Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
18 Agosto 2022

SS568 Ravarino-Camposanto e tangenziale-bretella di Ravarino: “Tempo scaduto. Dalle parole si passi ai fatti”

RAVARINO, CAMPOSANTO – Attraverso una nota stampa, il Comitato Ravarino Più Vivibile e Sicura interviene sui temi SS 568 Ravarino-Camposanto e tangenziale-bretella di Ravarino:

“Basta coi progetti faraonici miliardari di infrastrutture, caldeggiati anche dalla Regione Emilia-Romagna, da altri Enti ed Autorità locali, dagli enormi impatti ambientali/territoriali e per giunta di discutibilissima utilità per i nostri territori. Occorre invece concentrarsi sulle VERE “GRANDI OPERE” che, relativamente alla viabilità, sono quelle di adeguamento e messa in sicurezza di strade locali, anche Provinciali, che negli ultimi 25 anni hanno subito forti incrementi di transiti veicolari anche pesanti e che oggi non sono più in grado di assolvere al compito che viene richiesto loro quotidianamente. Strade che devono assicurare sicurezza e vivibilità a centinaia di migliaia di persone che vivono nelle nostre Province o che vi transitano.

Quelle sulle quali ogni giorno si verificano incidenti a volte anche mortali e tanto altro. (Senza parlare delle centinaia di Km di strade di collina e del nostro Appennino soggette a dissesti). Fino a che non cambieranno le politiche dei trasporti su gomma e pubblici, questi sono secondo noi gli obiettivi minimi a cui tendere. Nel 2019 chiedemmo un incontro col neo eletto Presidente della Provincia Tomei. Una delegazione del nostro Comitato fu ricevuta il 17 maggio 2019 assieme alla sindaca di Ravarino, Maurizia Rebecchi, alla presidente del Comitato Genitori Ravarino.

I punti principali trattati nel corso dell’incontro furono i seguenti: SP568 via Muzza: stato attuale – riqualificazione tratto Ravarino – Stuffione – Camposanto; Tangenziale di Ravarino: studio di fattibilità e ipotesi future. Sulla Tangenziale di Ravarino uscimmo dall’incontro molto scoraggiati, venuti a conoscenza nel corso dell’incontro dei “i treni persi” dalle precedenti Amministrazioni Locali per la sua realizzazione e le ingenti risorse messe a disposizione dalla Provincia per la sua progettazione, tanto che Tomei concluse sull’argomento sostenendo che occorresse “..pensare ad un progetto di interesse collettivo (Unione del Sorbara) per poter procedere con l’iter che porterà alla realizzazione della tangenziale”. Sui lavori di adeguamento della sede stradale della SP568, sul maledetto tratto Ravarino-Camposanto, ci venne invece illustrato lo studio di fattibilità già realizzato dalla Provincia con tanto di previsione di 4 lotti di interventi e costi complessivi stimati.

Il problema fondamentale era allora definire dove reperire i fondi ed individuare gli interlocutori (ANAS – Regione). Per realizzare solo queste opere, sarebbero occorse tutte le risorse annuali a disposizione della Provincia di Modena! Nel 2019 si stava ancora discutendo se, non esistendo più – sulla carta – le Provincie (rimaste a secco di fondi necessari per compiere tutta una serie di opere di loro competenza), queste strade dovessero o meno ri-transitare per competenza all’A.N.A.S. (Stato ). Bene. Dallo scorso 8 Aprile 2021, questo tratto di strada (come diverse altre della nostra Provincia) è passato di competenza dalla Provincia all’ANAS. Da anni le Amministrazioni e i Sindaci di Ravarino, Camposanto e Crevalcore Maurizia Rebecchi, Monja Zaniboni e Marco Martelli (e anche il nostro Comitato) hanno segnalato e segnalano la pericolosità del tratto della Strada statale 568 e la sua inadeguatezza a sopportare gli attuali volumi di traffico, leggero e pesante: numerosi sono gli incidenti che comportano disagi gravi per una viabilità già di per sé difficile.

Ora il tempo è scaduto: si passi dalle parole ai fatti. E’ senz’altro positivo che Regione Emilia Romagna si sia di recente impegnata a monitorare questo percorso e a vigilare affinché la Strada statale SS568 sia inserita nel programma di ANAS fra gli interventi della rete stradale nazionale – di cui fa
parte – che hanno maggiore probabilità di trovare la copertura economica, avendo esigenze improrogabili di sicurezza e costi relativamente contenuti”. Tuttavia secondo noi il tema va inserito in un contesto di criticità territoriale ben più ampio, che deve come minimo occuparsi del collegamento tra la SP1 e il tratto SS568 da Ravarino a Camposanto. E’ giunto il momento di progettare la Tangenziale/bretella di Ravarino. Infatti, oltre ai ricorrenti incidenti sul quel tratto abbiamo quelli degli autotreni che escono di strada nel tratto che da località La Grande porta alla frazione di Rami di Ravarino, sul quale, data le strette dimensioni della sede stradale non riescono ad incrociarsi autotreni con autotreni e/o con pullman. Chi tenta di farlo, senza cedere il passo all’automezzo che sta incrociando, oltre a rischiare il ribaltamento, o l’uscita di strada, abbatte la segnaletica stradale ai margini delle carreggiate. Come è possibile che nel 2022 autotreni enormi e servizi pubblici transitino su arterie, centri urbani, spesso anche a velocità sostenute, potendo “al limite” incrociare una utilitaria che proviene dalla direzione opposta di marcia? Come è possibile spostarsi a piedi, in scooter o in bicicletta in questi contesti?

