Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
19 Aprile 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Ucraina, Finale Emilia manifesta contro la guerra

FINALE EMILIA - C'erano circa 200 persone nella serata di mercoledì 2 marzo, ai giardini De Gasperi di Finale Emilia, alla manifestazione promossa da Mani Tese Finale Emilia a sostegno della popolazione ucraina e di tutti i cittadini russi che stanno manifestando contro questa guerra. Tanti gli interventi che si sono succeduti e che sono stati accompagnati dagli applausi del pubblico presente. Di particolare rilievo le parole dei giovani studenti delle scuole superiori e le poesie e i brani letti dagli allievi delle scuole medie di Finale Emilia e Massa Finalese.

Finale Emilia contro la guerra, le parole dell'assessora alle Politiche giovanili, Volontariato, Associazionismo e Pari opportunità, Anna Baldini:

“Con l’articolo 11 della nostra Costituzione l'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. Si poteva semplicemente dire che l’Italia rinuncia alla guerra o che la condanna. Invece si preferì usare un termine forte, uno di quelli che genera sdegno, orrore, repulsione: «ripudiare» è il gesto di chi spinge all’indietro: dunque un’azione attiva, non semplicemente un’astensione.
La nostra assemblea costituente sceglie un termine così forte perché era ancora vivo il ricordo degli orrori della Seconda Guerra Mondiale. Più di 62 milioni di vittime, fra civili e militari, ogni famiglia ne era stata lesa, nessuno poteva essere indifferente. Così come l’Italia, tanti altri paesi scelsero di inserire principi di pace nei loro regolamenti, nelle loro costituzioni. Gli anni sono passati, altre guerre si sono susseguite, ma spesse volte l’Occidente è rimasto indifferente, in fondo non erano alle porte di casa nostra. Guardate cosa accade intorno a noi.
Guardate l’Africa. Ci sono guerre attive in Burkina Faso, Egitto, Libia, Mali, Mozambico, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sudan. Guardate l’Asia e il Medio Oriente. I talebani hanno ripreso il controllo dell’Afghanistan pochi mesi fa. Ma non sono in diverse condizioni il Pakistan, le Filippine, il Myanmar. Così come in Iraq, Siria e Yemen. Guardate il Sud America. La Colombia, il Messico, le lotte con i cartelli della droga e gruppi terroristici di vario genere che ogni giorno si trovano a combattere. Guardate Hong-Kong, una mia cara amica vive là, sono anni che vivono sotto costante attacco mediatico, repressi nelle loro manifestazioni dal governo Cinese che ne reclama il controllo. Buttiamo un occhio su Taiwan, anch’essa eternamente contesa fra la propria indipendenza e coloro che la vogliono controllare.
Il tempo passa, la storia per principio è ciclica, ed eccoci qua. Con una guerra che bussa alle porte di casa nostra e immediatamente ci rendiamo conto che non si può restare indifferenti. Tante delle persone che sono qui stasera, i nostri amici di Mani Tese in primis, hanno un occhio attento su questa tematica. Quanti di noi però si sono mobilitati solo ora? Mi ci metto in mezzo anche io, badate non vuole essere una predica, ma una presa di coscienza. L’indifferenza porta a maggiore indifferenza, non possiamo restare a guardare, dobbiamo far sentire la nostra voce. Dobbiamo dire di no ad ogni guerra, ad ogni conflitto, ad ogni repressione.
La massiccia mobilitazione a livello internazionale che abbiamo visto in questi giorni, alla quale si unisce oggi anche la nostra comunità, dovrebbe aprire gli occhi a coloro che siedono su quegli alti scranni: la guerra non ci rappresenta. E soprattutto non ha nulla a che fare con le generazioni del futuro. Il mondo che sogniamo e che ci meritiamo è un mondo dove ogni tipo di differenza va ad appianarsi, dove gli unici principi riconosciuti sono la meritocrazia e l’autodeterminazione. Siamo noi a decidere chi siamo e dove vogliamo andare, gli unici ostacoli che dovremmo trovare sul nostro cammino sono quelli che noi stessi finiamo per porci, non dettati dal nostro genere, dell’orientamento sessuale, dall’estrazione sociale, dalle disabilità, dalla nostra nazionalità, così come dal nostro colore della pelle.
Tutto questo possiamo definirlo un’utopia, ma almeno lasciateci questo: un mondo in pace. Un mondo senza guerra: anche la mia generazione ne ha già viste abbastanza per avere 25 anni. Un terremoto che ha segnato il nostro territorio, alluvioni e altri disastri naturali, una pandemia che ci ha impedito di vivere due anni della nostra giovinezza così come avremmo dovuto e potuto fare. Per non parlare delle difficoltà economiche e le precarietà lavorative con cui ci dobbiamo scontrare tutti i giorni. Ed ora che uno spiraglio di luce c’era, sembrava che stessimo finalmente uscendo dall’emergenza, ecco che arriva questo. Prima che sia troppo tardi, basta. Mediamo, usiamo la diplomazia ed arriviamo ad una soluzione che ci permetta di tornare a guardare al futuro con speranza e fiducia”.
Di seguito, alcune foto della manifestazione, scattate da Carolina Paltrinieri:
SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari
Superbonus - nuova comunicazione preventiva
Rubrica - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Linee guida per i Social | Ecco come creare post perfetti in pochi e semplici passaggi
Rubrica - Ed eccoci al terzo appuntamento con Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese. Oggi impareremo a destreggiarci tra post, reel e video.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli
Il punto - E' la rubrica che abbiamo deciso di avviare per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Gli italiani mangiano male
Glocal - In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all'obesità.
L’arte in Strada | San Prospero e il murale dedicato a Fraintesa
Rubrica - Rubrica a cura di Francesca Monari
Piccole e medie imprese, come ottenere i contributi per internazionalizzazione, transizione energetica e installazione di sistemi di sicurezza
Da sapere - I bandi riguardano attività in regola con il Durc e con il pagamento del diritto annuale alla CCIAA
Glocal
Nel 2050 un pensionato per ogni lavoratore
Glocal - Finanze pubbliche e welfare non saranno più sostenibili con il calo delle nascite
Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    I dati
    Ricostruzione, prorogati al 31 dicembre 2025 i termini per l'esecuzione dei lavori finanziati
    Nuova ordinanza del Commissario e presidente della Regione. Modificate le scadenze di tutti i procedimenti in corso gestiti con la piattaforma informatica Mude
    Il caso
    Finale Emilia, ha riaperto a Canaletto il circolo musicale Lato B
    Dopo tempi di incertezze torna la musica nella ex scuola elementare
    Ultime notizie
    Da Medolla Eurosets dona ossigenatori per le operazioni ai bambini in Camerun
    L'azienda sostiene il progetto “Cuori ribelli” della Onlus “Una voce per Padre Pio”

