Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
26 Settembre 2021

Mirandola, nessun addio in vista al Punto Nascite : “le cicogne” non smetteranno di volare sul Santa Maria Bianca

MIRANDOLA – Un angola di speranza nella vasta trincea ospedaliera: non si potrebbe definire con parole differenti, l’atmosfera che si respira nel Punto Nascite del Santa Maria Bianca. In questi tristi tempi di pandemia, una vera eccezione rispetto al “clima di guerra” che lambisce l’intero milieu sanitario: ormai percepiti come l’ultima frontiera della logorante lotta al Covid, i nosocomi di tutt’Italia sono sempre più associati a espressioni come “collasso, crisi, saturazione”. Parole che indubbiamente connotano la triste realtà che viviamo quotidianamente, ma che non devono farci dimenticare come l’ospedale non si solo il luogo dell’addio: qui, ogni giorno, si ripete il miracolo della vita.

Testimone direttissimo di questo prodigio, è il responsabile del Punto Nascite mirandolese Alessandro Ferrari: originario di Modena, classe 1967, dopo dieci anni di attività presso l’Ospedale Ramazzini di Carpi, si è spostato nel 2009 al Santa Maria Bianca. “Se foste venuti qui in mattinata, avreste trovato la sala d’aspetto impegnata dalle pazienti, in attesa del check-up”, chiosa il ginecologo accogliendoci negli ambienti del reparto di ostetricia. “Come potete constatare, gli ambulatori sono stati rinnovati dopo il sisma del 2012”, prosegue “insieme alle sale parto: ne vantiamo ben due, adibite esclusivamente alle nostre mamme. Naturalmente, accogliamo solo donne con fisiologia, cioè destinate a un parto naturale e senza complicazioni. Questo ci permette di instaurare un rapporto speciale con ciascuna delle pazienti. I casi problematici vengono invece dirottati su Carpi o Modena, dove si può contare su strumenti più appropriati per la gestione delle complicanze”.

Mentre Ferrari parla con noi, viene interrotto da una collaboratrice, che trafelata lo invita a recarsi nell’adiacente sala parto. “Mi scuso, ma di là una paziente è in pieno travaglio, devo correre. Non ci vorrà molto, comunque”, dice sorridendoci. Pochi minuti è di ritorno.

Dottore, quindi? Maschio o femmina? 

Se devo dire la verità, non ci guardo mai. Mi assicuro che le funzioni vitali del neonato e della mamma siano nella norma, questo è quello che conta. Penso che anche i miei colleghi facciano lo stesso: se non ci sono problemi particolari, dopo le consuete procedure, lasciamo riposare il bambino sul grembo della puerpera.

Come si compone il vostro team

In effetti, siamo cinque medici coadiuvati da tredici ostetriche. La nostra è una squadra sottodimensionata, che deve ricorrere alla collaborazione di operatori esterni e medici in pensione. Qui, abbiamo la fortuna di poter contare sul contributo del dottor Vezzani, ormai pensionato da tre anni ma quotidianamente in prima linea, al nostro fianco. Non si pensi che la carenza di personale ospedaliero sia un fenomeno squisitamente mirandolese: in tutt’Italia, la classe medica è affetta da senescenza ed è molto difficile individuare figure di alto profilo professionale. Ci si affida dunque alla buona volontà, al grandissimo cuore dei colleghi ormai in pensione.

Cosa ne pensa dell’allarme scaturito in seguito alla chiusura “natalizia” del Punto Nascite?

Ritengo si sia trattato di un fatto circostanziato. Al contrario di altre realtà ospedaliere lombarde, che hanno chiuso qualunque tipo di servizio che non concernesse la lotta al Covid, noi siamo sempre rimasti operativi: naturalmente, essendo il nostro un team ristretto, non appena ho contratto il virus, siamo stati obbligati a sospendere momentaneamente le attività. Tutti i miei collaboratori hanno dovuto sottoporsi al tampone. Ma quella temporanea interruzione non costituisce assolutamente il preludio allo smantellamento del reparto: nessuno di noi la sera rientra a casa con l’idea che nel prossimo futuro non lavorerà più a Mirandola. Certamente non raggiungiamo ancora i cinquecento parti indicati come “soglia minima” per restare aperti, ma i numeri sono in risalita e da parte dell’Ausl vi è pieno sostegno.

Dottore, qui al Santa Maria Bianca praticate l’epidurale? 

No. A questo proposito, l’ospedale di Mirandola, anni fa, era assolutamente all’avanguardia. Tuttavia, ora, prediligiamo terapie che non interferiscano con la fisiologia del parto. Ci avvaliamo piuttosto del protossido d’azoto o del parto in acqua. Le nostre ostetriche sono molto capaci nell’alleviare il dolore con metodi più “naturali”.

Una curiosità: in tempo di Covid, è consentito ai papà assistere al parto? 

Sì, i papà sono le uniche figure esterne ammesse in reparto. In tanti anni di professione, posso dire che, in linea di massima, i babbi si dividono in due categorie: da un lato, quelli collaborativi, che sostengono sia il medico, che la compagna. Dall’altro, quelli spaventati e un po’ ingombranti, difficili da gestire. Ho assistito a ogni genere di scena, penso che per rappresentare al meglio quei momenti ci vorrebbe un grande caratterista come Carlo Verdone!

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola, il nido di via Poma selezionato per un progetto regionale
    Il progetto è destinato ai bimbi da zero a sei anni per l’apprendimento della lingua inglese.[...]
    Mirandola, inaugurazione degli edifici parrocchiali a Quarantoli
    Domenica 26 settembre alle ore 18.30 la messa presieduta dal Vescovo Erio Castellucci, al termine la benedizione dei locali restaurati alla presenza delle Autorità civili[...]

    Curiosità

    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Nuovo intervento di manutenzione straordinaria interamente finanziato da Aipo [...]
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]