Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Oggi su Amazon Prime la serie “I diavoli della Bassa”, intervista al regista Giulio Manicardi che vi ha collaborato

CONCORDIA- L’Emilia-Romagna è da sempre terra di cineasti: Rimini, Ferrara e Bologna sono state le culle degli autori più rappresentativi del cinema italiano come Federico Fellini, Michelangelo Antonioni e Pier Paolo Pasolini, Carpi ha dato i natali alla grande regista e sceneggiatrice Liliana Cavani e Modena è stata uno dei set di “Libera, amore mio”, un film di Mauro Bolognini.

Anche la Bassa modenese si sta rivelando terreno fertile per nuove promesse cinematografiche e il giovane videomaker concordiese Giulio Manicardi è decisamente uno di queste.

Nato a Ostiglia- in provincia di Mantova-  e cresciuto a Concordia, Giulio nella Bassa ha deciso di restare: nonostante il suo pluripremiato cortometraggioLike ( che ha vinto il Drago d’Oro al “Miglior Emilia-Romagna filmmaker” al Ferrara Film Festival, il premio quale “Miglior Corto Italiano” al Torino Comics Horror Fest e quello al “Miglior soggetto” all’IIPM Festival) da lui scritto e diretto, l’abbia portato per quattro anni in giro per l’Italia e per il mondo (da Ferrara alla Francia, da Torino alla Russia, l’Ucraina e la Polonia).

Prima di “Like” Giulio ha fatto da assistente in altri lavori, soprattutto videoclip, e si è laureato alla sessione cinema del D.A.M.S.di Bologna.

Oggi il poliedrico cineasta concordiese lavora per l’agenzia di comunicazione Webaze di Mirandola, allo Studio Il granello di Correggio e ha collaborato alla docu-serie sul caso de “I diavoli della bassa modenese” in onda su Amazon Prime dal 25 maggio.

Giulio, ti hanno definito un “giovane cineasta con una grande passione per l’ horror”: ti ritrovi in questa definizione?

La passione per l’horror c’è, difficile negarlo, ma non solo per quello. Del cinema mi innamorai- come credo quasi tutti-  da bambino, saccheggiando il video noleggio sotto casa. Mi piacciono tutti i generi: amo le commedie, il drammatico, le cose più sperimentali e i documentari. Ogni genere ha il suo linguaggio e i suoi archetipi, forse l’horror è solo quello che li racchiude tutti e con il quale riesco a comunicare meglio.

Ti sei laureato in cinema al D.A.M.S di Bologna: in un’intervista hai detto però che la formazione accademica non ti è poi stata utilissima, è così?

L’esperienza al Dams è stata indubbiamente stimolante, mi ha regalato amicizie che coltivo ancora oggi e mi ha aperto al cinema come linguaggio. Purtroppo però, una volta conclusa l’università ci si scontra con “L’attrito del reale”, così quello che per anni si è studiato sui libri e per il quale si sono fatte notti insonni per poter passare al meglio un esame non trova un riscontro nella realtà.

Io avevo voglia di fare, di misurarmi con il modo reale di fare le cose e così iniziai a inserirmi sui primi set. Come in ogni ambito, il miglior modo per imparare a fare qualcosa è farla.

Nel 2016 hai scritto e diretto il corto “Like” che ha vinto diversi premi, tra i quali il Drago d’Oro al “Miglior Emilia-Romagna filmmaker” al Ferrara Film Festival e il “miglior soggetto” all’IIPM Festival oltre a essere stato pluripremiato ai festival internazionali. Come nasce “Like”?

“Like” nasce fondamentalmente da una doppia esigenza: un’esigenza personale, di dare un punto di vista sui social e sul loro potere di influenza e un’esigenza “da spettatore” di voler vedere un determinato film  e, non trovandolo nel panorama attuale, decidere di realizzarlo in prima persona. Mi piace lavorare a progetti che io per primo da spettatore vorrei vedere.

Forse il ricordo più bello è stato proprio al Ferrara Film Festival, quando incontrai Claudio Simonetti (compositore e musicista) fondatore del gruppo progressive rock Goblin e autore delle colonne sonore dei film di Dario Argento. A me consegnarono il premio da esordiente, a lui quello alla carriera e nel farci una foto insieme mi disse “preoccupati quando ti danno quello alla memoria”.

Attualmente stai lavorando alla Webaze di Mirandola e allo studio Il granello di Correggio. Come mai hai scelto di restare in provincia?

Mi piace lavorare con diverse realtà. Approcci diversi, colleghi diversi, progetti diversi: come su un set, una piccola famiglia che si crea, si distrugge e si ricrea a ogni nuovo lavoro.

Nascere e crescere in provincia ha dei vantaggi e degli svantaggi. Lo svantaggio è che hai poco o nulla. Il vantaggio è che, non avendo nulla, hai voglia di avere tutto. Senti una mancanza e cerchi. Così impari a muoverti nella tua realtà e quando cresci- e questa diventa stretta- passi a una più grande di volta in volta, portandoti dietro tutte le esperienze fatte.

Oggi le distanze e le possibilità di creare contatti sono accorciate dal web e dalla tecnologia. Le troupe, le attrezzature, le maestranze in qualche modo si trovano. Sono le idee quelle che fanno e faranno sempre la vera la differenza. Durante la pandemia, una mia amica regista ha realizzato un piccolo documentario coinvolgendo e coordinando diverse persone sparse in diverse nazioni: il tutto dalla zona studio di casa sua. L’artigianalità e l’ingegno sono alla base del cinema, non va dimenticato!

