Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
08 Febbraio 2023

Oncologia, nuovo studio sulle cure palliative precoci conferma validità ed efficacia del modello modenese

L’accettazione serena e consapevole della diagnosi da parte del paziente oncologico in fase avanzata di malattia passa unicamente attraverso la risoluzione del dolore fisico, che genera una cascata di benefici indotti dall’approccio con le cure palliative precoci e simultanee.

          È questo, in estrema sintesi, il risultato più importante emerso dallo studio condotto da professionisti dell’Azienda USL di Modena, dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena e dell’Università di Modena e Reggio Emilia, con la collaborazione di alcuni dei massimi esperti internazionali del settore. Uno studio che conferma la validità e l’efficacia del modello modenese di cure palliative precoci, ovvero un approccio che mira a intervenire all’inizio della malattia, nel momento in cui insorge il dolore.

          Pubblicata a settembre sulla prestigiosa rivista scientifica “The Oncologist”, l’analisi ha valutato quantitativamente e qualitativamente il modello delle cure palliative precoci attraverso interviste a 77 pazienti e 48 caregiver seguiti dall’Ambulatorio Terapie di Supporto Medicina Oncologica Area Nord dell’Azienda USL di Modena di cui è responsabile la dottoressa Elena Bandieri.

          Proprio la dottoressa Bandieri è tra le principali firmatarie dello studio, insieme al dottor Fabrizio Artioli, Direttore della Struttura Complessa di Medicina Oncologica di Area Nord, al prof. Carlo Adolfo Porro, Professore Ordinario di Fisiologia e Magnifico Rettore di UNIMORE, e al prof. Mario Luppi, Direttore della Cattedra e Struttura Complessa di Ematologia di AOU e UNIMORE.

          Tra gli altri, hanno collaborato due figure di primissimo piano nel campo delle cure palliative: il prof. Eduardo Bruera, oncologo medico e palliativista all’Anderson Cancer Center di Houston, Texas (USA), considerato il massimo esperto del settore, e la prof.ssa Camilla Zimmermann, dell’Università di Toronto (Canada), esperta riconosciuta a livello mondiale nell’ambito della comunicazione medico-paziente per quanto riguarda le cure palliative precoci.

“Abbiamo approfondito l’esperienza di pazienti e caregiver – spiega la dottoressa Bandieri, che lo scorso 22 ottobre è stata chiamata a tenere una lectio magistralis proprio sul tema della gestione del dolore al convegno nazionale di  AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) –, ponendo loro quattro domande, di cui le prime tre riferite a momenti diversi del loro percorso terapeutico (il passato, prima delle cure palliative precoci; il presente, durante le cure palliative precoci; il futuro, per come se lo immaginano nel loro percorso di cure palliative precoci) e l’ultima aperta, per dare loro spazio di condividere ciò che ritenevano più rilevante in quel contesto. I dati raccolti sono stati analizzati secondo un approccio qualitativo e uno quantitativo. L’analisi qualitativa ha permesso di identificare l’organizzazione sottostante i benefici del modello e si è basata sui contenuti delle interviste. L’analisi quantitativa, invece, ha permesso di confermare quanto emerso dall’analisi qualitativa sulla base delle parole delle interviste, un dato più implicito e meno soggetto a distorsioni”.

          Lo studio in questione segue altri lavori sul tema delle cure palliative precoci, tra cui una vera e propria pietra miliare nel campo, la ricerca del 2015 sul trattamento del dolore oncologico moderato pubblicata dalla rivista specializzata più importante al mondo, il “Journal Of Clinical Oncology”. Lo studio, talmente importante da meritare un editoriale di accompagnamento, è stato citato migliaia di volte nei successivi lavori della comunità scientifica internazionale e dalle linee guida internazionali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), americane ed europee. Segno che i contenuti riportati nel lavoro condotto sempre dalla dottoressa Bandieri in collaborazione con professionisti AOU e UNIMORE, hanno introdotto, di fatto, un nuovo paradigma nelle guide internazionali sulla gestione del dolore.

          “Serve un cambiamento culturale nella comunicazione medico-paziente in campo oncologico e questi studi vanno proprio in questa direzione – sottolinea il dottor Artioli –. Si tratta di analisi molto avanzate che confermano come l’approccio delle cure palliative precoci venga percepito da pazienti e caregiver come un elemento qualitativo molto importante. La qualità percepita, inoltre, va di pari passo con l’incremento quantitativo dei pazienti presi in carico”.