Bene il procedere per tratti e stralci, ma, nel nostro caso, solo dopo avere licenziato un progetto complessivo di interventi sulla viabilità che risolva il problema di migliaia di veicoli, autotreni, mezzi pubblici che ogni giorno da Bomporto/Nonantola transitano sul territorio Ravarinese diretti verso il Bolognese, il Centese o Camposanto/Bassa Modenese o viceversa. Basta coi progetti faraonici miliardari di infrastrutture, caldeggiati anche dalla Regione Emilia-Romagna, da altri Enti ed Autorità locali, dagli enormi impatti ambientali/territoriali e per giunta di discutibilissima utilità per i nostri territori. Occorre invece concentrarsi sulle VERE “GRANDI OPERE” che, relativamente alla viabilità, sono quelle di adeguamento e messa in sicurezza di strade locali, Provinciali, che negli ultimi 25 anni hanno subito forti incrementi di transiti veicolari anche pesanti e che oggi non sono più in grado di assolvere al compito che viene richiesto loro quotidianamente. Strade che devono assicurare sicurezza e vivibilità a centinaia di migliaia di persone che vivono nelle nostre Province o che vi transitano. Quelle sulle quali ogni giorno si verificano incidenti a volte anche mortali e tanto altro. (Senza parlare delle centinaia di Km di strade di collina e del nostro Appennino soggette a dissesti). Fino a che non cambieranno le politiche dei trasporti su gomma e pubblici, questi sono secondo noi gli obiettivi minimi a cui tendere”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto. Tutto quello che c’è da sapere dell’anguria
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Sei titoli che profumano di estate
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della tabacchiera
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
La situazione dell'economia italiana oggi
Il rapporto di Confindustria evidenzia una forte capacità delle imprese italiane a fronteggiare l’attuale situazione di incertezza, nonché la capacità di “un popolo di risparmiatori” a supportare la propensione al consumo di keynesiana memoria.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Isola di Diego Passoni
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della cheesecake
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Dente dolorante: ecco cosa fare
Non tutti i dolori ai denti sono uguali: esistono, infatti, tanti tipi differenti di mal di denti e per questo è molto importante rivolgersi tempestivamente al proprio dentista di fiducia non appena il dolore si presenta.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Lezioni di chimica di Bonnie Garmus
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIl Tecnopolo di Mirandola disegna la sanità del futuro. Ne parla la direttrice Barbara Bulgarelli
    • WatchTrovato il corpo di Luigi Salsi, il 78enne di Cavezzo disperso sul Cimoncino
    • Watch10 consigli per evitare i furti in casa mentre siete in vacanza

    La buona notizia

    La fondazione Golinelli forma gli ambasciatori delle discipline Steam
    I docenti hanno lavorato su intelligenza artificiale e rapporto uomo macchina, sostenibilità e open schooling, inclusione e personalizzazione, dati e visualizzazione.[...]
    "Un poquito Reggaeton", disponibile il nuovo singolo della mirandolese Raffy
    Si tratta di un brano dal sound internazionale prodotto da Costi Ionita e scritto dall'artista sudamericano Randy[...]
    Calcio, la finalese Eleonora Goldoni si trasferisce al Sassuolo
    Ex Napoli e Inter, la calciatrice Eleonora Goldoni disputerà la prossima stagione con la maglia neroverde del Sassuolo[...]

    Curiosità

    Lo zampone è nato a Mirandola nel Medioevo? No, è un'invenzione
    Lo zampone è nato a Mirandola nel Medioevo? No, è un'invenzione
    A smontare il mito dello zampone nato a Mirandola è lo storico Alberto Grandi, docente di storia dell'alimentazione all'Università di Parma, nel podcast "Doi, Denominazione di Origine Inventata"[...]
    Il ballo del liscio patrimonio dell'Unesco: la proposta dal sindaco di Rimini
    Il ballo del liscio patrimonio dell'Unesco: la proposta dal sindaco di Rimini
    Recentemente era stato il cantante Morgan a lanciare l'idea, che aveva trovato l'appoggio e l'entusiasmo anche di Renzo Arbore.[...]
    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    Si tratta del primo passo verso la nascita di una rete nazionale dei Comuni che ospitano i giochi senza frontiere, una realtà già legata a livello nazionale dal network “Italia Gioca senza frontiere”.[...]
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    La collezione appartiene a Renato Zavatti, ex dipendente della Olivetti da sempre affascinato da questi strumenti di cui conosce la storia nei minimi particolari. [...]
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Un'offerta di lavoro da sogno in un paradisiaco atollo delle Maldive: riconosciuto dall'Unesco come "Riserva della Biosfera".[...]
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    I gusti sperimentati in viaggio ispirano a provare la cucina etnica una volta rientrati in Italia. In estate il 60% consuma cibo etnico con la stessa frequenza di altre stagioni.[...]
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    L'iniziativa nell'ambito di Educational – Ciclovia del Sole, il tour dedicato ai Comuni sottoscrittori dell’accordo sulla Ciclovia del Sole[...]
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    la piattaforma on-line “In Cantiere – Agenda delle opere pubbliche” nata dalla collaborazione tra la Provincia di Modena e la società Poleis[...]
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Martina ha 33 anni ed è mamma di due bimbi: è riuscita a prendere il diploma e immortala sulle pelle il suo successo[...]
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    I cantieri sono finanziati coi proventi delle sanzioni amministrative per la violazione dei limiti di velocità previsti dal codice della strada riscossi nel 2021[...]
    • malaguti