Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
22 Settembre 2021

Il Natale dei commercianti di Modena e provincia: “Vendite in calo, ma reggono bene alimentari e tecnologia”

Vendite in calo anche nella nostra provincia, ma si segnala la tenuta degli alimentari: la maggior parte dei modenesi ha scelto regali mangerecci e prodotti tipici. Stabile anche l’elettronica, con pc e tablet per la DAD in testa. Confesercenti Modena: “Le nuove misure restrittive hanno causato un’ulteriore perdita di incassi per negozi e pubblici esercizi che si stima intorno ai 10 miliardi di euro a livello nazionale”. L’associazione sottolinea anche il rischio di un’emergenza sociale: i “nuovi poveri” sono in aumento: secondo la Caritas modenese si registra un incremento del 10,3% del numero di persone seguite nel 2020 rispetto allo scorso anno

Meno regali sotto l’albero in questo Natale “ognuno a casa sua”. L’esito delle spese natalizie, come previsto, ha risentito delle limitazioni poste allo shopping – negozi e gallerie commerciali chiusi nei giorni cruciali per le vendite e bar e ristoranti chiusi per tutto il periodo – e soprattutto delle difficoltà economiche e delle preoccupazioni per il futuro causate dalla pandemia.
Dalla rilevazione di Confesercenti Modena, che ha intervistato oltre 70 piccole imprese del commercio della provincia, emerge che la tendenza 2020 è quella di indirizzarsi verso regali utili, con una decisa preferenza verso il cibo. Non a caso gran parte dei modenesi ha scelto quest’anno di regalare per le festività i prodotti alimentari tipici per imbandire le tavole di Natale e Capodanno e allietare le serate in casa, scegliendo tra le eccellenze gastronomiche nostrane: tortellini, zampone e aceto balsamico tradizionale di Modena in primis.

“Le nuove misure di restrizione per contenere la pandemia hanno colpito in un momento cruciale, e cioè tra Natale e capodanno, portando a un’ulteriore perdita di incassi  per negozi e pubblici esercizi cha si stima a livello nazionale sui 10 miliardi di euro: 3 miliardi circa in consumi tra bar e ristoranti e 7 miliardi in acquisto di beni e prodotti – sottolinea Marco Poggi, responsabile delle Politiche Associative Confesercenti Modena – queste misure hanno portato  a rischio chiusura oltre 150 mila imprese in tutta Italia  (80 mila del commercio e 70mila del turismo) con una perdita di circa 450.000  di posti di lavoro. Il rischio concreto è che interi settori vengano sacrificati pur avendo già investito e adeguato le attività ai protocolli di sicurezza”.

A fronte di questo scenario preoccupante si continuano a enfatizzare le file dello shopping nei centri storici, ma non vengono evidenziate con altrattanta enfasi  le file delle persone che hanno perso il lavoro e si incolonnano per ottenere un pasto caldo nei centri del volontariato. I nuovi poveri che nel 2020 si sono presentati per la prima volta ai centri di ascolto Caritas sono passati dal 31% al 45%: significa che quasi una persona su due che si rivolge alla Caritas non si era mai vista. Un tendenza che si riflette anche nei dati locali, in linea con quelli nazionali: da marzo a novembre 2020 gli accessi alle Caritas modenesi sono aumentati del 10,27%, con un incremento di 124 nuovi nuclei famigliari seguiti (da 1.207 a 1.331 nuclei, per un totale di 4.796 persone)*“Fra i nuovi poveri nel Natale al tempo del Covid ci sono anche coloro che hanno perso il lavoro – attività costrette a chiudere e partite iva che hanno cessato l’attività – oltre a persone che non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid. Persone e famiglie che mai prima d’ora avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche”.

