Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
10 Dicembre 2022

Detenuti per reati sessuali e maltrattamenti: sottoscritto un protocollo per il recupero psicologico e sociale

MODENA- È stato sottoscritto tra Azienda USL di Modena e la casa circondariale Sant’Anna di Modena un Protocollo di Trattamento psicoterapeutico e psico-educativo rivolto alle persone detenute: un percorso di recupero psicologico e sociale per gli autori di reati a sfondo sessuale, maltrattamenti di genere e stalking, con l’obiettivo di prevenire in futuro ulteriori comportamenti violenti e, più in generale, una modalità di intervento per favorire un potenziale cambiamento nelle persone, sia uomini che donne.

Il documento, frutto di un lavoro approfondito iniziato alcuni anni fa, definisce un progetto di intervento che prevede sia colloqui individuali che di gruppo. Il modello di trattamento applicato fa tesoro e applica in un contesto specifico l’esperienza del Centro LDV (Liberiamoci dalla Violenza) dell’Ausl di Modena che dal 2011, utilizzando l’approccio metodologico adottato dal Centro norvegese ATV di Oslo, il primo del suo genere in Europa che prende in carico autori di violenze. Il progetto permetterà una programmazione di trattamento delle persone detenute rivolto alla loro riabilitazione sociale, alla riduzione del rischio di ricaduta criminale e, in particolare, alla tutela della società. Intervenire ai fini riabilitativi, infatti, può ridurre il rischio che vi siano nuove vittime del medesimo reato e, al contempo, favorire la presa in carico della persona in un momento esistenziale particolare come il periodo carcerario, per avviare un percorso di possibile cambiamento e dare alla pena anche un valore terapeutico.

 

Presa in carico e accesso

Il percorso riabilitativo prevede la presenza e l’intervento di un’equipe di operatori dell’area socio-sanitaria opportunamente formati. Il lavoro di recupero, svolto presso la casa circondariale di Modena, inizierà con una fase di selezione e valutazione preliminare degli utenti, sia uomini che donne, autori di reati a sfondo sessuale o di maltrattamenti legati al genere, frutto del confronto con gli educatori dell’istituto penitenziario.

Le persone individuate dall’equipe di osservazione e trattamento del carcere verranno segnalate allo psicologo Ausl, formato e competente sul tema, per la presa in carico. Nell’individuazione del caso verranno tenuti in considerazione tre fattori: ammissione o parziale ammissione del reato commesso, riconoscimento delle proprie responsabilità e fragilità, disponibilità di partecipare ad un percorso di trattamento psicoterapeutico/psico-educativo. Tra i criteri di inclusione ci sarà, in particolare, la presenza di una condanna definitiva rispetto ai resti sessuali e maltrattamento di genere e la sufficiente conoscenza della lingua italiana parlata e scritta.

 

Percorso terapeutico e metodologia

Dopo la selezione e l’adesione della persona detenuta, seguirà il trattamento vero e proprio che consisterà sia in una psicoterapia individuale con lo psicologo, sia in una psicoterapia di gruppo in co-partecipazione con altre figure sanitarie.

Il trattamento psicoterapeutico richiederà in media un percorso di un anno con colloqui clinici sia individuali che di gruppo. Negli incontri individuali vi sarà la possibilità di lavorare su aspetti più personali che riguardano il proprio vissuto in riferimento al reato commesso. Il trattamento di gruppo, invece, si porrà l’obiettivo, attraverso il confronto con altri detenuti, di far acquisire maggior consapevolezza sui reati commessi attraverso tematiche specifiche come prevenzione della recidiva, stili di attaccamento, genitorialità, riconoscimento del concetto di violenza, acquisizione di nuove strategie di coping e gestione dello stress, acquisizione di nuove modalità comunicative più funzionali dei propri bisogni.

La conclusione del trattamento vedrà l’invio della persona, in sinergia con l’equipe del carcere, ove possibile, ai servizi sanitari di residenza, per la continuità del trattamento, o in caso di fruizione di misura alternativa alla pena o una volta scarcerato.

“Il Protocollo sottoscritto con l’Azienda USL di Modena si colloca nel solco di una consolidata collaborazione istituzionale volta sinergicamente alla cura e al trattamento delle persone detenute – afferma Anna Albano, direttrice reggente della casa circondariale di Modena – In particolare il trattamento riabilitativo nei confronti di soggetti maltrattanti e autori di reati a sfondo sessuale risponde ad una emergenza sociale che vede un significativo aumento percentuale dei ristretti per tale tipologia di reati. Il progetto ideato ed elaborato nel corso di alcuni anni è l’espressione corale di un gruppo di lavoro di professionisti sanitari e penitenziari che operano all’interno dell’Istituto modenese che ospita un centinaio di detenuti potenzialmente interessati da questo percorso di consapevolezza e potenziale cambiamento. Strategica, ai fini della prevenzione sociale e della tutela delle vittime, la previsione di invio ai servizi sanitari territoriali dell’autore di reati nei casi di dimissione dal carcere”.

La sessualità è la dimensione più intima e privata della persona: la sua violazione implica un’offesa alla dignità e alla libertà umana – dichiara Paolo De Pascalis, psicologo e psicoterapeuta del Dipartimento di Salute mentale e dipendenze patologiche dell’Azienda USL di Modena – Personalmente penso che non si possa raggiungere una soluzione efficace se al carcere non viene affiancato un percorso di trattamento, nello specifico psicoterapeutico, che aiuti e sostenga chi non deve mai più offendere il corpo di una donna, di un uomo o di un bambino. Sottolineo, per evitare fraintendimenti, che il recupero degli autori non deve sostituire la pena ma è assolutamente doveroso che la società civile offra loro la possibilità di tornare ad essere persone inoffensive per sé stessi e per le persone che incroceranno nella loro vita”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIncidente stradale sulla Canaletto, un ferito a Bastiglia
    • WatchI Vigili del Fuoco di Modena festeggiano Santa Barbara
    • WatchGiornata internazionale della disabilità, parlano ragazze e ragazzi di Anffas Mirandola

    La buona notizia

    Il lascito di libri del collezionista Giovanni Selmi ora disponibile al pubblico
    Si dà così risalto anche al patrimonio artistico, alla storia e alle tradizioni locali dei paesi della provincia modenese a volte trascurati. [...]
    Giornata della disabilità, i ragazze e le ragazze di Anffas Mirandola si raccontano in un video
    La ricerca del benessere, la voglia di stare insieme, la socializzazione e l'inclusione sono sempre i principi ispiratori di qualsiasi esperienza ed attività proposta da Anffas[...]

    Curiosità

    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    I quattro team selezionati tramite bando sono Farafter, Monster chef, The first hand e Ryoko[...]
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un nuovo studio, guidato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Padova, ha rivelato la natura sorprendente di un fossile proveniente dal Giurassico bellunese[...]
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Il sistema sviluppato all'interno di COWBOT affiancherà gli agricoltori nelle operazioni quotidiane, alleviandone la fatica e migliorando la condizione generale degli animali allevati.[...]
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, in una carriera ormai ventennale ha dato alla luce brani entrati nelle playlist degli italiani come “Le cose che abbiamo in comune“, “Salirò”, “Cohiba” e “Il mio nemico”.[...]
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    • malaguti