Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
19 Aprile 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Crisi di maggioranza. Una mano per Nonantola lancia l’allarme

NONANTOLA- È del 17 ottobre 2020 l'ultimo comunicato della lista “Una mano per Nonantola” nel quale la lista civica valutava le dimissioni dell'allora vicesindaco Gian Luca Taccini e dell'assessora Elena Piffero dalla Giunta comunale di Nonantola. "Con l’uscita di Elena e Gian Luca dalla Giunta si aprirà una fase nuova, diversa e non semplice. Dovremo operare per garantirci la possibilità di poter incidere con le nostre proposte nelle scelte dell’Amministrazione- scriveva la lista civica- “Una mano per Nonantola” continuerà, con una rinvigorita iniziativa politica sul territorio, rafforzando il rapporto di confronto e di dialogo con il PD, che non è mai venuto meno, seguitando a lavorare e collaborare sui progetti, e con l’attività del proprio gruppo consiliare, a portare il contributo migliore possibile a sviluppare le azioni più utili alla collettività". A un anno da queste parole "Una mano per Nonantola" ritiene che la crisi di Giunta apertasi con le dimissioni di Taccini e Piffero non si è ancora risolta, anzi, continua a protrarsi senza trovare soluzione. Ecco il comunicato integrale di "Una mano per Nonantola":
"Da oltre undici mesi la Giunta lavora a quattro assessori: non è stata ricomposta per intero, nel numero di cinque assessori previsto per legge, la squadra di Giunta.  Peraltro, non è stato “rimpiazzato” l’assessore a tempo pieno e questo ha certamente indebolito il lavoro, la capacità di intervento e di azione della Giunta, in particolare per fronteggiare con maggiore forza l’evento calamitoso alluvionale del 6 dicembre. Inoltre l’accumulo di tante deleghe in capo alla sindaca ha oggettivamente rallentato, e in alcuni casi congelato, tante azioni di Governo. Pur apprezzando l’impegno dei componenti della Giunta e i risultati raggiunti, le difficoltà del rapporto tra le forze politiche di “maggioranza” con la guida dell’esecutivo sono rimaste. Almeno questo è quello che abbiamo registrato in più occasioni, ma per essere più precisi affermiamo che sicuramente con "Una mano per Nonantola" è rimasto tale a quello che indicavamo nel comunicato del'ottobre 2020. Abbiamo sofferto molto, pur condividendola pienamente, la decisione di Elena e Gian Luca di uscire dalla Giunta. Confidavamo però che davvero si potesse aprire una fase nuova, certo diversa e non semplice scrivevamo, che ci consentisse però “di poter incidere con le nostre proposte nelle scelte dell’Amministrazione”. Questo auspicio non si è realizzato. Tutto è continuato come prima, permanendo le stesse difficoltà. Le poche attenzioni rivolte alla nostra attività sono state indirizzate a valutazioni critiche di merito e sulla opportunità dell’uscita di nostri documenti sulla viabilità d’emergenza e sulla scuola o su atteggiamenti o interventi dei nostri consiglieri ritenuti non confacenti alle “modalità con cui si sta in maggioranza”. Quali sarebbero le difficoltà incontrate? Diverse, le più evidenti le abbiamo indicate in più occasioni: tenere le riunioni preconsiliari di maggioranza a pochi giorni dalla convocazione del Consiglio comunale e quindi non avere il tempo e la possibilità di istruire e approfondire le questioni, dovendosi quindi capacitare delle comunicazioni della Giunta; conoscere gli ordini del giorno da discutere e su cui deliberare in Consiglio poche giorni prima della sua convocazione; non riuscire ad avere mai una informazione piena su dossier avviati in precedenti consiliature e sui quali interviene la corrente, con modifiche anche rilevanti, in particolare sul piano urbanistico, terreno sul quale abbiamo registrato le maggiori resistenze; la difficoltà a realizzare obiettivi già definiti ed approvati da ordini del giorno in Consiglio (è dal gennaio che sono stati approvati ordini del giorno sull’attivazione di una rete di associazioni di sostegno all’attività dei servizi sociali, il “Tavolo inclusione”, e su iniziative volte a fronteggiare l’incombente emergenza alloggi, ad oggi non attuati).  Crediamo che prevalga una interpretazione delle modalità con cui gestire il ruolo amministrativo, rifacendosi alle finalità e alle prerogative derivanti dalla legge sulla elezione diretta dei sindaci, che di fatto si traduce in una  accentuazione del ruolo del Sindaco e della giunta, che marginalizza, non solo quello dei partiti o delle liste elettorali, ma anche quello del Consiglio Comunale. Crediamo che le forze di maggioranza, in particolare, ma non solo loro, non debbano chiedere per sapere, ma debbano essere coinvolte prima delle decisioni che la Giunta si appresta a prendere: almeno sulle questioni di maggiore rilevanza. E questo sarebbe cosa buona a prescindere da chi sostiene la Giunta, anche se la maggioranza fosse di un solo partito.  Se non ci si muove coinvolgendo le forze che sostengono una Giunta ancor prima delle decisioni come si ritiene possano influire, possano incidere, esprimere il proprio punto di vista? Se la si pensa diversamente lo si dica, ma ad "Una mano per Nonantola" non potrebbe andare bene: svilirebbe la volontà, l’impegno, il desidero di dare una mano, manifestato con il lavoro prima e col voto dopo da tanti nonantolani, che hanno creduto di poter concorrere a migliorare e qualificare l’azione amministrativa nel nostro Comune. Una mano per Nonantola ritiene e dichiara che non possono permanere queste situazioni. Che bisogna assolutamente impostare un “cambio di rapporto”. All’incontro del 14 luglio 2021, con il Partito democratico, la sindaca e i rappresentanti della Giunta comunale, abbiamo proposto l’apertura della verifica di metà consiliatura: 
