Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

5 risposte dell’Ausl alle nostre domande sull’ospedale di Mirandola

In risposta all’articolo “5 domande – in attesa di risposta – sull’Ospedale di Mirandola” pubblicato dalla testata online “SulPanaro.net”, l’Azienda USL di Modena risponde punto su punto ai dubbi espressi:

 

1 – Gli anestesisti rimasti a Mirandola sono quattro con turni di 12 ore massimi ciascuno, e per eseguire gli interventi di chirurgia sia generale che ortopedica e ginecologica (queste sono le specialità che riguardano l’ospedale di Mirandola) non sono sufficienti per accompagnare ortopedici, chirurghi e ginecologi durante le operazioni. Quindi come si fanno a garantire 24 ore su 24 gli interventi programmati e le urgenze e la sala parto?

 

Come ogni Azienda sanitaria d’Italia, anche l’Azienda USL di Modena deve fare i conti con la carenza di specialisti, in modo particolare di anestesisti; gap che si sta cercando di colmare attivando tutti gli strumenti a disposizione, ovvero promuovendo bandi di selezione a tempo indeterminato e per incarichi libero professionali. Detto ciò, al Santa Maria Bianca è attiva una guardia anestesiologica H24, che consente di effettuare le urgenze ostetriche-ginecologiche, oltre alla gestione delle eventuali emergenze intraospedaliere e, più in generale, di tutte le condizioni cliniche di instabilità, che esulano dalle competenze dell’internista o del chirurgo. Un ulteriore supporto, a servizio dell’attività chirurgica programmata, è garantito da una logica di sistema che vede gli specialisti della Struttura complessa di Anestesia e Rianimazione dell’Area Nord, diretta dal Dott. Alessandro Pignatti, operare secondo necessità su entrambe le sedi, ovvero l’Ospedale di Mirandola e quello di Carpi. Inoltre presso il Santa Maria Bianca viene garantita una pronta disponibilità su chiamata del medico anestesista, h12 negli orari notturni dal lunedì al venerdì e h24 sabato, domenica e festivi, assicurando così il trasporto di pazienti gravemente instabili presso altre strutture ospedaliere provinciali.

 

 

2 – Quante sale operatorie ha l’ospedale di Mirandola? L’Ausl parla di quattro, ma non specifica che differenza c’è tra l’una e l’altra. Le sale operatorie, logisticamente parlando, sono sì quattro, ma solo due sono per gli interventi maggiori, quelli dove sono previste le anestesie totali. Le altre due sono esclusivamente dedicate alla endoscopia (gastroscopia, colonscopia …) e alla chirurgia specialistica ambulatoriale (oculistica e dermatologia): piccoli interventi non paragonabili a quelli che si fanno di urgenza nelle sale operatorie vere e proprie. Del resto, se fossero veramente 4 le sale operatorie dedicate a Mirandola interamente a interventi chirurgici e ortopedici, perché questi vengono eseguiti a Carpi o a Modena?

Si ribadisce che le sale operatorie dell’Ospedale di Mirandola sono 4 e non 2; inoltre, non è affatto vero che “l’Ausl non specifica che differenza c’è tra l’una e l’altra”: nella replica fornita si può infatti leggere che “due, collocate nel Corpo 08, sono dedicate alla casistica ordinaria (chirurgia, ortopedia, ginecologia), mentre le altre due trovano spazio nel Corpo 02 e sono dedicate alla casistica di Day surgery, ambulatoriale (oculistica, dermatologia, otorinolaringoiatria, endoscopia digerente e respiratoria, chirurgia generale, ortopedia etc..) e all’attività endoscopica digestiva e bronchiale”. In nessuna parte del testo fornito, dunque, è stato asserito che in tutte e quattro le sale operatorie di Mirandola vengono effettuati interventi chirurgici e ortopedici in regime ordinario (con il supporto anestesiologico). Ma così come sono importanti gli interventi chirurgici ordinari, altrettanto lo sono quelli in Day surgery o in regime ambulatoriale: l’attività chirurgica ambulatoriale necessita di competenze specialistiche di assoluto valore e garantisce una risposta preziosissima ai cittadini del territorio del Distretto di Mirandola. La maggior parte delle problematiche chirurgiche sono legate a patologie di piccola/media entità, capaci però di causare innumerevoli disagi all’utenza e, in alcuni casi, di causare invalidità o addirittura il decesso. Una parte della patologia di parete (ernie) possono essere eseguite ad esempio in regime ambulatoriale, così come si può dare risposta a numerose patologie ortopediche (dito a scatto, tunnel carpale, ecc..) che sono causa di dolore e disfunzioni fisiche che impattano negativamente sulla vita delle persone. In questi casi la soluzione al problema di salute è garantita proprio all’interno delle sale del Corpo 02, dedicate agli interventi ambulatoriali. Altre casistiche, tutt’altro che residuali, riguardano il trattamento della cataratta in ambito oculistico, la rimozione di nevi/lesioni anche cancerose a livello dermatologico che, se non curate, possono avere ripercussioni gravissime. Inutile poi sottolineare l’importanza dell’attività endoscopica sia digestiva che bronchiale, decisive per la diagnosi e il trattamento di patologie anche oncologiche, cui si è aggiunta di recente l’attività cistoscopica ad opera degli urologi.

 

3 – Quante sale operatorie sono aperte a Mirandola? Delle due sale operatorie dedicate agli interventi maggiori di chirurgia e ortopedia che prevedono il ricovero, solo una ha riaperto dopo il lockdown, ma solo per interventi di chirurgia elettiva cioè per interventi programmati e non per le urgenze. Quindi da marzo a Mirandola non si fanno più urgenze e qualunque intervento urgente per gli 86 mila abitanti della Bassa si fa altrove. L’8 agosto chiuderà anche la seconda e non si sa di preciso quando riaprirà.

