Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Chiude il Punto nascita di Mirandola non per Covid, ma per riorganizzazione. E riapre il 7 gennaio

Non c’è un focolaio di Covid all’ospedale di Mirandola, non è una chiusura definitiva come tanti temono da tempo, e le donne che devono partorire non sbaglino indirizzo: sotto le feste devono andare a Carpi o a Modena.

Sono queste le informazioni essenziale da sapere dopo la notizia diffusa venerdì nel tardo pomeriggio: la sospensione delle attività del Punto nascita non è dovuta alla presenza di Coronavirus in sala parto o microrganismi letali trovati negli ambulatori di ginecologia. Sono stati rilevati, sì, casi di Coronavirus, ma non in numeri tale da imporre una chiusura. La scelta di sospendere il punto nascita dipende piuttosto da una necessità organizzativa legata alla situazione generale.

In ospedale ci si può andare, al pronto soccorso si può andare, le visite si possono fare. Allora cosa è successo?  

Nella sanità tutte le unità operative sono in crisi, siamo stanchi, molti tirati, ci ammaliamo anche noi e non abbiamo indici di sostituzioni tali da garantire sempre tutti i servizi – spiega Maria Cristina Galassi, direttrice del Dipartimento Materno-Infantile – e dove non c’è un’articolazione di operatori adeguatamente sicura per assicurare tutti gli interventi nella loro complessità, bisogna rivedere l’assetto assistenziale, rimodulare le attività e cambiare il servizio per adeguare gli interventi a quella determinata situazione e creare attività assistenziale in sicurezza in altre strutture. In un punto nascita così piccolo bastano pochi cambiamenti per alterare molto”

Quindi i cittadini non devono avere paura di venire in ospedale?

Non c’è un focolaio di Coronavirus, non devono avere paura, gli infetti stanno a casa, possono venire. Possiamo fare in sicurezza tutta una serie di attività. Altrimenti ci sarebbe tabula rasa“.

Insomma, si sospende il Punto nascita per concentrare le forze altrove in provincia. Ma perché proprio Mirandola? Non è che con la scusa del Covid si chiude definitivamente come è nelle preoccupazioni dei cittadini da tempo?

La recente nomina del primariato per l’Ostetricia e la Ginecologia, che prima era diviso con Carpi, è un messaggio forte per dire che è sull’Unità Operativa del Santa Maria Bianca abbiamo investito e continueremo a farlo. E il Covid c’era già a marzo, se c’era intenzione di chiudere, lo avremmo fatto allora.
Per questa sospensione diamo anche una data e un’ora di scadenza, se non fosse così non ci saremmo spinto a tanto, e non avremmo dato una Direzione di struttura complessa che mancava dal 2014. E’ un messaggio che deve confortare, in primis gli operatori. Ora c’è un gruppo di ostetriche finalmente stabilizzato e rinvigorito, non vorrei che passassero concetti diversi.
Inoltre, alle donne che partoriranno a metà gennaio, oggi e nei prossimi giorni apriremo la cartella proprio perché siamo certi che l’attività riprenderà a pieno ritmo“.

Cosa devono sapere le donne incinta o che hanno emergenze ginecologiche?

Le gravide che hanno aperto le cartelle per l’espletamento del parto al punto nascita di Mirandola sono state tutte già contattate per spiegare loro la temporanea situazione e la possibilità di svolgere travaglio e parto presso un’altra unità operativa. Si crea quindi un collegamento funzionale con i punti nascita scelti dalla donna, Modena o Carpi di solito. Le ostetriche di Mirandola hanno creato spazi con le ostetriche di Carpi e Policlinico affinché queste donne vengano seguite e verranno invitate a fare i controlli e portate in visita nelle sala parto per familiarizzare con gli ambienti.
Per le donne che partoriranno dopo il 7 gennaio e che devono passare dal Consultorio per aprire la cartella, possono normalmente farlo a Mirandola, perché dopo il 7 gennaio l’attività verrà ripresa a tutti gli effetti.
Inoltre, a Mirandola un medico e due ostetriche rimangono in reparto per garantire assistenza dalle 8 alle 20, come viene fatto a Pavullo. E’ la funzione assistenza al parto che si ferma, è la sala parto che è chiusa. Il medico durante il giorno c’è per l’ambulatorio e per le urgenze, come le minacce di aborto o le vaginiti non in gravidanza. Se necessario si viene trasferite. 
Ma di notte tutte, e anche di giorno se una donna ha le contrazioni, non deve per sbaglio andare in ospedale a Mirandola perché anche se trovo medico o ostetrica, è lo stesso modello di Pavullo, è ambulatoriale: non si partorisce qui. E’ bene andare direttamente a Carpi per evitare giri inutili. E’ importante che le donne si rivolgano direttamente all’ospedale scelto, se non se la sentono di mettersi in macchina, chiamino il 118“.

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]