Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Contributi per conciliare meglio il lavoro con la vita

Un orario rigido che diventa flessibile e compatibile con le esigenze personali oppure la possibilità di allestire una postazione di lavoro a casa propria per gestire meglio il tempo e anche l’attuazione massiccia dello smart working per i dipendenti come parte di un progetto più ampio di riorganizzazione aziendale centrato sugli obiettivi e non più sugli orari. Sono alcune delle innovazioni lavorative che possono facilitare la vita soprattutto delle donne e delle famiglie rese possibili grazie ai contributi erogati dal Comune di Modena attraverso il bando “Senza chiedere permesso”. Il bando, aperto lo scorso gennaio, ha finanziato con un fondo di 40 mila euro nove progetti (sui 12 presentati) di aziende, associazioni e libere professioniste modenesi.

“Senza chiedere permesso” si è concluso formalmente giovedì 10 settembre, in Municipio, con la consegna simbolica di un attestato di partecipazione da parte dell’assessora alle Pari opportunità Grazia Baracchi ai rappresentanti delle aziende che hanno ottenuto il finanziamento con progetti che, come ha sottolineato l’assessora, avranno ricadute positive non solo sull’impresa ma anche sulla comunità e che danno risposte a necessità che il lockdown ha messo in evidenza ma che esistevano da tempo.

Il bando prevedeva tre linee di intervento: una rivolta alle aziende per attivare nuove soluzioni organizzative a favore dei propri dipendenti; una seconda rivolta a liberi professionisti e micro imprese; una terza a imprese e organizzazioni per avviare servizi innovativi a favore della conciliazione.

Nell’ambito della prima linea di intervento, sono quattro le aziende che hanno ricevuto un contributo: Sixtema Spa che ha elaborato un progetto di supporto alle famiglie attraverso permessi dedicati e smart working; l’introduzione di benefit flessibili e formazione; Hansa Tmp che ha previsto di dedicare una persona all’organizzazione di servizi per il personale, di attivare lo smart working e di riorganizzare il settore commerciale in modo più funzionale alla conciliazione; la cooperativa La Lumaca per l’implementazione dello smart working e studi per la redazione di piani di welfare aziendale; la società Pergolesi sport per la previsione di miglior accesso a permessi e flessibilità oraria, percorsi di aggiornamento e benefit.

Anche nella seconda linea di intervento, dedicata a liberi professionisti e micro imprese, sono quattro i progetti che hanno ricevuto il finanziamento: tre proposti da libere professioniste, la commercialista Silvia Medici e l’avvocata Lucia Beneventi, e dalla micro impresa Serendipity per l’acquisto della strumentazione necessaria a spostare una parte del lavoro a casa in modo da prendersi cura della famiglia, e uno da Lega coop per azioni di formazione sullo smart working da erogare alle piccole aziende associate.

Nella terza linea di intervento è stato finanziato il progetto proposto dall’associazione Aut Aut per lo sviluppo dell’applicazione “Agenda Aut Aut” per rispondere ai bisogni specifici di una mamma che lavora mettendo in fila gli impegni sociosanitari del figlio, creando una galleria di flash card (immagini necessarie alle persone autistiche per agire in modo autonomo) e una banca del tempo tra famiglie e volontari.

“Senza chiedere permesso” è stato elaborato dall’assessorato alle Pari opportunità, dopo una condivisione con le associazioni di categoria, la Cpo, i sindacati e Unimore, partendo dalla constatazione che molte aziende faticano ad applicare gli istituti di conciliazione che già esistono, e che tutto il mondo libero-professionale di fatto ne è escluso e con il convincimento che, invece, un maggior benessere di lavoratrici e lavoratori aumenta la produttività e si trasforma in una migliore performance dell’azienda.

Il progetto ha ottenuto nell’autunno 2019 un contributo di 32 mila euro nell’ambito del bando regionale per sostenere la parità delle donne nella vita economica (ai quali l’amministrazione ha aggiunto ottomila euro di fondi propri per un totale di 40 mila euro disponibili) e coinvolge una rete di organismi rappresentativi delle realtà imprenditoriali e del lavoro locale per sviluppare azioni concrete che migliorino le condizioni di lavoro all’interno delle imprese e offrano opportunità di conciliazione anche alle libere professioniste e alle micro imprese. Partner del progetto, insieme al Comune, sono il Comitato imprenditoria femminile della Camera di commercio, il Centro di ricerca su discriminazione e vulnerabilità di Unimore, Cgil-Cisl e Uil, Cna Modena, Ewmd (European women’s management development international network), Lapam Confartigianato donne imprese, Confcommercio Modena, Confesercenti Modena, Centro documentazione donna, Formodena, Commissione pari opportunità del Cup (Comitato unitario permanente degli ordini e collegi professionali).

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Internet casa, nel 2021 prezzi ancora più giù: promozioni sotto i 24 euro mensili
    I dati del nuovo Osservatorio di SOStariffe.it sui costi medi delle offerte Internet casa [...]
    Mirandola, Cavezzo, Concordia: 25 concerti per un'estate piena di musica
    Il calendario completo dei concerti da giugno a settembre in tutta l’Area Nord di Modena[...]
    Finale Emilia, nuovo attraversamento pedonale in via Seminario
    L’inizio dei lavori non è stato ancora comunicato, ma l'intervento richiederà momentanee modifiche della circolazione nel tratto interessato.[...]

    Curiosità

    TedX Mirandola, intervista a Alessia Cavazza: “Il mio obiettivo? Studiare le malattie pediatriche rare, per dare speranza di vita"
    TedX Mirandola, intervista a Alessia Cavazza: “Il mio obiettivo? Studiare le malattie pediatriche rare, per dare speranza di vita"
    La studiosa mirandolese è Assistant Professor presso l’University College di Londra, dove dirige presso il Great Ormond Street Children’s Hospital[...]
    Medolla, anche i sassi colorati dai bimbi della materna saranno nascosti in paese
    Medolla, anche i sassi colorati dai bimbi della materna saranno nascosti in paese
    L'idea nasce nell'ambito dell'iniziativa 'Un sasso per un sorriso'[...]
    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Occorre prestare la massima attenzione, bloccare il mittente del messaggio ed eventualmente informare la Polizia postale[...]
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Le precisazioni in merito del sindaco Sandro Palazzi[...]
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati - anche su meteo e condizioni del mare - sono aggiornati ogni 3 ore (ogni 15 minuti per la pioggia), con previsioni fino a 48 ore.[...]
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Giocatori improbabili, una squadra sgangherata e atmosfere della Bassa nel libro [...]
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    Gli alberi sono stati comprati con il ricavato della vendita dei sassi del vecchio ponte di Bomporto[...]
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    o sport che lungo la Via Emilia vanta una solida tradizione, come dimostrano i tanti campioni: dal bolognese Ennio Mattarelli, oro olimpico alle Olimpiadi di Tokio 1964, a Jessica Rossi, campionessa olimpionica a Londra 2012 e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi di Tokyo.[...]