Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
04 Marzo 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

“Gli squadristi di Modena”, a Carpi la presentazione del libro di Fabio Montella

CARPI- Furono più di 1.300 gli squadristi modenesi che con le loro azioni violente – caratterizzate da spedizioni a colpi di arma da fuoco, coltello, bastone e olio di ricino – favorirono, anche in provincia di Modena, l’ascesa impetuosa del fascismo.

A questo fenomeno e alla violenza politica è dedicato Gli squadristi di Modena (1919-1923), nuovo volume di Edizioni Artestampa, che sarà presentato in anteprima  giovedì 7 dicembre alle ore 18,45 presso la libreria LA FENICE di via Mazzini a Carpi. Autore è Fabio Montella, ricercatore indipendente, autore del recente Bagliori d’incendio realizzato dall’Istituto storico di Modena.

E proprio in continuità con Bagliori d’incendio si pone questo nuovo libro, che compie un affondo inedito sulla figura dei protagonisti dello squadrismo, sulle pratiche da loro attuate per annientare gli avversari ed anche sulla rappresentazione della violenza, con un nuovo apparato di immagini e con elenchi, Comune per Comune, di coloro che nel 1939 (in occasione del ventennale della fondazione, a Milano, dei fasci di combattimento) poterono fregiarsi, anche a Modena, del “brevetto” di squadrista. A tutto questo si aggiunge un’ampia cronologia inedita, con la descrizione di un migliaio episodi di violenza che segnarono la vita di questa provincia, provocando distruzioni e incendi di sedi operaie e sindacali, il ferimento di centinaia di oppositori e la morte di esponenti delle sinistre, del Partito Popolare ed anche di cittadini non implicati nelle contese politiche. Vittime della violenza scatenata in quegli anni furono anche 19 caduti tra i fascisti (8 dei quali uccisi il 26 settembre 1921 nella strage di via Emilia, a Modena), oltre a 4 mutilati e 12 feriti.

Il volume di Montella ripercorre, giorno per giorno, le tappe della violenza che insanguinò Modena per cinque anni (soprattutto nel biennio 1921-1922); una violenza inaudita, che fu scandita e accompagnata da canti, miti, riti e simboli tratti dalle trincee della Grande Guerra e dagli arditi: dai teschi con tibie incrociate alle giubbe, dalle fasce mollettiere alle cravatte nere, dal fez al pugnale.

Inserendosi nel solco di una nuova riflessione storiografica sulle origini del fascismo e grazie all’analisi di una vasta mole di documenti, il libro di Artestampa tratta di uno degli snodi cruciali della storia italiana, visto dal punto di vista modenese. Chi furono gli squadristi? Come e con quali mezzi riuscirono a conquistare il potere? Quale fu la mentalità alla base del loro agire? Perché non furono fermati? «La resa dello Stato di fronte all’ascesa di un movimento tutto sommato contenuto come il fascismo – spiega Montella – fu evidente anche a Modena. A questo si aggiunga che la violenza aumentò in modo esponenziale, dilagando impunita. Fu una violenza imitativa, senza freni inibitori, grazie anche all’uso di alcol e droga. Gli squadristi non avevano remore, colpendo uomini, donne e persino bambini. Fu un fenomeno che si autoalimentò, nella sottovalutazione generale».

Lo squadrismo peraltro non depose le armi dopo la Marcia su Roma dell’ottobre del 1922, con la conquista del potere da parte di Mussolini, e dopo avere spazzato via ogni voce dissenziente coi suoi metodi violenti e intimidatori, ma continuò per molto tempo a regolare i conti con gli avversari politici a colpi di rivoltella, moschetto, manganello, bombe, incendi e olio di ricino. «Il lato più oscuro del fascismo – prosegue Montella – fu tale ben prima del delitto Matteotti e delle “leggi fascistissime” e proseguì a lungo. Il movimento di Mussolini fu caratterizzato dalla violenza e dalla sopraffazione fin dal suo nascere, ma negli anni della dittatura si cercò di mettere in secondo piano questi aspetti che in parte erano divenuti imbarazzanti. Non a caso anche a Modena alcuni dei protagonisti delle violenze di quegli anni furono emarginati durante il Ventennio, salvo poi essere ripescati nel periodo della Repubblica Sociale, quando ci fu bisogno nuovamente dei loro metodi e della loro mancanza totale di remore e limiti».

La ricerca è stata resa possibile dall’analisi di migliaia di documenti, in buona parte conservati presso l’Archivio di Stato di Modena, «il cui personale – conclude Montella – ringrazio per la disponibilità e la professionalità dimostrate».

