Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
26 Ottobre 2021

Modena zona rossa, il j’accuse degli amministratori Pd: “Noi ignorati, c’è pressappochismo e solo belle parole”

RAVARINO – “Noi ignorati, c’è pressappochismo e solo belle parole”. Emerge sui social l’amarezza di assessori e sindaci democrat per come è stata gestita la comunicazione dell’ingresso in zona rossa e la scelta di chiudere le scuole. I “piani alti” della Regione a guida Bonaccini sembrano essersi dimenticati di chi è sul territorio. Dure le proteste dalla base del Pd, anche nella Bassa.

Scrive ad esempio Patrizio Piga, assessore di centrosinistra con deleghe alla Pubblica istruzione, alle Politiche per l’infanzia e a Innovazione e Comunicazione del Comune di Ravarino, si è sfogato, attraverso un post su Facebook, riguardo alla poca chiarezza sulla gestione dell’ingresso della provincia di Modena in zona rossa a partire da giovedì 4 marzo. Di seguito, il contenuto del suo post:

“E’ stata l’ennesima giornata impiegata a far fronte al groviglio di informazioni contraddittorie e confuse che provenivano dai vari pulpiti. La cosa odiosa è proprio quella di dare notizie, alle persone che chiedono chiarimenti, ed essere smentiti dopo poco. Nonostante abbia segnalato le varie incongruenze, le risposte dagli alti livelli della politica non arrivavano. Siamo stati costretti ad apprendere da giornalisti per mezzo di post, le varie contraddizioni raccontate da questo o da quel rappresentante, rimanendo noi amministratori all’ultimo posto. Peccato però che non comprendano che siamo al primo posto quando dobbiamo dare le risposte ai cittadini e prenderci le responsabilità. Sono davvero stufo di questo pressappochismo, tante belle parole ma quando si tratta di fare….Giudicate voi”.

Piga non è, però, l’unico, tra le persone con ruoli di responsabilità nelle amministrazioni locali della provincia di Modena, a esprimere perplessità riguardo alle modalità con cui la zona rossa è stata decretata fino al 21 marzo. Anche il sindaco di Medolla, Alberto Calciolari, dipendente regionale, infatti, ha pubblicato un post sul proprio profilo Facebook in cui evidenzia come i dati in materia di Covid a Medolla in questi giorni siano migliori rispetto a quelli di inizio febbraio ed esprime amarezza per la chiusura delle scuole:

