete tipo 1 o giovanile o insulinodipendente) oppure quello associato ad un difetto di azione dell’insulina pur presente (diabete tipo 2 o dell’adulto o non-insulino dipendente).

Attenzione al diabete gestazionale

Si definisce diabete gestazionale (GDM) ogni situazione in cui si misura un elevato livello di glucosio circolante per la prima volta in gravidanza. Generalmente il diabete gestazionale tende a scomparire al termine della gravidanza, tuttavia le donne che ne hanno sofferto presentano un rischio più elevato di sviluppare diabete di tipo 2 in età più avanzata. Il diabete gestazionale rappresenta il più diffuso disordine metabolico in corso di gravidanza e se non tempestivamente diagnosticato e correttamente trattato è potenzialmente dannoso sia per la madre che per il feto.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
C'è aria di ripresa nell'economia italiana
L’Agenzia americana di rating Fitch conferma il rating a BBB con outlook stabile, con la previsione che nel 2021 la crescita del PIL si attesti attorno ad un 6,2%.leggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della nocciola
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della mela
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Economia circolare: l’innovazione fa bene all’ambiente
Venerdì 29 ottobre si sono chiusi con risultati ben oltre le più rosee aspettative, Ecomondo e Key Energy, i due saloni dedicati all´economia circolare e alle energie rinnovabili di Italian Exhibition Group.leggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del tè
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Combattere il divario digitale a scuola: dalla Regione tablet, pc e sim a oltre 15mila studenti
    Un investimento da 6 milioni di euro grazie anche al contributo di Zanichelli Editore[...]
    Per i piccoli pazienti di oncoematologia arrivano i Blood Brothers Avis
    L'associazione modenese per il dono del sangue ha portato in regalo 56 pupazzi ai piccoli pazienti della Struttura di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico[...]
    I ragazzi e le ragazze delle Sassi di Soliera a lezione di legalità coi Carabinieri
    Bullismo, all’uso dei social networks e alla violenza di genere: si è discusso di questo nell'incontro[...]

    Curiosità

    Bomporto, la storia di Marcello Billi: giovanissimo cultore della pizza gourmet
    Bomporto, la storia di Marcello Billi: giovanissimo cultore della pizza gourmet
    La storia di Marcello Billi, il ventiquattrenne bomportese che ha fatto della pizza gourmet la propria scelta professionale (e di vita)[...]
    Adolescenti e pandemia, la voce dei giovani dell'Emilia-Romagna alle prese con l'emergenza sanitaria
    Adolescenti e pandemia, la voce dei giovani dell'Emilia-Romagna alle prese con l'emergenza sanitaria
    I risultati della ricerca promossa dalla Regione tra 20.750 ragazze e ragazzi dagli 11 ai 19 anni[...]
    Per i volontari di Protezione Civile è November (t)Raining
    Per i volontari di Protezione Civile è November (t)Raining
    Più di 70 volontari si sono esercitati in diversi campi, dalla logistica alle radiocomunicazioni, dalla cucina all'amministrazione.[...]
    Cavezzo, il mottese Edoardo Benatti a Dakar in taxi per sostenere la popolazione locale
    Cavezzo, il mottese Edoardo Benatti a Dakar in taxi per sostenere la popolazione locale
    E' possibile aiutare Edoardo partecipando ad una pizzata in cui parlerà del suo progetto riguardante questo "rally Cavezzo-Dakar"[...]
    Comparve insieme all'amante nel video di una canzone di Gigi D'Alessio: ottiene risarcimento
    Comparve insieme all'amante nel video di una canzone di Gigi D'Alessio: ottiene risarcimento
    La diffusione del video sotto forma di Dvd costò alla donna la fine del matrimonio[...]
    A Carpi accese in centro le luminarie di Natale
    A Carpi accese in centro le luminarie di Natale
    Nonostante la pioggia, tante persone, soprattutto bambini entusiasti in particolare per l'installazione artistica di Lorenzo Lunati:[...]
    Venti piscine olimpioniche di foglie cadute: operatori Hera al lavoro per la raccolta
    Venti piscine olimpioniche di foglie cadute: operatori Hera al lavoro per la raccolta
    15 squadre di operatori sono già al lavoro per un’operazione che durerà ancora per tutto il mese di dicembre[...]
    Poste Italiane: 15 francobolli per celebrare i prodotti agroalimentari italiani
    Poste Italiane: 15 francobolli per celebrare i prodotti agroalimentari italiani
    I francobolli e i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi saranno disponibili presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli Spazio Filatelia di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma1, Torino, Trieste, Venezia Verona e sul sito poste.it.[...]
    Cavezzo, a villa Giardino il corso gratuito di arabo
    Cavezzo, a villa Giardino il corso gratuito di arabo
    Il corso è in special modo rivolto ai bambini e alle bambine della Comunità tunisina, ma è comunque aperto a tutti coloro che desiderino conoscere la lingua araba.[...]