Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
21 Luglio 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Radioterapia oncologica: al Policlinico inaugurato il nuovo acceleratore lineare finanziato dal PNRR

MODENA - È entrato in funzione al Policlinico di Modena un nuovo Acceleratore Lineare (LINAC) per Radioterapia, reso possibile grazie a un significativo investimento di 2.630.025,28 euro (IVA inclusa) finanziato dal PNRR. L'importo comprende 1.773.636,00 euro per l'acquisto dell’apparecchiatura e 856.389,28 euro per i lavori di adeguamento del bunker, permettendo così la sostituzione del vecchio LINAC Siemens del 2001. Questa sofisticata tecnologia radioterapica, basata sull’IGRT (Image Guided Radiation Therapy), consente trattamenti oncologici con una precisione senza precedenti, riducendo significativamente i tempi di trattamento grazie alla guida delle immagini del paziente direttamente nella sala di trattamento. I lavori di installazione, iniziati nel maggio 2023, si sono conclusi con successo nel maggio 2024.

Il Policlinico di Modena gestisce annualmente circa 1.500 nuovi casi di tumore, su un totale di circa 6.000 pazienti seguiti ogni anno. Di questi, circa 1.500 ricevono trattamenti radioterapici e 2.300 sono le PET eseguite dalla Medicina Nucleare del Policlinico, che serve l'intera provincia. Alla cerimonia di inaugurazione del nuovo acceleratore lineare erano presenti le autorità cittadine. La rete radioterapica provinciale modenese si avvale ora di una Tomotherapy e quattro acceleratori lineari: tre al Policlinico di Modena e uno all’Ospedale di Carpi. Questa avanzata dotazione tecnologica rappresenta un notevole passo avanti nella capacità di rispondere alle esigenze cliniche, offrendo trattamenti più efficaci e sicuri, e migliorando l'efficienza nella gestione delle liste d'attesa. La nuova apparecchiatura non solo rinforza la capacità operativa, ma segna anche una tappa fondamentale nella continua evoluzione delle tecniche radioterapiche, garantendo ai pazienti di Modena e provincia accesso alle migliori cure disponibili.

Modena vanta circa 1 acceleratore lineare ogni 140.000 abitanti – si congratula il dottor Claudio Vagnini, direttore generale dell’AOU di Modenaquesto risultato è frutto dei grandi investimenti di questi anni, effettuati anche grazie al prezioso supporto del mondo imprenditoriale, del volontariato e della cittadinanza tutta. Questo ulteriore upgrade della nostra tecnologia consente non solo terapie più precise ma anche un maggiore comfort del paziente va nell’ottica di un approccio sempre più umano ai percorsi di cura che la nostra Azienda ha intrapreso da tempo.”

Le conoscenze biologiche ci permettono ormai di comprendere la conformazione a livello cellulare del tumore e di scegliere il mix di terapie (farmacologiche e radioterapiche) più adatto a contrastarlo – aggiunge il dottor Giuseppe Longo, Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia - L’obiettivo è quello di creare terapie sempre più personalizzate in base al tumore e alla risposta dell’organismo del paziente alle cure, grazie anche alla combinazione con la PET-TC già presente in medicina nucleare, in grado di valutare non solo le dimensioni del tumore ma anche la sua evoluzione durante la cura. Questa nuova acquisizione ci permette di lavorare in maniera ancora più integrata tra oncologi, radioterapisti, medici di medicina nucleare, chirurghi e radiologi”.

L’acceleratore lineare – illustra la dott.ssa Patrizia Giacobazzi, direttrice protempore della Radioterapia Oncologicarappresenta il quarto dispositivo per trattamenti radioterapici, integrandosi alla Tomotherapy e potenziando significativamente la nostra capacità di risposta clinica nei settori oncologico e neuro-oncologico. Questo innovativo acceleratore lineare migliorerà notevolmente il percorso terapeutico dei pazienti inseriti nei PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali) regionali e territoriali, garantendo una maggiore appropriatezza e sicurezza delle cure. Inoltre, avrà un impatto positivo sulla gestione ergonomica ed efficiente delle liste di attesa. La tecnologia avanzata che caratterizza i nostri acceleratori consente di offrire le terapie più moderne e all’avanguardia sia a Modena che a Carpi, rendendo i trattamenti intercambiabili in caso di necessità. Questo non solo assicura continuità nelle cure, ma anche un’ottimizzazione delle risorse e una riduzione dei tempi di attesa per i pazienti”.

