Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
26 Febbraio 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Aggressioni agli operatori sanitari, presidio di solidarietà al Pronto Soccorso di Carpi

CARPI - Dopo il terzo episodio di violenza in poco più di sette giorni all'interno del Pronto Soccorso dell'Ospedale di Carpi, il sindacato Fp Cgil, il sindacato UILFPL MODENA e la Cisl intervengono con tre note stampa sul tema. Il sindacato Fp Cgil ha, inoltre, deciso di organizzare un presidio di solidarietà agli operatori sanitari domani, mercoledì 1° giugno, dalle ore 10 alle 12 proprio davanti al Pronto Soccorso di Carpi (via Guido Molinari, 2). Di seguito, le due note stampa diffuse dai sindacati, in merito alle aggressioni ai danni di operatori sanitari avvenute al Pronto Soccorso di Carpi: Fp Cgil:

"La Fp Cgil dice BASTA alle violenze e alle aggressioni contro gli operatori sanitari, serve tolleranza zero verso ogni forma di aggressione! Facciamo quadrato e siamo al fianco dei nostri operatori! La Fp Cgil ha già chiesto all'Ausl di poter incontrare al termine del presidio la direzione dell'ospedale Ramazzini".

UILFPL Modena:
"Dopo il terzo episodio di violenza in poco più di sette giorni all’interno del Pronto Soccorso a Carpi, il sindacato UILFPL MODENA dichiara: «Solidarietà ai sanitari e Chiede di Incrementare le misure di prevenzione».
Il fenomeno delle aggressioni ai danni del personale sanitario ha raggiunto livelli intollerabili e non può essere affrontato solo con le parole o scaricando sugli operatori sanitari. È necessario implementare la presenza delle forze dell'ordine nelle strutture sanitarie modenesi.
Il problema deve essere affrontato in maniera sistemica dalle aziende e dalle istituzioni, agendo sui determinanti sociali ed organizzativi che lo provocano. I fattori di rischio sono numerosi, dall'aumento di disagio diffuso nella popolazione al ridotto numero di personale che spesso si traduce, durante i momenti di maggiore attività, nella presenza di pochi operatori a contatto con il paziente, alle conseguenti lunghe attese nelle zone di emergenza o nelle aree cliniche, con possibilità di favorire nei pazienti e negli accompagnatori uno stato di frustrazione per l’impossibilità di ottenere subito le prestazioni richieste. Negli ultimi cinque anni al primo posto della classifica dei luoghi maggiormente colpiti dalla violenza troviamo i Pronto soccorso e i Servizi della Salute Mentale ma le aggressioni e gli atti di violenza non risparmiano i reparti di degenza, gli ambulatori e gli sportelli. Esiste comunque una difficoltà a reperire dati completi perché spesso le denunce avvengono solo nel momento in cui l'aggressione genera un infortunio. Più spesso, infatti, in caso di aggressioni verbali il lavoratore rinuncia erroneamente alla denuncia".
L’episodio della notte di venerdì scorso, con lesioni a quattro professionisti: e' ancora più preoccupante perchè l’Azienda si dice vicina a tutti gli operatori per questa ennesima aggressione verbale e fisica ma ammette che è sempre più difficile gestire queste situazioni, anche a causa della carenza di organico.
La UILFPL MODENA è da gennaio 2022 che lamenta la mancanza di personale e siamo contenti che adesso l'azienda ci dia ragione!
Aggressioni, burn out, stress lavoro correlato sono fenomeni che rappresentano le facce della stessa medaglia e che richiedono un forte salto culturale ed organizzativo per essere affrontati in maniera compiuta. Forse non basta la formazione di base che le Aziende Sanitarie Modenesi hanno messo in campo per tutto il personale ma è necessario investire sulla Formazione Intensiva per il riconoscimento e controllo dei comportamenti ostili e aggressivi, ma è altrettanto fondamentale – auspicare la realizzazione di un nuovo modello di sanità che vada finalmente verso la piena presa in carico delle persone - anche impiegando le giuste risorse di lavoratori!
Come UIL FPL chiediamo con urgenza che l’Azienda Usl attivi il Risk manager e il Servizio di Prevenzione e protezione per un’analisi approfondita delle circostanze e per la valutazione dei provvedimenti più opportuni da intraprendere.
I sempre più frequenti episodi di violenza provocano negli operatori una forte percezione di pericolo con molteplici effetti collaterali come ansia, rabbia, senso di ingiustizia, sfiducia nei confronti delle istituzioni aziendali e della dirigenza.
LA UIL-FPL esprime Solidarietà ai sanitari E chiede di Incrementare le misure di prevenzione.
 Se poi non si interviene immediatamente anche con una seria e strutturata politica assunzionale, e non solo con provvedimenti emergenziali, Ospedali e Servizi Territoriali non potranno essere sicuri senza il personale minimo da garantire.
Gli Operatori Sanitari non sono nemici né tantomeno bersagli ma alleati competenti dei cittadini.
