Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
10 Dicembre 2022

Circolo Naturalistico Novese sul taglio piante viale XXII aprile a Novi

NOVI DI MODENA – Da alcune settimane impazza uno scontro, che è diventato oramai ideologico, sulla necessità o meno di abbattere una serie di piante in un viale storico di Novi. A fronte di una situazione di oggettivo pericolo a causa di dissennate capitozzature e mancata adeguata manutenzione negli anni, le piante vengono considerate pericolose in base ad una norma del 2017 del Ministero dell’Ambiente che prevede, in questi casi, l’abbattimento (valutazione rischio 6 su una scala di 6). Tra una Amministrazione che sulla base dei parametri imposti dal Ministero propende per l’abbattimento ma lo comunica alla cittadinanza non nel migliore dei modi, un comitato di cittadini che si oppone all’abbattimento senza se e senza ma non entrando nel merito della problematica, si ritrova nel bel mezzo di questa disputa, suo malgrado, il Circolo Naturalistico Novese. Associazione che da sempre difende e promuove nelle scuole e in tutti i momenti della società civile la cultura ambientalista, che da oramai 40 anni lavora fattivamente per il rimboschimento delle nostre campagne, viene accusata sui social di partigianeria a favore dell’Amministrazione, di avere deciso, senza alcuna competenza amministrativa, l’intervento sulle piante. A fronte di tutto questo l’Associazione ha divulgato, dopo un confronto con l’Amministrazione ed un dibattito al proprio interno, un  comunicato per chiarire definitivamente la propria posizione in merito.

Ci prendiamo uno spazio per commentare la vicenda riguardante le alberature di viale XXII Aprile e  anche per farne un momento di informazione per tutti quelli che si stanno interessando a questo progetto. 

Il previsto intervento di viale XXII Aprile (ipotesi di espianto totale dei platani e sostituzione con altra  essenza, ipotesi attuale la Parrotia) è stato presentato al Circolo ed ai residenti in viale XXII aprile mercoledì  21 ottobre scorso, durante la serata, il tecnico incaricato dal Comune, conosciuto e stimato da tempo, progettista collaudato di parchi e interventi di verde urbano, ha spiegato che: 

1) i platani non possono essere efficacemente ridimensionati senza arrecargli ulteriori danni  irreparabili (possono essere recisi solo rami non superiori ai 9 cm di diametro in base al regolamento del  verde di Novi); 

2) eventuali eliminazioni puntuali delle sole piante straordinariamente pericolanti non permetterebbe  una progettazione corretta dell’intero viale lasciando “buchi” qua e là che potranno solo aumentare nel  tempo; 

3) la sostituzione con nuovi platani risulta non possibile perché ogni specie di pianta prende dal terreno  solo i nutrimenti desiderati: quindi il nuovo platano troverebbe un terreno inadatto a causa della presenza  decennale di altro platano. 

Intervenire sarà però necessario per questioni di sicurezza a causa di anni di incuria e a seguito di  vecchie capitozzature che hanno sostanzialmente condannato a morte i platani: ma come si può intervenire? 

Ne è seguito un lungo ed acceso confronto al nostro interno su un viale che ha maturato alberature  di dimensioni inconsuete per una zona residenziale densamente abitata. La scelta d’impianto iniziale fu  certamente inadeguata (alberi di eccessiva grandezza per il luogo in cui sono e troppo ravvicinati),  probabilmente dettata dalla poca conoscenza tecnica nell’epoca di posa; il risultato però è uno splendido  viale, unico nel suo genere, nel quale tutta la popolazione riconosce un simbolo di rara bellezza urbana: come  CNN, abbiamo scelto di chiedere un momento di riflessione all’Amministrazione comunale, senza sbraitare e  con l’umiltà ma scrupoloso interesse che ci contraddistinguono. 

Questo momento c’è stato, e ringraziamo l’Amministrazione per il tempo che ci ha dedicato, evidentemente grata dei toni pacati che abbiamo utilizzato, ed in un secondo incontro ci è stato spiegato che  la valutazione di rischio riguardante queste alberature avrà con tutta probabilità esito di massima gravità in  base alla procedura di “valutazione del rischio” emanata nel 2017 dal Ministero dell’Ambiente; questo esito  andrà dimostrato con prove scientifiche delle quali è già stato incaricato un gruppo di esperti: ci è stata data  ampia garanzia che nessun intervento verrà fatto senza che ci sia evidenza, e doverosa informazione  pubblica, di queste verifiche

Invitiamo l’Amministrazione a valutare, in ogni caso, un intervento che sia sempre e comunque  rivolto all’accrescimento del patrimonio arboreo cittadino. 

Ricordiamo a tutti che nessuno dovrebbe improvvisarsi allenatore di calcio durante un mondiale,  ingegnere dopo un terremoto o botanico per un intervento sul verde: come CNN siamo orgogliosi del lavoro  che abbiamo svolto al nostro interno con un confronto duro ma sincero che ha portato allo studio del  problema, all’ascolto, alla comprensione ed alla sempre maggior consapevolezza del nostro ruolo di controllo  e tutela del territorio. 

Il Circolo Naturalistico Novese da decenni interviene sui beni naturalistici del nostro comune,  cercando di ampliarli, valorizzarli e difenderli quando necessario: la nostra storia parla per noi. Chiamiamo a raccolta perciò tutte le persone che si sono affacciate a questo tema perché continuino,  su ogni tema legato all’ambiente (che si tratti di rifiuti, di energia pulita, di inutili infrastrutture autostradali o di botanica), a sensibilizzare la comunità per accrescere la coscienza ecologica che un giorno dovrà  appartenere a tutti.

LEGGI ANCHE:
Novi di Modena, il viale alberato “condannato” nelle foto di Matteo Buzzi

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIncidente stradale sulla Canaletto, un ferito a Bastiglia
    • WatchI Vigili del Fuoco di Modena festeggiano Santa Barbara
    • WatchGiornata internazionale della disabilità, parlano ragazze e ragazzi di Anffas Mirandola

    La buona notizia

    Il lascito di libri del collezionista Giovanni Selmi ora disponibile al pubblico
    Si dà così risalto anche al patrimonio artistico, alla storia e alle tradizioni locali dei paesi della provincia modenese a volte trascurati. [...]
    Giornata della disabilità, i ragazze e le ragazze di Anffas Mirandola si raccontano in un video
    La ricerca del benessere, la voglia di stare insieme, la socializzazione e l'inclusione sono sempre i principi ispiratori di qualsiasi esperienza ed attività proposta da Anffas[...]

    Curiosità

    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    I quattro team selezionati tramite bando sono Farafter, Monster chef, The first hand e Ryoko[...]
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un nuovo studio, guidato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Padova, ha rivelato la natura sorprendente di un fossile proveniente dal Giurassico bellunese[...]
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Il sistema sviluppato all'interno di COWBOT affiancherà gli agricoltori nelle operazioni quotidiane, alleviandone la fatica e migliorando la condizione generale degli animali allevati.[...]
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, in una carriera ormai ventennale ha dato alla luce brani entrati nelle playlist degli italiani come “Le cose che abbiamo in comune“, “Salirò”, “Cohiba” e “Il mio nemico”.[...]
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    • malaguti