Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Impresa Bianchini di San Felice, il Comune di Modena valuta ipotesi di costituzione di parte civile

L’ipotesi che il Comune di Modena possa costituirsi parte civile nel processo relativo all’impresa Bianchini costruzioni di San Felice sul Panaro verrà esaminata nei prossimi giorni, sulla base dell’ordine del giorno approvato venerdì 4 dicembre dal Consiglio comunale che invita l’amministrazione, appunto, a valutare questo atto, dopo la verifica della fattibilità dal punto di vista giuridico.

La richiesta era stata presentata da Sinistra per Modena, l’ha illustrata Federico Trianni, e sottoscritta anche da Modena civica e Verdi, per essere poi approvata anche da Pd e Movimento 5 stelle. Contrari Lega Modena, Forza Italia e Fratelli d’Italia – Popolo della Famiglia.

Nella presentazione del documento, riferito al processo sulla vicenda della reiscrizione dell’azienda Bianchini alla “white list” della Prefettura di Modena, il consigliere Trianni ha ricordato che il caso giudiziario è nato a seguito dell’inchiesta Aemilia sulle infiltrazioni della criminalità organizzata nel territorio. Nel processo in questione, comunque, i 12 imputati devono rispondere, a vario titolo, dei reati di minacce a corpo politico, amministrativo e giudiziario dello Stato, rivelazione di segreti d’ufficio e minacce e oltraggio a pubblico ufficiale.

Nell’ordine del giorno si sottolinea che l’accusa è di aver agito “con mezzi illeciti per favorire l’azienda, già colpita da interdittiva antimafia prefettizia”, col risultato che l’eventuale inclusione nella ‘white list’ avrebbe “consentito la partecipazione ad appalti pubblici delle amministrazioni comunali, rendendo permeabile il nostro Comune alle infiltrazioni”.

Tra gli imputati, oltre all’ex senatore Carlo Giovanardi, l’ordine del giorno approvato ricorda i nomi di Augusto Bianchini, Alessandro Bianchini, Mario Ventura, Bruna Braga, Giuseppe Marco De Stavola, Gian Carla Moscattini, Daniele Lambertucci, Ilaria Colzi, Alessandro Tufo, Giuliano Michelucci, Giulio Musto.

Il consigliere Trianni, inoltre, ha sottolineato l’impegno dell’Ente locale a garanzia del mercato economico, citando anche l’adesione alla carta dell’associazione Avviso Pubblico, al sostegno alle iniziative di educazione alla legalità e al conferimento della cittadinanza onoraria al magistrato Antonino Di Matteo. Condannando quindi i presunti fatti al centro del processo, ipotizzando “il danno scaturito dal tentativo di inquinamento delle procedure d’appalto”, la mozione sollecita la giunta a verificare la possibilità di richiesta di costituzione di parte civile, proseguendo nel frattempo “il percorso di lotta alle mafie e di contrasto ai tentativi di corruzione nella pubblica amministrazione”.

Ala Comune, infine, si chiede di attivarsi col Parlamento per promuovere una riforma dell’articolo 416 bis del Codice penale, che regolamenta l’associazione a delinquere di stampo mafioso, “per definire il perimetro oggi più appropriato relativo a questo reato”.

Aprendo il dibattito per Lega Modena, Antonio Baldini ha sottolineato l’estraneità del Comune di Modena a questa vicenda, perché “non è coinvolto né ha subìto danni patrimoniali, se non in maniera eventuale e ipotetica”. Secondo il consigliere “le azioni antimafia, necessarie per mantenere l’attenzione sull’illegalità, non devono basarsi su operazioni-spot come questo ordine del giorno”. Anche Giovanni Bertoldi ha osservato che “non riscontriamo alcun interesse dell’Ente in questo caso. I fatti non sono avvenuti in città ma nel territorio provinciale, col coinvolgimento di soggetti non legati al Comune di Modena”. Precisando che “dalle accuse giudiziarie contestate è caduta l’aggravante mafiosa”, secondo il consigliere “la mozione nasconde un goffo tentativo politico di entrare in una vicenda che coinvolge il senatore Giovanardi”.