“Episodio intollerabile. Solidarietà ai lavoratori aggrediti. Subito un piano per la sicurezza”, commenta il sindacato. “Basta far finta di niente, stop immediato alla violenza sui posti di lavoro. Esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza ai quattro lavoratori aggrediti e a tutto il personale dell'ospedale Ramazzini di Carpi. Chiediamo subito un piano con misure concrete per la sicurezza.
“La condizione che si trova a vivere chi lavora nelle aziende ospedaliere e sanitarie è drammatica. Come UIL-FPL insistiamo su questo tema: la sicurezza sul lavoro non è negoziabile “Stiamo assistendo ad una vera e propria escalation di aggressioni e violenze. Questo è inaccettabile per i lavoratori e per le loro famiglie. Ma anche per i cittadini che si rivolgono al Ssr. Consentire agli operatori di lavorare in sicurezza e serenità deve essere la priorità di ogni datore di lavoro. E bisogna fare di tutto per garantirla”.
La Politica insieme alle Direzioni Sanitarie devono prendere provvedimenti per la tutela dei lavoratori e Noi pretendiamo una risposta immediata: occorrono subito misure di prevenzione e un piano per la sicurezza di tutti i lavoratori della Sanità”.
Cisl:
«La violenza non è mai giustificabile, sia verbale che fisica, ma è chiaro che al Pronto soccorso di Carpi ci sono carenze organizzative che acuiscono il problema». Lo afferma Alfonso Bracigliano, sindacalista della Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale, dopo le recenti aggressioni a infermieri e medici del Pronto soccorso dell’ospedale Ramazzini di Carpi. «Chi ha paura lavora male. Quello della violenza è un problema molto sentito dai lavoratori della sanità e noi sindacati riceviamo spesso segnalazioni che rivelano un clima inaccettabile per chi deve assistere e curare i cittadini – dichiara Bracigliano - Il fenomeno ha superato il livello di guardia in tutta Italia. A Carpi, però, le difficoltà sono aggravate da problemi organizzativi derivanti da carenze di risorse umane e tecniche. Non a caso al Pronto soccorso del Ramazzini è in corso da anni un vero e proprio fuggi-fuggi. Infermieri e medici chiedono il trasferimento in altri reparti e ospedali. Siamo a conoscenza di medici che, non avendo ottenuto il trasferimento, si sono dimessi. La situazione è ingestibile e l’Ausl appare incapace di affrontarla, al punto che abbiamo chiesto un incontro urgente al direttore generale Brambilla». Tornando alle aggressioni, per il sindacalista della Cisl servono efficaci misure a tutela degli operatori sanitari. Le azioni di contrasto messe in campo negli ultimi anni sono apprezzabili, ma evidentemente non bastano. «Le aziende sanitarie, la cui missione è garantire il benessere fisico, psichico e sociale dei cittadini, hanno lo stesso dovere nei confronti dei propri dipendenti – ricorda Bracigliano - Sono necessari modelli organizzativi univoci che facilitino la prevenzione degli episodi violenti, partendo dai punti più esposti: Pronto soccorso, 118, servizi di psichiatria. I lavoratori non devono sentirsi soli. Bisogna formare il personale nella gestione di situazioni critiche, assicurare supporto psicologico a chi ha subito aggressioni fisiche e/o verbali, incoraggiare i lavoratori a segnalare prontamente gli episodi e – conclude il sindacalista della Cisl Funzione pubblica Emilia Centrale - facilitare il coordinamento tra aziende, sindacati e autorità di pubblica sicurezza per debellare definitivamente un fenomeno dannoso per l’intera comunità».
LEGGI ANCHE:
SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli da non perdere!
Rubrica - La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monari
Glocal
Una serata a Modena in ricordo di Giulio Santagata
Glocal - Venerdì 16 febbraio alle ore 17, a Modena, presso l’Auditorium Marco Biagi. Romano Prodi, Pierluigi Bersani, Gian Carlo Muzzarelli e Luca Bottura raccontano ZULI, “il compagno” Giulio Santagata.
Glocal
Innovazione e competitività delle imprese emiliano-romagnole
Glocal - Il sistema economico dell’Emilia-Romagna si posiziona al 21mo posto, su 121, per capacità di innovazione e grado di competitività delle imprese.
Glocal
La cucina italiana ancora la migliore al mondo
Glocal - La classifica dei Paesi con la “migliore cucina al mondo” vede al primo posto l'Italia con la valutazione media di 4.65 punti su 5.
Superbonus, il decreto “salva spese” – bonus barriere architettoniche
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Glocal
Pandoro indigesto per Chiara Ferragni: ma il vero danno è economico o d'immagine?
Glocal - Il nostro esperto di economia Andrea Lodi ricostruisce a quanto ammonta il danno economico per le società di Chiara Ferragni dopo la comminazione della multa da parte dell’Antitrust
Glocal
Silver economy: l'economia dell'assistenza agli anziani
Glocal - In Italia il 25,3% della popolazione è rappresentata da persone anziane. Praticamente un quarto. I Grandi anziani, quelli nella fascia d’età tra 85 e 99 anni, sono quasi il 4%.

