Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
04 Luglio 2022

Terremoto 2012, le proposte delle associazioni di categoria a 10 anni dal sisma

CNA, Galavotti: “Snellire le procedure burocratiche”, Luppi, Lapam: “Il comparto edile sta soffrendo, accelerare la ricostruzione dei luoghi di socialità”, Calanca, Confesercenti: “Occorrono interventi per rivitalizzare i centri storici”, Leone, Confcommercio: “Aiutare il settore ricettivo e dei pubblici esercizi”.

Sono queste alcune delle proposte avanzate dai rappresentati delle associazioni di categoria del territorio che giovedì 26 maggio, a Mirandola, si sono confrontati con le istituzioni. “2012-2022: l’economia non trema: la situazione delle imprese a dieci anni dal sisma”, questo il titolo della tavola rotonda alla quale hanno partecipato anche le autorità locali, esponenti della Regione e dell’Unione dei Comuni dell’Area Nord, anche patrocinatori dell’iniziativa.  Burocrazia, stato attuale della ricostruzione, situazione dei centri storici e promozione della rete commerciale dei centri, ecco i temi al centro degli interventi di rappresentanti delle associazioni, riportati di seguito.

“Tantissime cose sono state fatte dal 2012. Credo che, dal punto di vista della ricostruzione – afferma Cesare Galavotti, presidente CNA Area Nord – l’esperienza maturata su questo territorio possa rappresentare un esempio virtuoso. Ciò non toglie che rimangano questioni aperte sul tavolo della ricostruzione, ad esempio quelle relative al rallentamento che stanno subendo i cantieri, con un danno rilevante per l’economia e per l’intera comunità. Il contesto economico, fatto di prezzi in costante crescita, di difficoltà di approvigionamento determinato dai diversi bonus edilizi, e dal generale clima di incertezza, ci spinge a richiedere una proroga generale dei tempi ed uno snellimento delle procedure sia delle pratiche Mude che di quelle Sfinge. Tante imprese, infatti, non presentano i saldi finali per evitare la chiusura in perdita dei cantieri. Ma ciò significa non avere la liquidità necessaria per continuare l’attività. Ciò significa che sono davvero più numerose di quanto si pensi le aziende del settore che potrebbero essere costrette a chiudere. Per ridurre i tempi dei cantieri serve anche prevedere corsie preferenziali rispetto a richieste di documenti spesso incomprensibili, in quanto giù in possesso dei diversi enti pubblici incapaci di scambiarsi informazioni tra di loro, e risolvere paradossi normativi, con quelli che regolano l’installazione di pannelli fotovoltaici su edifici storici”.

“Una nostra recente fotografia del tessuto economico – afferma Gilberto Luppi, presidente generale Lapam Confartigianato – dice che al 31 marzo 2022 sono 7.766 le imprese attive nell’Unione Comuni Modenesi Area Nord, con un calo nei dieci anni 2012-2022 di 945 imprese, il 10.8%. Non è qui il caso di analizzare nel dettaglio, tuttavia rileviamo che purtroppo dopo la crisi del 2008 che aveva già visto una perdita di imprese, il terremoto ha accelerato un trend che poi è stato confermato negli anni successivi in modo più generalizzato. Le micro e piccole imprese hanno reagito fondando principalmente la loro resilienza e ripresa su valori morali straordinari, innescando circuiti solidali incredibili, come la temporanea cessione di commesse e ordini ad imprese concorrenti. Ora ci pare che, se da un lato il sistema produttivo è ripartito, dall’altro, il comparto edile, già protagonista della ricostruzione, stia ora soffrendo. Paradossalmente, non per mancanza di lavoro, ma per mancanza di liquidità e per la complessità delle procedure, siano esse riferite alla ricostruzione, che ai bonus fiscali e relativa cessione del credito. Infine occorre accelerare sul restauro di chiese, municipi, castelli, teatri… elementi fondamentali di socializzazione e di identità dell’intera comunità locale che necessitano di uno sforzo straordinario”.

“A dieci anni di distanza dal sisma la situazione, per quello che riguarda le attività di commercio, servizi e pubblici esercizi – afferma Mario Calanca, componente Presidenza Provinciale Confesercenti – pur migliorata, rimane critica. Le cause sono da ricondurre alle tempistiche della ricostruzione: se la parte privata è di fatto quasi conclusa, il recupero degli immobili pubblici procede a rilento, andando a incidere sulla ricostruzione della rete commerciale del centro storico. Proponiamo interventi sulla fiscalità locale e sulla promozione, azioni sui regolamenti della tassa rifiuti per scongiurare incrementi a carico delle imprese – con riduzioni per le attività che hanno subito significative perdite di fatturato – ed esonero per tutto il 2022 dalla Tosap. Per consentire la diminuzione dei canoni di affitto dei negozi di vicinato, viene richiesta una riduzione dell’IMU a favore dei proprietari che locano negozi/laboratori in centro. Inoltre, la rivitalizzazione dei centri storici può essere favorita da una maggior presenza delle botteghe, valorizzando i prodotti IGP e DOP del territorio e incentivando i centri storici a creare attività rivolte alle nuove generazioni. Anche il mercato ambulante, contribuendo alla socialità e all’identità della comunità, dovrebbe prevedere migliorie dei posteggi e soppressione delle piazzole non assegnate. Infine, si deve intervenire sulla viabilità, sia interna che periferica, per contribuire allo sviluppo delle imprese e delle attività commerciali dei paesi del cratere”.

