Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
27 Settembre 2022

Vento e pioggia da record per il luglio 2020 nel modenese

L’Osservatorio Geofisico di Unimore fornisce il bilancio meteo del mese di luglio e fa una prima valutazione dei dati di agosto. Luglio 2020 è risultato un mese caldo e temporalesco, con una temperatura media di 26.2°C. A Reggio Emilia ha avuto un record di precipitazioni in un giorno. Il giorno 30 è stato il più caldo del mese mentre il 1 agosto, al momento, è risultato il più caldo dell’anno.

 

Sulla base dei dati misurati dalla rete delle stazioni meteorologiche che fanno capo all’Osservatorio Geofisico di Unimore, il mese di luglio 2020 va in archivio come mese “caldo e temporalesco”, senza particolari anomalie a Modena ma con un record di pioggia giornaliera a Reggio Emilia. Il nubifragio del 3 agosto nella zona est di Modena poi presenta valori incredibili di vento, 125 km/h, e di pioggia in breve periodo.

L’analisi dei dati di luglio raccolti dai sensori posizionati in Piazza Roma, a Modena, hanno registrato una temperatura media mensile pari a 26.2°C con uno scostamento di più 0.8°C dalla media climatologica trentennale di riferimento calcolata tra il 1981 e il 2010.

Nonostante i frequenti temporali e alcune giornate relativamente fresche, il mese di luglio si colloca in 19esima posizione come mese più caldo dall’inizio delle misurazioni in Osservatorio (a pari merito con il 1985 e il 1995). Non è certamente un record, niente a che vedere con il record di temperatura media pari a 29.4°C del 2015 o, andando indietro solo di un anno, con la media di 27.1°C dello scorso luglio 2019.

Anche se il mese è stato percepito “fresco”, forse perché ormai abituati alle scorse estati straordinariamente calde, non bisogna dimenticare che le temperature risultano comunque in aumento negli anni.

Le temperature misurate dall’Osservatorio in Piazza Roma hanno oscillato tra un minimo di 18.2°C ed un massimo di 35.5°C. I valori non sono risultati particolarmente anomali, se si fa riferimento ai dati storici, la temperatura minima registrata in luglio è stata pari a 10.2°C nel 1879, mentre la temperatura massima in assoluto è stata pari a 38.5°C nel 1983.

Il giorno 30 luglio è risultato il più caldo del mese, anche se non il giorno più caldo dell’anno. Le temperature minime e massime registrate quel giorno nella stazione di Piazza Roma sono state rispettivamente pari a 25,7°C e 35,5°C. Temperature elevate ma lontane dai record e comunque in linea con questo periodo che climaticamente è il più caldo dell’anno

Le precipitazioni registrate nel mese di luglio 2020 sono risultate superiori alla media, ma non da record: 69.8 mm registrati in Piazza Roma, superiori dell’81% ai 38.4 mm registrati nella serie trentennale di riferimento 1981-2010. I “record” di precipitazione per il mese di luglio si erano registrati nel 1833 con ben 217 mm e nel 2002 con 138.6 mm. Anche il luglio dello scorso anno, con 76.6 mm, è stato più piovoso del mese appena concluso.

La stazione meteorologica di Modena Campus ha registrato una temperatura media mensile pari a 25.2°C con la temperatura minima più bassa pari a 13.7°C e la temperatura massima pari a 36.3°CLe precipitazioni registrate a Modena Campus sono in linea con le misure effettuate in Piazza Roma: in totale sono caduti 92.3 mm di precipitazione ed il giorno più piovoso ha registrato 56.9 mm di precipitazione.

La stazione meteorologica di Reggio Emilia, funzionante dal 2013, ha rilevato una temperatura media mensile pari a 25.5°C, con il valore minimo di 14,2°C e il massimo di 37°C.  Nella stessa città, un intenso nubifragio nella giornata del 4 luglio scorso, ha portato la caduta di 117.3 mm di precipitazione in un solo giorno, dato finora mai registrato dalla stazione. Nel mese di luglio non si sono mai avute precipitazioni cosi abbondanti. La somma mensile delle precipitazioni sale pertanto in questa stazione a 132.2 mm.

