Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
18 Aprile 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Aou Modena: i pronto soccorso tengono, ma restano sotto pressione

MODENA- I pronto soccorso del Policlinico di Modena e dell’ospedale Civile di Baggiovara tengono, ma in una condizione di pressione. I cambiamenti logistici e organizzativi, volti ad ampliare le zone filtro, sono in continua evoluzione. E' quanto fa sapere Aou Modena.
Per il momento al pronto soccorso del Policlinico sono stati resi disponibili 10 ulteriori posti per sospetti-Covid per un totale di 15 postazioni e al pronto soccorso di Baggiovara è stata creata una nuova zona filtro per 4/6 pazienti. Ulteriori incrementi saranno certamente necessari, almeno fino a quando non diminuiranno le necessità di ricovero. Proprio per questo, raccomanda Aou Modena, è fondamentale che la popolazione non sovraccarichi né le due strutture, né le l’attività di ambulanza con richieste che non competono ai Pronto Soccorso, limitandole ai soli casi effettivi di emergenza e urgenza. Le difficoltà a cui devono far fronte attualmente i due pronto soccorso modenesi riguardano anzitutto la necessità di gestire la sovrapposizione di pazienti con patologia solo Covid, quelli con patologia non-Covid e quelli positivi al Sars-CoV2 ma che accedono per altre problematiche. L’insieme di tale casistica rende complessa la gestione di questi pazienti nel percorso di ricovero e in quello di trasporto in ambulanza sia in entrata (chiamata dai cittadini anche quando non necessaria) che in uscita (il personale volontario è in sofferenza). Per illustrare la situazione attuale Aou Modena dà qualche numero:
  • gli accessi al Policlinico di Modena, dall’1 al 31 dicembre 2021, sono stati 3.554 (2.480 nello stesso mese del 2020), di cui 425 (l’11,96%) erano accessi per Covid (483 ovvero il 19,46% nel dicembre 2020). I ricoveri sono stati 702 (699 nel dicembre 2020). Nel mese di gennaio 2022 il trend si sta mantenendo conforme. Dal 1 al 10 gennaio inclusi, gli accessi di pazienti sono stati 1.141, di cui 246 per Covid e 895 no-Covid, e i ricoveri 224. In particolare, si segnala un’impennata degli accessi per violenza di genere: 29 casi a dicembre 2021 contro i 9 di dicembre 2020.
  • Similmente, l’ospedale civile di Baggiovara  ha visto, nel dicembre 2021, 3.382 accessi (nel dicembre 2020 furono 2.396), di cui 148 (il 4,38%) per Covid (a dicembre 2020 se ne registrarono 227, il 9,47%). I ricoveri nell’ultimo mese del 2021 si sono attestati sulle 765 unità, mentre erano sulle 679 nello stesso periodo dell’anno precedente. Anche in questo caso il trend a gennaio 2022 si sta confermando affine. Dal 1 al 10 gennaio inclusi, gli accessi sono stati 1.016, di cui 106 Covid accertati, e i ricoveri 235.
Come spiega il dottor Giuseppe Pezzuto, direttore della S.C. di pronto soccorso e Medicina d’Uugenza al Policlinico di Modena: “Il Covid ci sta mettendo a dura prova da due anni a questa parte ma, per il momento, con un enorme sforzo psicofisico e di risorse, stiamo tenendo. A livello di strutture, ciò è reso possibile anche grazie all’espansione in pronto soccorso della zona filtro per sospetti-Covid che abbiamo ricavato sacrificando in parte l’Osservazione Breve Intensiva (Obi), trasferita in altra area. Nel complesso, l’area filtro per pazienti Covid può tenere al momento 15/20 pazienti. Si tratta di pazienti che sostano in PS per circa 3-4 ore in attesa di essere ricoverati nel reparto di riferimento (un reparto Covid se positivi o un reparto di riferimento per la loro patologia se negativi)”.

E sulle criticità il dottor Pezzuto precisa: “La situazione creata dalla pandemia è complicata ulteriormente dalle procedure necessarie per individuare i pazienti con sintomatologia sfumata e quelli che accedono per altre patologie ma poi si rivelano positivi e vengono indirizzati in reparti Covid. Rispetto alle prime ondate, il “mix-case” ovvero la variabilità di situazioni e patologie è diventata molto più complessa. Da questo punto di vista, dobbiamo continuamente riprogrammare l’idea stessa di assistenza, sia in Pronto Soccorso che nei reparti di degenza”.

A Baggiovara, dal trasferimento di due ambulatori è stata ricavata ex-novo un’area filtro preposta a valutare i pazienti sospetti Covid (da 4 a 6 pazienti). “Abbiamo intenzione di convertire un ulteriore spazio che ci darebbe la possibilità di espandere l’area filtro ad 8 pazienti. Tutto ciò sacrificando ovviamente spazi ad oggi destinati ai pazienti ordinari”- puntualizza Geminiano Bandiera, direttore della S.C. di pronto soccorso, OBI e Medicina d'urgenza.

Il quale poi prosegue: “Tre sono i punti critici. Il primo è che ci sono ancora diverse persone che si recano in pronto soccorso per bisogni diversi da quelli coperti dalla nostra attività, vedi ad esempio gli accessi per l’esecuzione di tamponi o per la paura di aver contratto il Covid senza sintomatologia in aggravamento. Queste persone devono rivolgersi non a noi, ma ai canali preposti”.

