Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
08 Dicembre 2022

Chiude il Punto nascita di Mirandola non per Covid, ma per riorganizzazione. E riapre il 7 gennaio

Non c’è un focolaio di Covid all’ospedale di Mirandola, non è una chiusura definitiva come tanti temono da tempo, e le donne che devono partorire non sbaglino indirizzo: sotto le feste devono andare a Carpi o a Modena.

Sono queste le informazioni essenziale da sapere dopo la notizia diffusa venerdì nel tardo pomeriggio: la sospensione delle attività del Punto nascita non è dovuta alla presenza di Coronavirus in sala parto o microrganismi letali trovati negli ambulatori di ginecologia. Sono stati rilevati, sì, casi di Coronavirus, ma non in numeri tale da imporre una chiusura. La scelta di sospendere il punto nascita dipende piuttosto da una necessità organizzativa legata alla situazione generale.

In ospedale ci si può andare, al pronto soccorso si può andare, le visite si possono fare. Allora cosa è successo?  

Nella sanità tutte le unità operative sono in crisi, siamo stanchi, molti tirati, ci ammaliamo anche noi e non abbiamo indici di sostituzioni tali da garantire sempre tutti i servizi – spiega Maria Cristina Galassi, direttrice del Dipartimento Materno-Infantile – e dove non c’è un’articolazione di operatori adeguatamente sicura per assicurare tutti gli interventi nella loro complessità, bisogna rivedere l’assetto assistenziale, rimodulare le attività e cambiare il servizio per adeguare gli interventi a quella determinata situazione e creare attività assistenziale in sicurezza in altre strutture. In un punto nascita così piccolo bastano pochi cambiamenti per alterare molto”

Quindi i cittadini non devono avere paura di venire in ospedale?

Non c’è un focolaio di Coronavirus, non devono avere paura, gli infetti stanno a casa, possono venire. Possiamo fare in sicurezza tutta una serie di attività. Altrimenti ci sarebbe tabula rasa“.

Insomma, si sospende il Punto nascita per concentrare le forze altrove in provincia. Ma perché proprio Mirandola? Non è che con la scusa del Covid si chiude definitivamente come è nelle preoccupazioni dei cittadini da tempo?

La recente nomina del primariato per l’Ostetricia e la Ginecologia, che prima era diviso con Carpi, è un messaggio forte per dire che è sull’Unità Operativa del Santa Maria Bianca abbiamo investito e continueremo a farlo. E il Covid c’era già a marzo, se c’era intenzione di chiudere, lo avremmo fatto allora.
Per questa sospensione diamo anche una data e un’ora di scadenza, se non fosse così non ci saremmo spinto a tanto, e non avremmo dato una Direzione di struttura complessa che mancava dal 2014. E’ un messaggio che deve confortare, in primis gli operatori. Ora c’è un gruppo di ostetriche finalmente stabilizzato e rinvigorito, non vorrei che passassero concetti diversi.
Inoltre, alle donne che partoriranno a metà gennaio, oggi e nei prossimi giorni apriremo la cartella proprio perché siamo certi che l’attività riprenderà a pieno ritmo“.

Cosa devono sapere le donne incinta o che hanno emergenze ginecologiche?

Le gravide che hanno aperto le cartelle per l’espletamento del parto al punto nascita di Mirandola sono state tutte già contattate per spiegare loro la temporanea situazione e la possibilità di svolgere travaglio e parto presso un’altra unità operativa. Si crea quindi un collegamento funzionale con i punti nascita scelti dalla donna, Modena o Carpi di solito. Le ostetriche di Mirandola hanno creato spazi con le ostetriche di Carpi e Policlinico affinché queste donne vengano seguite e verranno invitate a fare i controlli e portate in visita nelle sala parto per familiarizzare con gli ambienti.
Per le donne che partoriranno dopo il 7 gennaio e che devono passare dal Consultorio per aprire la cartella, possono normalmente farlo a Mirandola, perché dopo il 7 gennaio l’attività verrà ripresa a tutti gli effetti.
Inoltre, a Mirandola un medico e due ostetriche rimangono in reparto per garantire assistenza dalle 8 alle 20, come viene fatto a Pavullo. E’ la funzione assistenza al parto che si ferma, è la sala parto che è chiusa. Il medico durante il giorno c’è per l’ambulatorio e per le urgenze, come le minacce di aborto o le vaginiti non in gravidanza. Se necessario si viene trasferite. 
Ma di notte tutte, e anche di giorno se una donna ha le contrazioni, non deve per sbaglio andare in ospedale a Mirandola perché anche se trovo medico o ostetrica, è lo stesso modello di Pavullo, è ambulatoriale: non si partorisce qui. E’ bene andare direttamente a Carpi per evitare giri inutili. E’ importante che le donne si rivolgano direttamente all’ospedale scelto, se non se la sentono di mettersi in macchina, chiamino il 118“.

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Il lascito di libri del collezionista Giovanni Selmi ora disponibile al pubblico
    Si dà così risalto anche al patrimonio artistico, alla storia e alle tradizioni locali dei paesi della provincia modenese a volte trascurati. [...]
    Giornata della disabilità, i ragazze e le ragazze di Anffas Mirandola si raccontano in un video
    La ricerca del benessere, la voglia di stare insieme, la socializzazione e l'inclusione sono sempre i principi ispiratori di qualsiasi esperienza ed attività proposta da Anffas[...]

    Curiosità

    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    I quattro team selezionati tramite bando sono Farafter, Monster chef, The first hand e Ryoko[...]
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un nuovo studio, guidato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Padova, ha rivelato la natura sorprendente di un fossile proveniente dal Giurassico bellunese[...]
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Il sistema sviluppato all'interno di COWBOT affiancherà gli agricoltori nelle operazioni quotidiane, alleviandone la fatica e migliorando la condizione generale degli animali allevati.[...]
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, in una carriera ormai ventennale ha dato alla luce brani entrati nelle playlist degli italiani come “Le cose che abbiamo in comune“, “Salirò”, “Cohiba” e “Il mio nemico”.[...]
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    • malaguti