Analisi dei dati dei primi giorni di Agosto

Alle giornate molto calde dei primi giorni di agosto sono seguiti violenti temporali che hanno causato diversi danni, con qualche problema anche all’Osservatorio Geofisico di Unimore. Il 1 agosto si aggiudica, per il momento, il titolo di “giorno più caldo del 2020”. Le temperature registrate risultano pari a: 36,1°C a Modena Osservatorio in Piazza Roma, a 37,8ºC a Modena Campus e a 38,1ºC a Reggio Emilia.

“Siamo così ai valori più alti di questo anno – affermano Luca LombrosoSofia Costanzini e Francesca Despini dell’Osservatorio Geofisico di Unimore – lontani dai record assoluti e dai picchi raggiunti lo scorso giugno 2019. Preme però sottolineare che questo caldo era poco frequente fino al 2000, giornate come il 1 agosto 2020 si presentavano in media una volta ogni 10 anni, mentre è ora una nuova normalità, dal 2000 a oggi valori superiori ai 36°C in Osservatorio con picchi di 38°C nelle zone più calde del territorio avvengono in media ogni 2 anni”.

Domenica 2 e lunedì 3 agosto si sono poi susseguiti violenti temporali, con intense precipitazioni accompagnate da grandinate e burrascose raffiche di vento. I dati sono in corso di validazione in questi giorni, ma si segnalano raffiche fino a 88 km/h in Osservatorio il giorno 2 agosto. Durante lo stesso fenomeno, sempre alla stazione di Piazza Roma sono stati rilevati, lunedì 2 agosto, 23.9 mm di pioggia, con un picco di 9.4 mm in 5 minuti. Il giorno 3 agosto poi la stazione sperimentale presente sul terrazzo del Policlinico ha registrato un dato che lascia stupiti, di ben 125 km/h alle ore 14:50.

“Lo consideriamo – afferma lo staff dell’Osservatorio – un dato preliminare e da validare, ma la dinamica dell’evento osservato e i danni avuti nella zona, rende credibile questo valore che sarebbe così il nuovo record assoluto di vento per le nostre stazioni meteo. Nel dettaglio, questo vento è stato generato dal fenomeno noto in bibliografia “wet downburst”, un vento lineare discendente accompagnato da pioggia torrenziale. Sebbene venga spontaneo pensare, per i non esperti, si tratti di ‘tromba d’aria’, in realtà il fenomeno, la dinamica e anche il tipo di danni è molto diverso dal tornado o tromba d’aria che, ricordiamo, sono la stessa cosa”.

A conferma di un nubifragio che, almeno fino ad oggi, possiamo classificare come il più intenso mai registrato con dati strumentali, presso la stazione Modena Campus, invece sono stati rilevati complessivamente 36.8 mm di precipitazione con un picco di massima intensità in 5 minuti fra le 14.50 e 14.55 in cui sono caduti 17.3 mm. La precipitazione totale dell’evento di per sé non è straordinaria, ma l’intensità su breve periodo, nei 5 minuti che intercorrono fra le due acquisizioni di dati del datalogger, rappresentano la più alta intensità di precipitazione su breve periodo mai registrata dalle stazioni meteorologiche automatiche in funzione dal 1988.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del melograno
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro:rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della giuggiola
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Il paradosso energetico. E non solo
Da giorni assistiamo ad un vero e proprio assalto mediatico sull’ingiustificato ed indiscriminato aumento del costo dei beni energetici, che metterà in ginocchio imprese e famiglie.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell'autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere della piadina
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto. Tutto quello che c’è da sapere dell’anguria
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIncendio a Dogaro. Nella frazione di San Felice è andata a fuoco una roulotte
    • WatchIts Biomedicale Mirandola, la cerimonia di consegna dei diplomi
    • WatchUn cimitero medievale, in ottime condizioni, scoperto a Mirandola