“L’apparecchiatura acquisita - aggiunge Ing. Sonia Cecoli, direttrice protempore del Servizio Unico Ingegneria Clinicasi inserisce nel piano di sviluppo ed efficientamento dei percorsi del paziente oncologico dell’Azienda Ospedaliera si tratta infatti di un acceleratore Elekta Mod. Versa HD analogo agli altri 3 acceleratori Elekta già installati in Azienda e quindi totalmente compatibile ed intercambiabile con gli altri sistemi già in uso presso la Radioterapia. L’adeguamento, inoltre, degli impianti e del Bunker per energie fino a 10MegaVolt (MV) ha consentito di allinearlo a tutti gli altri bunker con lo stesso livello di energie utilizzabili rendendolo pienamente intercambiabile con gli altri acceleratori dal punto di vista clinico, aspetto particolarmente importante per garantire la continuità del trattamento, soprattutto nel caso di malfunzionamenti e fermi macchina improvvisi”.

La disponibilità di trattamenti ad alta precisione e velocità, frutto degli investimenti degli ultimi anni in capacità di calcolo e integrazione tecnologica, sta rivoluzionando l'integrazione tra radioterapia e terapia sistemica (chemioterapia e immunoterapia). Questi progressi stanno aprendo nuove frontiere e modelli terapeutici di 'Quasi Real-Time Planning and Treatment' – spiega il Dott. Gabriele Guidi, direttore di Fisica Sanitaria - Il nuovo acceleratore lineare consente un controllo accurato del movimento respiratorio, minimizzando l’irradiazione dei tessuti sani e massimizzando la dose erogata al tumore. Questa tecnologia è particolarmente strategica nel trattamento della mammella sinistra, riducendo l’irradiazione del cuore. Inoltre, l'investimento potenzia l'accesso equo ed efficiente a trattamenti stereotassici avanzati (SBRT) per patologie complesse come il pancreas, polmone, encefalo e prostata, riducendo significativamente il numero di sedute terapeutiche necessarie ai pazienti. Questa avanzata tecnologia rappresenta un significativo passo avanti verso una medicina più precisa e personalizzata, garantendo risultati migliori e tempi di recupero più rapidi.”

La nuova apparecchiatura – aggiunge l’Ing. Marco Martignon del Servizio Unico Ingegneria Clinica -è inoltre in grado di effettuare una  terapia di tipo “conformazionale” d’organo per le masse tumorali dalla geometria più complessa, mediante  tecnica IMRT (l'Intensity-Modulated Radiation Therapy ) che modula l’intensità della radiazione all’organo bersaglio e limitrofi oltre a tecniche avanzate di IMRT come la VMAT (Volumetric Modulated Arc Therapy) che permette una  distribuzione di dose all’organo altamente conformata con riduzione degli effetti dannosi e con notevole riduzione del tempo di trattamento. L’apparecchiatura acquisita è particolarmente completa e dotata di un tavolo con elevato numero di gradi di libertà e di un sistema di verifica direttamente in sala esame del posizionamento costante del bersaglio mediante tecnica “CBCT” (Cone Beam CT) oltre a vantare un sistema di controllo costante del posizionamento del paziente mediante utilizzo di telecamere che permettono di intercettare anche i movimenti del paziente durante il trattamento".

Il sistema è integrato nella rete informatica dell’ospedale gestita dal Servizio tecnologie dell'informazione, diretto dall’Ing. Mario Lugli, che sottolinea: “da un punto di vista delle risorse informatiche per il calcolo dei piani di trattamento, la memorizzazione degli stessi e lo scambio dati tra i diversi componenti della rete di cura, la radioterapia costituisce la sfida più impegnativa per il sistema Informatico aziendale. Devono essere garantite velocità e continuità operativa della infrastruttura, in un’ottica di continuo aggiornamento dei componenti di base nonché di prevenzione dei possibili danni da attacchi informatici. Per tale scopo è stata potenziata la capacità di calcolo e di memorizzazione dei server e dello storage a disposizione, grazie ad altri finanziamenti PNRR dedicati alla informatizzazione degli ospedali. Obiettivo condiviso da tutti è quello di minimizzare i disagi per pazienti certamente fragili, anche in caso di malfunzionamento di uno dei componenti del sistema”. 

LEGGI ANCHE:
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Politici nel pallone
Glocal - Martedì 16 luglio all’Aquila, si è disputata la partita del cuore tra cantanti e politici. Un evento sportivo di beneficenza organizzato per raccogliere fondi da destinare all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e all’Ospedale San Salvatore dell’Aquila.
Glocal
Gli indignati
Glocal - La nazionale azzurra di calcio ci ha deluso. Un sentimento di delusione che si è trasformato velocemente in un sentimento di indignazione sociale.
APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere delle noci brasiliane
Rubrica - Sono semi oleosi provenienti dalle piante di Bertholletia excelsa -in onore dello scienziato francese Claude-Louis Berthollet- e sono conosciute anche come noci dell’Amazzonia perché è nella foresta amazzonica che crescono.
Glocal
Ricchezza e povertà degli italiani
Rubrica - Italia al 18° posto nella classifica europea del PIL pro capite stilata dal Fondo Monetario Internazionale.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 6
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Estetica, espressività e decorazione | Il Liberty industriale a San Possidonio
Rubrica - Ed eccoci ad una nuova uscita dedicate all’Art Nouveau, la rubrica di Francesca Monari, nata dalla collaborazione con Sara Zoni
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica | La pianta del Caffè
Rubrica - La rubrica botanica cura di Francesca Monari
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 5
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • La buona notizia