“I bandi di ripopolamento e rivitalizzazione dei centri storici del cratere – afferma Tommaso Leone, presidente provinciale Confcommercio Modena – messi in campo dalla Regione hanno consentito alle imprese di sviluppare investimenti di oltre 80 milioni di euro: si tratta di un percorso positivo per il consolidamento e anche per la nascita di nuove imprese, che va proseguito. Oggi però facciamo i conti con diverse imprese, in particolare del terziario, così colpito dal Covid e poi dal caro energia e materie prime accentuato del conflitto in Ucraina, che non riescono a rialzare la testa come vorrebbero e che hanno bisogno di ossigeno finanziario. Ci sono, dal nostro punto di vista, alcune misure da mettere in campo con urgenza: istituzione di un plafond per pacchetti di finanziamenti agevolati con dimezzamento del merito creditizio attraverso il Confidi (con costi finanziati dalla Regione); individuazione di contributi per interventi su capannoni rivolti alla loro riqualificazione strutturale ed aziendale; predisposizione di bandi per altre attività del territorio, sulla falsa riga di quanto avvenuto per le imprese del centro storico, con l’obiettivo di scongiurare fenomeni di desertificazione e dequalificazione. Occorre soprattutto aiutare il settore ricettivo e dei pubblici esercizi, uno dei più penalizzati in questo ultimo periodo: la crescita della loro qualità contribuirebbe al miglioramento dell’accoglienza turistica”.

associazioni sisma

LEGGI ANCHE:

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“E adesso un libro: rubrica di libri”. Lezioni di chimica di Bonnie Garmus
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Tutta la stanchezza del mondo di Enrica Tesio
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere dell'albicocca
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del miele
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDa Novi al Sudafrica: le macchine agricole di Andreoli Engineering fanno il giro del mondo
    • WatchTante e belle motociclette domenica a Mirandola.
    • WatchA spasso nel bosco di San Felice sul Panaro

    La buona notizia

    Rimosse auto abbandonate a Bomporto e Nonantola
    Gli agenti di Polizia Locale Unione del Sorbara sabato hanno restituito decoro a due aree pubbliche[...]
    Tiroide ed eventuali nodi ora si vedono in 3 dimensioni in ospedale a Carpi
    Il software ad elevata tecnologia è stato donato dall’Associazione Pazienti Tiroidei Onlus [...]
    Scompare in Calabria, il liceo di Ancona inonda di cartoline il suo paese per rompere l'omertà
    I ragazzi e le ragazze anconetane avevano partecipato a un campo di Libera a Crotone e hanno conosciuto la mamma del giovane 19enne di cui non si hanno notizie da 9 anni: lupara bianca[...]

    Curiosità

    Italia Gioca, San Prospero sbaraglia tutti e vince la sesta edizione
    Italia Gioca, San Prospero sbaraglia tutti e vince la sesta edizione
    Alla manifestazione hanno partecipato 14 squadre provenienti da 13 regioni Italiane[...]
    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    Su invito della sindaca il Nucleo Cinofili Carabinieri di Bologna ha effettuato una dimostrazione pratica che ha suscitato tanto entusiasmo e curiosità[...]
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Dottorandi ed aziende del biomedicale cercano il loro matching professionale[...]
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monari[...]
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    Il tema del 2023 sarà "Il tempo di prenderci cura"[...]
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense torna in centro storico dopo due anni di pandemia. L'allegria e l'entusiasmo dei ragazzi sfilano in corteo insieme alle cerchie[...]
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Eugenio Gagliardelli, a.d. della ceramica Opera di Camposanto, porta nella Bassa la frutta della sua azienda agricola di Maranello. Il ricavato va in beneficienza[...]
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.[...]
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    Almeno per un pomeriggio, un centinaio di sanfeliciani di tutte le età ha potuto riscoprilo: grazie all'accordo tra azienda agricola Mediplants e Comune, è stato reso di nuovo accessibile. [...]
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Prima il padre poi la madre oppure viceversa, lo decidono i genitori[...]
    • malaguti