Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
26 Giugno 2022

Al Vinitaly si respira ottimismo: il settore vino è in ripresa, specie l’export

Un settore in ripresa, con risultati più che buoni nell’export e aree come la grande distribuzione e l’e-commerce decisamente in crescita.

 

Insieme ai temi più sentiti da operatori e imprese: la sostenibilità di prodotto e dei processi produttivi, in nome della qualità e della tutela ambientale, sempre più prioritaria, la transizione digitale, il rafforzamento delle dimensioni competitive delle aziende e le strategie di commercializzazione. In un contesto che non può che guardare alle pesanti ripercussioni della situazione internazionale e della guerra in Ucraina.

 

È questa il quadro di sintesi del comparto vitivinicolo dal punto di vista delle Regioni, al centro oggi della tavola rotonda organizzata a Vinitaly, l’importante Fiera internazionale del settore che si tiene fino al 13 aprile a Verona. Un confronto tra istituzioni, con i presidenti della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e della Regione Veneto, Luca Zaia, e alcune importanti imprese. Tra i partecipanti, l’europarlamentare Paolo De Castro e il direttore di Nomisma Wine Monitor, Denis Pantini.

 

“Sul settore vitivinicolo- afferma il presidente Bonaccini– insieme alle altre Regioni l’Emilia-Romagna intende giocare un ruolo di primo piano su sviluppo e regolamentazione nazionale a tutela di produzioni di qualità. E sulla revisione delle normative europee, che non può penalizzare un patrimonio prezioso come quello enologico italiano e delle nostre regioni. Penso ad esempio ai rischi nella nuova Pac di diminuzione dei fondi Ue per l’attività di promozione. Un impegno che va sostenuto anche nelle sfide legate al PNRR, con investimenti per la transizione ecologica, il lavoro e una conversione dei processi produttivi che guardi in primo luogo alla sostenibilità e all’innovazione di prodotto, percorsi che tantissime nostre aziende hanno già intrapreso”.

 

“Il vino è uno dei biglietti da visita del Made in Emilia-Romagna- prosegue Bonaccini– protagonista nei principali mercati internazionali: negli ultimi cinque il comparto regionale ha registrato un +42% di export, molto al di sopra della media nazionale. Dobbiamo continuare a investire sulla commercializzazione e sullo sviluppo dell’enoturismo, mettendo in valore il patrimonio delle unicità gastronomiche, culturali e turistiche che abbiamo. Perché per crescere nell’ export occorre investire sulla sinergia tra vino e turismo, per valorizzare sempre più l’identità regionale e quella dei suoi prodotti”.

 

Rispetto alle decisioni dell’Unione Europea, l’impegno delle Regioni riguarda anche la questione delle accise sulle bevande alcoliche, partendo dal fatto che il settore va associato all’educazione al bere con moderazione, a culturaprofessionalità e tradizioni uniche.

 

L’assessore Mammi al Premio benemeriti Vinitaly 2022

 

Sempre alla Fiera di Verona, l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi, ha partecipato alla cerimonia di premiazione dei benemeriti Vinitaly 2022 “Premio Angelo Betti”, rivolto ii migliori professionisti e imprenditori del vino. Mammi ha consegnato il premio per l’Emilia-Romagna a Vanni Lusetti, referente degli enologi e direttore generale di Riunite&Civ e Cantine Maschio.

 

“Produrre vini di qualità, nel rispetto dell’ambiente e in modo sostenibile, conoscere le esigenze del consumatore e sviluppare nuovi mercati sono le caratteristiche che, insieme a una grande passione, hanno contraddistinto il percorso professionale di Vanni Lusetti”, sono le parole con cui Mammi ha consegnato il premio.