    La solidarietà
    Bomporto, inaugurata una cisterna in Madagascar grazie alla solidarietà della comunità
    Associazioni e cittadini bomportesi hanno sostenuto un’iniziativa benefica rivolta agli abitanti del villaggio di Andaromihomaky
    La storia
    Neonato salvato sull'isola di Martinica grazie a un dispositivo prodotto dalla Eurosets di Medolla
    Il bimbo di un mese e mezzo era affetto da bronchiolite acuta e non era in grado di respirare autonomamente a causa dell’infezione virale
    Il ricordo
    Viaggiare con gli animali domestici, i consigli del veterinario
    E' bene pensare di mettere in valigia anche un kit per il proprio amico a quattro zampe: ad esempio soluzione fisiologica, pomate protettive e lenitive, antiparassitari repellenti.

    Curiosità

    Furti in casa in estate, i consigli per scongiurarli
    Ultime notizie
    Furti in casa in estate, i consigli per scongiurarli
    "Non pubblicare sui Social network i tuoi programmi di viaggio, evita di far accumulare posta e pubblicità nella cassetta delle lettere chiedendo ad un amico di ritirarla"
    I tortellini si piazzano diciannovesimi in Italia tra i piatti più amati
    Curiosità
    I tortellini si piazzano diciannovesimi in Italia tra i piatti più amati
    Per gli italiani sono tra i meno ‘social’.
    L'84% adolescenti si fida dei medici, il 90% di genitori e amici. E basta
    Ambiente
    L'84% adolescenti si fida dei medici, il 90% di genitori e amici. E basta
    Preoccupa che oltre determinate soglie, la famiglia rischia di diventare familismo e l'amicizia 'clan', se non addirittura 'gang'
    Mirandola, automobilista ghanese presenta alla Polizia Locale patente falsa polacca
    Ultime notizie
    Mirandola, automobilista ghanese presenta alla Polizia Locale patente falsa polacca
    Sono stati 16 i posti di blocco effettuati in sette giorni dalla Municipale, con 179 mezzi controllati fra auto (168) e 11 fra autoarticolati e Tir
    Italiani preoccupati per reddito e salute. E aumentano i timori per il cambiamento climatico
    Da sapere
    Italiani preoccupati per reddito e salute. E aumentano i timori per il cambiamento climatico
    Con il mondo in ripresa dalla pandemia, gli italiani devono fronteggiare nuove e vecchie preoccupazioni che li rendono generalmente più insicuri rispetto alla media europea.
    Pasta "fuori orario", la scelgono due giovani su tre: la spaghettata di mezzanotte è un rito per 3 su 4
    Curiosità
    Pasta "fuori orario", la scelgono due giovani su tre: la spaghettata di mezzanotte è un rito per 3 su 4
    E' quanto rivela la ricerca "GenZ e Pasta: amore ai pasti e non solo...", condotta dai pastai di Unione Italiana Food in collaborazione con AstraRicerche
    E’ di Modena il miglior Balsamico Tradizionale: a Stefania e Roberto Antichi il 58° Palio di San Giovanni
    Arte
    E’ di Modena il miglior Balsamico Tradizionale: a Stefania e Roberto Antichi il 58° Palio di San Giovanni
    In classifica anche l'aceto balsamico di Stefano Pivetti di San Prospero
    Bomporto, la miniserie televisiva "Mountainmen. Linea gotica 1945" vola negli Stati Uniti
    Curiosità
    Bomporto, la miniserie televisiva "Mountainmen. Linea gotica 1945" vola negli Stati Uniti
    Il ponte che conduce al Museo della Decima Divisione a Fort Drum (New York) è stato battezzato con il nome di “Bomporto Bridge”
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    La storia
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    Seguire le regole aiuta a mantenere un ambiente sereno e piacevole per tutti. Ai "rari nantes" Mirco Scacchetti lo spiega pure in latino
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    La storia
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    E' nata nel 1978 e vive a Mirandola ma è di Concordia, dove è cresciuta. Traduce, insegna e scrive. "Mio padre è nato per i piedi" è il suo primo romanzo.

    chiudi