Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
25 Settembre 2021

Trattamento radioterapico, attività di formazione rivolta ai pazienti oncologici

Formare a distanza i pazienti che dovranno sottoporsi a sedute di radioterapia, attraverso brevi “pillole” online realizzate da medici, fisici medici, tecnici sanitari di Radiologia medica, infermieri e operatori socio-sanitari. E’ il progetto nato dalla sinergia tra il Servizio di Formazione, Ricerca e Innovazione, la Struttura complessa di Radioterapia, guidata dal professor Frank Lohr, e il Servizio di Fisica Medica, diretto dal dottor Gabriele Guidi, dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, partito due mesi fa come studio sperimentale unico nel suo genere. Rivolto al paziente oncologico e al suo familiare più stretto nell’intervallo di tempo tra la prima visita con il medico radioterapista e l’inizio della terapia radiante, il corso, si legge nel comunicato stampa diffuso dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, viene erogato attraverso una piattaforma online, creata in collaborazione con il Centro Interateneo “Edunova” di cui l’Università di Modena e Reggio è parte.

“Attualmente questo tipo di formazione non trova paragoni sul suolo nazionale”, commenta il direttore generale dell’AOU, dottor Claudio Vagnini. “L’innovazione consiste proprio nel fatto che le “pillole” sono pensate e destinate direttamente ai pazienti oncologici in procinto di ricevere la terapia. Essi verranno “preparati” sui concetti di base, sulla tipologia di ambienti e sui macchinari che li accoglieranno, sui professionisti che li guideranno, così come su tutti gli aspetti che costituiscono il complesso ingranaggio di un percorso radioterapico”.

Nei diversi video, ad illustrare le tipologie di trattamento, la tipologia e la sicurezza delle radiazioni utilizzate, i sistemi di immobilizzazione, i possibili effetti collaterali e persino l’architettura delle sale di trattamento sono alcuni degli stessi professionisti che il paziente incontrerà quando inizierà la terapia.

Secondo l’ideatore del progetto, il dottor Leonardo Canulli, tecnico di radiologia medica dedicato al tutoraggio e alla docenza del Corso di Studi in Tecniche di Radiologia Medica dell’Università di Modena e Reggio, “un percorso formativo a distanza come questo, seppur non adatto a tutte le tipologie di paziente, comporta diversi vantaggi. Anzitutto, il paziente ed il suo familiare avranno la garanzia di ricevere conoscenze “certe” da fonti fidate e affidabili. Secondo, il trattamento ne beneficerà in qualità, visto che conoscere in anteprima professionisti, ambienti, dispositivi e macchinari consolida l’idea di quanto personalizzata, sicura e curata possa essere ogni seduta. Dal punto di vista del paziente, poi, questi diventa più consapevole e dunque meno ansioso e più collaborante a vantaggio anche della migliore riuscita del suo trattamento. Dal punto di vista dei professionisti e della struttura, a trarne beneficio sarà l’intero team in termini di qualità ed efficienza. Non ultimo, la formazione a distanza permette di seguire i video attraverso qualsiasi dispositivo multimediale, anche dalla propria abitazione ovvero in “una comfort zone” esente da condizionamenti negativi emotivi o fisici di qualsiasi natura”.

Nel 2017 nella Radioterapia di Modena sono stati trattati tra i 1.700 e i 1.800 pazienti. Essendo FADONCOR uno studio di fattibilità, l’indicazione è di arruolare un minimo di 30 pazienti.

“I primi risultati che abbiamo raccolto sono incoraggianti”, sottolinea la dottoressa Paola Vandelli, direttrice del Servizio Formazione, Ricerca e Innovazione dell’AOU. “I commenti dei primi arruolati si sono rivelati infatti davvero entusiasti. Questo tipo di formazione potrebbe essere l’inizio di una nuova prospettiva in cui, al consueto e fondamentale momento di comunicazione tra operatore e utenza, si affianca una formazione “mirata”, utile ad alleggerire il carico emotivo dei pazienti legato ad aspetti complessi della medicina che non sempre riescono ad essere recepiti nell’immediato. E’ infatti provato come la buona resa dell’intero piano di trattamento derivi da una corretta conoscenza da parte del paziente, da un’informazione in grado di sfatare efficacemente miti e leggende che aleggiano su un tema complesso e ancora poco conosciuto da parte di un’ampia fetta di popolazione”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola, il nido di via Poma selezionato per un progetto regionale
    Il progetto è destinato ai bimbi da zero a sei anni per l’apprendimento della lingua inglese.[...]
    Mirandola, inaugurazione degli edifici parrocchiali a Quarantoli
    Domenica 26 settembre alle ore 18.30 la messa presieduta dal Vescovo Erio Castellucci, al termine la benedizione dei locali restaurati alla presenza delle Autorità civili[...]

    Curiosità

    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Nuovo intervento di manutenzione straordinaria interamente finanziato da Aipo [...]
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]