Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Euro4 diesel, Legambiente: “Attuare il blocco e accompagnare la transizione verso una mobilità a zero emissioni”

Non è più il momento di proroghe: è questa la posizione di Legambiente in merito allo stop ai veicoli Euro4 diesel, una misura prevista dal Piano Aria Integrato della Regione Emilia-Romagna fin dal 2018 e il cui avvio era stato posticipato dal 1° ottobre 2020 al gennaio 2021, ma che oggi viene nuovamente rinviata.

Non sfugge che l’accordo sul blocco degli Euro4, firmato dal Ministero dell’Ambiente e dalle Regioni del Bacino Padano con l’obiettivo di dimostrare all’Unione Europea l’impegno italiano per migliorare la scarsa qualità dell’aria respirata nelle nostre città e quindi evitare di pagare le considerevoli sanzioni previste, era privo di una data limite (si era parlato del 1° gennaio per Veneto e Piemonte, e dell’11 gennaio per Lombardia ed Emilia-Romagna). È tuttavia evidente come, in un contesto fortemente impattato da episodi di elevato inquinamento atmosferico come la pianura padana, la necessità del blocco sia più giustificata dai dati relativi alle emissioni: quelle di una sola auto a gasolio Euro 4 sono comparabili a quelli provenienti da 7 automobili diesel più recenti (con omologazione 2020) o a 20 auto a benzina nuove.

Non va meglio, in realtà, con le auto diesel Euro5 protagoniste dello scandalo sulle emissioni “Dieselgate”, le prossime a non poter più circolare nelle nostre città: proprio per questo chi compra oggi un’auto a combustione, anche quelle recentemente incentivate dal governo (sotto i 135 grammi di CO2/km), dovrebbe considerare che tra una decina d’anni non potrà più circolare in città, come succede oggi con gli Euro4 (a loro volta fortemente incentivati nel 2007).

“Le Regioni avevano chiesto il posticipo dell’entrata in vigore della misura con la scusa della riduzione delle emissioni complessive rispetto all’ordinario dovute al lockdown”, dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente. “Una scusa poco fondata, perché la pandemia da Covid non è una buona ragione per abbassare la guardia sull’inquinamento: entrambi sono da considerarsi, purtroppo, una causa importante di co-morbidità, che ha portato al decesso prematuro decine di migliaia di persone nel corso del 2020. La pandemia è quindi una ragione di più per bloccare subito i diesel Euro4 e veicoli più inquinanti, in tutte le città inquinate d’Italia. Seguirà poi lo stop agli Euro5, previsto nel 2025.”

Parallelamente al blocco dei mezzi più inquinanti, che a questo punto necessita di un forte indirizzo da parte del Ministero per evitare ulteriori compromessi al ribasso, è necessario un piano che accompagni cittadini e imprese alla dismissione: un piano che colpevolmente finora nessuno ha predisposto, ma necessario per fissare davvero uno stop. Da un lato occorrono incentivi alla rottamazione capaci di indirizzare gli investimenti privati verso l’acquisto di veicoli meno inquinanti e l’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all’auto propria (in particolare per chi vive in città), dall’altro un piano di comunicazione mirata a cittadini e imprese per favorire questa transizione.
Sotto questo punto di vista i 21 milioni stanziati dalla Regione dovranno essere incrementati ed investiti in maniera oculata, misurando i reali impatti delle misure che saranno adottate. Allo stesso tempo è necessario disinvestire dalle grandi infrastrutture autostradali, doppiamente dannose in quanto incentivo al trasporto di persone e merci su gomma e destinatarie di ingenti quantità di denaro pubblico che dovrebbero essere al contrario impiegate per finanziare misure a sostegno della mobilità sostenibile e a zero emissioni.