    La buona notizia

    Inaugurata a San Prospero la palestra intitolata a Luigi Vaccari
    Nella targa posta a suo ricordo una sua celebre frase: "Lo sport ha un solo colore, quello dell'arcobaleno"[...]
    Pork Factor Concordia, 25 mila euro donati a cinque realtà dedicate ai bambini
    Oltre ai I fiol d’la schifosa altre associazioni hanno contribuito: Musicanima; Ciclisti amatoriali di Concordia; Tennis Club Concordia; Avis Concordia; Allenatori giovanili Pol Possidiesi[...]
    A Mirandola ripartono i corsi dell’Università della Libera Età “Bruno Andreolli”
    I corsi sono completamente gratuiti. Gli incontri si svolgeranno presso la “Sala Trionfini” in piazza Ceretti[...]

    Curiosità

    Omar Ahmed, il giovane talento modenese che ha incantato la giuria di X-Factor
    Omar Ahmed, il giovane talento modenese che ha incantato la giuria di X-Factor
    Il giovane ha superato il primo turno di audizioni e continua il processo di selezione del talent.[...]
    Scappa da casa a Reggio Emilia, cagnolina ritrovata a Modena
    Scappa da casa a Reggio Emilia, cagnolina ritrovata a Modena
    Aveva vagato per strada per 11 giorni. Dimagrita e spaesata, è stata riabbracciata dalla sua anziana padrona che la stava cercando incessantemente[...]
    Alcol test volontario al Pattaya, ragazzi e ragazzi hanno a cuore la sicurezza stradale
    Alcol test volontario al Pattaya, ragazzi e ragazzi hanno a cuore la sicurezza stradale
    La campagna della Polizia Locale Area Nord ha coinvolto più di 250 persone[...]
    Il sexting? "Non è tradimento"
    Il sexting? "Non è tradimento"
    A tradire online sarebbe secondo un sondaggio il 75% degli italiani fidanzati o sposati[...]
    A Cavezzo arrivano i sassi portafortuna di Ester Fulloni
    A Cavezzo arrivano i sassi portafortuna di Ester Fulloni
    Data del rilascio: domenica 18 settembre. Chi li trova può tenerseli o farli ancora girare[...]
    Regina Elisabetta, quando Buckingham Palace rispose alla lettera di un bambino di Mirandola
    Regina Elisabetta, quando Buckingham Palace rispose alla lettera di un bambino di Mirandola
    Quattro anni fa, un bambino di Mirandola scrisse una lettera indirizzata alla regina e ricevette risposta da Buckingham Palace[...]
    In vacanza perde un dispositivo collegato al telefono della figlia disabile: lo rintraccia a Cavezzo
    In vacanza perde un dispositivo collegato al telefono della figlia disabile: lo rintraccia a Cavezzo
    E' quanto è accaduto quest'estate, a Cattolica, ad una famiglia di Rovigo: la donna ha scritto un post in un gruppo Facebook cittadino, nella speranza che il dispositivo possa essere restituito[...]
    EmiliaFoodFest, a Carpi andrà in scena il "processo al gnocco fritto"
    EmiliaFoodFest, a Carpi andrà in scena il "processo al gnocco fritto"
    Domenica 25 settembre, alle 16, presso il Cortile d’onore di Palazzo dei Pio, avrà luogo “Gnocco e i suoi fratelli”, titolo scelto per questo originale talk show-spettacolo[...]
    Mirandola. Quando Sergio Poletti dipinse l'effigie di Elisabetta II
    Mirandola. Quando Sergio Poletti dipinse l'effigie di Elisabetta II
    Un omaggio evidentemente gradito alla Corona poiché l'opera fa attualmente parte della "Royal Collection": suddivisa tra il Castello di Windsor, l'Hampton Curt Palace e, appunto, Buckingham Palace.[...]
    • malaguti