Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
05 Agosto 2021- Aggiornato alle 13:05

Modena, teatro co-intitolato a Mirella Freni: consiglio unanime

MODENA- “Mirella Freni è stata, assieme a Luciano Pavarotti, un’ambasciatrice di Modena nel mondo. Co-intitolandole il Teatro Comunale vogliamo onorarla”. Lo ha affermato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli intervenendo nella seduta di martedì 9 febbraio del Consiglio comunale di Modena, in cui l’Assemblea ha votato all’unanimità la mozione che avvia il percorso finalizzato a dedicare anche al soprano il teatro cittadino.

Convocata a un anno dalla scomparsa dell’artista, alla seduta di commemorazione sono intervenuti, oltre al sindaco e al presidente del Consiglio Fabio Poggi, la figlia di Mirella, Micaela Magiera, il direttore del Teatro Aldo Sisillo e il giornalista Alberto Mattioli, modenese ed esperto del belcanto.

È stato inoltre proiettato un video con immagini storiche sulla vita e i successi di Mirella Freni scelte dai familiari; in particolare, in aula erano presenti anche l’ex marito Leone Magiera, i nipoti Mattia e Gaia Previdi e la sorella Marta Freni.

Nel suo intervento, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha spiegato che “attraverso l’intitolazione del Comunale a Luciano Pavarotti e a Mirella Freni accomuniamo nella storia della città due artisti straordinari, uniti anche da un profondo legame di amicizia e da un autentico rapporto d’amore con Modena”.

Ricordando Mirella Freni, Muzzarelli ha citato l’entusiasmo “che esprimeva nel far conoscere nel mondo il suo amore per Modena e nel passare alle giovani generazioni la passione per il belcanto. Ogni volta mi ricordava l’importanza di trasmettere il talento”.

Esprimendo “un ringraziamento per questo regalo e riconoscimento che la città ha reso a mia madre con la co-intitolazione”, Micaela Magiera ha definito “meraviglioso il fatto che il nome di Mirella Freni sia legato per sempre al monumento cittadino assieme a quello del suo grande amico Luciano”.

“Il soprano – ha aggiunto Magiera- “nel corso della sua carriera ha lavorato con tenacia e impegno, come una vera modenese, per raggiungere i traguardi a cui è arrivata e in questo senso incardinare il suo nome nel Teatro Comunale rappresenta anche un esempio per le giovani generazioni”.

Anche Aldo Sisillo ha parlato del grande impegno del soprano a favore dei giovani: “Mirella Freni è stata un punto di riferimento per le qualità vocali e la scelta del repertorio; la sua carriera si è distinta sempre per un senso di concretezza, creatività e rigore, sul palcoscenico, nello studio e nell’insegnamento”. In oltre mezzo secolo di successi, ha rilevato il direttore del Teatro, Freni “ha saputo sempre crescere artisticamente attraverso un instancabile ampliamento del repertorio”.

Il rapporto dell’artista con il territorio è stato al centro dell’intervento di Alberto Mattioli: “È giusto co-dedicarle il Teatro comunale, perché questo è un luogo della comunità modenese, di cui Mirella è stata una figura di spicco”. Il giornalista ha ricordato che la cantante “era affezionatissima al Teatro non solo perché aveva debuttato il 3 gennaio 1955 nella “Carmen” di Bizet nel ruolo di Micaela, il nome poi dato alla figlia. Lo considerava “suo” e tornava sempre quando doveva celebrare un traguardo o un anniversario”.

Al termine del momento commemorativo l’Assemblea ha votato l’ordine del giorno che, sostenuto dal sindaco e sottoscritto da tutti i gruppi consiliari, propone di co-intitolare il Teatro: dopo un passaggio in commissione Toponomastica, la modifica sarà oggetto di una delibera della Giunta comunale. La Prefettura dovrà quindi confermare il provvedimento, dando il via libera al cambio formale del nome del Comunale che potrà essere effettivo a partire dalla prossima stagione teatrale.

La votazione è stata introdotta dal presidente del Consiglio comunale Fabio Poggi. “Quando nella seduta del 13 febbraio 2020 abbiamo salutato Mirella – ha detto Poggi – sottolineavo come da tanti fosse definita la “voce perfetta”, un talento naturale, curato e valorizzato con lo studio e la ricerca approfondita della tecnica. Non solo: come nessun altro riusciva a semplificare le cose più difficili, sia quando cantava sia quando insegnava”.

“Per questo motivo- ha proseguito- Mirella, modenese autentica, ha incarnato il motto cittadino “Avia Pervia”. Attraverso la co-intitolazione intendiamo far continuare il suo insegnamento nel presente e nel futuro”.

Nel testo della mozione si ricorda la biografia della cantante, a partire dal debutto fino ai successi internazionali, sottolineando poi come l’artista si sia dedicata all’insegnamento con generosità “mettendo a disposizione dei giovani talento ed esperienza”, pure nell’ambito dell’attività formativa sviluppata nel progetto Modena città del belcanto.

L’intitolazione del Comunale a Pavarotti e Freni tiene inoltre conto del “forte legame artistico e personale” tra i cantanti, legatissimi a Modena, a cui hanno dato prestigio portando orgogliosamente il nome della città nel mondo.

Il documento cita infine alcuni dei riconoscimenti attribuiti a Mirella Freni: dalla Legion d’onoredel presidente francese alle onorificenze dei governi d’Austria, di Germania e di Spagna, fino alle Chiavi della città di New York e, nel 1990, al Cavalierato di Gran croce attribuitele dal presidente della Repubblica italiana

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchNuovo Pronto Soccorso di Mirandola, intervista al dottor Stefano Toscani
    • WatchFinale Emilia, saluto del consiglio comunale al luogotenente Cappello
    • WatchLa Bike Map delle Ciclovie nella Bassa Modenese

    La buona notizia

    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Mirandola, il dottor Giorgio Pasetto: “Il panorama della lotta ai tumori è fortunatamente fecondo di idee”
    Il medico ha fondato Medendi, un percorso personalizzato che attraverso una serie di azioni mirate aiuta ad individuare l’opzione di cura migliore, collaborando con l’oncologo di fiducia del paziente nell’interesse dello stesso. [...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]

    Curiosità

    Ecco le rotonde della Bassa che finiscono nella classifica delle più brutte del modenese
    L'artista modenese Tommaso Mori si è dilettato a stilare la classifica delle "Quaranta rotonde più brutte della provincia"[...]
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    L'uomo, approfittando di alcune ore di assenza degli operai, è riuscito ad impossessarsene agganciando il rimorchio sul quale erano stati posato, ad un piccolo trattore [...]
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Una bella storia quella di madre e figlia, unite nella stessa passione che le ha portate ad assaporare l'adrenalina e l'euforia di un'esperienza indimenticabile[...]
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Il brano, prodotto al Take Away Studios di Modena è un mix perfetto tra pop e reggaeton dalle sonorità latino-americane in grado di scaldare ulteriormente l'estate 2021[...]