Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

“Cispadana opera vecchia e superata”, il Coordinamento No autostrada scrive al premier Draghi

In seguito alla visita al distretto ceramico modenese da parte del presidente del Consiglio Mario Draghi, il Coordinamento cispadano No autostrada – Sì strada a scorrimento veloce ha scritto una lettera, indirizzata al premier, a proposito della realizzazione dell’autostrada Cispadana. Di seguito, il comunicato:

“Al presidente del Consiglio Mario Draghi, in visita al Distretto Ceramico di Sassuolo il 01/06/2021, ricordiamo che la Cispadana in forma autostradale, citata nell’incontro sia dal presidente Bonaccini che da Tomei della Provincia di Modena e Savorani di Confindustria ceramica, rimane un’opera vecchia come concezione, superata, dannosa per il territorio e l’ambiente, che non affronta e non risolve i problemi di traffico e dell’inquinamento atmosferico del territorio interessato anzi, da dati progettuali, li aggrava.

A bloccare l’apertura dei cantieri, annunciata negli anni e mai attuata, è l’incapacità di A.R.C. di predisporre un progetto definitivo (mancando di conseguenza quello esecutivo, la Conferenza dei Servizi, lo studio costi-benefici e quello economico finanziario) che risponda alle numerose obiezioni, oltre 200, della V.I.A. ministeriale ma soprattutto la presa d’atto che i flussi di traffico sono insufficienti per giustificare un’autostrada. È quello che inascoltati diciamo da anni.

A.R.C. ha chiesto ed ottenuto dalla Regione Emilia Romagna (concedente esclusivo) un ulteriore esborso di denaro pubblico (100 milioni extra contratto oltre ai già stanziati 279) con la motivazione della insostenibilità economica dell’opera (numeri di passaggi/pedaggi sensibilmente ridimensionati rispetto alle previsioni contenute nello Studio di fattibilità del 2005). Per avere i finanziamenti bancari al Project financing A.R.C. ha bisogno delle garanzie del proprio socio di maggioranza, cioè di Autobrennero S.p.A. che, senza il rinnovo della concessione dell’A22, non può darle.

Fermare la Cispadana autostradale e puntare al completamento della Cispadana a scorrimento veloce cat. C1, come i tratti già esistenti e come previsto dalla Regione nel progetto del 2004, sviluppare un sistema della mobilità più sostenibile riorganizzando la logistica puntando sul trasporto ferroviario che la stessa Regione si sta impegnando a realizzare e che a maggior ragione rendono superata e quindi inutile una nuova autostrada.

Il futuro del distretto biomedicale mirandolese, di quello metalmeccanico centese e dell’agro-alimentare richiedono nuove visioni e infrastrutture all’altezza delle nuove sfide e non opere che guardano al secolo scorso come la Cispadana autostradale. Se a tutto questo aggiungiamo l’importante valorizzazione che sta avendo il Porto di Ravenna con il collegamento ferroviario per e dal Brennero abbiamo un quadro esaustivo della inadeguatezza temporale, economica e ambientale di questa idea autostradale.

Il presidente della Regione Bonaccini, il presidente di Confindustria Ceramica Savorani e il presidente della Provincia Tomei non perdono occasione per chiedere al Governo di operare per rinnovare la concessione dell’A22 ad Autobrennero S.p.A. quando sappiamo che con le norme inserite nella legge di Bilancio dal precedente Governo, andando ben oltre le sue competenze, ora la responsabilità dello stallo è in capo ai soli azionisti pubblici di Autobrennero che non sanno, o non vogliono, liquidare i soci privati della stessa Autobrennero.

Come Coordinamento cispadano NO autostrada – SI strada a scorrimento veloce chiediamo da anni quella mobilità sostenibile ora supportata anche dal Piano di finanziamenti predisposto dalla U.E. per il rilancio economico dopo la pandemia. Non sappiamo come finirà la storia, ma troviamo incredibile che il vincitore di una gara pubblica possa chiedere altri soldi pubblici, già concessi dalla Regione, che è di fatto il cambiamento delle condizioni contrattuali con cui si è aggiudicato l’opera. Proprio per la sovrastima dei flussi di traffico (Studio di Fattibilità 2005), previsti nel Piano Economico Finanziario, diventa fondamentale il rinnovo ad Autobrennero Spa della concessione dell’A22, scaduta nel 2014. Non dovrebbe essere così perché A.R.C. S.p.A. e Autobrennero S.p.A. sono soggetti distinti e i cantieri della Cispadana autostradale dovrebbero già essere aperti da anni, come ripetutamente annunciato dalla regione, indipendentemente dal rinnovo o meno ad Autobrennero della concessione dell’Autostrada Modena-Brennero. Questo invece non è.

