Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Figlia dona il fegato alla madre per salvarle la vita, a Modena il secondo intervento in piena emergenza Covid

Un trapianto di fegato da donatore vivente in corso di piena emergenza Covid ha salvato la vita ad una paziente affetta da malattia rara e con alto rischio di mortalità, da mesi in attesa di trapianto da cadavere. La donatrice è un’operatrice sanitaria dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria e ha fatto il gesto a beneficio della madre. Entrambe le donne sono già state dimesse e in buone condizioni di salute.

L’intervento è firmato dall’équipe guidata da Fabrizio Di Benedetto, Direttore della S.C. di Chirurgia Oncologica Epato-Bilio-Pancreatica e Chirurgia dei Trapianti di fegato all’AOU di Modena e professore all’UniMoRe. “Se confrontiamo il dato con quello nazionale” – precisa il professor Di Benedetto –, vediamo che nel paese gli interventi di trapiantologia del fegato stanno subendo un significativo calo complessivo, fisiologico alla luce del panorama storico internazionale. Nonostante questo trend, il numero di trapianti di fegato eseguiti presso il Policlinico di Modena è stato pari a quello dell’anno scorso, ma abbiamo ritenuto indispensabile rilanciare il programma di trapianto da donatore vivente per ridurre il rischio di mortalità in lista d’attesa”. 

“Il trapianto di fegato da donatore vivente, il secondo che eseguiamo quest’anno – prosegue il professore -, è un intervento che prevede l’impiego di due sale operatorie attive in simultanea per diverse ore del giorno. In questo caso abbiamo lavorato dalle 5 di mattina, ora di apertura della sala operatoria della donatrice (figlia), alle 21, ora di chiusura della sala operatoria della ricevente (mamma), impiegando decine di operatori sanitari tra medici e personale infermieristico. Ringrazio il mio gruppo, il cui lavoro giornaliero ha permesso di raggiungere questo risultato straordinario”.

Come commenta l’Assessore alla Salute della Regione Emilia – Romagna, Raffaele Donini, “L’intervento dell’équipe guidata dal professor Di Benedetto conferma ancora una volta la qualità del nostro sistema sanitario che, anche in tempi di emergenza Covid, continua a mettere in campo risorse e professionalità che portano a questi risultati straordinari. Un risultato della Struttura Complessa di Chirurgia Oncologica Epato-Bilio-Pancreatica e Chirurgia dei Trapianti di Fegato del Policlinico di Modena reso ancor più prezioso dalla generosità della donatrice verso la madre, che ha così potuto ritrovare la prospettiva di una vita normale”.

Come sottolinea il Direttore Generale dell’AOU di Modena, Claudio Vagnini, “l’azienda non può e non intende venir meno all’offerta di cure per tutti i pazienti, considerate sia come trattamenti attivi, sia come protezione dal contagio. A questo fine, abbiamo organizzato un percorso preciso, secondo il quale il paziente accede alla struttura, riceve la cura e viene dimesso con tutte le protezioni e i riguardi del caso, affinché non contragga il virus in ospedale. Siamo orgogliosi dell’operato dell’equipe trapiantologica e di tutte le strutture che stanno lavorando in condizioni straordinarie per curare i nostri malati”. 

La paziente su cui è stato effettuato il trapianto era già in lista per la donazione da cadavere senza però aver ricevuto alcuna opportunità di trapianto. “In Italia e in Europa pochissimi centri sono in grado di eseguire il trapianto di fegato da donatore vivente tra due adulti”, riferisce Massimo Girardis, Direttore di Anestesia e Rianimazione del Policlinico di Modena, fra le specialità maggiormente sotto pressione per l’emergenza Covid. “Qui a Modena possiamo offrire ai pazienti anche questa straordinaria opportunità di cura, ancor più di valore nell’attuale contesto di calo di donazioni”. 

Come conferma Nicola De Maria, dirigente medico di Gastroenterologia, “la paziente è giunta alla nostra attenzione a maggio scorso con un quadro acuto gravissimo di una rara sindrome, nella quale il sistema immunitario distrugge diverse cellule proprie, tra cui quelle delle vie biliari. La signora aveva una bassissima aspettativa di vita e l’unica cura possibile era il trapianto di fegato”.  

“A rendere l’evento ancora più straordinario è la notizia che la donatrice sia un’operatrice sanitaria della nostra azienda”, commenta Luca Sircana, Direttore sanitario dell’AOU. “Questo ci emoziona profondamente, perché ci mostra operatori già provati per il lavoro che stanno svolgendo in emergenza, comunque pronti a compiere gesti come quello di donare una parte di fegato ad un congiunto. La donatrice ha seguito un programma di protezione speciale anti-Covid, fatto di tamponi seriati e quarantena fiduciaria. Pertanto, è stata dimessa in terza giornata post-operatoria con il tampone negativo”.