“Ancora una volta, come un anno fa, un provvedimento di chiusura delle scuole colpisce le nostre comunità. E, con esso, forti limitazioni alla circolazione delle persone e alla funzionalità delle attività commerciali e della ristorazione. Questo duro provvedimento viene adottato in un momento nel quale a Medolla la forza del Covid non è all’apice (ad oggi si registrano 49 isolamenti per contatti; 22 persone affette in cura al domicilio; 3 persone affette in cura in ospedale). I dati odierni sono molto inferiori a quelli di un mese fa, ma questo virus ci ha abituato a continue ed imprevedibili modifiche della propria forza: ritorni di fiamma di una malattia insidiosa, che sta attaccando pesantemente, tra le altre, le provincie di Modena e di Bologna, di fronte alla quale, tuttavia, ora abbiamo due armi: oltre alla prevenzione, da due mesi ci sono i vaccini. Abbiamo assistito nelle scorse settimane all’apertura del punto di vaccinazione di Mirandola: efficiente, ben organizzato, funzionale. Un esempio di buon funzionamento della sanità pubblica di questa regione. Ma la diffusione del virus è più veloce dei nostri pensieri, della nostra capacità di acquisire i vaccini e di vaccinare le persone. E ancora una volta ci viene chiesta una prova. Tra le altre cose dobbiamo alleggerire la pressione reale o potenziale sugli ospedali delle nostre province: non possiamo permetterci il collasso delle nostre strutture sanitarie. Perché la lotta al Covid si vince anche così. Ho ancora negli occhi l’amarezza di alcune insegnanti che ho incontrato oggi alla fine delle lezioni. Mi chiedevano rassicurazioni sulla brevità della chiusura delle scuole. Rassicurazioni che non potevo dare, ma solo auspicare. E non potevo che condividere questa amarezza: la scuola è una delle più importanti istituzioni della nostra società perché è il luogo dove si costruiscono le coscienze delle nuove generazioni e dove si edificano i cittadini del futuro. Questo sacrificio, ora richiesto, non andrà perso”.
Scontento lo esprime anche il sindaco di Modena, Giancarlo Muzzarelli
Il Governo Draghi era partito dicendo che la scuola era l’assoluta priorità e si era dato l’obiettivo di salvaguardare e ampliare la didattica in presenza.
Purtroppo il primo provvedimento concreto del nuovo Esecutivo è in contraddizione.
Il DPCM di ieri, infatti, mentre conferma l’impostazione delle ‘zone a colori’ dell’esecutivo Conte Bis, aggiunge una stretta forte sulle scuole e sui servizi educativi “0-6 anni”, prevedendo tra l’altro la chiusura di tutti questi servizi in zona rossa (il precedente DPCM prevedeva didattica in presenza sino alla prima media compresa).
Sia chiaro: vedo i dati sui contagi dei giovani e mi preoccupo, con la variante inglese ora prevalente.
Ma rimango convinto che, rispettando le regole ed i protocolli (un grande grazie a maestre, maestri, docenti, personale Ata), la scuola continui ad essere un luogo sicuro per i nostri figli e nipoti; un luogo di formazione, civiltà e democrazia che deve rimanere aperto il più possibile.
La mia opinione sulla scuola è dunque diversa rispetto a quanto scritto nel DPCM e l’ho ribadita negli incontri istituzionali di questi giorni.
Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"E adesso un libro: rubrica di libri". Parla come ami di Maria Giovanna Luini
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Glocal
Ecomondo: a Rimini la fiera sull'economia circolare
Dal 26 al 29 ottobre, dalle 9.00 alle 18.30, il quartiere fieristico di Rimini ospita due importanti manifestazioni sull’economia circolare e le energie rinnovabili: Ecomondo e Key Energy 2021.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Università. Gli studenti dell'Emilia-Romagna da settembre sono tornati alle lezioni in presenza
    Le università, con modalità diverse, hanno garantito il ritorno alle lezioni in aula, con green pass e prenotazioni.[...]
    Università di Modena plastic-free: al via da oggi la consegna di borracce a tutti
    Studenti e studentesse iscritte all’Ateneo emiliano potranno ritirare la borraccia serigrafata con il logo Unimore direttamente nella propria biblioteca di riferimento[...]
    A due scuole di Finale Emilia e San Felice il primo premio Ausl per sana alimentazione e sostenibilità ambientale
    La media sanfeliciana si è aggiudicata il primo premio per Mani in Pasta presentando il video "Ora tocca te", i piccoli finalesi delle Rodari premiati per il loro e-book interattivo[...]

    Curiosità

    Il pizzaiolo Michele De Martino de "La Smorfia" di Modena incanta Napoli
    Il pizzaiolo Michele De Martino de "La Smorfia" di Modena incanta Napoli
    Michele De Martino e Riccardo Vitali, primo e secondo pizzaiolo a "La Smorfia" di Modena, si sono aggiudicati il primo e il secondo posto alla gara di pizza napoletana, senza glutine e contemporanea.[...]
    Celebrazioni dantesche, un dipinto di proprietà della Regione Emilia-Romagna approda alla mostra inaugurata alle Scuderie del Quirinale
    Celebrazioni dantesche, un dipinto di proprietà della Regione Emilia-Romagna approda alla mostra inaugurata alle Scuderie del Quirinale
    Si tratta di “Dante che parte per l’esilio”, opera del pittore bolognese Andrea Besteghi, commissionata da Luigi Pizzardi, primo sindaco della città liberata dall’amministrazione pontificia e poi austriaca per il VI Centenario dalla nascita del Poeta[...]
    Canale cattura-sole, in Emilia-Romagna parte lo studio di fattibilità
    Canale cattura-sole, in Emilia-Romagna parte lo studio di fattibilità
    Nei mesi scorsi in Regione è stato approvato un ordine del giorno, proposto dal Movimento 5 stelle, che impegna la Giunta Bonaccini sulla solarizzazione del Cer[...]
    Aceto balsamico e parmigiano per l'ultima gara in Italia per Valentino Rossi
    Aceto balsamico e parmigiano per l'ultima gara in Italia per Valentino Rossi
    Al campione di Tavullia arrivati in dono prodotti tipici dell'Emilia-Romagna[...]
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    L'arrivo della coppia ha destato la curiosità dei presenti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini che, sulla sua pagina Facebook, ha postato la postato la foto della coppia.[...]
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Denunciato anche l'organizzatore, che ha guadagnato circa mezzo milione di euro dal 2017 al 2020[...]
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]