Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Euro4 diesel, Legambiente: “Attuare il blocco e accompagnare la transizione verso una mobilità a zero emissioni”

Non è più il momento di proroghe: è questa la posizione di Legambiente in merito allo stop ai veicoli Euro4 diesel, una misura prevista dal Piano Aria Integrato della Regione Emilia-Romagna fin dal 2018 e il cui avvio era stato posticipato dal 1° ottobre 2020 al gennaio 2021, ma che oggi viene nuovamente rinviata.

Non sfugge che l’accordo sul blocco degli Euro4, firmato dal Ministero dell’Ambiente e dalle Regioni del Bacino Padano con l’obiettivo di dimostrare all’Unione Europea l’impegno italiano per migliorare la scarsa qualità dell’aria respirata nelle nostre città e quindi evitare di pagare le considerevoli sanzioni previste, era privo di una data limite (si era parlato del 1° gennaio per Veneto e Piemonte, e dell’11 gennaio per Lombardia ed Emilia-Romagna). È tuttavia evidente come, in un contesto fortemente impattato da episodi di elevato inquinamento atmosferico come la pianura padana, la necessità del blocco sia più giustificata dai dati relativi alle emissioni: quelle di una sola auto a gasolio Euro 4 sono comparabili a quelli provenienti da 7 automobili diesel più recenti (con omologazione 2020) o a 20 auto a benzina nuove.

Non va meglio, in realtà, con le auto diesel Euro5 protagoniste dello scandalo sulle emissioni “Dieselgate”, le prossime a non poter più circolare nelle nostre città: proprio per questo chi compra oggi un’auto a combustione, anche quelle recentemente incentivate dal governo (sotto i 135 grammi di CO2/km), dovrebbe considerare che tra una decina d’anni non potrà più circolare in città, come succede oggi con gli Euro4 (a loro volta fortemente incentivati nel 2007).

“Le Regioni avevano chiesto il posticipo dell’entrata in vigore della misura con la scusa della riduzione delle emissioni complessive rispetto all’ordinario dovute al lockdown”, dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente. “Una scusa poco fondata, perché la pandemia da Covid non è una buona ragione per abbassare la guardia sull’inquinamento: entrambi sono da considerarsi, purtroppo, una causa importante di co-morbidità, che ha portato al decesso prematuro decine di migliaia di persone nel corso del 2020. La pandemia è quindi una ragione di più per bloccare subito i diesel Euro4 e veicoli più inquinanti, in tutte le città inquinate d’Italia. Seguirà poi lo stop agli Euro5, previsto nel 2025.”

Parallelamente al blocco dei mezzi più inquinanti, che a questo punto necessita di un forte indirizzo da parte del Ministero per evitare ulteriori compromessi al ribasso, è necessario un piano che accompagni cittadini e imprese alla dismissione: un piano che colpevolmente finora nessuno ha predisposto, ma necessario per fissare davvero uno stop. Da un lato occorrono incentivi alla rottamazione capaci di indirizzare gli investimenti privati verso l’acquisto di veicoli meno inquinanti e l’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all’auto propria (in particolare per chi vive in città), dall’altro un piano di comunicazione mirata a cittadini e imprese per favorire questa transizione.
Sotto questo punto di vista i 21 milioni stanziati dalla Regione dovranno essere incrementati ed investiti in maniera oculata, misurando i reali impatti delle misure che saranno adottate. Allo stesso tempo è necessario disinvestire dalle grandi infrastrutture autostradali, doppiamente dannose in quanto incentivo al trasporto di persone e merci su gomma e destinatarie di ingenti quantità di denaro pubblico che dovrebbero essere al contrario impiegate per finanziare misure a sostegno della mobilità sostenibile e a zero emissioni.

Una volta entrato in vigore il blocco, saranno 1,6 milioni i vecchi mezzi diesel Euro 4 (auto e camion del bacino padano che non potranno più circolare di giorno all’interno delle principali città della Pianura Padana: si tratta di meno del 10% dell’intero parco di veicoli, che ammonta a 17 milioni di mezzi.
Per quanto riguarda Modena, gli Euro 4 destinati a fermarsi sono 10693, poco meno dell’8% dei veicoli circolanti; su un parco veicoli di 135618, invece gli Euro0 sono 10251 e gli Euro1, 2 e 3 sono invece 9900 (per i dati di dettaglio sui capoluoghi dell’Emilia-Romagna si veda la tabella in calce a questo link).

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]