Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

La Sp 568 da San Felice a Ravarino, la Sp 48 di Correggio e altre passano dalla Provincia ad Anas

Sono 127 i chilometri di strade provinciali che saranno trasferite ad Anas nei prossimi giorni non appena sarà sottoscritto il verbale di consegna tra la Regione e Anas, che ne assumerà la proprietà e la gestione, mentre un tratto di Statale 12 dell’Abetone di circa 25 chilometri, tra il bivio con la strada provinciale 40 a Lama Mocogno e l’innesto con la strada provinciale 324 a Pievepelago, diventerà di competenza provinciale, insieme a tre case cantoniere ubicate lungo il tratto stradale.

All’Anas passano la strada provinciale 413 Romana sud, da Modena al confine reggiano a Carpi, la provinciale 468 dal confine ferrarese all’innesto con la provinciale 568 a San Felice, tutta la provinciale 568 da San Felice a Ravarino, la strada provinciale 569 dall’innesto con la provinciale 623 Vignolese, fino al confine bolognese, l’intera provinciale 623 Vignolese da Modena a Bologna; viene inoltre ceduto il tratto della Modena-Sassuolo da Baggiovara a Casinalbo di competenza provinciale; in Appennino saranno trasferite la provinciale 40 di Vaglio a Lama Mocogno e la sua prosecuzione sulla provinciale 324 fino a Pievepelago.

Illustrando il provvedimento al Consiglio provinciale, lunedì 29 marzo, il presidente della Provincia Gian Domenico Tomei ha affermato che «si tratta di un importante cessione, prevista da un accordo tra Regione Emilia-Romagna e  Governo, per la riclassificazione delle arterie stradali di interesse interprovinciali che collegano il territorio modenese a Reggio Emilia e Bologna, considerate di interesse nazionale; analoghi accordi sono stati sottoscritti in diverse regioni. Per quanto ci riguarda – prosegue Tomei – consegniamo strade in buono stato di manutenzione, dopo che Anas ce le affidò vent’anni fa, e ci impegniamo fin da ora a controllare che la stessa Anas garantisca tutte le manutenzioni e gli investimenti necessari. L’acquisizione di un importante tratto di statale 12  in montagna e di tre case cantoniere, su cui valuteremo l’utilizzo, rappresenta un traguardo per la riqualificazione dei collegamenti appenninici, fondamentali per il rilancio del territorio».

Sulla provinciale 623 la Provincia di Modena ha recentemente concluso un intervento di adeguamento stradale e messa in sicurezza del tratto tra il casello di Modena Sud e Spilamberto, mentre sulla 413 a San Pancrazio sono in corso di ultimazione lavori di allargamento stradale e ridefinizione dell’innesto con la provinciale 13 per Campogalliano, per alleggerire i carichi di traffico in quella zona. Per i due interventi la Provincia ha investito complessivamente oltre cinque milioni di euro.

La cessione delle strade riguarda anche un tratto di Modena-Sassuolo, sul quale Tomei sottolinea «come sia sempre stato tenuto in ottime condizioni, a dimostrazione che la Provincia eroga servizi di grande qualità ed opera con efficienza su strade e scuole. Per noi non si tratta di un risparmio ma avremo più risorse da destinare alla nostra rete».

Il trasferimento delle strade comporterà una riduzione complessiva dei chilometri in gestione alla Provincia dagli attuali 1.026 a 928. Ad eccezione della provinciale 40 e del tratto di Modena-Sassuolo, tutte le altre arterie sono di proprietà provinciale dal 2001, mentre in precedenza erano di competenza

viabilità\2 – le STRADE PROVINCIALI CEDUTE AD ANAS

in pianura la vignolese, la modena-carpi e la carpi-Finale

 

Le strade provinciali modenesi che passeranno all’Anas sono state individuare in quanto di interesse interprovinciale e regionale.

Nell’elenco figurano la strada provinciale 623 del Passo Brasa, la dorsale che collega l’Appennino est tra il fiume Panaro ed il torrente Samoggia, con la pianura. Fu realizzata dopo l’unità d’Italia utilizzando in parte percorsi esistenti, anche antichi, in parte aprendone nuovi. Il tratto modenese della provinciale misura complessivamente 54 chilometri, a cui vanno aggiunti tre chilometri all’interno del comune di Vignola e quasi 11 in provincia di Bologna, per uno sviluppo di oltre 68 chilometri, che attraversano i comuni di Modena, Spilamberto, Vignola, Savignano, Guiglia, Zocca e Montese, oltre a Castel d’Aiano nel bolognese.