 

SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli da non perdere!
Rubrica - La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monari
Glocal
Una serata a Modena in ricordo di Giulio Santagata
Glocal - Venerdì 16 febbraio alle ore 17, a Modena, presso l’Auditorium Marco Biagi. Romano Prodi, Pierluigi Bersani, Gian Carlo Muzzarelli e Luca Bottura raccontano ZULI, “il compagno” Giulio Santagata.
Glocal
Innovazione e competitività delle imprese emiliano-romagnole
Glocal - Il sistema economico dell’Emilia-Romagna si posiziona al 21mo posto, su 121, per capacità di innovazione e grado di competitività delle imprese.
Glocal
La cucina italiana ancora la migliore al mondo
Glocal - La classifica dei Paesi con la “migliore cucina al mondo” vede al primo posto l'Italia con la valutazione media di 4.65 punti su 5.
Superbonus, il decreto “salva spese” – bonus barriere architettoniche
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Glocal
Pandoro indigesto per Chiara Ferragni: ma il vero danno è economico o d'immagine?
Glocal - Il nostro esperto di economia Andrea Lodi ricostruisce a quanto ammonta il danno economico per le società di Chiara Ferragni dopo la comminazione della multa da parte dell’Antitrust

Sul Panaro on air

    • WatchIl capriolo era rimasto incastrato tra le reti intigrandine del frutteto: salvato da Il Pettirosso
    • WatchC'è un posto speciale per le cicogne a Medolla
    • WatchDue francobolli per celebrare le eccellenze di Ravarino: la pera e l'aceto balsamico
  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    Volontariato
    Il ricavato del comitato Sagra Confine donato a 4 associazioni del territorio
    A ricevere la donazione sono stati Avis, Auser, Croce Blu e scuola dell’infanzia Filomena Budri di Mortizzuolo.
    usciamo
    A Massa Finalese una festa della donna… a tavola, in collaborazione col Centro Antiviolenza Ucman
    La serata enogastronomica si terrà al PalaDiversivo Prosolidar. Parte del ricavato sarà devoluto all'associazione Donne in Centro. Sabato 9 e domenica 10 la manifestazione "Tradizionalmente"
    Vestiti, usciamo
    Buon compleanno all'Oasi delle cicogne di Medolla
    Festeggia oggi gli anni lo spazio verde tra i più belli d’Italia, gestito dai volontari in collaborazione col Comune

    Curiosità

    Una corda insaporita per uccidere il cane, l'animale ora rischia di morire
    Da sapere
    Una corda insaporita per uccidere il cane, l'animale ora rischia di morire
    La corda, che era stata insaporita con grasso o strofinata col prosciutto, è stata gettata nel giardino di casa
    "Sanremo nonni", allegria e divertimento alla Cra “Augusto Modena” di San Felice
    L'iniziativa
    "Sanremo nonni", allegria e divertimento alla Cra “Augusto Modena” di San Felice
    Lo scorso 25 febbraio un gruppo di volontari ha animato la domenica degli ospiti della struttura
    Lavoro, sul sito Trenitalia nuova sezione per candidarsi
    L'iniziativa
    Lavoro, sul sito Trenitalia nuova sezione per candidarsi
    Sarà ad esempio possibile candidarsi per il ruolo di macchinista, figura storica del trasporto ferroviario, che oggi opera utilizzando moderne e sofisticate tecnologie.
    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    L'iniziativa
    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    Mentre i paesi vicini come Medolla o Concordia, terremotati come noi, hanno riaperto i loro teatri, il nostro è ancora casa di polvere e piccioni.
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    I risultati
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    Con il carro “Con la testa piena” ha proposto il tema del carnevale come grande contenitore di idee, fantasia e poesia, omaggiando Jacques Tati, Giulio Cesare Croce, Bertoldo
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    L'iniziativa
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    La trasmissione con protagonisti questi abitanti della Bassa modenese è andata in onda sabato sera
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    L'iniziativa
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    Si trova proprio a fianco al laboratorio dell’omonima sartoria circolare
    Aziende e territorio
    A Sanremo i vestiti di Mahmood sono made in Concordia, firmati Rick Owens
    Il made in Italy, del resto, non è solo un marchio, ma un patrimonio di conoscenze e saper fare che si trova solo da qualche parte, non è diffuso e globalizzato.
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    L'iniziativa
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    Durante il Terzo Tempo del post match di Irlanda-Italia Under 20. Ascari, classe 2004, ha lasciato a bocca aperta compagni e avversari con una performance canora
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Animali
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Oipa: "Chiedere l'obbligo anche per gatti e furetti".

    chiudi