  • sia sul piano del rilancio programmatico, elencando una prima serie di questioni, grandi e piccole, che riteniamo meritino il giusto approfondimento e i necessari sviluppi:Modalità e tempistiche gestione rimborso danni da alluvione.
    • Road map del PUG, con particolare attenzione alla questione dei vincoli, della vulnerabilità idraulica dei territori, della mobilità.
    • Consolata e Pip Gazzate.
    • Tavolo Inclusione.
    • Progetti emergenza alloggi.
    • Servizi e presidi socio sanitari: avvio discussione su proposta “Casa della Comunità” a Nonantola.
    • Nuova RSA a Casette.
    • Rinnovo Consulta del Volontariato: proposte di aggiornamento e di rilancio degli obiettivi e delle funzioni.
    • Ridefinizione convenzioni con associazioni sportive: analisi e nuove proposte.
    • Mobilità sostenibile: progetto ciclabile Modena/Nonantola, collegamenti ciclabili con le frazioni, ciclabile Casette, questioni aperte sul TPL.
    • Questione rifiuti.
    • Piantumazione nuovi alberi: predisporre un piano di nuove piantumazioni e di informazione ai privati.
    • Parco della Pace.
    • Caserma dei Carabinieri.
    • Palazzo Comunale.
    • Interventi sui complessi scolastici e aggiornamenti, in particolare,su nido e materne, e su rapporti con la direzione didattica.
    • Luogo della memoria Villa Emma.
    • Stato della macchina comunale
  • sia sulle prospettive di una auspicabile maggiore convergenza delle forze progressiste al governo della nostra comunità.
Già nelle premesse di impegno politico della nostra lista, al momento della sua costituzione, nel documento che pubblicammo, precisavamo che gli obiettivi che volevamo perseguire erano tre:
  • Contribuire a garantire la riconferma di una amministrazione di centro sinistra al governo del nostro Comune.
  • Lavorare per creare le condizioni di una ricomposizione delle forze progressiste a Nonantola, utile a sviluppare ulteriormente il confronto e a rafforzare le capacità di azione e di governo.
  • Favorire un’azione convinta e determinata a recuperare la necessaria connessione tra i diversi soggetti che operano sul nostro territorio: istanze di rappresentanza, organizzazioni sindacali, associazioni, forze politiche, comitati; e far sì che escano dai propri ambiti, per riconoscersi, confrontarsi, dialogare.
E’ necessario ricostruire il quadro di insieme. E’ una esigenza maggiore di quanto possa apparire: se gli obiettivi da raggiungere, le questioni da affrontare, i problemi da risolvere sono condivisi è più facile darvi soluzione. Una rete che va rigenerata, sviluppata, resa efficace. Fronteggiare i problemi e i bisogni è l’essenza dell’azione politica. Di questi tre obiettivi uno solo è stato conseguito: aver vinto le elezioni amministrative del 2019 in coalizione con il Partito democratico. E su come si sono succedute le situazione abbiamo detto. Riguardo alle altre due esigenze non è stato fatto nessun passo avanti. Anzi permangono laceranti situazioni di incomunicabilità e di sfarinamento del tessuto sociale. La ricostruzione di un’area progressista a Nonantola resta un desiderio di alcuni e non viene perseguito con la necessaria iniziativa politica; situazione che rischia di protrarsi fino alla fino della consiliatura, pregiudicando l’obiettivo di una futura ricomposizione e del rilancio di una forte proposta di cambiamento. Sul piano sociale restano irrisolti, e non adeguatamente affrontati, gli obiettivi di riconnessione del tessuto comunitario e di sviluppo delle capacità di iniziativa e di risposta delle tante associazioni presenti e operanti a Nonantola. E qui sta il nodo principale che dobbiamo sciogliere: lavorare da subito a una ricomposizione del fronte progressista e favorire la necessaria riconnessione del tessuto sociale: superare le divisioni, le incomunicabilità, i troppi personalismi che avvelenano i rapporti e le relazioni, ricomporre un quadro di insieme, di collaborazione, di interazione dei tanti soggetti presenti sul nostro territorio. E questo sarà sicuramente facilitato se si riuscirà a determinare un quadro politico, forte e credibile, che possa agevolare e sospingere tutta la società in questa direzione. Crediamo che tutto questo si debba provare a farlo da subito. Invitiamo quindi le forze politiche del centrosinistra a incontrarsi e fare della seconda metà della consiliatura un laboratorio politico programmatico, capace di avviare una fase davvero nuova, basandosi proprio su un cambio di rapporto rispetto alle modalità di governo fin qui adottate. Proponiamo si giunga a ridefinire assieme il programma di fine legislatura e che sia presieduto e guidato da un organismo politico formato dalla attuale giunta, dai rappresentanti delle forze politiche di centro sinistra e dai loro capigruppo. Questa nuova modalità consentirà di rilanciare l’azione di Governo e di ridare slancio e credibilità al fronte progressista".
 
SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari
Superbonus - nuova comunicazione preventiva
Rubrica - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Linee guida per i Social | Ecco come creare post perfetti in pochi e semplici passaggi
Rubrica - Ed eccoci al terzo appuntamento con Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese. Oggi impareremo a destreggiarci tra post, reel e video.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli
Il punto - E' la rubrica che abbiamo deciso di avviare per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Gli italiani mangiano male
Glocal - In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all'obesità.
L’arte in Strada | San Prospero e il murale dedicato a Fraintesa
Rubrica - Rubrica a cura di Francesca Monari
Piccole e medie imprese, come ottenere i contributi per internazionalizzazione, transizione energetica e installazione di sistemi di sicurezza
Da sapere - I bandi riguardano attività in regola con il Durc e con il pagamento del diritto annuale alla CCIAA
Glocal
Nel 2050 un pensionato per ogni lavoratore
Glocal - Finanze pubbliche e welfare non saranno più sostenibili con il calo delle nascite
Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    I dati
    Ricostruzione, prorogati al 31 dicembre 2025 i termini per l'esecuzione dei lavori finanziati
    Nuova ordinanza del Commissario e presidente della Regione. Modificate le scadenze di tutti i procedimenti in corso gestiti con la piattaforma informatica Mude
    Il caso
    Finale Emilia, ha riaperto a Canaletto il circolo musicale Lato B
    Dopo tempi di incertezze torna la musica nella ex scuola elementare
    Ultime notizie
    Da Medolla Eurosets dona ossigenatori per le operazioni ai bambini in Camerun
    L'azienda sostiene il progetto “Cuori ribelli” della Onlus “Una voce per Padre Pio”

    Curiosità

    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    La storia
    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    L'errore fatale costerà all'uomo, un pensionato, 104 euro di multa più accertamento della Agenzia delle entrate
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Il riconoscimento
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Nell’occasione il campo da calcio verrà intitolato al limidese Bruno Ghelfi
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    I dati
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    Nelle scuole primarie del territorio un progetto educativo per spiegare ai bambini il valore che ha il cibo e ridurne lo spreco.
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Ultime notizie
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Il prestigioso titolo corona una carriera che l'ha vista partecipare e vincere numerose competizioni italiane ed internazionali
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    Il riconoscimento
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    E' stato un bel pomeriggio -  sala stra piena, pubblico attento e tanti applausi - quello che la neonata associazione I talenti di Minerva ha organizzato a San Prospero presso la biblioteca.
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Ultime notizie
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Sette grandi film. Tre giorni. Un fiume di eventi. Roberto Gatti &Co rendono omaggio a sette capolavori del cinema italiano
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Per i più piccoli
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Inoltre si inaugurerà la sede del “Consiglio dei ragazzi”
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Curiosità
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Le cifre più alte sono riservate alla cura dei capelli e del viso.
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    La storia
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    Il mirandolese era con gli speleologi della Società adriatica che hanno fatto la sensazionale scoperta scientifica: "Siamo stati dove nessuno mai"
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    Il caso
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    E' tra gli ultimi atti della giunta di Alberto Greco, che a giugno lascerà la carica di sindaco di Mirandola. “Un modo concreto per ricordare una grande persona”

    chiudi