Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
22 Ottobre 2021

Siulp: “Tante belle parole, ma si rafforza il concetto di impunità in chi delinque”

Una nota da parte della Segreteria Sindacale di Modena del Sindacato italiano unitario lavoratori polizia, che sottolinea la necessità di rivedere determinate procedure per una maggiore garanzia della vittima e una maggiore certezza della pena:

Molti di noi del Siulp, hanno i capelli bianchi che stanno a segnalare memoria storica per ciò che era Modena 15 o 20 anni fa, riguardo la sicurezza e la criminalità, in determinate zone della città, oppure in alcune località di questa provincia.

Oggi, quando leggiamo e verifichiamo direttamente che alcuni problemi sono catalogabili esclusivamente come “degrado”, non possiamo non far notare che questa realtà, seppur spiacevole, non è affatto competenza della Polizia di Stato, ma di altri enti e organi, che sono deputati al mantenimento del benessere e della vivibilità di paesi, quartieri e città.

Il degrado non è un reato, rassegnatevi.

È un indice di vivibilità, è il sintomo di un malessere, è l’indicatore di come talune zone reagiscono o meno di fronte a realtà consolidate che solo gli stolti possono far finta di non vedere, ma di sicuro non è un reato.

I reati sono altra cosa: sono previsti dal Codice Penale e da leggi dello Stato e prevedono procedure applicative e sanzioni ben precise: questo è di certo un dovere della Polizia di Stato, che ha fra i suoi compiti statutari quello di far rispettare leggi e regolamenti, perseguendo i trasgressori.

Se però nel tempo molte leggi, non certo per responsabilità della Polizia di Stato, sono state talmente diluite e rese assolutamente inefficaci dal legislatore, non si può certo pretendere che i poliziotti decidano arbitrariamente su cosa fare a chi delinque e quale pena applicare.

Sono anni e anni che chiediamo certezza della pena e cosa abbiamo ottenuto?

Che le leggi sono sempre più garantiste e permissive, che le vittime non sono affatto tutelate e che gli strumenti per noi – che con chi delinque ci confrontiamo vis a vis – sono sempre più scarsi e inefficaci.

Volete che chi delinque e commette reati vada in carcere?

Innanzitutto, non dovete chiedere sforzi straordinari alla Polizia, perché a Modena e provincia non è possibile spremere più di cosi il personale, perché aggiungere straordinario allo straordinario significa da una parte mortificare chi veste la divisa e, dall’altra, rafforzare il concetto d’impunità in chi delinque.

Tra l’altro in un periodo di emergenza sanitaria che, come le cronache giornaliere riportano, contano vittime, o contagiati, o positivi nelle file delle forze dell’ordine costringendo alla “quarantena” ovvero alla sospensione dal servizio di intere squadre o uffici di Polizia.

Causa anche della scarsa attenzione che il Ministero riserva alla prevenzione e tutela sanitaria dei poliziotti che, come a Modena, non dispongono di termoscanner portatili o di un  protocollo ufficiale da attivare in caso di contatto con persona sospetto positiva o malata.

Scaricando la responsabilità sui capoufficio o capoturno che, nel caso, sulla base delle proprie esperienze, adottano procedure dettate dal buon senso del buon padre di famiglia, senza avere però, competenze sanitarie.  

In secondo luogo, cambiate le leggi affinché chi commette un reato sia chiamato a risponderne, ma non fra 3 o 4 anni, con la condizionale e una multa che non pagherà: deve risponderne subito, con una pena commisurata e soprattutto, per certi tipi di reato, risarcendo la vittima!

Rivediamo le procedure per i delinquenti abituali e per i pluripregiudicati e facciamo rifondere il danno a chi ha subito un furto, una rapina, lesioni eccetera.

Inoltre, è fondamentale che questo territorio abbia un organico commisurato al potenziale espresso: questa è una provincia d’eccellenza, che esprime iniziativa, capacità imprenditoriale, forza lavoro e soprattutto paga tante, tantissime tasse.

Perché mai deve continuare ad essere considerato un territorio di serie C, quando invece si esprime e vive a pieno titolo come una serie A?

I problemi di sicurezza e di legalità non si risolvono di certo soltanto con organici massicci, questo è vero, ma dall’avere un organico adeguato a vivere la realtà attuale, non solo per Modena, c’è una differenza abissale.

Noi non possiamo fare più di quel che facciamo, ecco perché vorremmo più onestà intellettuale e soprattutto più fatti concreti, anziché belle parole e dichiarazione d’intenti che, per quel che vediamo, cercano di scrollare alcune pesanti responsabilità addossandole esclusivamente alla Polizia di Stato.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola, “Tutto Finto Tutto Vero” ecco la nuova stagione dell'Auditorium Montalcini
    Un invito rivolto a tutti gli spettatori per condividere nuovamente un rito collettivo che oggi può ritornare ad essere vissuto dal vivo e in sicurezza.[...]
    Psicologo e psichiatra, martedì un Open Day virtuale e gratuito aperto a tutti nell'ambito di Màt
    Un evento a cura Dipartimento Salute Mentale di Modena con lo scopo di fornire chiarimenti, indicazioni, pareri e consulti relativi alla salute mentale adulti.[...]

    Curiosità

    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    L'arrivo della coppia ha destato la curiosità dei presenti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini che, sulla sua pagina Facebook, ha postato la postato la foto della coppia.[...]
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Denunciato anche l'organizzatore, che ha guadagnato circa mezzo milione di euro dal 2017 al 2020[...]
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Il lungometraggio, girato in Emilia-Romagna, lancia un messaggio chiaro: si può essere felici con lo sport, la natura e la compagnia. A prescindere dalle proprie capacità.[...]
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    "On Planet 9" è il progetto creato dalla Pizzetti e altre quattro dottorande: le cinque giovani studiano astrofisica alla Clemson University, nella Carolina del sud.[...]