Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
22 Settembre 2021

Coronavirus: la situazione all’AOU di Modena

MODENA- Continua l’appuntamento consueto con il bollettino settimanale contenente le principali attività organizzative e sanitarie dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in riferimento alla gestione dell’emergenza COVID-19.

Situazione ricoveri

Sono 39 i pazienti con tampone positivo ricoverati in Azienda Ospedaliero – Universitaria, 10 dei quali in terapia intensiva, tutti al Policlinico. Tra questi, 34 pazienti sono ricoverati per le conseguenze del Covid-19, mentre i restanti 5 sono assistiti per altre patologie, con riscontro occasionale di tampone positivo.

Attualmente il 73% degli assistiti per Covid-19 presso l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena non è vaccinato, dato che sale al 90% (9 su 10) per i ricoverati in Terapia Intensiva (1 su 12). Interessante notare che dei 20 pazienti con meno di 65 anni, nessuno risulta aver completo il ciclo vaccinale e un altro paziente ha effettuato solo una delle due dosi.

L’età media dei pazienti ricoverati attualmente per le conseguenze del Covid-19 è 63 anni.

L’età dei pazienti ricoverati col ciclo vaccinale completo è 68 anni in linea con le precedenti rilevazioni. In terapia intensiva, l’unico paziente vaccinato ha 71anni e ha una condizione preesistente di fragilità, la media di età dei non vaccinati è 57 anni. Questi dati confermano l’efficacia del vaccino anche nei confronti della variante Delta, pur nella diversa risposta immunitaria tra persone con condizioni cliniche diverse.

La parola alle Malattie Infettive e alla dottoressa Erica Franceschini, infettivologa del Policlinico 

Dottoressa, lo scorso anno, in estate, gli ospedali erano praticamente vuoti, oggi invece la situazione è ben diversa. Vuol dire che i vaccini non funzionano?

No, anzi, i dati dimostrano che il vaccino funziona. Mi spiego meglio: nel 2020 le riaperture avvennero a partire da giugno quando l’incidenza dell’infezione da SaarsCov-2 era praticamente azzerata dopo un lockdown duro e totale. Nel 2021, invece, abbiamo riaperto a maggio, dopo una serie di chiusure solo parziali, volte non ad azzerare i contagi ma a permettere agli ospedali di riuscire a curare le persone in modo adeguato. Inoltre, le restrizioni mantenute durante questa estate sono nettamente inferiori rispetto a quelle mantenute nel 2020. Per questo motivo, noi ci aspettavamo un incremento dei contagi in questo periodo, aggravato anche dalla maggior infettività della variante Delta. Grazie ai vaccini, però, gli ospedali non sono al momento sotto stress, perché – dati alla mano – è provato che nella stragrande maggioranza dei vaccinati, il virus non provoca la forma grave della malattia. È vero, infatti, che i ricoveri sono risaliti molto tra la fine di luglio e i primi di agosto in percentuale, ma è anche vero che in seguito sono rimasti abbastanza stabili nonostante l’aumento dei contagi. È questo il risultato dei vaccini e per questo credo sia giusto insistere ancora una volta sulla necessità di vaccinarsi, per tutelare sé stessi e gli altri.

Rispetto alle ondate precedenti quali sono le caratteristiche dei pazienti che state vedendo?

Noi ricoveriamo pazienti con polmonite da SaarsCov-2 con forme medio-gravi, che necessitano di ossigenoterapia. In questo momento i nostri pazienti sono per la maggior parte under 65 non vaccinati, e le loro caratteristiche cliniche sono del tutto sovrapponibili a quelle osservate nelle ondate precedenti.

Questi pazienti hanno altre patologie?

Abbiamo ovviamente pazienti molto diversi fra loro, alcuni con copatologie note, altri con anamnesi muta cioè senza copatologie note prima del ricovero. Quello che stiamo osservando però è che la maggior parte dei pazienti che vengono ricoverati con un’anamnesi muta sono in realtà pazienti in cui già al ricovero diagnostichiamo diverse copatologie trascurate negli anni precedenti quali ipertensione arteriosa, diabete, obesità e cardiopatie.

Dal punto di vista delle terapie cosa è cambiato?

Nel tempo abbiamo imparato molto sul virus. Già dall’ultima ondata sappiamo che all’insorgenza dell’insufficienza respiratoria sono efficaci gli steroidi, come il desametasone e in caso di ulteriore peggioramento somministriamo il tocilizumab, un anticorpo anti-interleukina 6 che serve a limitare la reazione autoimmune dell’organismo. In questi giorni, inoltre, AIFA ha autorizzato l’uso degli anticorpi monoclonali anche in alcuni pazienti ospedalizzati che sono quelli che hanno necessità di ossigeno, che non hanno ancora sviluppato gli anticorpi anti spike. È importante dire che la ricerca non si ferma e continuiamo a imparare giorno per giorno qualcosa di nuovo. Non è un risultato scontato visto che il virus è apparso poco più che un anno fa.

Cosa si sente di dire ai pazienti non vaccinati

A mio avviso è importante ricordare che, a fronte di una percentuale tutto sommato piccola di pazienti che non si vaccinano perché contrari al vaccino in quanto tale, la maggior parte delle persone non si vaccina per timore. Sono convinta che una corretta informazione effettuata dal personale sanitario, portata avanti con pazienza e investendo il giusto tempo, possa essere in grado di convincere cittadini che sono soprattutto vittime di informazioni sbagliate. Oggi viviamo in una situazione in cui circolano troppe informazioni contraddittorie che finiscono per confondere chi non ha la possibilità di approfondirle o comprenderle a pieno. Su queste persone e su questo flusso di informazioni occorre lavorare, non solo per i vaccini ma più in generale per tutte le misure di contenimento della pandemia.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Centro anziani, riprende l'attività in presenza a Camposanto
    Commenta la sindaca: "Sappiamo tutti quanto questi eventi siano utili per aggregare, a miglioramento della vita ed a smantellamento della solitudine, amplificata anche dalla pandemia"[...]
    Bomporto, la biblioteca Tolkien "si rifà il look"
    Nuove proposte artistiche e iniziative culturali, scelte attraverso una procedura a evidenza pubblica, da Enti del Terzo Settore, cooperative e ditte specializzate.[...]

    Curiosità

    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    35mila gli studenti in tutto il modenese, 70 le nuove aule a disposizione.[...]