Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
27 Maggio 2022

Donne e Scienza. Ecco chi è Giovanna Zamboni, la professoressa controcorrente

Controcorrente perché, al contrario di molte ricercatrici, lei dopo diversi anni all’estero è tornata nella sua Emilia.
Dopo gli studi a Modena, ha trascorso una decina di anni in prestigiosi centri di ricerca all’estero (National Institutes of Health, Maryland, USA, e University of Oxford, Regno Unito). Rientrata in Italia da poco, ha appena ottenuto uno dei più prestigiosi finanziamenti Europei per un progetto quinquennale sull’Alzheimer. E’ riuscita a portare tale riconoscimento nel nostro paese dove sono solo 28 i finanziamenti, a fronte dei 72 per la Germania e dei 53 per la Francia.
Cosa ne pensa della definizione di “cervello in fuga”?
Mi sembra poco utile e poco rappresentativa dell’esigenza di scambio culturale e crescita personale e professionale che molte persone – non solo ricercatori e scienziati- hanno quando decidono di trasferirsi all’estero. Non condivido l’accezione negativa di “fuga”. Personalmente, l’avere potuto vivere e lavorare all’estero è stato un arricchimento. Credo che si debba incoraggiare chi vuole andare all’estero. Il vero problema Italiano è che alle tante persone che decidono di trasferirsi all’estero non ne corrispondono altrettante che decidano di venire a vivere e lavorare in Italia. Non riusciamo ad attrarre scienziati, ricercatori o altre professionalità altamente specializzate dall’estero”.
E’ soddisfatta, lavorativamente parlando, del periodo trascorso all’estero?
“Direi che il bilancio è positivo, specie nei primi anni trascorsi negli UK: lavorativamente è stata una esperienza di continua crescita”.
E dal punto di vista personale come ha gestito i trasferimenti Italia-Estero e viceversa?
“Ci sono anche stati innumerevoli trasferimenti estero-estero.Di certo non ci siamo annoiati! Sono molto grata a mio marito, che riuscendo a non compromettere mai la propria carriera in un ambito totalmente diverso dal mio, alla fine mi ha sempre appoggiato e seguito. Non immagina quante discussioni e quante notti insonni a cercare di prendere la decisione più giusta”.
E’ vero che all’estero le donne hanno più possibilità di carriera?
“Non credo sia vero di per sé. Le difficoltà di progressione di carriera per le donne sono ben note anche all’estero. Credo che la differenza fondamentale sia che all’estero il problema viene affrontato concretamente e vengono messe in atto più strategie per cercare di risolverlo (mi riferisco agli UK dove ho vissuto più a lungo). Per esempio, l’Università di Oxford per ovviare alla poca rappresentanza femminile agli apici organizza veri e propri corsi di “women development” in cui vengono insegnate strategie di crescita sia personale che professionale alle donne assunte all’università stessa a qualsiasi livello amministrativo o accademico. Oppure offre piccoli finanziamenti alle donne che ritornano alla ricerca dopo un periodo di congedo preso per
maternità o per assistenza ad un familiare disabile. Inoltre, il lavoro part-time o flessibile è molto più comune ed accettato, anche per posizioni ai vertici”.
Cosa le manca dell’estero?
“Mi manca l’efficienza delle amministrazioni, la assenza del giudizio sociale (forse ne ero semplicemente esente in quanto straniera), il rispetto dei ruoli e delle gerarchie professionali; qui tutti hanno un’opinione ed hanno bisogno di essere “convinti” a fare il proprio lavoro.
A suo parere, quale elemento in particolare ha convinto l’European Research Council a inserire il suo progetto nella lista degli unici 3 progetti finanziati nell’ambito delle Neuroscienze?
“Studierò alcuni sintomi della malattia di Alzheimer che non sono stati molto studiati fino ad oggi perché non strettamente necessari ai fini della diagnosi, ma che quando presenti peggiorano significativamente la qualità di vita dei pazienti e dei loro familiari. Si tratta della non consapevolezza (anosognosia)- e dei deliri di persecuzione. Credo che la commissione ERC abbia
riconosciuto l’importanza di migliorare la qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie attraverso lo studio di questi sintomi non strettamente cognitivi e fino ad ora relativamente poco studiati”.
Che cosa consiglierebbe ai giovani che si stanno affacciando alla carriera di ricercatore?
“Cercate ambienti in cui riuscite ad imparare cose nuove, in cui vi sentiate valorizzati. Andate all’estero senza paura, e poi eventualmente ritornerete in Italia se vorrete. Cercate di “normalizzare” nell’immaginario vostro e di chi vi circonda il lavoro del ricercatore e scienziato: non dobbiamo essere eroi, non dobbiamo solo vivere di scienza e gloria, abbiamo famiglie da mantenere, abbiamo una vita personale extra lavorativa che se ricca e felice porterà benefici anche alla nostra ricerca”.
Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” De culpabili amore dell’esordiente mirandolese Filippo Reggiani
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Due parole sull'economia italiana
L’aumento dei prezzi dei beni energetici e di quelli alimentari stanno gravando molto su imprese e famiglie.leggi tutto
Consigli di salute
Come raddrizzare i denti storti senza apparecchio
Sono uno dei problemi odontoiatrici più diffusi tra persone di ogni età. E non è solo una questione esteticaleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Le perfezioni di Vincenzo Latronico
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Per i diversamente abili dai 15 anni in su, ecco le iniziative estive di Anffass Mirandola
    Previsti sport, balli, canti e giochi: la sede principale delle attività sarà a Cavezzo. Sono previste uscite sul territorio e giornate in piscina.[...]
    Donne straniere a scuola di italiano a Medolla grazie alla Zerla
    Dal novembre 2021 a maggio 2022 ben 40 donne straniere hanno frequentato i quattro corsi proposti e gestiti dalla cooperativa sociale[...]
    A Cavezzo al posto dell'ex magazzino comunale nuovi spazi per lo sport
    Ci sarà la palestra della Boxe Cavezzo e qui la Polisportiva ha aperto la nuova sede.[...]

    Curiosità

    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    Si ripercorre la storia di Mirandola, attraverso i suoi luoghi più simbolici e conosciuti[...]
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    Il presidente della Repubblica è stato accolto con calore nel decimo anniversario del terremoto a Medolla e a Finale Emilia. Commosso l'ex presidente Errani. [...]
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    Un simbolo di rinascita che accompagna il ricco programma di iniziative per celebrare il Decennale: a Finale Emilia e in tutta la Bassa.[...]
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Una bella storia di imprenditoria giovanile quella della ventottenne modenese che poche ore dopo aver accantonato la lettera di ammissione alla Facoltà di Medicina, si è ritrovata Allieva della Scuola Internazionale di Cucina Italiana a Colorno[...]
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Il Tropical di Rovereto è stata negli anni '70 una delle balere più atpiche della Bassa dove al posto del liscio, si ballava la disco music.[...]
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Gli agenti della polizia locale di Mirandola sono ancora sul posto per i rilievi.[...]
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I lavori di restauro delle ceramiche sulla facciata della scuola di viale Tassoni, realizzate dallo scultore friulano Luciano Ceschia, dureranno per un mese[...]
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    È quanto emerge dalla rilevazione effettuata dal Ministero della Sanità e da quello dell’Innovazione tecnologica [...]
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Lo Stupido Hotel show è una vacanza-show in stile 'Grande fratello': dove non paghi l'albergo ma rinunci alla privacy.[...]
    • malaguti