Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
02 Febbraio 2023

“Casa delle donne”: “I femminicidi non sono gesti folli, ma esecuzioni eseguite con determinazione”

MODENA- L’associazione “Casa delle donne” di Modena da anni si batte contro la violenza di genere e non ha dubbi in merito ai recenti feroci femminicidi della Bassa perpetrati da figli, mariti e compagni: “Non chiamiamoli mostri perché farlo allontana le responsabilità individuali e collettive che, invece, dovremmo assumerci. Non chiamiamole tragedie:perché le tragedie, per definizione, sono circostanze che si abbattono inesorabilmente sulle persone, senza lasciar loro nessun margine di scelta”.

“Siamo straziate nel prendere atto di quanto accaduto. Tuttavia non siamo sorprese, perché non siamo di fronte a un “boom di violenza”, come alcune agenzie di stampa insistono a rimarcare con fare sensazionalistico. Piuttosto, stiamo assistendo da tempo, giorno dopo giorno, a manifestazioni estreme di un fenomeno, quello della violenza maschile contro le donne, che ha una natura strutturale, da secoli, in quanto fenomeno pervasivo, diffuso e trasversale alle culture, alle nazionalità, al ceto sociale, al livello di istruzione, alle idee politiche. Infatti, quanto è successo a Modena città, a Sassuolo e a Montese, rispettivamente nelle giornate del 16,17 e 18 novembre, non è da leggersi e raccontarsi come qualcosa di episodico, riducibile a meri casi di cronaca nera. C’è un filo comune che i mezzi di comunicazione e le istituzioni dovrebbero essere capaci di rendere evidente alla cittadinanza: l’idea che le donne vengano considerate di proprietà dei loro uomini di casa, siano essi figli, compagni, mariti o ex mariti, e come tali non abbiano la libertà di decidere sul loro futuro.

Invitiamo l’opinione pubblica a non chiamare gli autori di questi femminicidi “mostri” perché farlo allontana le responsabilità individuali e collettive che, invece, dovremmo assumerci. Il mostro è il male assoluto contro il quale nulla può essere fatto. Ma la violenza, invece, non è ineluttabile, non è nel destino delle donne. E’ possibile, infatti, destrutturare l’immaginario sessista che la rende possibile e la perpetua nel tempo. Non mostro, quindi, ma figlio sano del patriarcato che decide, deliberatamente e in piena coscienza di sé, di punire chi si è sottratta dalla propria sfera di controllo.

Invitiamo l’opinione pubblica a non chiamare questi femminicidi “gesti folli”. Sono piuttosto vere e proprie esecuzioni, eseguite con determinazione. Proviamo a riflettere. Quanta determinazione occorre per strangolare una persona? Quanta per accoltellarne non una, ma quattro?

Invitiamo l’opinione pubblica a non chiamare questi femminicidi “tragedie” perché le tragedie, per definizione, sono circostanze che si abbattono inesorabilmente sulle persone, senza lasciar loro nessun margine di scelta. I femminicidi, invece, sono atti deliberati compiuti da uomini che diventano feroci quando sentono essere messo in discussione il proprio potere.

Chiediamo ai mezzi d’informazione di fare attenzione all’uso delle parole che sappiamo essere performative della realtà. Chiediamo di fare attenzione affinché le parole che vengono usate non contribuiscano a legittimare e rinforzare una narrazione della violenza che sia funzionale alla sua perpetuazione stessa.

Mettiamo in discussione la “maschilità tossica” e facciamolo insieme, forti di un approccio autorevole e laico al problema, e consapevoli del fatto che vada affrontato da una prospettiva esplicitamente di genere, senza pensare che la violenza maschile contro le donne sia genericamente legata ad altro, come le difficoltà delle famiglie, e la solitudine e l’isolamento di queste, o all’abuso etilico fra i giovanissimi, ripensando al recente caso del Novisad. Indugiare nel guardare altrove non ci fa vedere il problema per quello che è: ci distrae dalla causa originaria della violenza, cioè il fatto che da secoli la differenza di genere è stata intesa come gerarchica, assegnando agli uomini il potere di decidere sulle donne, sia nello spazio pubblico che privato. Dalla differenza come disuguaglianza gerarchica discende la relazione nella forma del dominio maschile e della subordinazione femminile.

La questione riguarda tutti e tutte da molto vicino: la cultura della violenza maschile sulle donne, nasce da lontano, dall’educazione che si riceve fin dall’infanzia, dai modelli e dai ruoli stereotipati con cui tutti e tutte dobbiamo fare i conti. Nessuna persona dovrebbe sentirsi al riparo da tutto questo. Dovremmo tremare di terrore e fare sentire la nostra indignazione, rabbia, sconcerto. 

Da almeno quarant’anni le donne agiscono e prendono la parola sul tema.