Prosegue poi il dottor Bandiera, che è anche vice direttore del Dipartimento Interaziendale Integrato di Emergenza Urgenza: “Secondo. A pesare sulla struttura è anche l’impegno delle autoambulanze, talora richieste dagli utenti per situazioni non gravi o nelle quali la persona potrebbe spostarsi autonomamente. In tali condizioni, avendo la precedenza gli accessi in emergenza, può risultare posticipato il trasporto a domicilio dei pazienti dimessi, con ritardi nella disponibilità di posti letto nei reparti e prolungamento dei tempi d’attesa per il ricovero dei pazienti da Pronto Soccorso. Se pensiamo poi anche che il prezioso personale volontario su cui si basa buona parte delle capacità di trasporto del sistema è in sofferenza come il resto del personale sanitario, comprendiamo come l’utilizzo dell’ambulanza sia da limitare solo ai casi in cui il paziente stia davvero male e/o non riesca a muoversi autonomamente”.

“Terzo. È vero, al momento stiamo tenendo, ma con enorme carico e fatica. Questo perché dobbiamo far fronte alla doppia casistica dei pazienti Covid che ovviamente hanno un proprio percorso stabilito e dei pazienti che accedono per “altre patologie” e che si scoprono poi essere positivi. Tale seconda casistica richiede un dispendio di tempo (3-4 ore), personale dedicato e lavoro molto consistenti. Tutto questo per far capire come di fronte a una casistica così difforme venga richiesto al Pronto Soccorso un approccio sempre più oneroso”.

i due direttori concludono all’unisono: “In questo momento di evidente estrema difficoltà, chiediamo con forza alla popolazione di attenersi a queste regole di ragionevole ed etica convivenza di comunità”.

SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Taranto, fiamme in casa: 82enne muore carbonizzato
Ultime notizie
RESTO D'ITALIA E MONDOTaranto, fiamme in casa: 82enne muore carbonizzato

Rubriche

Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari
Superbonus - nuova comunicazione preventiva
Rubrica - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Linee guida per i Social | Ecco come creare post perfetti in pochi e semplici passaggi
Rubrica - Ed eccoci al terzo appuntamento con Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese. Oggi impareremo a destreggiarci tra post, reel e video.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli
Il punto - E' la rubrica che abbiamo deciso di avviare per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Gli italiani mangiano male
Glocal - In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all'obesità.
L’arte in Strada | San Prospero e il murale dedicato a Fraintesa
Rubrica - Rubrica a cura di Francesca Monari
Piccole e medie imprese, come ottenere i contributi per internazionalizzazione, transizione energetica e installazione di sistemi di sicurezza
Da sapere - I bandi riguardano attività in regola con il Durc e con il pagamento del diritto annuale alla CCIAA
Glocal
Nel 2050 un pensionato per ogni lavoratore
Glocal - Finanze pubbliche e welfare non saranno più sostenibili con il calo delle nascite
Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto

Sul Panaro on air

    • WatchRiapre il circola lato B in località Canaletto a Finale Emilia
    • WatchEcco le barriere anti inondazione per salvare Bomporto dalle alluvioni
    • WatchMarika Menozzi si candida sindaca a Concordia sul Secchia
  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    I dati
    Ricostruzione, prorogati al 31 dicembre 2025 i termini per l'esecuzione dei lavori finanziati
    Nuova ordinanza del Commissario e presidente della Regione. Modificate le scadenze di tutti i procedimenti in corso gestiti con la piattaforma informatica Mude
    Il caso
    Finale Emilia, ha riaperto a Canaletto il circolo musicale Lato B
    Dopo tempi di incertezze torna la musica nella ex scuola elementare
    Ultime notizie
    Da Medolla Eurosets dona ossigenatori per le operazioni ai bambini in Camerun
    L'azienda sostiene il progetto “Cuori ribelli” della Onlus “Una voce per Padre Pio”

    Curiosità

    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    La storia
    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    L'errore fatale costerà all'uomo, un pensionato, 104 euro di multa più accertamento della Agenzia delle entrate
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Il riconoscimento
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Nell’occasione il campo da calcio verrà intitolato al limidese Bruno Ghelfi
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    I dati
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    Nelle scuole primarie del territorio un progetto educativo per spiegare ai bambini il valore che ha il cibo e ridurne lo spreco.
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Ultime notizie
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Il prestigioso titolo corona una carriera che l'ha vista partecipare e vincere numerose competizioni italiane ed internazionali
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    Il riconoscimento
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    E' stato un bel pomeriggio -  sala stra piena, pubblico attento e tanti applausi - quello che la neonata associazione I talenti di Minerva ha organizzato a San Prospero presso la biblioteca.
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Ultime notizie
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Sette grandi film. Tre giorni. Un fiume di eventi. Roberto Gatti &Co rendono omaggio a sette capolavori del cinema italiano
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Per i più piccoli
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Inoltre si inaugurerà la sede del “Consiglio dei ragazzi”
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Curiosità
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Le cifre più alte sono riservate alla cura dei capelli e del viso.
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    La storia
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    Il mirandolese era con gli speleologi della Società adriatica che hanno fatto la sensazionale scoperta scientifica: "Siamo stati dove nessuno mai"
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    Il caso
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    E' tra gli ultimi atti della giunta di Alberto Greco, che a giugno lascerà la carica di sindaco di Mirandola. “Un modo concreto per ricordare una grande persona”

    chiudi