Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
07 Dicembre 2022

Cavezzo, con le telecamere della Polizia locale sicurezza e ordine pubblico in versione 3.0

CAVEZZO – Sicurezza e ordine pubblico in versione 3.0: così si potrebbe definire il sistema di videosorveglianza, installato a marzo 2019 presso la sede della Polizia Locale di Cavezzo. Sono circa ottanta, e diventeranno presto 100 se verrà confermato il finanziamento comunale, le telecamere che monitorano gli snodi cruciali del piccolo centro, titto il territorio di competenza da Disvetro a Motta, registrando eventuali contravvenzioni e irregolarità nel traffico urbano. “Si tratta di un sistema estremamente all’avanguardia – spiega il Comandante della Polizia Locale di Cavezzo Egidio Michelini – capace di identificare le targhe delle autovetture e da queste, rilevarne eventuali anomalie”.

In effetti, l’efficientissimo server consente di ottenere tutte le informazioni inerenti la regolarità di assicurazione e revisione, partendo dalla fotografia della targa  e identificando anche eventuali mezzi rubati. “Le proroghe delle procedure di assicurazione e revisione disposte in tempo di lockdown, ci stanno portando a identificare diverse vetture che non hanno i documenti in regola”, spiega il vicecomandante Denni Scannavini. Ma la sanzione non è immediata: occorre che l’infrazione sia rilevata da un agente in carne e ossa, presente sul posto.

Le telecamere non hanno il solo obbiettivo di verificare la “regolarità burocratica” dei mezzi circolanti, ma permettono anche il vaglio di immagini inerenti eventuali sinistri o atti di vandalismo: è il caso del tamponamento avvenuto lunedì 5 ottobre, quando l’autista responsabile di un danno alla macchina di una signora, è fuggito senza dichiarare le proprie generalità. Le riprese hanno consentito ai vigili di risalire all’imprudente guidatore, che ha subito una pesante sanzione amministrativa. Sorvegliati speciali il parco Sant’Anna e i giardini di Via Marconi, in precedenza soggetti a frequenti atti di vandalismo e ora tutelati dall’occhio vigile dei teleobbiettivi. E che dire del sostegno che danno alle indagini delle forze dell’ordine? Le telecamere dei Vigili di Cavezzo sono state essenziali, per dirne una, per incastrare i rapinatori dell’Eurospin che scappavano dal paese dopo aver svaligiato le casse, un colpo di due anni fa.

Altra innovazione appena arrivata, le telecamere portatili, che verrann appese al collo dei cinque agenti in servizio a Cavezzo per riprendere le loro attività in diretta quando sono in servizio sul campo. Una tutela in più, molto utile.

“Siamo molto soddisfatti del nostro sistema di videosorveglianza”, dichiara il comandante Michelini – Il server è stato realizzato da un’azienda di Caserta, la Its, che ha lavorato molto bene: al momento, il funzionamento delle telecamere è eccellente. In altre parti d’Italia, s’insiste sulla sicurezza per fini di propaganda politica, senza poi però agire concretamente. Qui a Cavezzo invece, la videosorveglianza è parte integrante e fondamentale della nostra azione quotidiana”. E sul perchè analogo sistema di telecamere qui a Cavezzo funzioni perfettamente e in Comuni non toppo distanti, no, la risposta è disarmante: perchè a Cavezzo i collegamenti tra telecamere e sala di controllo sono garantiti da qui dalla fibra, dall’antenna radio e da cavi materiali, quindi è impossibile che cadano. E soprattutto a Cavezzo c’è qualcuno che le immagini delle telecamere le guarda sempre.
Gli occhi elettronici mandano infatti le riprese direttamente nell’ufficio del comandante, trasmesse su una avvenieristica piattaforma che lo circonda per tutto il tempo che sta nel suo ufficio.  Un tempo che va ben oltre il dovuto, per la cronaca, inframmezzato dai “bip” delle rilevazioni rilevate ogni ora.
Per intendersi, in circa un’ora che abbiamo passato negli uffici della Polizia Locale per questo servizio, dalle 8.25 alle 9.35 di un giorno lavorativo dai varchi di Cavezzo sono passate 132 auto, e il “bip” che segnalava mancate revisioni o assicurazioni non rinnovate ha suonato spesso.

I vigili si premurano tuttavia di chiarire che l’installazione delle videocamere non ha alcuna volontà di sbirciare nella dimensione privata dei cittadini: la tutela dell’ordine pubblico mediante i teleobbiettivi non crea alcun Grande Fratello in versione cavezzese. Semmai, ironizzando, si può ipotizzare che qualche coniuge sospettoso possa essere tentato di richiedere di visionare l’itinerario della vettura della propria dolce metà per controllare che sia andato dove effettivamente ha detto che andava: più che il Grande Fratello, allora, si tratterebbe di un Temptation Island in versione nostrana.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIncidente stradale sulla Canaletto, un ferito a Bastiglia
    • WatchI Vigili del Fuoco di Modena festeggiano Santa Barbara
    • WatchGiornata internazionale della disabilità, parlano ragazze e ragazzi di Anffas Mirandola

    La buona notizia

    Giornata della disabilità, i ragazze e le ragazze di Anffas Mirandola si raccontano in un video
    La ricerca del benessere, la voglia di stare insieme, la socializzazione e l'inclusione sono sempre i principi ispiratori di qualsiasi esperienza ed attività proposta da Anffas[...]
    "Natale a casa di Lucio": i presepi dell'artista Marcello Aversa in mostra nella casa di Lucio Dalla
    In una delle sue più celebri canzoni, “L’anno che verrà”, Lucio Dalla immaginava il futuro desiderato come quello in cui “sarà tre volte Natale” ed era questo, infatti, il periodo dell’anno che preferiva[...]

    Curiosità

    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un nuovo studio, guidato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Padova, ha rivelato la natura sorprendente di un fossile proveniente dal Giurassico bellunese[...]
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Il sistema sviluppato all'interno di COWBOT affiancherà gli agricoltori nelle operazioni quotidiane, alleviandone la fatica e migliorando la condizione generale degli animali allevati.[...]
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, in una carriera ormai ventennale ha dato alla luce brani entrati nelle playlist degli italiani come “Le cose che abbiamo in comune“, “Salirò”, “Cohiba” e “Il mio nemico”.[...]
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    L'auto era stata trasformata nella carrozzeria e negli accessori esterni per renderla del tutto somigliante a una Ferrari F430[...]
    • malaguti