Per Giovanni Silingardi (Movimento 5 stelle) il punto principale dell’ordine del giorno “è quello che fa riferimento all’impegno di farsi portavoce per modificare l’articolo 416 bis. Oggi la mafia ha cambiato il suo modo di agire, superando l’intimidazione fisica che invece nell’attuale Codice risulta centrale”. Il consigliere ha poi osservato l’importanza dell’Ente e della società civile “di mantenere il focus sui fenomeni corruttivi, anche se non sfociano in episodi di fattispecie penale”.

Elisa Rossini (Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia) ha ricordato che la richiesta di costituirsi parte civile “si effettua se il richiedente risulta parte lesa o danneggiata: in questo caso, quindi, la richiesta è fuori luogo e ideologica in senso negativo”. In aggiunta, “l’Assemblea non ha gli elementi per capire se sussistano gli estremi per la procedere”. Inoltre, ragionando sulle modalità di modifica del 416 bis citate nel documento, “la mozione resta vaga, manca un’indicazione sulle possibili variazioni”.

Anche Piergiulio Giacobazzi (Forza Italia) si è interrogato sulle modalità di richiesta di costituzione di parte civile: “Se il Comune avesse riscontrato un danno subìto dalla città – ha dichiarato – avrebbe potuto muoversi con un atto di giunta”. Il consigliere ha poi richiamato “all’attenzione nell’utilizzare questo strumento, visti i molti casi di ribaltamento delle pronunce nei vari gradi di giudizio. Non bisogna aver fretta, peraltro in alternativa esiste la richiesta di risarcimento danni successiva a un’eventuale sentenza penale”.

Il capogruppo Pd Antonio Carpentieri ha messo l’accento “sulla rilevanza pubblica della ‘white list’ delle aziende ‘pulite, da cui anche il Comune attinge per gli appalti. Quindi l’interesse non è solo dell’Ente ma dell’intera comunità, perché esiste il rischio che si inneschino meccanismi non virtuosi che riguardano la collettività”. Il capogruppo ha precisato che “con questa mozione presentiamo una richiesta politica alla giunta, chiamata a esprimersi dopo una verifica che troverà le basi in una valutazione legale. Naturalmente deciderà poi il giudice in Tribunale se accogliere o meno la richiesta”.

Paola Aime (Verdi) ha fatto presente che questo ordine del giorno richiama l’impegno dell’Amministrazione nella lotta per la legalità, dalla possibilità di corruzione alle infiltrazioni della criminalità organizzata: “Tutti i fenomeni illeciti – ha spiegato – costituiscono un danno morale, economico e lavorativo che investe il tessuto sano della società e le aziende che rischiano di non poter lavorare nel libero mercato perché la mafia opera al posto loro”.

Camilla Scarpa (Sinistra per Modena) ha ribadito la centralità “delle questioni sulla legalità”, tra cui appunto la ‘white list’ che è uno strumento fondamentale, e l’importanza “che questo tema venga affrontato dal Consiglio comunale”. La richiesta di costituirsi parte civile, ha aggiunto, rientra nel contesto del sostegno “delle azioni a difesa della legalità e della promozione di una cultura della legalità”.

Nel dibattito è intervenuto anche l’assessore alla Legalità Andrea Bosi: “Il Comune di Modena – ha detto – da anni è impegnato per la legalità e contro la mafia grazie anche al lavoro unanime del Consiglio sul tema della promozione della legalità”. In questo ambito ha rilevato l’obiettivo, riportato anche nella mozione, “di stimolare il dibattito del Governo sul reato definito dall’articolo 416 bis del Codice penale e dell’aggravante mafiosa”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]