“Le motivazioni che mi hanno spinto a donare da volontaria una parte del mio fegato a favore di mia madre risiedono nell’affetto che provo per lei e nel mio bisogno di averla accanto nel mio cammino di vita”, ha raccontato la donatrice. “L’amore con l’amore si paga. L’improvvisa criticità delle sue condizioni e l’urgenza di un trattamento appropriato hanno trovato risoluzione in questo intervento: ho fatto ingresso in sala operatoria come paziente, ma anche come infermiera di questo stesso Policlinico, serena e totalmente consapevole. Come operatore sanitaria credo nella scienza, nella medicina, in chi dedica la propria vita al raggiungimento di standard d’eccellenza che poi mette al servizio di ogni singolo cittadino. Ho creduto in questi professionisti che hanno messo in campo le loro conoscenze e conclamate abilità chirurgiche e sarò per sempre loro riconoscente”.

Hanno collaborato con la Chirurgia dei trapianti anche il Servizio di Radiologia del Policlinico diretto dal professor Pietro Torricelli, in particolare la prof.ssa Anna Rita Pecchi che ha seguito donatore e ricevente nel periodo pre- e post- operatorio, il Servizio psicologia AOU, in particolare con le dott.sse Marcella Vandelli e Catia Ghinelli, che hanno messo a disposizione percorsi di valutazione psicologica e di presa in cura durante le diverse fasi trattamentali, e tutto il gruppo di lavoro del Percorso Aziendale Trapianti di Fegato.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchZona arancione, riaprono le palestre. All'aperto. Ecco la Body Activ a San Felice sul Panaro
    • WatchLa Ciclovia del Sole da Mirandola a Bologna, l'inaugurazione
    • WatchEcco dove i cittadini della Bassa vanno a vaccinarsi contro il Covid

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]

    Curiosità

    Attivo il sito web della parrocchia di Gavello
    Attivo il sito web della parrocchia di Gavello
    Per restare aggiornati sulle notizie, le celebrazioni e le attività della comunità parrocchiale[...]
    Tornano le zanzare. Ecco cosa fare per difendersi
    Tornano le zanzare. Ecco cosa fare per difendersi
    È consigliabile ridurre al minimo la presenza delle zanzare all’interno degli ambienti utilizzando zanzariere e condizionatori. Si possono usare anche apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o a piastrine e zampironi, ma sempre con le finestre aperte.[...]
    Tra architettura e storia, il Palazzo Abbaziale di Nonantola in un volume
    Tra architettura e storia, il Palazzo Abbaziale di Nonantola in un volume
    Presentazione del volume "Il Palazzo Abbaziale di Nonantola. Documenti sulle trasformazioni dell'edificio 1227-1965" pubblicato dall'Archivio Abbaziale e dal Centro Studi Storici Nonantolani[...]
    Il patrimonio genetico europeo deriverebbe da migrazioni di 17mila anni fa
    Il patrimonio genetico europeo deriverebbe da migrazioni di 17mila anni fa
    Lo mostra uno studio guidato da ricercatori dell'Università di Bologna, pubblicato sulla rivista Current BiologyCurrent Biology[...]
    Finale Emilia, la calciatrice Eleonora Goldoni nel nuovo video di Ermal Meta
    Finale Emilia, la calciatrice Eleonora Goldoni nel nuovo video di Ermal Meta
    Il cantante di origini albanesi ha pubblicato venerdì 7 maggio il video del singolo "Uno"[...]
    Da Medolla alle piste della Nascar: Double V Racing scalda i motori
    Da Medolla alle piste della Nascar: Double V Racing scalda i motori
    Nel weekend 14-16 maggio al debutto della nuova stagione della EuroNascar ci sarà un team fondato nella Bassa dall'imprenditore Francesco Vignali e dal pilota Pierluigi Veronesi[...]
    Giornata Internazionale dell'Ostetrica, i messaggi delle mamme assistite a Mirandola
    Giornata Internazionale dell'Ostetrica, i messaggi delle mamme assistite a Mirandola
    Per festeggiare la Giornata, che si celebra il 5 maggio, le ostetriche di Mirandola hanno lasciato spazio ai messaggi delle mamme che hanno assistito[...]
    Equitazione, la sorbarese Chiara Meschiari vincitrice dei campionati italiani di salto ostacoli
    Equitazione, la sorbarese Chiara Meschiari vincitrice dei campionati italiani di salto ostacoli
    Per la giovane campionessa arrivano, via social, i complimenti del sindaco di Bomporto, Angelo Giovannini[...]
    Napoleone Bonaparte, un ricordo in occasione del bicentenario della morte
    Napoleone Bonaparte, un ricordo in occasione del bicentenario della morte
    Simonetta Calzolari ricorda il generale ed imperatore a 200 anni da quel 5 maggio 1821 in cui perse la vita[...]
    Razzo cinese in caduta libera verso la Terra: dove potrebbe atterrare?
    Razzo cinese in caduta libera verso la Terra: dove potrebbe atterrare?
    Secondo gli esperti, la caduta dei frammenti dello stadio del razzo dovrebbe avvenire in una fascia che comprende l'Italia centrale e meridionale[...]