Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Giornata Internazionale dell’Ostetrica, i messaggi delle mamme assistite a Mirandola

MIRANDOLA – In occasione della Giornata Internazionale dell’Ostetrica, che, come ogni anno, si festeggia il 5 maggio, le ostetriche di Mirandola, attraverso un post sulla pagina Facebook ‘Nascere a Mirandola’ hanno scelto un modo diverso dal solito per celebrare la ricorrenza. Hanno, infatti, deciso di lasciare la parola alle donne che hanno assistito. Di seguito, il contenuto del post:

“Vogliamo festeggiare anche oggi, dopo un anno decisamente anomalo, un anno di Covid, durante il quale la nostra professione è stata totalmente scombussolata. Ci siamo adeguate: distanziamenti, camici, visiere, occhiali, mascherine. Con fatica, perché il nostro lavoro non si può fare a un metro di distanza, perché una nascita ha bisogno di contatto e calore, perché le espressioni comunicano più delle parole a volte.
Nonostante questo attraverso gli occhi, le parole, i gesti siamo riuscite lo stesso a fare trasparire la nostra professionalità e il nostro amore per la professione. E continueremo a farlo. Allora oggi un pensiero speciale va a tutte le colleghe della provincia, della regione, dell’Italia, dell’ Europa e del mondo che ogni giorno ed ogni notte da più di un anno a questa parte si trovano ad assistere, non senza difficoltà, tutte le mamme e i neonati direttamente coinvolti in questa pandemia.
Abbiamo pensato a lungo a come festeggiare in modo speciale questo 5 maggio e alla fine abbiamo pensato di lasciare la parola alle donne che abbiamo assistito, perché la vostra gratitudine sarà sempre la più grande soddisfazione per la nostra professione. Ed infine, oggi vi regaliamo un sorriso senza mascherina, con un fiore rosso, il colore di questa festa”.
Le ostetriche di Mirandola. 🌹
Di seguito, le parole di alcune delle mamme assistite nel parto dalle ostetriche di Mirandola:
“L’ostetrica è quella guida che ti aiuta a dare un nome e a spiegare tutti i cambiamenti a cui vai incontro durante la gravidanza; diventa il filo del telefono che serve a te e al tuo bebè per sentirvi e comunicare, anche se per pochi minuti ogni mese. È quella figura che si fa in quattro per farti sentire il più possibile a tuo agio in sala parto; si mette perfino in ginocchio per vedere arrivare la testolina e ha sempre le parole giuste per spronarti anche quando pensi di non farcela.
È come una mamma che ti ascolta e ti consiglia durante il puerperio, quando sei piena di dubbi e credi di stare sbagliando tutto. L’ostetrica è quell’amica che ti accoglie sempre col sorriso e sulla quale sai sempre di poter contare”.
Rita, mamma di Mattia
“Salve, sono una ragazza che ha portato a Mirandola a settembre 2020. Ho trovato le ostetriche molto professionali e sempre disponibili e cordiali. Credo che il loro lavoro sia tra i più importanti e che richieda una grandissima fonte di coraggio e sangue freddo. Sanno sempre cosa fare e come aiutare la partoriente in ogni occasione. E credo che loro facciano questo lavoro proprio per amore, amore per questo lavoro e per la vita che deve nascere”.
Jasmine, mamma di Noemi Virginia
“Le ostetriche per me sono state guide insostituibili nel percorso della gravidanza: sono state sostegno, rassicurazione, conforto.​
Le ostetriche sono state mani delicate che mi hanno accarezzato e massaggiato la schiena per alleviarne il dolore durante il travaglio, che mi hanno visitato con rispetto, che con dolcezza e competenza hanno accolto il mio bambino.​
Le ostetriche sono occhi empatici, attenti, luminosi, occhi che custodiscono un segreto…occhi che per primi vedono la bellezza delle nuove vite affacciarsi al mondo”.
Serena, mamma di Gioele
“Ho conosciuto la figura dell’ostetrica per la prima volta in sala parto. È stato prima di tutto un rapporto da donna a donna, quelli dove ti spogli di tutto e ti affidi umanamente a chi hai di fronte. Abbiamo comunicato con gli sguardi, con le parole, con la voce, con i corpi…sono mancati solo i volti completi, coperti dalle mascherine, ma la relazione era troppo forte perché questo fosse un ostacolo. In quel momento, travolta da tutte quelle sensazioni fisiche mai provate prima, sapevo solo che lei era lì, per guidarmi in quel viaggio e così è stato dall’inizio del travaglio alla nascita di mio figlio (e anche nei giorni successivi!!!). In lei ho trovato sostegno e conforto nei momenti più duri, quando pensavo di aver esaurito le energie e iniziavo ad avere paura, ma anche competenza e tecnica quando era ora di respirare, camminare, rilassarsi o spingere… Io, mio figlio, mio marito e l’ostetrica abbiamo partorito insieme!!!”
Debora, mamma di Mattia
“Ho partorito 2 volte all’ospedale di Mirandola, ad agosto 2018 e marzo 2021. Sono state entrambe esperienze stupende, anche e soprattutto grazie alla splendida squadra di professionisti del reparto, ostetriche in primis. Queste ultime sono figure davvero insostituibili: accoglienti, premurose, discrete, sempre pronte ad ascoltare e sostenere partorienti e neomamme, non solo nelle fasi cruciali di travaglio e parto ma anche durante tutta la degenza, rispondendo alle nostre richieste a qualsiasi orario e in ogni condizione di reparto. A Mirandola poi formano un gruppo davvero coeso e compatto: in un momento di grande rivoluzione e scombussolamento fisico ed emotivo quale la nascita di un bimbo (non importa se primo, secondo o decimo figlio) è fondamentale sentirsi guidate in maniera uniforme e sempre rispettosa. Auguro a tutti gli ospedali del globo una squadra come quella che ho avuto la fortuna di trovare a Mirandola ❤️>>
Ilaria, mamma di Giorgio
“Io volevo ringraziarti perché di fronte alle défaillance sull’allattamento tu mi hai comunque indirizzato ad andare avanti, mi hai detto che era comunque possibile. Per una madre non riuscire a sfamare suo figlio penso sia una delle cose più brutte. A livello biologico è così che deve andare e non riuscirci fa sentire inadeguate”.
 Eleonora, mamma di Tommaso
“L’ostetrica accompagna, ascolta, consiglia, sorride, massaggia, ti dice “vediamo” per non spaventarti. La mia ostetrica è stata tutte queste cose e tanto di più. Il miglior sostegno è stato sentire da lei che ce l’avrei fatta, che ero forte, e alla fine così è stato. La magia della nascita è arrivata, anche grazie a lei. ❤️ Un’ostetrica ti prende per mano e ti accompagna nel viaggio più emozionante della vita”.
Jessica, mamma di Azzurra
“Un semplice grazie a volte sembra così banale ma in realtà è la cosa più bella e vera che vi si possa dire perché in momenti così difficili e delicati in uno dei giorni più belli della nostra vita e non solo sapete seguirci ed incoraggiarci con competenza e amore. GRAZIE di cuore!”
Serena, mamma di Tommaso
Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Danza "sotto le stelle" con gli allievi della Danzarte di Concordia
    Il prossimo appuntamento è per giovedì 24 giugno alle 21.15 sempre in piazza Gina Borellini con la Rassegna teatrale – Una tenda in piazza e lo spettacolo L'incanto.[...]
    Bomporto, medaglia d'oro per Annalisa e Matteo al Campionato "Italian roller games"
    I due atleti si sono classificati al playhool per la categoria cadetti.[...]
    Novi, riapre l'alimentari di Sandra e Fabrizio
    L'inaugurazione si è svolta domenica 20 giugno, alle 17, alle presenza di sindaco e vicesindaco.[...]

