Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Tariffe operatori virtuali vs tradizionali: quali convengono?

MODENA- Puntare sulle offerte degli operatori virtuali (MVNO) può consentire buoni margini di risparmio. Il costo, però, non è l’unico parametro da considerare nella scelta. I pacchetti dei provider che non dispongono di una rete di proprietà potrebbero essere più ‘poveri’ in termini di minuti e Giga inclusi oltre a presentare alcune piccole incognite da valutare.

SOStariffe.it ha condotto uno studio (grazie al proprio comparatore dedicato alle migliori offerte per la telefonia mobile https://www.sostariffe.it/tariffe-cellulari/) cercando di capire quali siano le principali differenze tra le tariffe dei provider virtuali e quelli tradizionali.

 

Gli operatori virtuali e la corsa al ribasso

I provider virtuali, soprattutto negli ultimi anni, hanno contribuito a inasprire la “guerra dei prezzi” nel mercato di telefonia mobile. Con l’obiettivo di strappare clienti ai competitor, gli operatori virtuali hanno proposto e continuano a proporre tariffe caratterizzate da prezzi bassi e pacchetti di minuti, SMS e soprattutto GB particolarmente consistenti.

Gli operatori virtuali sono provider che non presentano un’infrastruttura di rete proprietaria e si “appoggiano” sulla rete di un operatore MNO. Tra questi troviamo Kena Mobile, Ho. Mobile e Very Mobile, spesso definiti “semi virtuali” in quanto brand di proprietà di operatori MNO (rispettivamente Tim, Vodafone e Windtre). Tra i principali operatori MVNO, inoltre, troviamo PosteMobile e Fastweb.

Gli operatori MNO (Tim, Vodafone, Windtre e Iliad) devono fare i conti con le offerte a prezzo contenuto dei provider virtuali. Per restare competitivi sul mercato, i provider MNO sono “costretti” a ridurre il prezzo delle tariffe oppure ad arricchire ulteriormente i bonus inclusi con minuti, SMS e GB extra o con servizi aggiuntivi.

 

Prezzi mini, ma pacchetti più poveri

Lo studio SOStariffe.it si è concentrato sulla composizione del pacchetto-tipo di un operatore virtuale confrontandolo con quello di un provider tradizionale. L’indagine, realizzata tramite il comparatore delle offerte per telefonia mobile durante il mese di marzo 2021, fa emergere una sostanziale differenza di prezzi. In media, le offerte degli operatori virtuali sono molto più economiche di quelle degli operatori MNO.

Il costo medio mensile dell’offerta tipo di un provider virtuale è di 8,40 euro. Per gli operatori MNO, invece, il costo medio mensile è 14,80 euro. Passare da un operatore tradizionale a uno virtuale permette, quindi, di ottenere un risparmio medio del 43% per quanto riguarda il canone mensile della tariffa attivata.

Ma cosa comprendono queste offerte? A ben guardare la composizione dei pacchetti non è molto diversa. I minuti di chiamate inclusi nelle tariffe dei virtuali sono solo una manciata in meno (-13,4%) rispetto a quelli proposti dagli MNO.

In media, si registrano 2460 minuti per gli operatori virtuali e 2842 minuti per quelli tradizionali. Anche la dotazione di sms non è granché diversa. Gli operatori virtuali ne offrono 1726 ogni mese mentre quelli tradizionali ne mettono a disposizione 1656.

Anche per quanto riguarda il traffico dati mensile la differenza non è marcata. In media, un operatore virtuale mette a disposizione 61,41 GB al mese mentre un operatore MNO garantisce circa 70,11 GB al mese. Il passaggio da un operatore MNO a uno MVNO comporta la rinuncia a una piccola porzione del bundle dati mensile (il 12.3%).

 

Operatori virtuali: pro e contro

I provider virtuali possono praticare prezzi così contenuti non avendo un’infrastruttura da gestire, con le relative spese di manutenzione. Però il servizio di una rete virtuale potrebbe avere dei punti deboli che vanno valutati prima di effettuare il passaggio.

Ad esempio, in caso di guasto alla rete, gli MVNO non possono intervenire direttamente alla risoluzione dei problemi e devono attendere che il problema sia gestito dal provider proprietario dell’infrastruttura. Questo aspetto potrebbe rallentare la risoluzione dei malfunzionamenti.

Altro punto debole potrebbe essere la copertura sul territorio, che tuttavia va sempre di pari passo con la rete a cui l’MVNO si appoggia. Prima di attivare la tariffa di un operatore virtuale è buona norma verificare la rete d’appoggio, per accertarsi che non ci siano problemi di ricezione nella zona in cui ci si trova abitualmente.

Oltre a verificare la copertura, è necessario verificare eventuali limitazioni alla velocità di connessione applicate dagli operatori virtuali. Diversi provider MVNO, infatti, limitano il 4G a 30 Mbps o 60 Mbps in download e upload, riducendo la possibilità per gli utenti di navigare ad alta velocità con il proprio smartphone.

Le offerte degli MVNO potrebbero difettare (ma accade sempre meno) di alcuni servizi accessori, rispetto ai pacchetti classici. Da notare, inoltre, che sono rari gli operatori virtuali che mettono a disposizione dei propri clienti delle offerte con smartphone incluso.

Infine, un altro neo degli operatori virtuali potrebbe essere la mancanza di punti vendita sparsi sul territorio a cui rivolgersi. La maggior parte dei provider MVNO è attivo quasi esclusivamente online oppure tramite una rete di rivenditori multi-brand.

Se siamo indecisi tra un operatore virtuale e uno classico, il comparatore di SOStariffe.it, grazie al quale sono stati rilevati i dati della presente indagine https://www.sostariffe.it/tariffe-cellulari/, ci viene in soccorso.

Grazie alla comparazione delle offerte sarà un gioco da ragazzi individuare le tariffe più vantaggiose.

Inoltre, grazie all’app per dispositivi mobili, possiamo dedicarci a riflettere sulle soluzioni di risparmio migliori ovunque e in qualsiasi momento.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    San Felice, un nuovo progetto per Cherif
    San Felice, un nuovo progetto per Cherif
    Dopo l'interruzione, per amore, del viaggio intorno al mondo, il ragazzo che nel 2012 aiutò la comunità di San Felice aprirà un ristorante di specialità italiane[...]
    La scienziata Laura Bassi Veratti protagonista del doodle di Google
    La scienziata Laura Bassi Veratti protagonista del doodle di Google
    Laura Bassi è stata la seconda donna a laurearsi in Italia e la prima a ottenere una cattedra universitaria. [...]
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]