Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
16 Aprile 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Suicidi in diretta, sesso, molestie e bullismo: ecco cosa vedono bambini e ragazzini di San Felice quando vanno sui social

SAN FELICE SUL PANARO - Quali sono le cose brutte che succedono sui social? Le risposte sono da galleria degli orrori: un suicidio in diretta, video di persone morte, di animali torturati, sesso spinto. E se si pensa che a darle sono stati bambini e ragazzini, bambine e ragazzine tra i 9 e i 14 anni c'è da rabbrividire.
Ma è la realtà con cui i nostri figli e nipoti si confrontano ogni giorno quando hanno il telefonino in mano.

Sono i risultati dell'indagine promossa da Comune di San Felice sul Panaro, Istituto comprensivo e Ausl e presentati domenica nel corso dell'incontro "Like - Giovani e social Media". Nel corso della conferenza, moderata dall’assessora ai Servizi Sociali Elisabetta Malagoli, i dati raccolti ed elaborati dalla mamme dell'associazione genitori Crescere Insieme sono stati analizzati dall’assessora all’Istruzione Elettra Carrozzino, dalla sociologa Milena Casalini, dalla psicologa Greta Neri, dalla docente Maria Coriglione e dal segretario provinciale del Sindacato Unitario dei Lavoratori della Polizia Roberto Butelli. La fotografia è sui minori sanfeliciani, ma è generalizzabile anche per chi vive altrove. Perchè se è vero che vivere in provincia e in campagna tiene lontani dai pericoli delle periferie violente delle metropoli, coi social siamo tutti esposti alle brutture del mondo. Una grande finestra affacciata sull'orrore.

 

I risultati della ricerca

Protagonisti della ricerca sanfeliciana sono stati 420 alunni delle classi IV e V della scuola primaria “Muratori” e delle classi I, II e III della scuola secondaria di primo grado “Pascoli” dell’Istituto Comprensivo di San Felice Sul Panaro: sono di età compresa tra i 9 e i 14 anni. Hanno raccontato che usano il cellulare molto e spesso, e si mostrano consapevoli sia di essere in qualche modo "dipendenti" dal telefonini sia che il web è un luogo impervio e pericoloso, ma lo frequentano lo stesso. Perché? Perché si sentono meglio nel virtuale che nel reale. E perché lì non ci si annoia.

Eppure ad andare nel dettaglio a chiedere loro cosa trovano di bello e interessante sui social le risposte sono disarmanti: ai bambini e ai ragazzini piacciono i video delle gente che cade, i video di animali carini, i meme divertenti. Cose banali in confronto alle cose terribili e negative che sono costretti ad affrontare.

Una piccola sanfeliciana  - di cui non è stata rivelato nè il genere nè l'età - ha ad esempio raccontato che sotto a una sua foto più di 50 "amici" hanno commentato che fosse brutta e grassa. invitandola a non farsi più vedere. Uno le ha persino consigliato di farsi esplodere.
Tanti compagni di scuola hanno riportato di avere ricevuto approcci molesti da persone sconosciute, foto di parti del corpo intime non richieste, di aver ricevuto direct da persone che si fingevano altri. E ancora, episodi di bullismo, il grande dolore di quando hanno ricevuto brutti commenti, o di quando il loro account è stato bannato o hanno perso follower, la rabbia per aver esaurito la carica elettrica o l'ansia di non avere connessione.

I dati presentati riguardano anche i social più usati dai sanfeliciani tra i 9 i 14 anni, che sono, nell'ordine: Whatsapp, Tik Tok, Instagram e Youtube 

L'analisi


Come ha spiegato Maria Coriglione,"Giusto in quarta elementare non navigano di notte, poi si connettono anche alla sera. Petrarca nel 1300 scriveva della sua "Cameretta che già fosti un porto", e la cameretta anche per questi studenti è ancora un porto. Solo che il rilassamento che dovrebbero trovare nel sonno lo trovano nelle chat e nei video" . Cosa fanno i bimbi sanfeliciani on line? "Principalmente chattano -  tutti e spesso - e giocano ai videogame. Ma usano anche internet per ricerche di scuola, per mandare mail. On line sperimentano nuove modalità per imparare le tabelline, la matematica, le lingue, cosa utile soprattutto chi fa fatica ad approcciarsi a determinati argomenti. Non è tutto negativo, insomma".

Ma, avverte Roberto Butelli del commissariato di Polizia di Mirandola: "Non si parla mai dei rischi sui social. Gli stessi adulti che dovrebbero essere più informati in realtà non lo sono: c'è una esplosione delle truffe on line, faticano a distinguere il bene dal male e vengono truffate"
Per i giovani, oltre a quelli delle truffe, i rischi sono la pedofilia hate speach, cyberbullismo. "La scuola deve fare già tante cose - incalza Butelli - di quanto accade on line deve occuparsene la famiglia. Tra i ragazzi l'incompetenza digitale è ampia, solo il 35% discerne e capisce cosa accade, nonostante siano tutti costantemente connessi. Inoltre tra genitori e ragazzi il divario digitale è enorme, tanti non capiscono il funzionamento dei social che usano i figli".