Una volta entrato in vigore il blocco, saranno 1,6 milioni i vecchi mezzi diesel Euro 4 (auto e camion del bacino padano che non potranno più circolare di giorno all’interno delle principali città della Pianura Padana: si tratta di meno del 10% dell’intero parco di veicoli, che ammonta a 17 milioni di mezzi.
Per quanto riguarda Modena, gli Euro 4 destinati a fermarsi sono 10693, poco meno dell’8% dei veicoli circolanti; su un parco veicoli di 135618, invece gli Euro0 sono 10251 e gli Euro1, 2 e 3 sono invece 9900 (per i dati di dettaglio sui capoluoghi dell’Emilia-Romagna si veda la tabella in calce a questo link).

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]

    Curiosità

    Attivo il sito web della parrocchia di Gavello
    Attivo il sito web della parrocchia di Gavello
    Per restare aggiornati sulle notizie, le celebrazioni e le attività della comunità parrocchiale[...]
    Tornano le zanzare. Ecco cosa fare per difendersi
    Tornano le zanzare. Ecco cosa fare per difendersi
    È consigliabile ridurre al minimo la presenza delle zanzare all’interno degli ambienti utilizzando zanzariere e condizionatori. Si possono usare anche apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o a piastrine e zampironi, ma sempre con le finestre aperte.[...]
    Tra architettura e storia, il Palazzo Abbaziale di Nonantola in un volume
    Tra architettura e storia, il Palazzo Abbaziale di Nonantola in un volume
    Presentazione del volume "Il Palazzo Abbaziale di Nonantola. Documenti sulle trasformazioni dell'edificio 1227-1965" pubblicato dall'Archivio Abbaziale e dal Centro Studi Storici Nonantolani[...]
    Il patrimonio genetico europeo deriverebbe da migrazioni di 17mila anni fa
    Il patrimonio genetico europeo deriverebbe da migrazioni di 17mila anni fa
    Lo mostra uno studio guidato da ricercatori dell'Università di Bologna, pubblicato sulla rivista Current BiologyCurrent Biology[...]
    Finale Emilia, la calciatrice Eleonora Goldoni nel nuovo video di Ermal Meta
    Finale Emilia, la calciatrice Eleonora Goldoni nel nuovo video di Ermal Meta
    Il cantante di origini albanesi ha pubblicato venerdì 7 maggio il video del singolo "Uno"[...]
    Da Medolla alle piste della Nascar: Double V Racing scalda i motori
    Da Medolla alle piste della Nascar: Double V Racing scalda i motori
    Nel weekend 14-16 maggio al debutto della nuova stagione della EuroNascar ci sarà un team fondato nella Bassa dall'imprenditore Francesco Vignali e dal pilota Pierluigi Veronesi[...]
    Giornata Internazionale dell'Ostetrica, i messaggi delle mamme assistite a Mirandola
    Giornata Internazionale dell'Ostetrica, i messaggi delle mamme assistite a Mirandola
    Per festeggiare la Giornata, che si celebra il 5 maggio, le ostetriche di Mirandola hanno lasciato spazio ai messaggi delle mamme che hanno assistito[...]
    Equitazione, la sorbarese Chiara Meschiari vincitrice dei campionati italiani di salto ostacoli
    Equitazione, la sorbarese Chiara Meschiari vincitrice dei campionati italiani di salto ostacoli
    Per la giovane campionessa arrivano, via social, i complimenti del sindaco di Bomporto, Angelo Giovannini[...]
    Napoleone Bonaparte, un ricordo in occasione del bicentenario della morte
    Napoleone Bonaparte, un ricordo in occasione del bicentenario della morte
    Simonetta Calzolari ricorda il generale ed imperatore a 200 anni da quel 5 maggio 1821 in cui perse la vita[...]
    Razzo cinese in caduta libera verso la Terra: dove potrebbe atterrare?
    Razzo cinese in caduta libera verso la Terra: dove potrebbe atterrare?
    Secondo gli esperti, la caduta dei frammenti dello stadio del razzo dovrebbe avvenire in una fascia che comprende l'Italia centrale e meridionale[...]