Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Il Natale dei commercianti di Modena e provincia: “Vendite in calo, ma reggono bene alimentari e tecnologia”

Vendite in calo anche nella nostra provincia, ma si segnala la tenuta degli alimentari: la maggior parte dei modenesi ha scelto regali mangerecci e prodotti tipici. Stabile anche l’elettronica, con pc e tablet per la DAD in testa. Confesercenti Modena: “Le nuove misure restrittive hanno causato un’ulteriore perdita di incassi per negozi e pubblici esercizi che si stima intorno ai 10 miliardi di euro a livello nazionale”. L’associazione sottolinea anche il rischio di un’emergenza sociale: i “nuovi poveri” sono in aumento: secondo la Caritas modenese si registra un incremento del 10,3% del numero di persone seguite nel 2020 rispetto allo scorso anno

Meno regali sotto l’albero in questo Natale “ognuno a casa sua”. L’esito delle spese natalizie, come previsto, ha risentito delle limitazioni poste allo shopping – negozi e gallerie commerciali chiusi nei giorni cruciali per le vendite e bar e ristoranti chiusi per tutto il periodo – e soprattutto delle difficoltà economiche e delle preoccupazioni per il futuro causate dalla pandemia.
Dalla rilevazione di Confesercenti Modena, che ha intervistato oltre 70 piccole imprese del commercio della provincia, emerge che la tendenza 2020 è quella di indirizzarsi verso regali utili, con una decisa preferenza verso il cibo. Non a caso gran parte dei modenesi ha scelto quest’anno di regalare per le festività i prodotti alimentari tipici per imbandire le tavole di Natale e Capodanno e allietare le serate in casa, scegliendo tra le eccellenze gastronomiche nostrane: tortellini, zampone e aceto balsamico tradizionale di Modena in primis.

“Le nuove misure di restrizione per contenere la pandemia hanno colpito in un momento cruciale, e cioè tra Natale e capodanno, portando a un’ulteriore perdita di incassi  per negozi e pubblici esercizi cha si stima a livello nazionale sui 10 miliardi di euro: 3 miliardi circa in consumi tra bar e ristoranti e 7 miliardi in acquisto di beni e prodotti – sottolinea Marco Poggi, responsabile delle Politiche Associative Confesercenti Modena – queste misure hanno portato  a rischio chiusura oltre 150 mila imprese in tutta Italia  (80 mila del commercio e 70mila del turismo) con una perdita di circa 450.000  di posti di lavoro. Il rischio concreto è che interi settori vengano sacrificati pur avendo già investito e adeguato le attività ai protocolli di sicurezza”.

A fronte di questo scenario preoccupante si continuano a enfatizzare le file dello shopping nei centri storici, ma non vengono evidenziate con altrattanta enfasi  le file delle persone che hanno perso il lavoro e si incolonnano per ottenere un pasto caldo nei centri del volontariato. I nuovi poveri che nel 2020 si sono presentati per la prima volta ai centri di ascolto Caritas sono passati dal 31% al 45%: significa che quasi una persona su due che si rivolge alla Caritas non si era mai vista. Un tendenza che si riflette anche nei dati locali, in linea con quelli nazionali: da marzo a novembre 2020 gli accessi alle Caritas modenesi sono aumentati del 10,27%, con un incremento di 124 nuovi nuclei famigliari seguiti (da 1.207 a 1.331 nuclei, per un totale di 4.796 persone)*“Fra i nuovi poveri nel Natale al tempo del Covid ci sono anche coloro che hanno perso il lavoro – attività costrette a chiudere e partite iva che hanno cessato l’attività – oltre a persone che non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid. Persone e famiglie che mai prima d’ora avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche”.

Il bilancio delle vendite di Natale di Confesercenti Modena: i dati
Confesercenti Modena è riuscita a scattare una fotografia della situazione vendite già questa mattina, subito dopo il lungo fine settimana di Natale, intervistando oltre 70 piccole imprese del commercio di tutta la provincia. Coinvolti i settori che di norma sono maggiormente interessati dalle vendite natalizie: alimentari, ristorazione, abbigliamento, profumeria, elettronica, giocattoli.
Come già sottolineato è stato un Natale anomalo, all’insegna della sobrietà, in cui i modenesi hanno puntato sul cibo e sulla tecnologia: nel settore alimentare e quello dell’elettronica, infatti, le vendite risultano stabili o addirittura in leggero rialzo rispetto allo scorso anno. A imporsi, dunque, è stato il desiderio di trattarsi bene a tavola, scegliendo tra le eccellenze gastronomiche nostrane, e la scelta di investire su pc portatili e tablet, utili per la didattica a distanza, ma anche su elettrodomestici di lunga durata come lavatrici, frigoriferi o dispositivi per rendere i televisori più “smart”: tendenze che indicano come la casa ora venga vissuta maggiormente.

A soffrire di più è il settore della ristorazione: ristoranti, pizzerie, bar sono stati fortemente penalizzati delle misure restrittive su giorni e orari di apertura e la flessione arriva al 60%; le strutture che sono state in grado di organizzarsi per l’asporto hanno ammortizzato leggermente le perdite, pur non arrivando a coprire i costi. Questa situazione si aggrava nei comuni dell’appennino, dove ha inciso la mancata riapertura degli impianti sciistici e dunque l’afflusso turistico: uno scenario che rimane tuttora incerto.

Un altro settore in forte calo (-30%) è quello dell’abbigliamento, dove però regge l’abbigliamento per bambini: i commercianti evidenziano che la contrazione delle vendite ha interessato soprattutto i capi più costosi (capi spalla, maglioni) e a questi ultimi si sono preferiti prodotti più economici come sciarpe e guanti. Tendenza simile, volta cioè al contenimento della spesa, si ritrova in profumeria (-20%) dove l’attenzione si è concentrata verso prodotti di fascia medio bassa (bagnoschiuma, deodoranti, piccole confezioni regalo sono stati preferiti ai profumi). Comportamento che si ripete quando si entra in gioielleria (-40%): all’oro e alle pietre più costose si preferiscono oggetti in argento e di bigiotteria, agli orologi di marchi esclusivi, proposte legate alle tendenze della moda caratterizzate da prezzi decisamente più accessibili.
Tra i negozi più penalizzati ci sono quelli all’interno delle gallerie commerciali, segnati da lunghi periodi di chiusura proprio nelle giornate clou dello shopping natalizio.
Da segnalare che, tra le attività in sofferenza, chi è riuscito a organizzarsi con strumenti digitali per la vendita ha retto meglio alle chiusure forzate, così come i negozi che sono stati in grado di attrezzarsi per le consegne a domicilio: servizi, questi, che hanno riscontrato l’apprezzamento dei clienti.

*Dati della Caritas Diocesana modenese, raccolti nella relazione pubblicata il 7 dicembre scorso.
Link diretto ai dati: https://www.caritas.mo.it/2020/12/07/covid-cosi-crescono-le-poverta-a-modena/

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Era una "tenerina" portata a casa di amici per festeggiare il Capodanno[...]