Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Mirandola, nessun addio in vista al Punto Nascite : “le cicogne” non smetteranno di volare sul Santa Maria Bianca

MIRANDOLA – Un angola di speranza nella vasta trincea ospedaliera: non si potrebbe definire con parole differenti, l’atmosfera che si respira nel Punto Nascite del Santa Maria Bianca. In questi tristi tempi di pandemia, una vera eccezione rispetto al “clima di guerra” che lambisce l’intero milieu sanitario: ormai percepiti come l’ultima frontiera della logorante lotta al Covid, i nosocomi di tutt’Italia sono sempre più associati a espressioni come “collasso, crisi, saturazione”. Parole che indubbiamente connotano la triste realtà che viviamo quotidianamente, ma che non devono farci dimenticare come l’ospedale non si solo il luogo dell’addio: qui, ogni giorno, si ripete il miracolo della vita.

Testimone direttissimo di questo prodigio, è il responsabile del Punto Nascite mirandolese Alessandro Ferrari: originario di Modena, classe 1967, dopo dieci anni di attività presso l’Ospedale Ramazzini di Carpi, si è spostato nel 2009 al Santa Maria Bianca. “Se foste venuti qui in mattinata, avreste trovato la sala d’aspetto impegnata dalle pazienti, in attesa del check-up”, chiosa il ginecologo accogliendoci negli ambienti del reparto di ostetricia. “Come potete constatare, gli ambulatori sono stati rinnovati dopo il sisma del 2012”, prosegue “insieme alle sale parto: ne vantiamo ben due, adibite esclusivamente alle nostre mamme. Naturalmente, accogliamo solo donne con fisiologia, cioè destinate a un parto naturale e senza complicazioni. Questo ci permette di instaurare un rapporto speciale con ciascuna delle pazienti. I casi problematici vengono invece dirottati su Carpi o Modena, dove si può contare su strumenti più appropriati per la gestione delle complicanze”.

Mentre Ferrari parla con noi, viene interrotto da una collaboratrice, che trafelata lo invita a recarsi nell’adiacente sala parto. “Mi scuso, ma di là una paziente è in pieno travaglio, devo correre. Non ci vorrà molto, comunque”, dice sorridendoci. Pochi minuti è di ritorno.

Dottore, quindi? Maschio o femmina? 

Se devo dire la verità, non ci guardo mai. Mi assicuro che le funzioni vitali del neonato e della mamma siano nella norma, questo è quello che conta. Penso che anche i miei colleghi facciano lo stesso: se non ci sono problemi particolari, dopo le consuete procedure, lasciamo riposare il bambino sul grembo della puerpera.

Come si compone il vostro team

In effetti, siamo cinque medici coadiuvati da tredici ostetriche. La nostra è una squadra sottodimensionata, che deve ricorrere alla collaborazione di operatori esterni e medici in pensione. Qui, abbiamo la fortuna di poter contare sul contributo del dottor Vezzani, ormai pensionato da tre anni ma quotidianamente in prima linea, al nostro fianco. Non si pensi che la carenza di personale ospedaliero sia un fenomeno squisitamente mirandolese: in tutt’Italia, la classe medica è affetta da senescenza ed è molto difficile individuare figure di alto profilo professionale. Ci si affida dunque alla buona volontà, al grandissimo cuore dei colleghi ormai in pensione.

Cosa ne pensa dell’allarme scaturito in seguito alla chiusura “natalizia” del Punto Nascite?

Ritengo si sia trattato di un fatto circostanziato. Al contrario di altre realtà ospedaliere lombarde, che hanno chiuso qualunque tipo di servizio che non concernesse la lotta al Covid, noi siamo sempre rimasti operativi: naturalmente, essendo il nostro un team ristretto, non appena ho contratto il virus, siamo stati obbligati a sospendere momentaneamente le attività. Tutti i miei collaboratori hanno dovuto sottoporsi al tampone. Ma quella temporanea interruzione non costituisce assolutamente il preludio allo smantellamento del reparto: nessuno di noi la sera rientra a casa con l’idea che nel prossimo futuro non lavorerà più a Mirandola. Certamente non raggiungiamo ancora i cinquecento parti indicati come “soglia minima” per restare aperti, ma i numeri sono in risalita e da parte dell’Ausl vi è pieno sostegno.

Dottore, qui al Santa Maria Bianca praticate l’epidurale? 

No. A questo proposito, l’ospedale di Mirandola, anni fa, era assolutamente all’avanguardia. Tuttavia, ora, prediligiamo terapie che non interferiscano con la fisiologia del parto. Ci avvaliamo piuttosto del protossido d’azoto o del parto in acqua. Le nostre ostetriche sono molto capaci nell’alleviare il dolore con metodi più “naturali”.

Una curiosità: in tempo di Covid, è consentito ai papà assistere al parto? 

Sì, i papà sono le uniche figure esterne ammesse in reparto. In tanti anni di professione, posso dire che, in linea di massima, i babbi si dividono in due categorie: da un lato, quelli collaborativi, che sostengono sia il medico, che la compagna. Dall’altro, quelli spaventati e un po’ ingombranti, difficili da gestire. Ho assistito a ogni genere di scena, penso che per rappresentare al meglio quei momenti ci vorrebbe un grande caratterista come Carlo Verdone!

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    20 centesimi al chilometro se si va al lavoro a piedi o in bici
    Stanziati 16mila euro di incentivi per chi va a lavorare in bici[...]
    Il centro dove si contrasta l’infertilità: la risposta d’eccellenza alla sterilità di coppia
    Il centro di procreazione medicalmente assistita di Carpi effettua ogni anno circa 120 inseminazioni, il punto di arrivo di un percorso che prevede inquadramento diagnostico e terapia.[...]
    Visite ai parenti: si riaprono gli ospedali
    Sempre seguendo minuziosamente alcune misure di prevenzione e mantenendo comunque alta l'attenzione[...]

    Curiosità

    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Occorre prestare la massima attenzione, bloccare il mittente del messaggio ed eventualmente informare la Polizia postale[...]
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Le precisazioni in merito del sindaco Sandro Palazzi[...]
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati - anche su meteo e condizioni del mare - sono aggiornati ogni 3 ore (ogni 15 minuti per la pioggia), con previsioni fino a 48 ore.[...]
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Giocatori improbabili, una squadra sgangherata e atmosfere della Bassa nel libro [...]
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    Gli alberi sono stati comprati con il ricavato della vendita dei sassi del vecchio ponte di Bomporto[...]
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    o sport che lungo la Via Emilia vanta una solida tradizione, come dimostrano i tanti campioni: dal bolognese Ennio Mattarelli, oro olimpico alle Olimpiadi di Tokio 1964, a Jessica Rossi, campionessa olimpionica a Londra 2012 e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi di Tokyo.[...]
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Domenica presso la sala della biblioteca comunale c'è l'assemblea annuale degli appassionati di questi corpi celesti[...]
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Comune aderisce all’iniziativa Avis per rendere omaggio ai donatori [...]