Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Pulmino saltato, la scuola chiude prima e le file per entrare. Genitori di San Felice in crisi di nervi

SAN FELICE – Genitori delle scuole di ordine e grado in crisi di nervi a San Felice. Il nuovo anno scolastico è partito male, nonostante in tanti si siano dati da fare per accogliere i bambini al meglio, con tanti disagi che potevano essere evitati con una solerte programmazione su modello degli altri Comuni e che invece cascano tutti adesso sulle spalle delle famiglie.

Alla scuola materna si è concretizzata la brutta sorpresa della notizia arrivata a dieci giorni dall’apertura dalla scuola e a iscrizioni già fatte, che aveva fatto inalberare in tanti. La scuola chiude prima, alle 16, non c’è più il servizio post scuola che garantiva il Comune fino alle 17.30. Con buona pace di chi esce dall’ufficio a quell’ora.
Il Comune ha anche tagliato il servizio pre scuola, che permettava di portare i piccoli in classe prima delle 8 ed essere quindi puntuali al lavoro. E ha come conseguenza il fatto che i bimbi entrano tutti in una volta. Il primo giorno di scuola si è visto che ci sono state attese anche fino a 20 minuti.

Si tratta di una sospensione – è stato spiegato nella riunione coi genitori delll’altro giorno – che non ha una data di riapertura e che sarebbe giustificata dal fatto che il Comune non ha soldi perchè le norme Covid impongono spese maggiori. Nessuno, in Comune a San Felice, è andato a chiedere come fanno ad esempio a Mirandola, Concordia, Medolla e San Prospero dove il servizio pre oppure post si fa, addirittura fino alle ore 18.30, dandolo in appalto con un bando all’esterno. Bando fatto a suo tempo, settimane fa, coi Comuni che hanno licenziato un capitolo di spesa apposito.

Alla scuola elementare il problema che ora è grande come una casa si è posto già  a giugno, ma nessuno ha dato risposta, In questo caso tutto è nato dall’Unione Comuni Area Nord, che a fine giugno ha dismesso la convenzione con il centro don Bosco che si occupava del dopo scuola per gli alunni della primaria. Le polemiche sono state tante e il don Bosco ha ricordato che  quando  la convenzione stava per scadere, l’autunno scorso il Comune di San Felico si era fatta garante di portare avanti l’iter con Ucman. Poi al don Bosco non ne hanno saputo più nulla.
Nel silenzio la scuola è partita lunedì e i bambini non sanno come raggiungere il post al Don Bosco o se si farà il servizio post nelle aule della loro scuola.
Proteste anche per il servizio scuolabus. Ci hanno scritto un paio di genitori infuriati perchè nessuno aveva comunicato loro  che  – chissà perchè – il servizio per i bimbi della primaria sarebbe partito martedì 15 e non lunedì 14.  Così lunedì mattina alle 7.10 bimbi e mamme erano fuori casa ad aspettare uno scuolabus che non è mai passato.

Infine l’asilo nido, quello degli scriccioli da zero a tre anni. In Emilia-Romagna la Regione ha stabilito che potevano apire sin dal primo settembre, come è sempre stato in passato. A San Felice ha aperto il 14 settembre. Motivo? Si dovevano fare piccoli lavori di adeguamento della sede per le nuove normative anti Covid, lavori che consistono nella sostituzione delle porte-finestra nelle aule. Niente di che, la cosa poteva essere fatta ad agosto quando l’asilo era chiuso. Invece no, i lavori si sono conclusi all’ultimo momento e l’asilo è partito tardi, buon ultimo in tutta la Bassa e con disagi alle famiglie che per due settimane si sono dovute pagare la babysitter.
Non si sa ancora, peraltro, se a settembre si dovrà pagare la retta piena o se sarà dimezzata.

E che dire del traffico? Lunedì nella zona delle nuove scuole dove c’è la primaria e l’asilo nido alle 8 quando entrano tutti c’è stata molta confusione: troppa in tempi in cui bisogna stare molto attenti a evitare assembramenti.

Stress su stress per i genitori sanfelicani. Chi ha un figlio all’asilo, ha speso più soldi in babysitter delle famiglie dei Comuni vicini dove l’asilo è iniziato prima, chi ha un figlio alla materna deve prendere un permesso per andarlo a prendere prima (o si licenzia) e chi ha un figlio alla primaria non può contare più sul fatto che possa rimanerci anche dopo l’orario statale.

Miracoli cercansi  – o almeno, il dono dell’ubiquità – per chi ha due o più figli: alla materna e alla primaria adesso escono entrambi alle 16.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Il giorno più freddo del mese è stato il giorno 19 con una temperatura pari a -1.7°C, non particolarmente rigido se paragonato al 28 febbraio 2018 con i suoi -5.2°C o al 7 gennaio 2017 con -4.2°C[...]
    Tortellini, Lambrusco e Duomo di Modena, una moneta celebra l'Emilia-Romagna e la modenesità
    Tortellini, Lambrusco e Duomo di Modena, una moneta celebra l'Emilia-Romagna e la modenesità
    La Zecca dello Stato ha presentano la nuova Collezione Numismatica 2021[...]
    Francesco Totti e Luca Toni, due campioni del mondo a Modena per mangiare le crescentine
    Francesco Totti e Luca Toni, due campioni del mondo a Modena per mangiare le crescentine
    L'incontro è stato documentato dall'attaccante modenese sul proprio profilo Instagram, attraverso una story[...]