Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
23 Maggio 2022

Caso “pedofili della Bassa”, il comitato Voci Vere: “La vera storia di don Giorgio Govoni”

Attraverso un comunicato stampa, il comitato “Voci Vere” interviene in merito alla figura di don Giorgio Govoni in relazione al caso “pedofili della Bassa”:

“Nell’ambito delle inchieste sulle vicende di pedofilia della Bassa Modenese, il sacerdote Don Giorgio Govoni fu indagato e poi accusato dal PM con la richiesta a 14 anni di reclusione per abusi su minori, commessi anche in ambito ritualistico (Tribunale Modena R.g.n.r. 1381/97) in danno di diversi bambini che all’epoca testimoniarono, e tuttora da adulti confermano quelle dichiarazioni.

Il Don Govoni morì improvvisamente e inaspettatamente poco prima della sentenza di primo grado, per cui il Tribunale dichiarò (sentenza N. 87/2000, pag. 330), non doversi procedere per estinzione dei reati causa morte dell’imputato: “Il Tribunale, visto l’art.531 cpp dichiara non doversi procedere nei confronti di Govoni Giorgio per essere i reati tutti a lui ascritti estinti per morte del reo“.

Non è pertanto vero, come scrivono sovente i giornali e i difensori del sacerdote, che Don Govoni fu assolto, e neanche condannato. Successivamente alla morte la sua difesa aveva chiesto pronuncia di assoluzione per non aver commesso il fatto, ma il Tribunale, considerati gli elementi raccolti a carico dell’imputato, dichiarò che essi erano “lungi dal consentire una pronuncia di assoluzione per non aver commesso il fatto, declaratoria consentita, nella fattispecie, (in conseguenza del decesso), a norma dell’art. 129, co.2 c.p.p. unicamente se dagli atti – risulta evidente che l’imputato non ha commesso il fatto……..-“ .

E’ altrettanto falsa l’affermazione che il Don Govoni fu assolto in appello come scrivono i sostenitori del sacerdote: furono depositati due atti d’appello, volti a chiederne l’assoluzione , ma entrambi, con ordinanza della Corte d’Appello di Bologna del 4 giugno 2001, furono dichiarati inammissibili, pertanto non furono neanche esaminati. Per cui rimaneva ferma la declaratoria del primo grado di non doversi procedere per morte dell’imputato e pertanto l’espressione assolto “post mortem”, ripresa da numerosi giornalisti in questi anni, è totalmente priva di fondamento.

Con questo ci auguriamo di aver alfine chiarito la vicenda processuale del sacerdote. Con il presente comunicato vogliamo altresì puntualizzare ancora una volta quanto segue:

1) i nostri figli confermano ancora da adulti che il sacerdote “dirigeva “ rituali nei quali avvenivano abusi sui bambini;

2) che agli atti dei procedimenti giudiziari sono presenti numerose prove a suo carico, che non vengono menzionate negli articoli comparsi sulla stampa e sui social in questi anni, e per la gravità delle quali il Don Giorgio Govoni sarebbe stato presumibilmente condannato, come del resto si legge nella sentenza di primo grado Tribunale Modena n.87/2000 ( gli elementi a carico “avrebbero portato ad una pronuncia di condanna”);

3) a conferma che il libro “Veleno” del giornalista Pablo Trincia è un romanzo e non una indagine giornalistica, non vengono menzionati tutti i reperti trovati dagli inquirenti nell’abitazione del sacerdote, e non si da atto, se non superficialmente, delle testimonianze univoche e concordanti dei bambini abusati;

4) che, anche da testimonianze di recente da noi raccolte, la condotta in vita del sacerdote non appare del tutto specchiata;

5) che per tutta la vicenda della Bassa Modenese, che ha visto coinvolti in totale circa 70 Giudici, grazie alle testimonianze dei nostri figli e alle prove raccolte, sono state comminate 14 condanne definitive per pedofilia a carico di 12 persone;

6) che il discredito e la rivittimizzazione dei nostri figli provoca ancora dolore e sofferenza nelle loro vite.

Ciò premesso, il Comitato VOCI VERE diffida chiunque (giornalisti, politici, uomini di Chiesa, ecc.) voglia ancora diffondere pubblicamente notizie false o fuorvianti sula vicenda processuale del sacerdote Don Giorgio Govoni, nonché di conseguenza sui nostri figli, che, ricordiamo, all’epoca furono vittime di abusi, e non certo di altro, come si vuole far credere”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” De culpabili amore dell’esordiente mirandolese Filippo Reggiani
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Due parole sull'economia italiana
L’aumento dei prezzi dei beni energetici e di quelli alimentari stanno gravando molto su imprese e famiglie.leggi tutto
Consigli di salute
Come raddrizzare i denti storti senza apparecchio
Sono uno dei problemi odontoiatrici più diffusi tra persone di ogni età. E non è solo una questione esteticaleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Le perfezioni di Vincenzo Latronico
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchTerremoto Emilia 2012-2022. La celebrazione del decennale a Medolla
    • WatchCavezzo in festa per il passaggio del Giro d'Italia
    • WatchNoi che lavoravamo alla Del Monte - Il Trailer

    La buona notizia

    Per i diversamente abili dai 15 anni in su, ecco le iniziative estive di Anffass Mirandola
    Previsti sport, balli, canti e giochi: la sede principale delle attività sarà a Cavezzo. Sono previste uscite sul territorio e giornate in piscina.[...]
    Donne straniere a scuola di italiano a Medolla grazie alla Zerla
    Dal novembre 2021 a maggio 2022 ben 40 donne straniere hanno frequentato i quattro corsi proposti e gestiti dalla cooperativa sociale[...]
    A Cavezzo al posto dell'ex magazzino comunale nuovi spazi per lo sport
    Ci sarà la palestra della Boxe Cavezzo e qui la Polisportiva ha aperto la nuova sede.[...]

    Curiosità

    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    Si ripercorre la storia di Mirandola, attraverso i suoi luoghi più simbolici e conosciuti[...]
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    Il presidente della Repubblica è stato accolto con calore nel decimo anniversario del terremoto a Medolla e a Finale Emilia. Commosso l'ex presidente Errani. [...]
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    Un simbolo di rinascita che accompagna il ricco programma di iniziative per celebrare il Decennale: a Finale Emilia e in tutta la Bassa.[...]
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Una bella storia di imprenditoria giovanile quella della ventottenne modenese che poche ore dopo aver accantonato la lettera di ammissione alla Facoltà di Medicina, si è ritrovata Allieva della Scuola Internazionale di Cucina Italiana a Colorno[...]
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Il Tropical di Rovereto è stata negli anni '70 una delle balere più atpiche della Bassa dove al posto del liscio, si ballava la disco music.[...]
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Gli agenti della polizia locale di Mirandola sono ancora sul posto per i rilievi.[...]
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I lavori di restauro delle ceramiche sulla facciata della scuola di viale Tassoni, realizzate dallo scultore friulano Luciano Ceschia, dureranno per un mese[...]
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    È quanto emerge dalla rilevazione effettuata dal Ministero della Sanità e da quello dell’Innovazione tecnologica [...]
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Lo Stupido Hotel show è una vacanza-show in stile 'Grande fratello': dove non paghi l'albergo ma rinunci alla privacy.[...]
    • malaguti