E’ ora che anche gli uomini lo facciano con più convinzione! E’ urgente che gli uomini prendano parola e ci affianchino nelle azioni.

Vorremmo aprire un confronto “vero” su come costruire il cambiamento culturale necessario. Per ascoltare la voce dei cittadini e degli uomini delle istituzioni, a partire da sé e come rappresentanti della comunità modenese, per capire cosa intendono mettere in campo per “fare di più”, per migliorare le politiche di contrasto e prevenzione della violenza nella nostra città e nella nostra provincia.

L’imminente Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne deve segnare questo cambiamento!”.

 

 

Leggi anche

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Come risparmiare energia, i consigli di Sinergas - L'impianto fotovoltaico
Un impianto fotovoltaico da 3 kWp installato sul tetto di un’abitazione media permette di ridurre fino al 60% il prelievo di energia elettrica dalla reteleggi tutto
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica
La passione per piante e fiori? Fa bene alla salute! Rubrica botanica a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dello zabaione
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Quando si perdono i denti, vanno sostituiti. Anche quelli dietro che non si vedono
Si può creare un’instabilità di tutta l’arcata dentale, quindi cefalee e problemi posturali, dolori alle articolazioni, mal di schiena e tensioni muscolari.leggi tutto
Consigli di salute
Perchè si devono raddrizzare i denti storti?
I denti storti rappresentano principalmente un fattore estetico se non interferiscono con l’occlusione della bocca. E rappresentano una difficoltà aggiuntiva alla corretta igiene oraleleggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere sulla pasta choux
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchQuando l'emicrania è donna. A che punto sono i nuovi studi per debellare il mal di testa
    • WatchPiù di 2500 multe all'autovelox di Massa Finalese: il bilancio della Polizia Locale di Finale Emilia
    • WatchPolizia Locale di Mirandola, il bilancio del 2022

    La buona notizia

    Quando l'emicrania è donna. A che punto sono i nuovi studi per debellare il mal di testa
    Nel periodo compreso tra pubertà e menopausa, circa il 27 per cento delle donne ne risulta affetto[...]
    Riprende vita il teatro di Vallalta di Concordia con l'inaugurazione del bar
    E in primavera ulteriori spazi della struttura verranno restituiti all'uso dopo il terremoto[...]
    E' nato il "Calendario della memoria" dell'Anpi di Modena
    Il Progetto è parte delle iniziative che l’ANPI provinciale di Modena intende realizzare per ricordare gli 80 anni dall'inizio della Lotta di Liberazione (1943-2023).[...]

    Curiosità

    Sono arrivati i Giorni della Merla, ecco la loro storia
    Sono arrivati i Giorni della Merla, ecco la loro storia
    Secondo la leggenda, se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.[...]
    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    Il semaforo più "bucato" è quello nell’intersezione fra via Guastalla e la tangenziale “Losi”, in direzione ovest (cioè verso Rio Saliceto)[...]
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    La grande coperta sarà formata da quadrati di 50x50 cm eseguiti ai ferri o all’uncinetto da chiunque voglia partecipare all'iniziativa[...]
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Parla una delle traduttrici italiane della casa editrice, la carpigiana Sara Crimi[...]
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    A Roma il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi ha organizzato per la cineasta conterranea un rendez vous nella sede del Ministero con tutti i grandi nomi della cultura[...]
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Tante le persone recatesi nello shop di Alle Tattoo per commemorare attraverso un tatuaggio la scomparsa del grande campione[...]
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Preply - piattaforma globale di apprendimento delle lingue - ha realizzato uno studio per individuare le città più educate d’Italia[...]
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    La collaborazione tra lo sport e l'artista modenese sfocerà anche in eventi benefici dove si potranno acquistare le maglie delle giocatrici[...]
    L'Ucraina e la regina Elisabetta, gli Australian Open e le elezioni. Ma anche Drusilla, Blanco e Vlahovic: ecco il 2022 delle ricerche web
    L'Ucraina e la regina Elisabetta, gli Australian Open e le elezioni. Ma anche Drusilla, Blanco e Vlahovic: ecco il 2022 delle ricerche web
    Su Internet cerchiamo sempre notizie e aggiornamenti su quanto accade attorno a noi, e il motore di ricerca Google lo ha messo in classifica.[...]
    Capodanno 2023: Sharm El Sheik, Caraibi, Santo Domingo, Marocco, Dubai, Fuerteventura le mete preferite
    Capodanno 2023: Sharm El Sheik, Caraibi, Santo Domingo, Marocco, Dubai, Fuerteventura le mete preferite
    Chi può se ne va insomma all'estero, al caldo. Mentre chi ama la neve e resta in Italia sceglie Marilleva a pochi passi dalle più belle piste da sci del Trentino.[...]
    • malaguti