La strada provinciale 13 Romana (tratto da Modena a Carpi), chiamata “Romana” a partire dal suo passaggio all’Anas negli anni sessanta e così denominata fino ad oggi, è di origine antica e ricerche topografiche confermano l’ipotesi di una coincidenza con un tratto del collegamento tra Modena e Ostiglia, menzionato nell’Itinerarium Antonini, una lista di percorsi di epoca romana. Nel secondo dopoguerra, la Provincia esegue i lavori della variante a Novi e dagli anni sessanta la strada venne ceduta ad Anas, che realizzò numerosi interventi di adeguamento nel territorio comunale di Modena, in particolare quelli funzionali al collegamento con la dogana di Campogalliano e l’Autobrennero, nella zona di San Pancrazio, attualmente oggetto di ulteriori lavori di adeguamento stradale.

La strada ha uno sviluppo complessivo di oltre 32 chilometri, sei dei quali in gestione al Comune di Carpi e il tratto che sarà ceduto ad Anas, compreso tra il confine modenese e Carpi, è di poco superiore a 11 chilometri.

La provinciale 468 di Correggio collega Carpi a Finale Emilia; è costituita da due strade preesistenti all’unità d’Italia e provincializzate nel 1866, subito dopo la creazione dell’Ufficio tecnico provinciale: la strada della Motta e quella di San Felice per Ferrara. Nel 1954 quest’ultima strada venne definita come “la più importante traversale della bassa pianura modenese e arteria di grande traffico” e nel 1965, nell’anno del loro passaggio allo Stato, le due strade vennero unificate e denominate strada statale 468 di Correggio.

Lo sviluppo complessivo dell’arteria è di 53 chilometri, sette dei quali ci competenza del Comune di Carpi. Dei restanti 46 chilometri, circa 21 passeranno nuovamente sotto la gestione di Anas.

 

La provinciale 568 di Crevalcore collega i comuni di San Felice sul Panaro, Camposanto e Crevalcore, in provincia di Bologna; venne realizzata sull’area di sedime della precedente arteria intercomunale che collegava le località di Perossaro, Camposanto e Muzza, anche grazie al ponte sul fiume Panaro a Camposanto, realizzato dalla Provincia nel 1913. La Provincia di Modena prese definitivamente in carico l’arteria nel secondo dopoguerra, assegnandogli il nome di “strada provinciale 568 di Crevalcore”, fino a quando, negli anni sessanta, passò sotto la competenza di Anas che ne curò la manutenzione fino al 2001, anno di ritorno  alla Provincia.

Lo sviluppo complessivo dell’arteria, nel tratto modenese, è di 11 chilometri, ed è interamente ceduto ad Anas.

La provinciale 569 di Vignola collega Pozza di Maranello al confine bolognese verso Bazzano, attraversando gli abitati di Solignano nuovo, Cà di Sola, Vignola e Savignano sul Panaro. E’ un’arteria ad alta densità di  traffico e caratterizzata da alcune importanti infrastrutture come il ponte Muratori sul fiume Panaro, a Vignola, il ponte di Cà di Sola sul torrente Guerro e il ponte Rosa sul torrente Tiepido, risalente al 1862.

La strada, oggetto di varianti nel corso degli ultimi anni ha uno sviluppo complessivo di oltre 21 chilometri, tutti di competenza provinciale con l’eccezione della tratto all’interno del comune di Vignola, di quasi due chilometri, e verrà interamente ceduta ad Anas.

viabilità\3 – in appennino la sp 40 passa all’ANAS

alla provincia la ss 12 da lama mocogno a pievepelago

 

In Appennino il passaggio di competenze dalla Provincia all’Anas riguarda la strada provinciale 40 di Vaglio che parte dall’incrocio con la statale 12 a Lama Mocogno per terminare dopo dieci chilometri a Magrignana nel comune di Montecreto sulla provinciale 324.

E’ considerata un’alternativa alla via Giardini per accorciare il tragitto tra Modena e Pievepelago, anche grazie alla galleria di Strettara, realizzata dalla Provincia nel 1992 e al più recente ponte sul torrente Scoltenna, aperto al transito nel 2002.

Lungo la provinciale vi sono altri manufatti significativi, come il ponte sul Rio Becco, il ponte sul Fosso Merlo, il ponte sul Rio Magrnignana e quello sul Rio Carnale.

Con il passaggio della provinciale 40 all’Anas la Provincia acquisisce la competenza sul tratto della statale 12, lungo circa 25 chilometri,  da Lama Mocogno a Pievepelago, attualmente gestito da Anas, insieme a tre case cantoniere.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]