Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Scuola, al Barozzi ancora tutto fermo tra didattica a distanza e polemiche

MODENA – Ancora nessuna risposta per gli studenti dell’istituto tecnico economico Barozzi di Modena che, da tre settimane, sono costretti a frequentare buona parte delle lezioni tramite didattica a distanza. Un bel problema per gli oltre mille studenti  di tutta la provincia che da mesi attendono di tornare tra i banchi di scuola. Una preoccupazione condivisa con le loro famiglie: proprio una delle mamme ci ha contattato sperando di avere, tramite la stampa, quelle risposte che non aveva da giorni e giorni. A noi non è andata meglio: abbiamo trovato muro di gomma davanti alle nostre richieste di chiarimento e di intervista. La scuola non ci ha mai risposto.
Eppure quel che tutti vogliamo sapere è semplice, una risposta in nome della trasparenza andrebbe data.

A ottobre inoltrato, invece, si sa solo che come annunciato a settembre, gli unici studenti a cui al momento è stato concesso di rientrare a scuola normalmente sono quelli iscritti al primo anno, circa 300 ragazzi e ragazze.

Fino a venerdì scorso le altre classi dovevano ancora seguire le lezioni a distanza per 4 o 5 giorni alla settimana anche se, a partire dal 5 ottobre, le lezioni in presenza aumenteranno gradualmente per tutti con la possibilità di andare a scuola 4 giorni su 6. Purtroppo, i disagi continueranno e, nella maggioranza delle classi, 7 studenti diversi alla settimana saranno costretti a frequentare tutti i giorni da casa.

Questo problema sarebbe causato proprio dalla mancanza dello spazio utile a garantire il distanziamento sociale. Infatti, su indicazioni della Provincia, cinque aule del Barozzi sono state assegnate al Liceo Muratori. 10 aule della succursale sono invece state assegnate al Fermi. Al Barozzi spettano in risarcimento 10 aule dell’ex mensa CIR, insufficienti per il numero degli studenti e per garantire lezioni in sicurezza.

Il 3 settembre nel gruppo Facebook “Giù le mani dal Barozzi” gli studenti scrivevano:

“Il 16 luglio la nostra Dirigente Scolastica ha brutalmente appreso da una comunicazione inviata dalla provincia di Modena che alcuni locali (il laboratorio di Chimica, il laboratorio linguistico, 3 aule e 2 bagni) dell’ITES Jacopo Barozzi di Modena saranno ceduti al Liceo Muratori, comunicazione che non è stata preceduta da alcun colloquio (…). Durante il Consiglio di Istituto aperto a tutti, convocato per il 31 luglio 2020 per discutere di questa assurda decisione, abbiamo appreso da un comunicato stampa della Provincia che la decisione è stata presa. Tutto questo senza mai confrontarsi con noi studenti, con i docenti e soprattutto con la nostra Dirigente”.

Per questa ragione il 14 e il 15 settembre insegnanti, genitori e alunni riuniti nel gruppo hanno dato vita a una catena umana di protesta davanti all’istituto chiedendo spiegazioni e maggiore considerazione da parte della Provincia che in un comunicato ha affermato:

“I metri quadrati a disposizione per studente sono 4,6 al Barozzi (con 1.272 iscritti), contro per esempio i 3,9 al Muratori San Carlo (1.380 iscritti su tre sedi) e Fermi (1146 iscritti) e i 3 del Selmi (913 iscritti). Proprio la relativa disponibilità di spazi al Barozzi ha consentito il passaggio di quattro aule al Muratori San Carlo per risolvere, almeno in parte, i problemi del liceo, quest’anno in emergenza a causa dell’elevato numero di aule di dimensioni insufficienti nell’edificio di via Cittadella; il liceo ricorre alla didattica a distanza a rotazione per tutti gli studenti dalla seconda classe alla quarta, come avviene in diversi istituti superiori modenesi per rispettare le regole sul distanziamento”.

La risposta ha lasciato ben poche speranze all’istituto a cui la Provincia non sembra intenzionata a fornire ulteriori aule.

Oggi Lorenzo Luchena, il rappresentante di istituto degli studenti, ci ha segnalato che dalla Provincia non ci sono stati ulteriori aggiornamenti e che le aule oggetto di contesa non sono ancora passate agli altri istituti. Il grande numero di ore effettuate con la didattica a distanza è stato causato perlopiù dall’organizzazione delle classi e degli orari delle lezioni. Per questo si prevede, finché le aule non passeranno agli altri istituti, un incremento della frequenza e delle lezioni in presenza.

Bilancio della vicenda (definita caso Barozzi dalla “stampa locale”) a due mesi dall’inizio.Questo è il mio ultimo post…

Pubblicato da Giù le mani dal Barozzi su Martedì 15 settembre 2020

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    A Mirandola ragazzi a lezione di educazione stradale con gli agenti di Polizia Locale
    A Mirandola ragazzi a lezione di educazione stradale con gli agenti di Polizia Locale
    Molta l’attenzione e la partecipazione mostrata da parte degli alunni nei confronti della teoria e della pratica, direttamente “on the road”.[...]
    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    Grazie alla collaborazione di tanti sanfeliciani sul gruppo "Sei di San Felice se"[...]
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    E' coperta da una sostanza idro oleofobica che fa scivolare le goccioline con il virus che tentano di attaccarsi alla mascherina[...]
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]