Il bilancio delle vendite di Natale di Confesercenti Modena: i dati
Confesercenti Modena è riuscita a scattare una fotografia della situazione vendite già questa mattina, subito dopo il lungo fine settimana di Natale, intervistando oltre 70 piccole imprese del commercio di tutta la provincia. Coinvolti i settori che di norma sono maggiormente interessati dalle vendite natalizie: alimentari, ristorazione, abbigliamento, profumeria, elettronica, giocattoli.
Come già sottolineato è stato un Natale anomalo, all’insegna della sobrietà, in cui i modenesi hanno puntato sul cibo e sulla tecnologia: nel settore alimentare e quello dell’elettronica, infatti, le vendite risultano stabili o addirittura in leggero rialzo rispetto allo scorso anno. A imporsi, dunque, è stato il desiderio di trattarsi bene a tavola, scegliendo tra le eccellenze gastronomiche nostrane, e la scelta di investire su pc portatili e tablet, utili per la didattica a distanza, ma anche su elettrodomestici di lunga durata come lavatrici, frigoriferi o dispositivi per rendere i televisori più “smart”: tendenze che indicano come la casa ora venga vissuta maggiormente.

A soffrire di più è il settore della ristorazione: ristoranti, pizzerie, bar sono stati fortemente penalizzati delle misure restrittive su giorni e orari di apertura e la flessione arriva al 60%; le strutture che sono state in grado di organizzarsi per l’asporto hanno ammortizzato leggermente le perdite, pur non arrivando a coprire i costi. Questa situazione si aggrava nei comuni dell’appennino, dove ha inciso la mancata riapertura degli impianti sciistici e dunque l’afflusso turistico: uno scenario che rimane tuttora incerto.

Un altro settore in forte calo (-30%) è quello dell’abbigliamento, dove però regge l’abbigliamento per bambini: i commercianti evidenziano che la contrazione delle vendite ha interessato soprattutto i capi più costosi (capi spalla, maglioni) e a questi ultimi si sono preferiti prodotti più economici come sciarpe e guanti. Tendenza simile, volta cioè al contenimento della spesa, si ritrova in profumeria (-20%) dove l’attenzione si è concentrata verso prodotti di fascia medio bassa (bagnoschiuma, deodoranti, piccole confezioni regalo sono stati preferiti ai profumi). Comportamento che si ripete quando si entra in gioielleria (-40%): all’oro e alle pietre più costose si preferiscono oggetti in argento e di bigiotteria, agli orologi di marchi esclusivi, proposte legate alle tendenze della moda caratterizzate da prezzi decisamente più accessibili.
Tra i negozi più penalizzati ci sono quelli all’interno delle gallerie commerciali, segnati da lunghi periodi di chiusura proprio nelle giornate clou dello shopping natalizio.
Da segnalare che, tra le attività in sofferenza, chi è riuscito a organizzarsi con strumenti digitali per la vendita ha retto meglio alle chiusure forzate, così come i negozi che sono stati in grado di attrezzarsi per le consegne a domicilio: servizi, questi, che hanno riscontrato l’apprezzamento dei clienti.

*Dati della Caritas Diocesana modenese, raccolti nella relazione pubblicata il 7 dicembre scorso.
Link diretto ai dati: https://www.caritas.mo.it/2020/12/07/covid-cosi-crescono-le-poverta-a-modena/

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchNuovo Pronto Soccorso di Mirandola, intervista al dottor Stefano Toscani
    • WatchFinale Emilia, saluto del consiglio comunale al luogotenente Cappello
    • WatchLa Bike Map delle Ciclovie nella Bassa Modenese

    La buona notizia

    Centro anziani, riprende l'attività in presenza a Camposanto
    Commenta la sindaca: "Sappiamo tutti quanto questi eventi siano utili per aggregare, a miglioramento della vita ed a smantellamento della solitudine, amplificata anche dalla pandemia"[...]
    Bomporto, la biblioteca Tolkien "si rifà il look"
    Nuove proposte artistiche e iniziative culturali, scelte attraverso una procedura a evidenza pubblica, da Enti del Terzo Settore, cooperative e ditte specializzate.[...]

    Curiosità

    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    35mila gli studenti in tutto il modenese, 70 le nuove aule a disposizione.[...]