          “Il modello delle cure palliative precoci in ematologia è ancora negletto nel nostro Paese” ricorda il prof. Luppi. “Viceversa, da anni, il prof. Leonardo Potenza e colleghi nel nostro gruppo in AOU Modena, stanno implementando tale intervento per pazienti affetti da neoplasie ematologiche, con speciale riferimento ai pazienti con leucemia acuta, realizzando anche corsi formativi nazionali in collaborazione con il Working Party Qualità di vita (nel Gruppo Malattie Ematologiche Adulto-GIMEMA) di cui sono membro neo-eletto, ed in stretta collaborazione, oltre che con l’Ambulatorio Terapie di Supporto Medicina Oncologica Area Nord dell’Azienda USL di Modena anche, più recentemente, con la UOC di Medicina Oncologica diretta dal dottor Giuseppe Longo, presso il DAI4”.

 

          L’ambulatorio delle Terapie di supporto precoci, attivo dal 2011, è un unicum nel panorama sanitario nazionale: inserito funzionalmente all’interno della Rete delle Cure Palliative Aziendale diretta dal dottor Paolo Vacondio, si configura come polo intermedio tra ospedale e territorio, collaborando costantemente con medici di medicina generale, oncologi e assistenza domiciliare.

          “L’approccio con le cure palliative precoci – conclude la dottoressa Bandieri – si rivolge al paziente con patologia oncologica con metastasi e consente, attraverso l’azzeramento del dolore fisico, di migliorare la qualità di vita incrementandone nel contempo l’aspettativa”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Nuovo scenario per lo stress test delle banche
L’ABE (Autorità Bancaria Europea), meglio conosciuta con l’acronimo inglese EBA, e la BCE (Banca Centrale Europea) hanno cambiato i criteri per misurare la capacità delle banche europee a resistere alle situazioni sfavorevoli del mercato finanziario.leggi tutto
Come risparmiare energia, i consigli di Sinergas - L'impianto fotovoltaico
Un impianto fotovoltaico da 3 kWp installato sul tetto di un’abitazione media permette di ridurre fino al 60% il prelievo di energia elettrica dalla reteleggi tutto
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica
La passione per piante e fiori? Fa bene alla salute! Rubrica botanica a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dello zabaione
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Quando si perdono i denti, vanno sostituiti. Anche quelli dietro che non si vedono
Si può creare un’instabilità di tutta l’arcata dentale, quindi cefalee e problemi posturali, dolori alle articolazioni, mal di schiena e tensioni muscolari.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Terreni agricoli nei pressi della villa Pico di Portovecchio, indetto il bando per la concessione
    La struttura di San Martino Spino in epoca rinascimentale era un allevamento di cavalli, poi centro logistico militare[...]
    Mirandola, 47 posti in più all'asilo per bimbi e bimbe, aprono due nuovi nidi
    Questa mattina  è stato il turno del Micronido “Belli & Monelli” (viale della Favorita, 9) alla presenza delle istituzioni locali.[...]
    Quando l'emicrania è donna. A che punto sono i nuovi studi per debellare il mal di testa
    Nel periodo compreso tra pubertà e menopausa, circa il 27 per cento delle donne ne risulta affetto[...]

    Curiosità

    Medolla, l'azienda Menù protagonista a Sanremo con una pizza dedicata a Chiara Ferragni
    Medolla, l'azienda Menù protagonista a Sanremo con una pizza dedicata a Chiara Ferragni
    L'azienda Menù di Medolla è stata confermata per il terzo anno consecutivo official supplier di Casa Sanremo[...]
    Sono arrivati i Giorni della Merla, ecco la loro storia
    Sono arrivati i Giorni della Merla, ecco la loro storia
    Secondo la leggenda, se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.[...]
    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    Il semaforo più "bucato" è quello nell’intersezione fra via Guastalla e la tangenziale “Losi”, in direzione ovest (cioè verso Rio Saliceto)[...]
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    La grande coperta sarà formata da quadrati di 50x50 cm eseguiti ai ferri o all’uncinetto da chiunque voglia partecipare all'iniziativa[...]
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Parla una delle traduttrici italiane della casa editrice, la carpigiana Sara Crimi[...]
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    A Roma il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi ha organizzato per la cineasta conterranea un rendez vous nella sede del Ministero con tutti i grandi nomi della cultura[...]
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Tante le persone recatesi nello shop di Alle Tattoo per commemorare attraverso un tatuaggio la scomparsa del grande campione[...]
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Preply - piattaforma globale di apprendimento delle lingue - ha realizzato uno studio per individuare le città più educate d’Italia[...]
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    La collaborazione tra lo sport e l'artista modenese sfocerà anche in eventi benefici dove si potranno acquistare le maglie delle giocatrici[...]
    L'Ucraina e la regina Elisabetta, gli Australian Open e le elezioni. Ma anche Drusilla, Blanco e Vlahovic: ecco il 2022 delle ricerche web
    L'Ucraina e la regina Elisabetta, gli Australian Open e le elezioni. Ma anche Drusilla, Blanco e Vlahovic: ecco il 2022 delle ricerche web
    Su Internet cerchiamo sempre notizie e aggiornamenti su quanto accade attorno a noi, e il motore di ricerca Google lo ha messo in classifica.[...]
    • malaguti