A breve approderà su Amazon Prime Video la docu-serie sul caso de “I diavoli della bassa modenese” al quale hai collaborato. Che ruolo avevi nella troupe?

Essendo cresciuto nella bassa modenese conoscevo la vicenda, avevo circa 10 anni all’epoca. Poco più di un anno fa venni coinvolto nella produzione come location manager e aiuto segretario di produzione. Serviva qualcuno che conoscesse il territorio e i luoghi dove avrebbero avuto luogo le riprese, che procacciasse le location adatte e fosse consapevole delle complessità che l’organizzazione e il coordinamento di un set prevede. Purtroppo il sisma del 2012 ha modificato enormemente la struttura urbana dei luoghi che fecero da scenario alla vicenda negli anni ’90, così è stato spesso necessario un lavoro di ricerca e adattamento.

La serie sarà in cinque puntate e sarà visibile su Amazon Prime Video dal 25 maggio.

Cosa pensi del panorama del cinema indipendente in Italia e in particolare nel modenese?

Il cinema indipendente italiano sta bene. Potrebbe sempre stare meglio, ma sta bene! Purtroppo, spesso, il suo più grande nemico è proprio il pubblico e gli spettatori italiani. Ci sono film e registi indipendenti italiani molto apprezzati all’estero dove talvolta vivono, lavorano e producono, ma quasi totalmente sconosciuti nel loro Paese. Ecco, in questo senso mi piacerebbe che si riuscisse ad andare oltre al preconcetto del “si vede che è italiano”.

L’Emilia Romagna è da sempre una terra ricca di storie e di cinema.

Questa potenzialità è stata riconosciuta, tanto che negli ultimi anni è stato fatto un importante investimento nel settore audio-visivo con corsi di formazione, aumentando bandi e i fondi della film commission, diventando attrattiva per numerose produzioni.

Senza scomodare maestri come Federico Fellini, Liliana Cavani e Pupi Avati, ma guardando all’oggi: pensiamo alla Palomar, grande casa di produzione che si è da poco insediata al Tecnopolo nelle ex Reggiane di Reggio Emilia; “Volevo nascondermi” di Giorgio Diritti, fresco del trionfo agli ultimi David di Donatello; “Veloce come il Vento”;La guerra è finita” importante fiction Rai; “SanPa- Luci e tenebre di San Patrignano” e “La straordinaria storia dell’Isola delle rose” entrambe targate Netflix e “Veleno” per Amazon. Tutte produzioni importanti.

Anche nel modenese si sta creando una scena molto attiva. Penso a Domenico Guidetti che ha diretto Francesco Pannofino nel suo cortometraggio “Djinn Tonic” o a Francesco Barozzi, che con il suo film “L’ultima notte”, tratto da una storia della cronaca nera modenese, è arrivato al Torino Film Festival.

 

 

Leggi anche

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Il centro dove si contrasta l’infertilità: la risposta d’eccellenza alla sterilità di coppia
    Il centro di procreazione medicalmente assistita di Carpi effettua ogni anno circa 120 inseminazioni, il punto di arrivo di un percorso che prevede inquadramento diagnostico e terapia.[...]
    Visite ai parenti: si riaprono gli ospedali
    Sempre seguendo minuziosamente alcune misure di prevenzione e mantenendo comunque alta l'attenzione[...]
    Dall'azienda Omnia più di 20 mila mascherine in dono ai Vigili del fuoco di Finale Emilia
    L'associazione Amici dei Vigili del Fuoco Volontari di Finale Emilia è orgogliosa di fare la propria parte grazie a queste donazioni importanti, che contribuiscono a ridurre la diffusione del Covid19.[...]

    Curiosità

    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Occorre prestare la massima attenzione, bloccare il mittente del messaggio ed eventualmente informare la Polizia postale[...]
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Le precisazioni in merito del sindaco Sandro Palazzi[...]
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati - anche su meteo e condizioni del mare - sono aggiornati ogni 3 ore (ogni 15 minuti per la pioggia), con previsioni fino a 48 ore.[...]
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Giocatori improbabili, una squadra sgangherata e atmosfere della Bassa nel libro [...]
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    Gli alberi sono stati comprati con il ricavato della vendita dei sassi del vecchio ponte di Bomporto[...]
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    o sport che lungo la Via Emilia vanta una solida tradizione, come dimostrano i tanti campioni: dal bolognese Ennio Mattarelli, oro olimpico alle Olimpiadi di Tokio 1964, a Jessica Rossi, campionessa olimpionica a Londra 2012 e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi di Tokyo.[...]
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Domenica presso la sala della biblioteca comunale c'è l'assemblea annuale degli appassionati di questi corpi celesti[...]
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Comune aderisce all’iniziativa Avis per rendere omaggio ai donatori [...]
    Finale Emilia, comparsi manifesti che spingono l'ex assessora Paganelli a candidarsi a sindaca
    Finale Emilia, comparsi manifesti che spingono l'ex assessora Paganelli a candidarsi a sindaca
    I manifesti sono comparsi in città pochi giorni dopo l'annuncio della ricandidatura da parte del sindaco Sandro Palazzi[...]