Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

“Una mucca alla finestra”, storia immaginaria – ma non troppo – di una tata emiliana ai tempi di Lenin

“Una mucca alla finestra”, è opera prima dell’intellettuale bolognese Luca Billi, che sposta la sua penna dal blog e dai social per dare vita a una immaginaria Adelaide, tata socialista che ritrovatasi in Svizzera prima della rivoluzione russa vede il suo destino intrecciarsi a quello di un giovane Lenin.

Una scelta non casuale, quella di Billi, già amministratore comunale di scuola comunista che nel suo curriculum ha anche l’organizzazione delle Feste de l’Unità a Bologna. La storia di Adelaide si snoda in modo agile e coinvolgente tra i grandi fatti della storia e della lotta di classe.

LA TRAMA

Adelaide Lechner è una giovane maestra elementare, nata alla fine dell’Ottocento a San Giovanni in Persiceto, in provincia di Bologna. Il padre era un funzionario dell’Impero austriaco, che nel 1870 ha deciso di lasciare il lavoro, trasferirsi a Bologna, dove ha conosciuto quella che sarebbe diventata sua moglie. Adelaide a San Giovanni in Persiceto si considera socialista, perché è cresciuta in un territorio in cui il socialismo ha forte radici, perché suo fratello minore Giulio lo è, in maniera molto appassionata, e perché lei vede le ingiustizie di cui sono vittime gli uomini. E soprattutto le donne.
Forse non ha mai riflettuto molto alla sua adesione a questi ideali, nessuno le ha mai chiesto di farlo e neppure lei ne ha mai sentito la necessità. Poi nella vita di Adelaide irrompe la guerra. Giulio che è un convinto neutralista, fugge a Zurigo per non essere coscritto. Alla fine del 1916 la madre muore e Adelaide nel gennaio dell’anno successivo decide che non ha senso che lei rimanga da sola e raggiunge il fratello a Zurigo. Questa decisione le cambierà la vita ed è da qui che comincia il romanzo. Giulio ha in affitto una stanza nella casa del calzolaio Titus Kammerer, al numero 14 della Spiegelgasse. In quella casa, oltre alla famiglia del calzolaio, vivono la vedova di un soldato tedesco con i suoi due figli piccoli e una coppia di esuli russi, Vladimir e Nadja Ulianov.

E così Adelaide si trova all’improvviso a contatto con la storia con la s maiuscola. Arrivata in quella città straniera, in quella casa, Adelaide fa quello che sa fare meglio: accudisce i cinque bambini piccoli che vivono lì, permettendo alle madri di lavorare e di sostenere le loro famiglie. In poche settimane quella maestra della provincia emiliana si ritrova in un mondo che non avrebbe mai immaginato, in quel crocevia di cultura in un mondo dilaniato dalla guerra.

Stringe un forte legame di amicizia, quasi da sorelle, con la moglie di Lenin, un’amicizia che continuerà, seppur in maniera epistolare, quando i Lenin partiranno per Pietrogrado. Ha l’occasione di incontrare James Joyce, Katia Mann, Stefan Zweig, Mileva Maric. Frequenta il Cabaret Voltaire, che si trova al numero 1 della Spiegalgasse, e ha una storia d’amore con il pittore Hans Richter. E grazie a lui conosce gli esponenti del movimento dada, a partire da Hans Arp, Hugo Ball e Tristan Tzara. Ma non smette mai di essere Adelaide. Ma soprattutto quella giovane donna in questi mesi acquista una nuova consapevolezza politica. Insegna a una scuola serale organizzata dal partito per le donne, che Nadja, lei e alcune compagne sono riuscite a mettere in piede, nonostante l’indifferenza degli uomini del partito. Partecipa attivamente alla vita politica, ha un ruolo nello sciopero generale dell’autunno del 1918 e, nel 1922, è tra le fondatrici del partito comunista svizzero. E ha nel suo impegno sempre una particolare attenzione alle donne.

Adelaide soffre per il tradimento di Giulio che, non solo abbandona il partito, ma, sposando l’unica figlia del fabbricante di guanti per cui lavora, diventa lui stesso il padrone della fabbrica, uno dei più duri contro le forze politiche e sindacali che animano la vita politica svizzera. Con la fine della guerra, Zurigo torna a essere una tranquilla città. Gli intellettuali e gli artisti vanno a Parigi, a New York, anche Hans Richter deve fare quella scelta per poter dedicarsi al cinema. Adelaide, che nel frattempo è diventata anche a Zurigo una maestra elementare, rimane invece fedele a quella che è ormai la sua città, al suo lavoro nelle scuole serali, all’impegno a fianco delle donne. A quel suo modo di fare la rivoluzione. Con gentilezza e determinazione, insegnando ai bambini. E soprattutto alle bambine.

 

 

Una mucca alla finestra, pagg. 222, prezzo di copertina € 15,00, in vendita online sul sito della casa editrice Villaggio Maori Edizioni di Catania, www.villaggiomaori.com

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]