"Facebook e Youtube  - avverte Butelli - hanno filtri importanti, in altri social non è così. Twitter non impedisce ad esempio la pornografia, basta mettere un like e si apre un mondo. Whatsapp, Telegram, Snapchat non hanno gli stessi livelli di filtri". E quindi passa di tutto. Suicidi, violenze, pedofilia eccetera eccetera

Le conclusioni

La presentazione dell'indagine è stata un’occasione di riflessione molto importante per genitori, insegnanti e amministratori, nell’ottica di una corresponsabilità educativa e di progettualità mirate. Come ha spiegato l'assessora Carrozzino nelle conclusioni, "Servono ambiti per un coinvolgimento dei più giovani nel reale, politiche per lo sport, idee mirate. Iniziative più vicine ai ragazzi, da organizzare nei pomeriggi".

Alcune slide dell'indagine

 

 

SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Terremoto a Napoli, nuove scosse ai Campi Flegrei oggi
Ultime notizie
RESTO D'ITALIA E MONDOTerremoto a Napoli, nuove scosse ai Campi Flegrei oggi

Rubriche

Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari
Superbonus - nuova comunicazione preventiva
Rubrica - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Linee guida per i Social | Ecco come creare post perfetti in pochi e semplici passaggi
Rubrica - Ed eccoci al terzo appuntamento con Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese. Oggi impareremo a destreggiarci tra post, reel e video.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli
Il punto - E' la rubrica che abbiamo deciso di avviare per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Gli italiani mangiano male
Glocal - In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all'obesità.
L’arte in Strada | San Prospero e il murale dedicato a Fraintesa
Rubrica - Rubrica a cura di Francesca Monari
Piccole e medie imprese, come ottenere i contributi per internazionalizzazione, transizione energetica e installazione di sistemi di sicurezza
Da sapere - I bandi riguardano attività in regola con il Durc e con il pagamento del diritto annuale alla CCIAA
Glocal
Nel 2050 un pensionato per ogni lavoratore
Glocal - Finanze pubbliche e welfare non saranno più sostenibili con il calo delle nascite
Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto

Sul Panaro on air

    • WatchRiapre il circola lato B in località Canaletto a Finale Emilia
    • WatchEcco le barriere anti inondazione per salvare Bomporto dalle alluvioni
    • WatchMarika Menozzi si candida sindaca a Concordia sul Secchia
  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    Il caso
    Finale Emilia, ha riaperto a Canaletto il circolo musicale Lato B
    Dopo tempi di incertezze torna la musica nella ex scuola elementare
    Ultime notizie
    Da Medolla Eurosets dona ossigenatori per le operazioni ai bambini in Camerun
    L'azienda sostiene il progetto “Cuori ribelli” della Onlus “Una voce per Padre Pio”
    Ultime notizie
    A Mirandola più di 600 volontari per la grande esercitazione di Protezione Civile
    Sono stati circa 150 i mezzi impiegati nella tre giorni di operazioni:

    Curiosità

    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    La storia
    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    L'errore fatale costerà all'uomo, un pensionato, 104 euro di multa più accertamento della Agenzia delle entrate
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Il riconoscimento
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Nell’occasione il campo da calcio verrà intitolato al limidese Bruno Ghelfi
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    I dati
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    Nelle scuole primarie del territorio un progetto educativo per spiegare ai bambini il valore che ha il cibo e ridurne lo spreco.
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Ultime notizie
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Il prestigioso titolo corona una carriera che l'ha vista partecipare e vincere numerose competizioni italiane ed internazionali
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    Il riconoscimento
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    E' stato un bel pomeriggio -  sala stra piena, pubblico attento e tanti applausi - quello che la neonata associazione I talenti di Minerva ha organizzato a San Prospero presso la biblioteca.
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Ultime notizie
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Sette grandi film. Tre giorni. Un fiume di eventi. Roberto Gatti &Co rendono omaggio a sette capolavori del cinema italiano
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Per i più piccoli
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Inoltre si inaugurerà la sede del “Consiglio dei ragazzi”
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Curiosità
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Le cifre più alte sono riservate alla cura dei capelli e del viso.
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    La storia
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    Il mirandolese era con gli speleologi della Società adriatica che hanno fatto la sensazionale scoperta scientifica: "Siamo stati dove nessuno mai"
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    Il caso
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    E' tra gli ultimi atti della giunta di Alberto Greco, che a giugno lascerà la carica di sindaco di Mirandola. “Un modo concreto per ricordare una grande persona”

    chiudi