 

Dopo il lockdown, pur riaprendo tutte e quattro le sale, solo una è stata dedicata all’attività chirurgica ordinaria, a causa anche della nota difficoltà a reperire in particolare il personale anestesista. Oltre alle misure intraprese per la ricerca di personale, sottolineate nella risposta alla prima domanda, l’Azienda USL ha messo in campo molteplici soluzioni organizzative che hanno dato i loro frutti: il supporto intraziendale all’Area Nord con invio di professionisti di Area Sud, il supporto interaziendale con l’utilizzo di anestesisti dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria e il reclutamento di specializzandi attraverso bandi specifici per l’emergenza Covid. Tutte queste azioni hanno garantito una continuità del servizio anestesiologico in Area Nord, consentendo non solo una risposta competente nella fase di maggiore pressione del Coronavirus, ma anche la ripresa di buona parte dell’attività chirurgica, anche nel Distretto di Mirandola. Diverso è il discorso delle urgenze, che per essere eseguite in sicurezza, devono prevedere spazi di ricovero tutelati anche nel rispetto delle indicazioni Ministeriali e Regionali per il contrasto della diffusione del coronavirus. Da marzo scorso l’Ospedale di Mirandola, insieme agli altri ospedali della rete provinciale, ha dovuto fare i conti con una pandemia, che ha portato – nel momento di picco emergenziale – ad accogliere contemporaneamente sino a 60 pazienti Covid positivi e sospetti. Uno sforzo importante che ha costretto la Direzione ospedaliera a recuperare aree da mettere a servizio dell’assistenza dedicata ai pazienti Covid, aree presenti tuttora. Di qui la necessità di trasferire temporaneamente le degenze della Cardiologia e gli interventi urgenti presso altre sedi: l’attuale organizzazione dell’Ospedale deve infatti prevedere aree filtro per l’isolamento dei pazienti in attesa di esito del tampone per garantire la sicurezza di tutti. Come già ribadito, è intenzione dell’Azienda ripristinare i percorsi di entrambe le urgenze nel più breve tempo possibile, così come il rientro della Cardiologia.

In riferimento alla pianificazione operatoria, per fugare ogni dubbio, ecco il dettaglio delle sale assicurato a partire dal 10 agosto:

  • dal 10 al 14 agosto: 1 sala disponibile per le urgenze ostetrico/ginecologiche (storica chiusura di tutte le altre sale)
  • dal 17 al 31 agosto: 1 sala attiva con n.3 sedute ordinarie e Day surgery, 1 sala dedicata alle urgenze, 1 sala dedicata all’endoscopia digestiva con 11 sedute, 1 sala dedicata all’attività ambulatoriale multispecialistica con 8 sedute)

 

4 – Cosa faranno chirurghi e anestesisti senza le due sale operatorie maggiori? Resteranno a occuparsi di unghie incarnite, di asportazione di nei e di poco altro?  Resteranno in attesa di un cesareo nella loro fortezza Bastiani? O saranno spostati su Carpi e Modena? E, nel caso, quando e se torneranno a Mirandola?

 

Per entrambe le équipe (chirurgica e anestesia), l’AUSL si sta impegnando in una politica di ripristino e potenziamento dell’organico che consenta di assicurare tutte le attività di competenza, comprese quelle ambulatoriali. Attività che sono stabilmente assicurate presso il Santa Maria Bianca e che saranno ulteriormente potenziate non appena si otterrà il necessario riequilibrio dell’organico. Con la ripresa dell’attività da settembre, non sussiste dunque pericolo che professionisti vengano trasferiti presso altri ospedali.

 

5 – Ausl e il Pd spiegano che nel mese di agosto la programmazione chirurgica è sempre stata tradizionalmente ridotta, sia per permettere la rotazione dell’organico per i congedi estivi, sia perché pochissimi pazienti accettano di essere operati in questo mese. Ma se così fosse, perché non viene fornita una data di riapertura? Perché questo mistero?

 

La ripresa degli interventi programmati di ortopedia, ginecologia e di chirurgia generale è stata fissata per la prima settimana di settembre. L’iter di programmazione chirurgico è un processo complesso che deve valutare molteplici variabili: la consistenza delle liste di ciascuna specialità, il volume di pazienti per cui stanno scadendo i termini di priorità, la programmazione di tutte le attività delle singole specialistiche ed il relativo piano di lavoro delle equipe, nonché la disponibilità del posto letto che deve essere assicurata al paziente. Proprio in questi giorni si sta lavorando alla messa a punto di questa programmazione, relativa al mese di settembre. Dunque, nessun mistero, ma semplicemente la solita routine che ogni anno si ripete nel periodo estivo e che, a differenza di quest’anno, non ha mai destato polemiche.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono stati immortalati in tutta la loro bellezza da Raffaele Gemmato mentre facevano sosta nella Bassa nel loro lungo volo verso Sud[...]
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    l giudizio complessivo della rivista britannica assegna all’ateneo emiliano una posizione di classifica compresa tra 401 e 500 a livello mondiale[...]
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Fondazione Modena Arti Visive ospita dal 12 settembre al 10 gennaio[...]
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Per Francesco, la conferma di un ottimo stato di forma a una settimana dalle ottime performance fatte registrare al Giro del Friuli[...]
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    Fondata da Alberto Bisi, propone sei titoli l'anno, una copertina scevra da inutili descrizioni e trame, un logo in negativo e temi tra i più disparati[...]