    Curiosità

    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    La storia
    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    L'errore fatale costerà all'uomo, un pensionato, 104 euro di multa più accertamento della Agenzia delle entrate
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Il riconoscimento
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Nell’occasione il campo da calcio verrà intitolato al limidese Bruno Ghelfi
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    I dati
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    Nelle scuole primarie del territorio un progetto educativo per spiegare ai bambini il valore che ha il cibo e ridurne lo spreco.
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Ultime notizie
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Il prestigioso titolo corona una carriera che l'ha vista partecipare e vincere numerose competizioni italiane ed internazionali
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    Il riconoscimento
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    E' stato un bel pomeriggio -  sala stra piena, pubblico attento e tanti applausi - quello che la neonata associazione I talenti di Minerva ha organizzato a San Prospero presso la biblioteca.
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Ultime notizie
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Sette grandi film. Tre giorni. Un fiume di eventi. Roberto Gatti &Co rendono omaggio a sette capolavori del cinema italiano
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Per i più piccoli
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Inoltre si inaugurerà la sede del “Consiglio dei ragazzi”
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Curiosità
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Le cifre più alte sono riservate alla cura dei capelli e del viso.
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    La storia
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    Il mirandolese era con gli speleologi della Società adriatica che hanno fatto la sensazionale scoperta scientifica: "Siamo stati dove nessuno mai"
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    Il caso
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    E' tra gli ultimi atti della giunta di Alberto Greco, che a giugno lascerà la carica di sindaco di Mirandola. “Un modo concreto per ricordare una grande persona”

    chiudi