I dati: +42% export Emilia-Romagna

Secondo l’indagine Nomisma-UniCredit sul settore vitivinicolo presentata proprio in questi giorni,
cresce del 13% (rispetto all’anno scorso) l’export di vino italiano nel 2021, per un valore di oltre 7
miliardi di euro.
Nel mercato nazionale è soprattutto la grande distribuzione a trainare le vendite di vino (+12% tra
2021 e 2019), ma è la crescita dell’e-commerce (+187% quello dei siti generalisti più Amazon) che
dà la misura dell’impatto che l’evoluzione digitale ha raggiunto nelle modalità di acquisto degli
italiani e nelle aziende del vitivinicolo.
In Emilia-Romagna, un ruolo importante per il comparto è rappresentato dalle esportazioni che
segnano un +41,9% nell’ultimo quinquennio, dato superiore alla media nazionale che registra
nello stesso periodo una crescita del 26,5%.
L’Emilia-Romagna con le sue 30 denominazioni d’origine è tra le prime regioni italiane nella
produzione di vino, con un volume d’affari che si aggira attorno ai 490 milioni di euro per le
Denominazioni d’origine e le Indicazioni geografiche e volumi ben più ampi per tutta la produzione
regionale.
Tre i principali ambiti d’azione su cui lavora la Regione: riconversione dei vigneti per una sempre
maggiore qualità e sostenibilità ambientale; investimenti e competitività, per rinnovare cantine e
tecnologie; sostegno, anche con più risorse finanziarie, al mercato interno e internazionale.
Emilia-Romagna protagonista a Vinitaly
I vini dell’Emilia-Romagna sono protagonisti della 54esima edizione della rassegna con oltre 120
aziende produttrici e tutti i consorzi, tantissime etichette disponibili nei banchi d’assaggio. E poi il
ristorante con un menù che parla emiliano e romagnolo, una brigata di 40 tra cuochi e camerieri,
oltre ai sommelier dell’Ais, l’Associazione italiana sommelier. Il tutto nei 2.500 metri quadrati del
padiglione 1 di Vinitaly, gestito dall’Enoteca regionale dell’Emilia-Romagna, che per quattro giorni
è stata la “casa” dei Consorzi, delle aziende, dei vini e dei prodotti Dop e Igp regionali. I vini in
degustazione rappresentano tutte le 19 Doc, due Docg e 9 Igt dell’Emilia-Romagna.

Vinitaly giorno 1: l’Emilia-Romagna torna protagonista nel raccontare l’unione tra vino e cibo

Dopo due anni d’attesa, fra timori e molte aspettative, il Vinitaly dell’Emilia-Romagna è partito. Si è infatti inaugurata domenica 10 aprile la 54esima edizione del Salone internazionale dei vini e dei distillati e, come da tradizione, il Padiglione 1 e stato curato da Enoteca Regionale Emilia Romagna.

Consorzi del vino e del food e aziende vitivinicole emiliano-romagnole tutti sotto lo stesso tetto per rappresentare quel “tratto che ci unisce”, il claim che accompagna la nuova comunicazione di Enoteca Regionale a partire proprio da questo Vinitaly 2022.

«Al Vinitaly 2022 ci presentiamo con nuovi contenuti. Lo slogan di quest’anno è #iltrattocheciunisce, per fare riferimento a un filo conduttore che collega diversi aspetti. Unisce L’Emilia e la Romagna, due aree che hanno stili di produzione vinicola diversi ma fanno parte di una regione unica che vanta 30 tra DOP e IGP, ma è anche il tratto che unisce cibo e il vino. In questa edizione abbiamo dato più spazio ai Consorzi di tutela che, all’interno del Padiglione, potranno presentare i loro prodotti tutelati, che utilizzeremo anche nel ristorante interno riservato ai produttori e ai loro ospiti business. Durante la fiera, inoltre, saranno tante le masterclass in cui si parlerà sia di vino sia di cibo» dichiara il Presidente di Enoteca Regionale Emilia Romagna, Giordano Zinzani, che prosegue: «Dopo due anni di assenza e due edizioni annullate, abbiamo buone aspettative su questa edizione del Vinitaly e già questa prima giornata ha fatto vedere numerosi visitatori negli stand e lungo i corridoi del padiglione. Una situazione molto vivibile per degustare e intrattenersi con i tanti vignaioli presenti».