Per poter accedere ai necessari finanziamenti bancari, stante i pochi ricavi da traffico su cui potrà contare, A.R.C. S.p.A. ha bisogno delle garanzie del proprio socio di maggioranza, cioè di Autobrennero S.p.A., che senza rinnovo dell’affidamento non può darle. Per Autobrennero S.p.aA. il problema è doppio, perché i conti non tornano neanche per AutoCS S.p.A., altra sua partecipata, che ha vinto la gara per la realizzazione e la gestione della Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo.

Ma perché Autobrennero Spa dovrebbe investire in opere fallimentari e destinate ad avere bilanci in perdita come la Cispadana autostradale e la Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo? La risposta è semplice: Autobrennero vuole il rinnovo della decisamente più remunerativa A22. Nel nostro paese ha sempre funzionato così: concessioni a tempo determinato sono diventate praticamente eterne in cambio di opere aggiuntive non sempre utili al territorio interessato. Da qualche anno, però, ci si è messa di mezzo la legislazione europea che impone gare aperte per le concessioni scadute.

Per sfuggire alla gara europea e avere l’affidamento diretto Autobrennero deve trasformarsi in una S.p.A. interamente pubblica, liquidando i soci privati che, per uscire, pretendono un corrispettivo economico molto più elevato del valore delle azioni in loro possesso. Da qui lo stallo e le ripetute proroghe negli anni della concessione della Modena-Brennero per dare tempo ai soci pubblici e privati di trovare un accordo. L’ultima proroga scade il 31 luglio 2021 e il ministro Giovannini ha detto che sarà l’ultima. Noi lo speriamo.

Considerate queste difficoltà, è ancora possibile fermare la Cispadana autostradale e sviluppare un sistema della mobilità realmente sostenibile, puntando su una diversa logistica delle merci per decongestionare le strade del comprensorio biomedicale mirandolese e metalmeccanico centese, come del resto la Regione ha deciso di attuare nel tratto di Cispadana a scorrimento veloce cat. C1 da Reggiolo a Parma con il potenziamento della ferrovia esistente (come del resto è possibile fare da Reggiolo a Ferrara), per spostare più merci dalla gomma al ferro, per ridurre le emissioni di gas climalteranti, come chiedono l’Europa e i milioni di giovani scesi in piazza in difesa del clima e del loro futuro. “Produrre in modo sostenibile” come dichiarato da Bonaccini richiede coerentemente anche il “trasportare in modo sostenibile”!

Il futuro dell’economia nei nostri territori sta a cuore anche a noi ma richiede nuove visioni infrastrutturali all’altezza delle nuove sfide e non opere che guardano al secolo scorso come la Cispadana autostradale. Ci riflettano anche Bonaccini, Savorani e Tomei che, ossessionati dalla Cispadana autostradale, sembrano considerare la Cispadana e la Bretella come trofei da portare a casa, indipendentemente dalla loro utilità”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    20 centesimi al chilometro se si va al lavoro a piedi o in bici
    Stanziati 16mila euro di incentivi per chi va a lavorare in bici[...]
    Il centro dove si contrasta l’infertilità: la risposta d’eccellenza alla sterilità di coppia
    Il centro di procreazione medicalmente assistita di Carpi effettua ogni anno circa 120 inseminazioni, il punto di arrivo di un percorso che prevede inquadramento diagnostico e terapia.[...]
    Visite ai parenti: si riaprono gli ospedali
    Sempre seguendo minuziosamente alcune misure di prevenzione e mantenendo comunque alta l'attenzione[...]

    Curiosità

    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Nuova insidia online nelle chat di messaggistica: attenzione alla "truffa dell'eredità"
    Occorre prestare la massima attenzione, bloccare il mittente del messaggio ed eventualmente informare la Polizia postale[...]
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Finale Emilia, perché i nuovi parcheggi sembrano più stretti di prima?
    Le precisazioni in merito del sindaco Sandro Palazzi[...]
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati di qualità dell’aria e pollini allergenici sulla nuova App di Arpae
    I dati - anche su meteo e condizioni del mare - sono aggiornati ogni 3 ore (ogni 15 minuti per la pioggia), con previsioni fino a 48 ore.[...]
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Il calcio, gli amici e altre sciocchezze: esce "6 di recupero" di Gabriele Monari
    Giocatori improbabili, una squadra sgangherata e atmosfere della Bassa nel libro [...]
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    Gli alberi sono stati comprati con il ricavato della vendita dei sassi del vecchio ponte di Bomporto[...]
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    o sport che lungo la Via Emilia vanta una solida tradizione, come dimostrano i tanti campioni: dal bolognese Ennio Mattarelli, oro olimpico alle Olimpiadi di Tokio 1964, a Jessica Rossi, campionessa olimpionica a Londra 2012 e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi di Tokyo.[...]
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Domenica presso la sala della biblioteca comunale c'è l'assemblea annuale degli appassionati di questi corpi celesti[...]
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Comune aderisce all’iniziativa Avis per rendere omaggio ai donatori [...]