Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
19 Giugno 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Nella città israeliana di Rosh Ha’ayin inaugurato il Parco Nonantola

NONANTOLA - Nella giornata di ieri, lunedì 27 marzo 2023, una delegazione dell’Amministrazione comunale di Nonantola composta dal vicesindaco Enrico Piccinini e dall’assessora Tiziana Baccolini ha partecipato, in rappresentanza dell’intera comunità e di Fondazione Villa Emma, all’inaugurazione del Parco Nonantola nella città israeliana di Rosh Ha’ayin.
Hanno fatto parte della delegazione nonantolana anche alcuni membri della famiglia Moreali; Clelia Reggiani, erede di don Arrigo Beccari; e Angelo Giacobazzi, oggi proprietario di Villa Emma. Alla cerimonia, oltre al sindaco di Rosh Ha’ayin Shalom Ben Moshe e a diversi membri del Consiglio comunale locale, hanno preso parte anche l’ambasciatore d’Italia in Israele, Sergio Barbanti, alcuni rappresentanti dello Yad Vashem ed una nutrita rappresentanza delle famiglie dei “ragazzi di Villa Emma”, fra cui uno degli ultimi sopravvissuti ancora viventi.
La cerimonia è stata aperta da un toccante messaggio del presidente di Israele Isaac Herzog. Il parco Nonantola è stato fortemente voluto dal sindaco di Rosh Ha’ayin, venuto a conoscenza della vicenda dal proprio collaboratore Tsuriel Sdomi in seguito ad un suo concerto con la locale orchestra di mandolino alcuni anni fa in Italia, e, come riportato nella lapide scoperta ieri, è dedicato “agli abitanti del paese che hanno devotamente salvato 73 bambini ebrei durante la seconda guerra mondiale insieme al gruppo dei loro accompagnatori”. L’iniziativa di lunedì 27 marzo ha rappresentato il momento conclusivo di un percorso che ha visto una piccola delegazione israeliana ospite a Nonantola lo scorso mese di gennaio e pone le basi per proficue relazioni future.
“Ci stiamo abituando a ricevere ospiti da tutto il mondo che vengono a visitare Villa Emma, ma non riusciamo ad abituarci al profondo enorme rispetto che i cittadini di Israele e tutta la comunità ebraica portano per il coraggio e la solidarietà mostrata dai nonantolani al tempo della Seconda guerra mondiale, anche perché da sempre chi ricorda quel tempo dice che fu fatto semplicemente quello che andava fatto. Senza chiedersi nulla di più, anche se quel di più significava correre un rischio enorme per sé e per la propria famiglia”, così hanno commentato Tiziana Baccolini ed Enrico Piccinini, a conclusione della cerimonia odierna.
La giornata non poteva essere più simbolica. Contemporaneamente, a Nonantola, è stata consegnata l’area di Prati Galli all’impresa aggiudicataria per la realizzazione del luogo di memoria “Davanti a Villa Emma”, su cui la fondazione Villa Emma, con il supporto delle istituzioni locali, ha assiduamente lavorato negli ultimi anni. Il discorso integrale del vicesindaco Enrico Piccinini
"Gentile sindaco, Signor ambasciatore d’Italia in Israele, rappresentanti dello Yad Vashem, signori ospiti, studenti ed insegnanti, membri dell’orchestra e del coro, stimati cittadini di Rosh Ha’ayin, grazie per averci voluto qui oggi. Desidero innanzitutto portare a voi il saluto del Sindaco di Nonantola, Dr.ssa Federica Nannetti, che non ha potuto essere qui oggi di persona, dell’Amministrazione Comunale e quello di tutta intera la comunità che ho l’onore di rappresentare davanti a voi insieme alla collega Tiziana Baccolini. Nonantola è un comune al centro della Pianura Padana, conosciuto dagli storici del medio evo per la sua millenaria Abbazia e per il tesoro dell’antico monastero. Per molti altri è solo uno degli oltre ottomila anonimi comuni d’Italia. Per la comunità ebraica no: è un luogo conosciuto, da visitare perché rappresenta un luogo di vita. Anche se sono passati 80 anni dai fatti di Villa Emma. La visita di una piccola delegazione di Rosh Ha’ayin a Nonantola due mesi fa per consegnare l’invito ufficiale a partecipare a questa celebrazione è un privilegio speciale che ci rende orgogliosi e felici nella nostra qualità di nipoti e pronipoti di quella generazione e di rappresentanti odierni della comunità nonantolana, eredi più o meno consapevoli di un piccolo pezzo di storia, la cui memoria va preservata e tramandata di generazione in generazione. Villa Emma fu una piccola luce in un buio profondo. Una luce piccola, accesa da don Arrigo Beccari e da Giuseppe Moreali, ai quali è già stato riconosciuto il ruolo guida in quell’episodio con la nomina a Giusti fra le Nazioni. Il parroco ed il medico, che all’epoca erano un punto di riferimento per tutta la comunità, fatta principalmente di contadini. Gente abituata alla fatica e a condividere il pane. Da una parte donne e uomini semplici che fecero una cosa che per loro era normale: contribuire attivamente ad aiutare chi era in pericolo. Dall’altra donne e uomini altrettanto semplici che non fecero nulla e rimasero in silenzio: ed anche questo ha significato aiutare chi era in pericolo. Così, una luce piccola è diventata una luce duratura. Dedicare un parco alla comunità di Nonantola riconosce il ruolo di quelle donne e di quegli uomini e per questo a nome di tutti i loro eredi diretti e di chi oggi abita, vive e fa vivere Nonantola, ringraziamo di cuore il sindaco di Rosh Ha’ayin, Shalom Ben Moshe, e tutte le persone che hanno ideato e poi concretizzato questa idea. Dedicare un parco alla comunità di Nonantola crea un forte legame fra i nostri comuni che va sviluppato. Permettetemi un’ultima riflessione. Il mondo è molto cambiato dai tempi dei fatti di Villa Emma e anche Nonantola, ovviamente, è molto cambiata dalla Nonantola dei ragazzi di Villa Emma. Probabilmente in meglio: per molti di noi il mondo è pieno di opportunità garantite da 80 anni di pace. Ciononostante, nel mondo oggi si contano una sessantina di guerre, conflitti e lotte armate e ci sono tensioni internazionali molto forti. La storia ci ha mostrato che, dove c’è una guerra, follia e buio sono sempre un rischio fin troppo concreto. Dove c’è povertà, c’è sempre chi parte per cercare un futuro. Dove c’è una guerra, c’è sempre chi fugge per conquistarsi un futuro, qualunque esso sia. Sarebbe possibile un’altra Villa Emma nella società di oggi? Non ho una risposta definitiva. Forse no, troppo diverso il mondo, troppo diversi noi che lo abitiamo. O forse sì, perché ci saranno sempre dei giusti che metteranno a rischio la propria vita per qualcun altro di cui nemmeno conoscono il nome. Passeggiare in questo parco, simbolo di vita, ci faccia sempre riflettere sulla risposta".
LEGGI ANCHE:
SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 6
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Estetica, espressività e decorazione | Il Liberty industriale a San Possidonio
Rubrica - Ed eccoci ad una nuova uscita dedicate all’Art Nouveau, la rubrica di Francesca Monari, nata dalla collaborazione con Sara Zoni
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica | La pianta del Caffè
Rubrica - La rubrica botanica cura di Francesca Monari
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 5
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 4
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 3
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Il loop della scarsità
Glocal - La nostra è un’epoca plasmata da un eccesso di stimoli che ci seducono nella direzione dell’accumulo: consumare più del necessario, acquistare oggetti inutili e cercare piaceri effimeri.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 2
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • La buona notizia