Fra i visitatori del Padiglione 1 anche il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini che, accompagnato dall’Assessore regionale Alessio Mammi, si è intrattenuto nel pomeriggio fra gli stand dei produttori con il Presidente Zinzani.

«Questa del Vinitaly per il vino emiliano-romagnolo – sottolinea Bonaccini – è un’opportunità straordinaria soprattutto dopo due anni di forti difficoltà per il comparto vitivinicolo regionale, per tornare protagonisti a livello internazionale. Grazie a un padiglione bellissimo e grazie al prezioso lavoro dell’Enoteca Regionale, e questo ce lo stanno dicendo un po’ tutti, presentiamo eccellenze enogastronomiche e agroalimentari che fanno grande il made in Emilia-Romagna a tavola. Non abbiamo a livello europeo eguali per quanto concerne il patrimonio di prodotti e produzioni Dop e Igp e le performance negli ultimi cinque anni lo dimostrano, con crescita dell’export nell’agroalimentare regionale del 40%».

Il Vinitaly prosegue fino a mercoledì 13.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Tutta la stanchezza del mondo di Enrica Tesio
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere dell'albicocca
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del miele
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” De culpabili amore dell’esordiente mirandolese Filippo Reggiani
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDa Novi al Sudafrica: le macchine agricole di Andreoli Engineering fanno il giro del mondo
    • WatchTante e belle motociclette domenica a Mirandola.
    • WatchA spasso nel bosco di San Felice sul Panaro

    La buona notizia

    Rimosse auto abbandonate a Bomporto e Nonantola
    Gli agenti di Polizia Locale Unione del Sorbara sabato hanno restituito decoro a due aree pubbliche[...]
    Tiroide ed eventuali nodi ora si vedono in 3 dimensioni in ospedale a Carpi
    Il software ad elevata tecnologia è stato donato dall’Associazione Pazienti Tiroidei Onlus [...]
    Scompare in Calabria, il liceo di Ancona inonda di cartoline il suo paese per rompere l'omertà
    I ragazzi e le ragazze anconetane avevano partecipato a un campo di Libera a Crotone e hanno conosciuto la mamma del giovane 19enne di cui non si hanno notizie da 9 anni: lupara bianca[...]

    Curiosità

    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    Il tema del 2023 sarà "Il tempo di prenderci cura"[...]
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense torna in centro storico dopo due anni di pandemia. L'allegria e l'entusiasmo dei ragazzi sfilano in corteo insieme alle cerchie[...]
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Eugenio Gagliardelli, a.d. della ceramica Opera di Camposanto, porta nella Bassa la frutta della sua azienda agricola di Maranello. Il ricavato va in beneficienza[...]
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.[...]
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    Almeno per un pomeriggio, un centinaio di sanfeliciani di tutte le età ha potuto riscoprilo: grazie all'accordo tra azienda agricola Mediplants e Comune, è stato reso di nuovo accessibile. [...]
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Prima il padre poi la madre oppure viceversa, lo decidono i genitori[...]
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Dal 2 giugno saranno sparsi nei luoghi più frequentati del paese[...]
    Beatrice Valli e Marco Fantini finalmente sposi: cerimonia da sogno sul mare
    Beatrice Valli e Marco Fantini finalmente sposi: cerimonia da sogno sul mare
    Cerimonia da sogno per il matrimonio della coppia nella suggestiva cornice di Villa Lysis: l'edificio liberty a Capri che fu la dimora del barone Fersen.[...]
    L'ex liceo Pico a Mirandola rinasce a nuova vita dopo il terremoto
    L'ex liceo Pico a Mirandola rinasce a nuova vita dopo il terremoto
    Sono quasi conclusi i lavori sulla grande struttura dove troverà casa la biblioteca. Secondo le stime sarà pronta a fine anno[...]
    • malaguti