Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
19 Settembre 2021

“Tre passi”, un progetto per dare voce alle persone con disabilità

“Tre passi” è il nome di un importante progetto promosso da numerosi soggetti, pubblici e privati, che si propone di facilitare la comunicazione delle persone con disabilità senza linguaggio verbale. Protagonisti l’ASP Charitas di Modena con Unimore, l’Associazione Controvento e la Cooperativa Sociale Progetto Crescere, con il sostegno finanziario di Associazione Futuro di Modena e della Fondazione Manodori di Reggio Emilia che, grazie alla loro determinazione, hanno continuato le attività previste anche in tempo di pandemia.

Da Reggio Emilia una sfida: permettere a persone prive di linguaggio verbale di comunicare i propri desideri e i propri vissuti, pur in presenza di una condizione fortemente deficitaria.

Questo l’obiettivo di un progetto sperimentale “Tre Passi” di ASP Charitas di ModenaUniversità di Modena e Reggio EmiliaAssociazione Controvento e Cooperativa Sociale Progetto Crescere, realizzato con il sostegno finanziario di Associazione Futuro di Modena e della Fondazione Manodori di Reggio Emilia.

Iniziato nel marzo 2020, si ripromette di accertare la possibilità di utilizzare tecniche di Comunicazione Aumentativa Alternativa con le persone residenti, prive di linguaggio verbale, le quali costituiscono l’80% degli ospiti dell’ASP Charitas.

La sperimentazione prevede tre fasi: una prima fase coinvolge un gruppo ristretto di utenti per mettere a punto i metodi sia di valutazione sia di effettiva applicazione delle tecniche di Comunicazione Aumentativa Alternativa; una seconda fase è dedicata alla disseminazione delle conoscenze tra tutto il personale; una terza fase alla messa a disposizione delle competenze acquisite a persone con disabilità non residenti.

A distanza di mesi dall’inizio della sperimentazione è stato fatto un primo rendiconto periodico delle attività di valutazione svolte e, soprattutto, è proseguita l’attività di formazione del personale e di insegnamento delle tecniche che, nonostante il periodo di pandemia, si sono potute tenere attingendo alla formazione a distanza.

In pochi mesi la determinazione dei promotori, dunque, ha consentito di superare i problemi organizzativi imposti dalla pandemia, così da permettere la prosecuzione della ricerca che appare – fin da ora – molto promettente di significati per gli ospiti coinvolti.

I destinatari dell’intervento sono stati inizialmente 50 ospiti dell’Asp Charitas, come gruppo sperimentale della ricerca, al fine di poter poi implementare tutte le attività anche ai restanti degenti della residenza. “La Comunicazione Aumentativa e Alternativa – sottolinea il Presidente dell’ASP Charitas, Mauro Rebecchi – rappresenta un’area della pratica clinica che cerca di compensare la disabilità temporanea o permanente di persone con bisogni comunicativi complessi. Utilizza tutte le competenze comunicative della persona, includendo le vocalizzazioni o il linguaggio verbale esistente, i gesti, i segni, la comunicazione con ausili e la tecnologia avanzata.

La finalità di questo progetto sperimentale non è semplicemente di applicare una tecnica riabilitativa, ma di costruire un sistema flessibile su misura per ogni persona, da promuovere in tutti i momenti e luoghi della vita, poiché la comunicazione è per ognuno necessaria e indispensabile, non solo nella stanza di terapia. Una risposta personalizzata darà modo agli utenti della residenza di comunicare meglio e, di conseguenza, di migliorare la qualità della propria vita oltre che degli altri ospiti, dei familiari e del personale dell’ASP Charitas.

Le attività previste si suddividono, come suggerisce il nome del progetto, in tre passi.

Il primo riguarda la ricerca, il secondo passo quello dell’indagine sulle abilità comunicative degli ospiti e ha a che vedere con la diffusione della conoscenza tecnica nel personale. Infine, l’ultimo step comprende l’attivazione di un centro di consulenza rivolto all’esterno del Centro Charitas.

Il progetto si avvale della collaborazione della Dott.ssa Silvia Gozzi, docente del Master di Comunicazione Aumentativa Alternativa di Unimore.

“Unimore è stata la prima Università ad attivare un Master di questo genere, molto innovativo e impegnativo – afferma la Prof.ssa Elisabetta Genovese, Delegata del Rettore alle Disabilità e i Disturbi Specifici di Apprendimento – realizzato grazie alla partecipazione di alcuni Dipartimenti dell’Ateneo e delle Aziende Sanitarie Locali. L’idea del Master si  fonda su una lunga esperienza nel campo dei disturbi della comunicazione e della disabilità maturate dal nostro Servizio Accoglienza Studenti Disabili o con DSA (Disturbi specifici di apprendimento) ed intende fornire conoscenze sulla comunicazione aumentativa alternativa e su tutti gli ambiti in cui essa può essere applicata, approfondendo i risvolti psicologici dei soggetti interessati e permettendo ad operatori sanitari, ma anche a coloro che lavorano nell’ambito scolastico, di gestire una relazione empatica con essi favorendo l’inclusione sociale, scolastica e lavorativa di queste persone. Oggi stiamo pensando ad una riorganizzazione online del Master per favorire la diffusione delle conoscenze più aggiornate in questo ambito anche in periodo di pandemia”.

Fondamentali ai fini della realizzazione di questa iniziativa “pilota” in Italia i contributi preziosi di Fondazione Manodori e dell’Associazione Futuro, resisi disponibili per un progetto che, attraverso l’impegno di diverse realtà, pubbliche e private, consente di comprendere meglio le esigenze di tante persone in condizioni di fragilità e di dare loro voce.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola diventa "galleria a cielo aperto" tra arte urbana e Divina Commedia
    Percorso di arte urbana ispirato a Dante Alighieri in partenza il 15 settembre.[...]

    Curiosità

    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    35mila gli studenti in tutto il modenese, 70 le nuove aule a disposizione.[...]
    Il campione di canottaggio Abbagnale a Soliera per un tatuaggio olimpico da Alle Tattoo
    Il campione di canottaggio Abbagnale a Soliera per un tatuaggio olimpico da Alle Tattoo
    Non è il primo atleta che ha deciso di tatuarsi un ricordo indelebile di questa meravigliosa olimpiade[...]
    Droni in volo nei cieli di Soliera, ecco perché
    Droni in volo nei cieli di Soliera, ecco perché
    Il territorio comunale di Soliera sarà interessato dal rilievo delle case sparse tramite droni a partire da martedì 7 a sabato 25 settembre.[...]
    Cinema, le produzioni e i protagonisti dell’Emilia-Romagna alla Mostra di Venezia
    Cinema, le produzioni e i protagonisti dell’Emilia-Romagna alla Mostra di Venezia
    In concorso nella sezione Orizzonti un documentario sostenuto dalla Regione[...]
    Concorso "Miss Universe Italy": a San Felice la prima finale regionale
    Concorso "Miss Universe Italy": a San Felice la prima finale regionale
    A presentare l'evento "La strana coppia" di Radio Bruno.[...]