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    Vestiti, usciamo
    Inaugurato nuovo tratto di pista ciclabile a San Felice
    Collega via Canalino a via Lollia. Il costo dell’intervento ammonta complessivamente a 150 mila euro.
    La novità
    Dopo la malattia, il matrimonio: il campione di nuoto Lorenzo Benatti sposa la sua Elena Gemo
    Il nuotatore carpigiano è convolato a nozze con la compagna, collega con cui divide i campionati
    Anziani
    Anziani e disabili: aumenti bloccati nella Cra della Bassa almeno fino a luglio
    L’Unione Comuni Modenesi Area Nord, nei giorni scorsi, con una delibera di Giunta ha provveduto, a partire da questo mese, a coprire con fondi propri gli aumenti delle tariffe dei servizi residenziali per anziani e disabili

    Curiosità

    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    L'iniziativa
    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    Mentre i paesi vicini come Medolla o Concordia, terremotati come noi, hanno riaperto i loro teatri, il nostro è ancora casa di polvere e piccioni.
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    I risultati
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    Con il carro “Con la testa piena” ha proposto il tema del carnevale come grande contenitore di idee, fantasia e poesia, omaggiando Jacques Tati, Giulio Cesare Croce, Bertoldo
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    L'iniziativa
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    La trasmissione con protagonisti questi abitanti della Bassa modenese è andata in onda sabato sera
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    L'iniziativa
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    Si trova proprio a fianco al laboratorio dell’omonima sartoria circolare
    Aziende e territorio
    A Sanremo i vestiti di Mahmood sono made in Concordia, firmati Rick Owens
    Il made in Italy, del resto, non è solo un marchio, ma un patrimonio di conoscenze e saper fare che si trova solo da qualche parte, non è diffuso e globalizzato.
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    L'iniziativa
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    Durante il Terzo Tempo del post match di Irlanda-Italia Under 20. Ascari, classe 2004, ha lasciato a bocca aperta compagni e avversari con una performance canora
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Animali
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Oipa: "Chiedere l'obbligo anche per gatti e furetti".
    Farine di insetti e vaccino anti-Covid nei prodotti Rainforest Alliance? E' una bufala
    Curiosità
    Farine di insetti e vaccino anti-Covid nei prodotti Rainforest Alliance? E' una bufala
    Il logo dell'organizzazione- applicato su alcuni alimenti in vendita al supermercato- è stato protagonista in questi giorni di numerosi commenti e teorie complottiste sui social media.
    Dalla pizzeria di Mirandola a Sanremo, Antonio e Gennaro sbarcano in Riviera per far le pizze ai Vip
    La storia
    Dalla pizzeria di Mirandola a Sanremo, Antonio e Gennaro sbarcano in Riviera per far le pizze ai Vip
    Dalla pizzeria gourmet Totò e Peppino di via Favorita i ventenni Antonio Cerbone e Gennaro Maiello sbarcano in Riviera
    Giornata dei calzini spaiati, i bimbi del Rivara portano sul campo di calcio il messaggio di diversità, inclusività e rispetto reciproco
    L'iniziativa
    Giornata dei calzini spaiati, i bimbi del Rivara portano sul campo di calcio il messaggio di diversità, inclusività e rispetto reciproco
    Con l'hashtag #ladifferenzalafacciamoinsieme, Csi Modena ha promosso l'iniziativa.

    chiudi