    Curiosità

    Danza "sotto le stelle" con gli allievi della Danzarte di Concordia
    Danza "sotto le stelle" con gli allievi della Danzarte di Concordia
    Il prossimo appuntamento è per giovedì 24 giugno alle 21.15 sempre in piazza Gina Borellini con la Rassegna teatrale – Una tenda in piazza e lo spettacolo L'incanto.[...]
    Uno studio di Unimore indaga se l’altruismo sia legato a una particolare capacità cognitiva
    Uno studio di Unimore indaga se l’altruismo sia legato a una particolare capacità cognitiva
    Lo studio è stato condotto dai ricercatori di Unimore del laboratorio Rebel e pubblicato sulla rivista Nature Scientific Reports[...]
    Nonantola, dopo la biblioteca di condominio nasce quella “di quartiere”
    Nonantola, dopo la biblioteca di condominio nasce quella “di quartiere”
    L’iniziativa è del consigliere di Nonantola Francesco Cosimo Antonucci[...]
    TedX Mirandola, intervista a Alessia Cavazza: “Il mio obiettivo? Studiare le malattie pediatriche rare, per dare speranza di vita"
    TedX Mirandola, intervista a Alessia Cavazza: “Il mio obiettivo? Studiare le malattie pediatriche rare, per dare speranza di vita"
    La studiosa mirandolese è Assistant Professor presso l’University College di Londra, dove dirige presso il Great Ormond Street Children’s Hospital[...]
    Medolla, anche i sassi colorati dai bimbi della materna saranno nascosti in paese
    Medolla, anche i sassi colorati dai bimbi della materna saranno nascosti in paese
    L'idea nasce nell'ambito dell'iniziativa 'Un sasso per un sorriso'[...]
    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Occorre prestare la massima attenzione, bloccare il mittente del messaggio ed eventualmente informare la Polizia postale[...]
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Le precisazioni in merito del sindaco Sandro Palazzi[...]
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati - anche su meteo e condizioni del mare - sono aggiornati ogni 3 ore (ogni 15 minuti per la pioggia), con previsioni fino a 48 ore.[...]
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Giocatori improbabili, una squadra sgangherata e atmosfere della Bassa nel libro [...]