    I risultati
    Giovanni Aleotti, ciclista di Finale Emilia, vince il Giro di Slovenia
    Grande successo per il giovane finalese -  ciclista professionista del Team Bora Hansgrohe, reduce da ottime prove anche al Giro d'Italia-  che a 25 anni porta a casa un titolo prestigioso
    Ultime notizie
    Un’esperienza in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico di Modena
    Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex pazienti alla Triton Cup ospitata di recente nel Parco dell’Arcipelago Toscano
    L'anniversario
    Giornata del donatore, una visita ai Sassi di Roccamalatina con Avis
    Previste escursioni guidate, giochi per i bambini, incontri sulla storia alla scoperta di questo suggestivo luogo protetto del nostro Appennino. 

    Curiosità

    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    La storia
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    Seguire le regole aiuta a mantenere un ambiente sereno e piacevole per tutti. Ai "rari nantes" Mirco Scacchetti lo spiega pure in latino
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    La storia
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    E' nata nel 1978 e vive a Mirandola ma è di Concordia, dove è cresciuta. Traduce, insegna e scrive. "Mio padre è nato per i piedi" è il suo primo romanzo.
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Curiosità
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Per salvarli, dopo il fallimento del loro allevamento, venne attivata una raccolta fondi online che raggiunse la cifra di 56mila euro per un progetto diverso, una adozione a distanza
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    Politica
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    I candidati sindaco Letizia Budri, Carlo Bassoli, Giorgio Siena e Giorgio Cavazza sotto al fuoco di fila dei giornalisti della Bassa
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Il punto
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Tanti i casi in cui è stato necessario prestare soccorso ad anziani in difficoltà
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    I risultati
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    Grande soddisfazione espressa per la buona riuscita della manifestazione che ha visto partecipare circa 200 vigili del fuoco provenienti da tutta Italia
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Il caso
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Tra gli abitanti della frazione di Bomporto c'è chi chiede che per gli animali si trovi un'area protetta
    Il fleximan della differenziata individuato a Bomporto: col cacciavate contro i cassonetti
    Il punto
    Il fleximan della differenziata individuato a Bomporto: col cacciavate contro i cassonetti
    La Polizia Locale del Sorbara lo ha trovato con le videotrappole: aveva danneggiato con un cacciavite l’apertura elettronica dei cassonetti per la raccolta differenziata dei rifiuti per ben due volte, in due distinte giornate
    Le migliori città per la movida in Italia: Modena al sesto posto
    Curiosità
    Le migliori città per la movida in Italia: Modena al sesto posto
    Un recente studio di BonusFinder Italia ha analizzato le 50 città più grandi d’Italia tenendo conto di diversi fattori chiave che caratterizzano l'esperienza di divertimento.
    Il Guercino torna a casa, a Finale Emilia, 12 anni dopo il terremoto
    Taglio del nastro
    Il Guercino torna a casa, a Finale Emilia, 12 anni dopo il terremoto
    Vale più di tre milioni di euro - è questa la stima dell'assicurazione - e sul mercato  dell'arte è ambitissimo: gli americani vanno pazzi per le opere dell'artista centese

    chiudi